Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui

Basil al-Assad

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Bāsil al-Asad
Basil assad.JPG
23 marzo 1962 – 21 gennaio 1994 (31 anni)
Nato a Damasco
Morto a Damasco
Cause della morte incidente stradale
Luogo di sepoltura Qardaha
Etnia araba
Religione alawita
Dati militari
Paese servito Siria Siria
Forza armata Forze armate siriane
Arma Esercito arabo siriano
Unità 2º reggimento forze speciali
14ª divisione aviotrasportata
Guardia repubblicana siriana
Anni di servizio 1983-1994
Grado Tenente colonnello
Comandante di 42º reggimento forze speciali
12º battaglione corazzato
Guardia repubblicana siriana
Decorazioni Eroe della Repubblica
Ordine di Saladino
"fonti nel corpo del testo"
voci di militari presenti su Wikipedia

Basil al-Asad (in arabo: باسل الأسد‎, Bāsil al-Asad ; Damasco, 23 marzo 1962Damasco, 21 gennaio 1994) è stato un politico e militare siriano, figlio di Hafiz al-Assad di cui sembrava destinato a prendere il posto prima della morte.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Fin dai primi anni di vita sembrava destinato a succedere al padre il quale sembrava preferirlo al fratello Bashar al-Asad, attuale presidente siriano. Bāsil fu incaricato di organizzare la campagna anti-corruzione sotto il regime del padre ed in tali manifesti appariva in divisa militare.

Morte[modifica | modifica wikitesto]

Basil al-Asad morì in un incidente stradale il 21 gennaio 1994 all'età di 31 anni. Secondo la versione ufficiale del governo avrebbe urtato una rotatoria a bordo della sua autovettura. Bāsil al-Asad è sepolto, come il padre Hafiz al-Asad, in un mausoleo a Qardaha, villaggio natale della famiglia. Il popolo siriano si riferisce a Bāsil come Bāsil il Martire. Dopo la sua morte, in tutta la Siria, molte strade sono state intitolate a lui, per compiacere il volere del fratello.

La sua morte ha determinato una svolta nella successione al padre. Quando quest'ultimo, il 10 giugno 2000, morì per un arresto cardiaco durante una telefonata con il presidente libanese Émile Lahoud, fu il fratello Bashar al-Asad a divenire presidente della Siria.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: (EN33680463