Basilica di Sant'Andrea Apostolo (Patrasso)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Sant'Andrea Apostolo
Hagios Andreas Seitenansicht.jpg
Esterno
StatoGrecia Grecia
PeriferiaGrecia occidentale
LocalitàPatrasso
Religionecristiana greco-ortodossa
TitolareAndrea apostolo
DiocesiMetropolia di Patrasso
ArchitettoAnastasios Metaxas
Stile architettoniconeobizantino
Inizio costruzione1908
Completamento1974

Coordinate: 38°14′33″N 21°43′41″E / 38.2425°N 21.728056°E38.2425; 21.728056

Panorama di Patrasso dalla Fortezza con la cupola della basilica

La basilica di Sant'Andrea Apostolo è una delle chiese più importanti della Grecia e sorge nella città di Patrasso.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

La basilica, costruita per accogliere le reliquie di sant'Andrea, fu iniziata nel 1908 ed ultimata nel 1974.

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

La grande chiesa, in un inusuale stile moderno-neobizantino, si trova al centro di una grande piazza alberata che comunica direttamente con il trafficato lungomare attraverso un grande viale.

Esterno[modifica | modifica wikitesto]

La chiesa, all'esterno, si presenta come un edificio compatto e massiccio. Ai lati delle tre facciate e dell'abside si elevano due torri campanarie a pianta quadrata aventi delle celle campanarie a pianta ottagonale. Le tre facciate sono precedute ognuna da un portico sorretto da colonne corinzie avente un'arcata per ogni porta della chiesa. La parte superiore delle facciate è costituita da tante monofore traforate disposte a triangolo. L'alta cupola a pianta circolare è sormontata da una grande croce in marmo.

Interno[modifica | modifica wikitesto]

All'interno, a differenza dell'esterno, la basilica si presenta come un ampio edificio dagli spazi dilatati. Il centro della grande chiesa è lo spazio sotto la cupola, ove partono i quattro bracci della chiesa che vanno a formare la croce greca. Lo spazio, illuminato dalle grandi finestre delle facciate e del tamburo della cupola, è dominato dalla policromia del pavimento in marmi intarsiati e dei mosaici delle volte, raffiguranti scene della vita di Gesù e Maria.

Dalla cupola, nel centro della quale si trova il mosaico del Cristo Pantocratore, pende il grande lampadario in legno recante immagini di santi e l'aquila bifronte coronata, simbolo del Patriarcato di Atene.

Abside[modifica | modifica wikitesto]

L'abside semicircolare, dominata dal mosaico della Madonna del catino, è divisa dal resto della chiesa dall'iconostasi marmorea decorata con icone con Santi (registro inferiore) e con scene della vita di Cristo (registro superiore). In posizione più avanzata rispetto all'iconostasi si trovano il pulpito (a sinistra) e la cattedra che viene utilizzata dall'officiante durante le funzioni religiose (a destra).

Sacello di Sant'Andrea[modifica | modifica wikitesto]

Il reliquiario di sant'Andrea

Uno dei quattro sacelli che collegano i vari bracci della crociera fra di loro (precisamente quello a destra dell'abside) accoglie le reliquie di sant'Andrea apostolo. In esso si trovano sia il legno della croce con cui fu martirizzato che, sotto un sontuoso baldacchino marmoreo, il reliquiario argenteo della testa del Santo.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]