Basmala

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Nell'Islam, bi ismi ilahi indica la formula araba Bi-ismi 'llāhi al-Rahmāni al-Rahīm (in arabo: بِسْمِ ٱللَّٰهِ ٱلرَّحْمَٰنِ ٱلرَّحِيمِ‎ «In nome di Dio il Clemente il Misericordioso») con cui si aprono tutte le sure del Corano, salvo la sura IX: (la sura al-Thawba, "del ritorno penitente a Dio" o "del perdono").

Una basmala in grafia cufica

Sulla basmala e i nomi di Allah[modifica | modifica wikitesto]

Con l'eccezione della prima sura (la Sura Fātiḥa, cioè «L'Aprente»), nelle altre sure del Corano la basmala non è considerata né contata come vero e proprio versetto [āya, pl. āyyāt].

Quando la basmala è pronunciata prima di un discorso in pubblico, questa ha il preciso scopo di indicare all'uditorio che chi parla è musulmano devoto e praticante.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàLCCN (ENsh85012131 · GND (DE4489164-7
  Portale Islam: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Islam