Bashir Shalash

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Bashir Shalash (‘Arrabah al-Batuf, 8 maggio 1978) è un poeta, scrittore e giornalista palestinese. Ha studiato Letteratura araba e Filosofia presso l'Università Ebraica di Gerusalemme. Ha completato gli studi in Germania, a Berlino e poi a Francoforte[1]. Collabora con il quotidiano del Partito comunista, “al-Ittihad”. È soprattutto un poeta. Ha pubblicato quattro raccolte di poesie[2], la prima nel 1997, Ospiti eterni del fuoco, la seconda nel 2001, Cieli bassi, la terza nel 2003, La messe della tempesta e la quarta, Anche se le sculture fossero cieche all'inizio del 2007. Ha partecipato, tra l'altro, alla Fiera internazionale del libro del Cairo nel febbraio 2007.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Basheer Shalash, Centre International de Poésie, 4 settembre 2012. URL consultato il 4 settembre 2012.
  2. ^ Raya Publishing: Palestine's Window to the Arab World, Al-Akhbar English, 29 agosto 2012. URL consultato il 4 settembre 2012.
Controllo di autorità VIAF: (EN56359298