Bardahl Manufacturing Corporation

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
(Reindirizzamento da Bardahl)
Bardahl Manufacturing Corporation
StatoStati Uniti Stati Uniti
Fondazione1939 a Seattle
Fondata daOle Bardahl
Sede principaleSeattle
Persone chiave
  • Evelyn Bardahl McNeil, Presidente del CdA
  • Hugh McNeil, Presidente e CEO
  • Eric Bardahl Nicolaysen, Capo Ufficio delle Operazioni
SettoreChimico
ProdottiAdditivi per motori, lubrificanti
Sito web

Bardahl è un'azienda statunitense operativa nel settore degli additivi chimici per motori e dei lubrificanti, fondata da Ole Bardahl nel 1939 a Seattle[1].

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Il primo prodotto messo sul mercato dalla Bardahl nel 1939 fu la Formula Polar Plus[2], un additivo al sistema di lubrificazione con lo scopo di ridurre l'attrito tra due metalli, al fine di migliorare il funzionamento dei motori anche in assenza di lubrificante. Tale prodotto venne posto sotto segreto militare dal governo degli Stati Uniti, poiché venne impiegato nei caccia, i quali, se colpiti da una raffica di proiettili alla coppa dell'olio, avrebbero comunque avuto la possibilità di effettuare l'atterraggio di emergenza. Nonostante una collaborazione di questo calibro, nei primi anni di vita Bardahl non guadagnò molto: nel primo anno i guadagni ammontarono a 188 $[3].

Finita la seconda guerra mondiale, il segreto militare fu rimosso dai prodotti Bardahl ed è da qui che ha inizio l'era d'oro della ditta: il prodotto fu introdotto all'interno di competizioni di interesse internazionale come Formula 1, Indycar, Unlimited Hydroplanes, World Rally Championship, Indianapolis 500 e Parigi-Dakar. A dimostrazione di questa ascesa, nel 1947, il fatturato dell'azienda si aggirò sui 200.000 $, e soli 5 anni dopo, nel 1952, Bardahl si classificò come la terza azienda mondiale nel proprio settore. Negli anni seguenti, riuscì a diventare la marca di additivi e lubrificanti principale in America, grazie anche a degli spot televisivi che vinsero il premio per l'originalità e persino quello di miglior spot in campo commerciale, secondo la rivista Billboard nel 1953[4].

Nel 1957 vi fu la creazione di Miss Bardahl, un idroplano da competizione con numero U-4 (dal 1958 sostituito con U-40), che secondo Ole sarebbe stata un'ottima occasione per pubblicizzare la sua azienda[5]. Miss Bardahl fu protagonista di 27 vittorie, con 5 Gold Cup e 6 campionati nazionali; nel 1965 fu il primo idroplano a toccare le 116 miglia orarie (186 km/h), prima del ritiro nel 1969.

L'azienda rimane a conduzione familiare poiché alla scomparsa del fondatore nel 1989, Bardahl passò in mano alla figlia Evelyn Bardahl McNeill [6].

Distribuzione italiana[modifica | modifica wikitesto]

Dal 1973, la distribuzione italiana della Bardahl passò in mano alla Maroil s.r.l., azienda che si occupa anche della produzione su suolo italiano, con sede a Ponte alla Ciliegia, in provincia di Lucca, con un impianto che già nel 2009 ha prodotto oltre 4 milioni di litri e 16 milioni di confezioni. Inoltre, Bardahl divenne partner di Ferrovie dello Stato nel 2003 e stipulò un contratto tecnico-commerciale con Honda Auto Italia nel 2005. [7]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) The History of Bardahl (PDF), su bardahl.com, aprile 2016. URL consultato il 12 settembre 2017.
  2. ^ Il futuro di un grande passato, su bardahl.it. URL consultato il 12 settembre 2017.
  3. ^ (EN) Ole Bardahl, su elvibardahl.com. URL consultato il 12 settembre 2017.
  4. ^ (EN) Sarra, Aleksandar and Bardahl Tops an adds, Billboard, 30 gennaio 1954. URL consultato il 12 settembre 2017.
  5. ^ (EN) Ole Bardahl to Motorsports Hall of Fame, su h1unlimited.com, 25 gennaio 2014. URL consultato il 12 settembre 2017.
  6. ^ (EN) Inga Bardahl, helped shape Ballard business, su community.seattletimes.nwsource.com, 27 maggio 2001.
  7. ^ Bardahl, su elaborare.com, 8 maggio 2009.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]