Barry Shabaka Henley

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Barry Shabaka Henley, (pseudonimo di Barry Joseph Henley) (New Orleans, 15 settembre 1954), è un attore statunitense.

Conosciuto per le sue numerose partecipazioni a film e serie televisive, ha collaborato a tre film del regista Michael Mann.

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

La carriera dell'attore inizia nel 1988, anno in cui recita nel film Nincompoop. Dopo aver recitato in film e serie televisive in ruoli minori, nel 1999 ottiene la parte di Pokerface nel film Life, in cui recita accanto a Eddie Murphy e Martin Lawrence. Nel 2001 recita nel film Alì nel ruolo di Jabir Herbert Muhammad, figlio di Elijah Muhammad.

Tra il 2002 ed il 2003 entra nel cast principale della serie televisiva di breve durata Robbery Homicide Division. Nel 2004 prende parte a due importanti film: The Terminal di Steven Spielberg e Collateral. Nel primo recita nel ruolo dell'agente Thurman accanto ad attori del calibro di Tom Hanks e Stanley Tucci, mentre nel secondo è Daniel, un musicista jazz con la cui interpretazione attrae buone critiche. Nel 2005 prende parte a Four Brothers - Quattro fratelli, film diretto da John Singleton.

Nel 2007 partecipa per la terza volta ad un film di Michael Mann, Miami Vice, pellicola ispirata all'omonima serie televisiva. Nel film recita nel ruolo del tenente Martin Castillo, che nel telefilm era interpretato dall'attore Edward James Olmos. Nel 2007 partecipa a quattro episodi della seconda serie di Heroes, nel ruolo del detective Bryan Fuller. Successivamente recita nel ruolo ricorrente dell'gente Shelly Vreede nella serie televisiva della ABC FlashForward.

Barry Shabaka Henley è anche un attore di teatro. Grazie alle sue interpretazioni teatrali ha ottenuto numerosi premi tra cui Drama Desk Award, Obie Award e Laurence Olivier Awards. È un membro del West Coast Black Repertory Theatre e della San Francisco Mime Troupe.

Filmografia[modifica | modifica wikitesto]

Cinema[modifica | modifica wikitesto]

Televisione[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN78515980 · ISNI (EN0000 0000 4507 6130 · LCCN (ENno2005075836