Basset fauve de Bretagne

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
(Reindirizzamento da Basset Fauve de Bretagne)
Jump to navigation Jump to search
Basset fauve de Bretagne
Basset Fauve de Bretagne 600.jpg
Classificazione FCI - n. 36
Gruppo 6 Segugi e cani per pista di sangue
Sezione 1 Cani da seguita
Sottosezione 1.3 Di taglia piccola
Standard n. 36 del 05/05/2003 (en )
Tipo bassottoide
Origine Francia
Altezza al garrese 32-38 cm;
Peso ideale 15-20 kg
Razze canine

Il basset fauve de Bretagne è un piccolo segugio coraggioso, affidabile e veloce per la sua taglia. È dotato di una notevole energia ed è adatto per la caccia in zone impervie con vegetazione a macchia. Viene impiegato per la caccia a conigli, lepri, volpi, caprioli e cinghiali.

Origini[modifica | modifica wikitesto]

Questa razza deriva dal Griffon Fauve de Bretagne. Molto popolare durante il XIX sec. nella sua regione d'origine, ha conquistato fama nazionale a partire dagli anni '70 del '900. Le sue eccezionali doti di cacciatore gli hanno fatto vincere molti premi in Francia nelle prove su conigli.

Caratteristiche fisiche[modifica | modifica wikitesto]

La testa è leggermente convessa, con muso affilato e canna nasale diritta o lievemente montonina; il tartufo è nero o marrone scuro, con narici ben aperte. Le orecchie sono di lunghezza media, attaccate al livello degli occhi; gli occhi sono piccoli e scuri, dall'espressione vivace.

Il pelo è molto duro, secco al tatto, abbastanza corto; il mantello è di color fulvo o grano-dorato, a volte con una macchia bianca sul petto.

Il dorso è ampio e corto per un bassottoide. La coda, portata a sciabola, è di media lunghezza, spessa alla radice, affusolata all'estremità.

Carattere[modifica | modifica wikitesto]

Ha un temperamento vivace, dolce, socievole, che lo rende adatto anche come cane di compagnia. A caccia si dimostra coraggioso, scaltro, tenace.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • "Cani. Conoscere, riconoscere e allevare tutte le razze canine più note del mondo", a cura di Rino Falappi, De Agostini, 2003. ISBN 88-418-0997-3

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Cani Portale Cani: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cani