Barry Town Football Club

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Barry Town Football Club
Calcio Football pictogram.svg
The Dragons
Segni distintivi
Uniformi di gara
Manica sinistra
Maglietta
Manica destra
Pantaloncini
Calzettoni
Casa
Manica sinistra
Maglietta
Manica destra
Pantaloncini
Calzettoni
Trasferta
Colori sociali Giallo e Blu.png Giallo e Blu
Dati societari
Città Barry
Nazione Galles Galles
Confederazione UEFA
Federazione Flag of Wales.svg FAW
Fondazione 1912
Presidente Galles Stuart Lovering
Allenatore Galles Gavin Chesterfield
Stadio Jenner Park
(3.500 posti)
Sito web www.barrytownfc.com
Palmarès
Titoli nazionali 7 Welsh Premier League
Trofei nazionali 6 Welsh Cup
Si invita a seguire il modello di voce

Il Barry Town Football Club è una società calcistica gallese con sede nella città di Barry. Fondata nel 1912, disputa le partite casalinghe nello stadio Jenner Park di Barry. Detiene il record di punti a livello europeo (105), stabilito nella stagione 1996/97.[1]

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Gli inizi[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1882 viene fondato il Barry and Cadoxton District. Durante i primi anni, il club cambia cinque volte lo stadio e svariati nomi, tra cui Barry Unionist Athletic, Barry United Athletic e Barry District. Nel novembre 1912 viene ufficialmente chiamato Barry AFC (il suffisso Town viene adottato nel 1931). Si assicura il terreno di gioco e si iscrive alla Southern League. Il 6 settembre 1913 il Barry gioca la sua prima partita nella Southern League contro il Mid-Rhondda United al Jenner Park. Attirando ben 4000 tifosi di cui 1000 ospiti. Il Barry a sorpresa regala una vittoria 2-1, con il giocatore del Barry Ralph Isherwood, che ha siglato il primo goal al Jenner Park, dopo solo tre minuti. Nella stagione 1920-21 il Barry vince la Southern League. La squadra ha giocato oltre 100 match in tutte le competizioni in quella stagione, giocando sia in Galles che nella Wester League in simultanea. Diede molto risalto alla Southern League, sperando di poter poi entrare nella nuova English Third Division. A maggio fece la domanda, ma la domanda fu rifiutata, al suo posto vennero eletti Charlton Athletic e Aberdare Athletic. Il club rimase nella Southern League per altri 60 anni, la più alta posizione fu un quarto posto nel 1930. Durante questi anni, partecipò molte volte alla FA Cup.

Dagli anni sessanta agli anni ottanta[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1961-62 pescò al primo turno il Queens Park Rangers; al Jenner Park finì con un clamoroso 1-1, prima di essere sconfitti nel replay londinese. Nella stagione 1984-85 arrivò ancora al primo turno, stavolta venne eliminato dal Reading, al Jenner Park per 2-1. Nel 1955 la squadra conquistò la Welsh Cup, battendo il Chester in finale. Tra le sue fila ha avuto circa cinquanta giocatori di livello internazionale, tra i quali lo svedese Bengt Berndtsson ed il finlandese Hannu Kankkonen. Agli inizi degli anni cinquanta molti giocatori del Barry fanno carriera nella Football League, tra cui il giovane di Barry Derek Tapscott che nel 1953 ha firmato per Arsenal, mentre Charlie Dyke andò al Chelsea.

Anni novanta[modifica | modifica wikitesto]

Il 1992 fu un anno molto importante per il Barry, che dovette decidere se entrare o no nella nuova Welsh Premier. Nella primavera del 1993 il presidente O'Halloran decise di entrare nella Welsh Pyramid. Il loro ritorno in Galles fu l'inizio di un periodo di grandi successi. La loro prima stagione in Galles (1993-94) coincise con l'immediata conquista della Welsh League, venendo promosso nella Welsh Premier League, vincendo ben quattro trofei: Welsh League, Welsh League Cup, FAW Trophy e Welsh Cup, la prima dal 1955. Quest'ultimo trofeo fu dal gusto particolare, perché in finale sconfisse il Cardiff City davanti a circa 16 000 spettatori. Entrò per la prima volta in Europa, nella Coppa delle Coppe, dove se la vide con lo FK Žalgiris Vilnius, venendo eliminato con un 7-0 complessivo. Dopo una solo stagione di Welsh League, il Barry divenne il primo club della lega professionista, vincendo nel 1995-96 il primo campionato. Nella successiva stagione, furono la prima squadra gallese a superare un turno di coppa europea, eliminando i lettoni del Dinaburg FC; nel turno successivo pescarono gli ungheresi del Budapest Vasutas. Nonostante la sconfitta 4-2 a Budapest, il Barry riuscì a rimontare ed a passare il turno ai calci di rigore. La sfida successiva contro l'Aberdeen fu chiamata A Battle of Britain: sconfitto 3-1 all'andata in Scozia, in Galles riuscì a pareggiare 3-3 uscendo dalla coppa a testa alta. Sulla scena nazionale, il Barry Town, vinceva tutto quello che c'era da vincere, regalandosi il primo treble, mettendo in bacheca la Welsh Premier, Welsh League Cup e Welsh Cup. Il campionato fu conquistato con il record di 105 punti e una differenza reti di +100. Nel marzo 1997 i Dragons erano arrivati a 51 partite consecutive senza perdere. Nel 1999 i Dragons furono il primo club di League Welsh a vincere la FAW Premier Cup, battendo 2-1 in finale il Wrexham. Perso il titolo nel 2000, conquistato dai sorprendenti Total Network Solutions, ritornò a vincere la stagione seguente. In Europa hanno giocato contro Boavista e Dinamo Kiev.

Nuovo millennio[modifica | modifica wikitesto]

Nel 2000-01 il Barry Town fu la prima squadra gallese a superare il primo turno della Champions League, eliminando gli azeri del FC Shamkir. Al secondo turno fu la volta del Porto. Nell'andata in Portogallo il Barry subì una pesante sconfitta: 8-0 davanti a 55 000 spettatori. Al ritorno a Jenner Park arrivò una clamorosa vittoria per 3-1. Nonostante i successi in patria e all'estero, il Barry non attirava un grosso pubblico, non andava oltre le 500 unità, con salari professionisti da pagare, il Barry fu costretto a fari grossi tagli. Dopo la partenza del presidente O'Halloran, per cercare una soluzione ai problemi, viene nominato Kevin Green come amministratore delegato. Green nel 2002 nomina nuovo presidente John Fashanu. Molti videro in lui l'uomo che avrebbe riportato al successo il Barry Town.

Fashanu fece molte promesse, come contratti televisivi con canali cinesi e nigeriani, soprattutto molti giovani dalla Nigeria. Fece notizia, ma per il club fece ben poco, ormai la nave Barry stava andando a picco. Grazie ad un programma televisivo andato in onda su ITV, Fashanu ritrovò la sua popolarità e decise di lasciare il Barry.

Declino[modifica | modifica wikitesto]

Nell'estate 2003 il club entra in amministrazione controllata, a causa di un debito di circa un milione di sterline. Il 25 agosto 2003 l'allenatore e i giocatori lasciarono il campo di allenamento: l'ultimo stipendio era stato pagato nel giugno precedente. Venne nominato un nuovo manager, e fu fatta una rosa in fretta e furia con giocatori amatori, pescati nella South Wales Amateur League. Nel giro di un mese il Barry è passato dal vincere in Europa a perdere 8-0 contro il Caernarfon Town. Il Barry ha pagato moltissimo il passaggio al professionismo, i tifosi iniziarono a raccogliere fondi per salvare il club. Un imprenditore locale, Stuart Lovering, pagò 125 000 sterline per risanare i debiti ed il 10 dicembre 2003 divenne nuovo presidente del club.

Fu una stagione difficile, la prima vittoria arrivò solo nel febbraio 2004, quando il Barry si impose 5-4 sul Welshpool Town. L'esperienza del manager Colin Addison non è riuscita a risollevare il Barry, che chiuse all'ultimo posto a 4 punti dalla salvezza, con una brutta retrocessione in Welsh League Division One. Addison lasciò il club, viene nominato il suo assistente Hughes nuovo manager. Nel frattempo si fece avanti un creditore, che il club doveva pagare £42,000 per affitto e tariffe, ovviamente il club non disponeva di tale cifra e gioco dal gennaio 2005 al maggio 2006 al Treforest FC ground vicino a Pontypridd. Una seconda retrocessione in tre anni, ha visto il Barry retrocedere al terzo livello della Pyramid Gallese. Ci fu un ritorno al Jenner Park con le giovanili, i tifosi seguivano poco la squadra, un po' causa il trasferimento e l'altro con dei contrasti con il Presidente Lovering, che aveva proibito qualsiasi raccolta di fondi. Intanto la prima squadra, sotto la guida di Gavin Chesterfield, ha conquistato nel 2008 la promozione nella Welsh League Division One, con molta speranza nell'ambiente per la stagione successiva. Il Barry fece una stagione esaltante, con ben 21 partite da imbattuto, chiuse la stagione al terzo posto, riportando entusiasmo tra i tifosi. La fallita vendita del Barry Town, ha portato le dimissione di Chesterfield, che si è seduto sulla panchina del Haverfordwest County. C'era sempre speranza che questo gigante del calcio gallese, si sarebbe risvegliato. Tuttavia un decennio di turbolenza, ha lasciato il Barry con la richiesta di nuovi investimenti per continuare a vivere. Nell'autunno 2008, il proprietario Lovering, mette in vendita il club cercando un nuovo investitore, altrimenti sarebbe finito in Amministrazione Controllata. Nel mese di novembre una riunione, i tifosi si sono fatti avanti per controllare la squadra, mentre Lovering avrebbe continuato a cercare nuovi acquirenti. Ad inizio 2010, il club era sul punto di essere venduto, ma all'ultimo momento la trattativa fallì. Se fosse andata a buon fine, si stava parlando dell'ex stella della nazionale gallese, John Hartson come Manager. Nel maggio 2011, Lovering rimette nuovamente in vendita la società. Nel frattempo il Barry Town Supporters Committee, prese in gestione la squadra di calcetto. Nell'autunno 2011, il Barry fece una pazzesca cavalcata in Welsh Cup. Eliminando il Merthyr Town in trasferta, Haverfordwest County ai supplementari, prima che i Dragons si arresero 3-2 per mano del Newport County team di Conference National. Il 2012 è stato anche dei 100 anni del club, furono fatte varie iniziative. Ad agosto venne a giocare a Barry il Cardiff City, davanti a 2000 spettatori. Ad ottobre arrivarono le minacce di Lovering che voleva ritirare la squadra dalla Welsh League. Nel marzo 2013, ci fu un altro fantastico cammino in Welsh Cup, dopo aver eliminato Caerleon, Penrhyncoch, Ely Rangers e Pontardawe Tow, i Dragons si impongono 2-0 sul Flint Town United, per la prima volta dopo un decennio arrivano in semifinale di Welsh Cup, persero 1-2 contro il Prestatyn Town. Mai prima di allora, una squadra amatoriale era arrivata in semifinale di Welsh Cup.

Rilancio[modifica | modifica wikitesto]

Il 7 maggio 2013 Lovering decide di non iscrivere più il club al campionato nella Welsh League, una decisione presa contro i tifosi, che erano pronti a prendere in mano la squadra negli ultimi due incontri. Dopo vari incontri il Supporter Club, decise di voler vedere il proprio club anche la prossima stagione col nome Barry Town United. Continuarono anche vari incontri con la FAW. I tifosi organizzarono un incontro pubblico per capire in quale livello della piramide gallese poteva entrare.

Intanto la squadra si radunava senza un'idea chiara sul futuro. Il 27 luglio arrivò a Barry il Cardiff City, davanti a 1650 spettatori. Vinsero gli ospiti 3-2.

Il 9 agosto il tribunale di Cardiff diede ragione al Barry Town United e la FAW fu costretta a concedergli la licenza.

Palmarès[modifica | modifica wikitesto]

1995/96, 1996/97, 1997/98, 1998/99, 2000/01, 2001/02, 2002/03
1954/55, 1993/94, 1996/97, 2000/01, 2001/02, 2002/03
1996/97, 1997/98, 1998/99, 1999/00

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Il Club dei 100, in Union des Associations Européennes de Football, 19 maggio 2014. URL consultato il 21 maggio 2014.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

calcio Portale Calcio: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di calcio