Barchino esplosivo

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Barchino esplosivo
Sprengboot M.T..jpg
Descrizione generale
Flag of Italy (1861-1946) crowned.svg
Tipo Motoscafo esplosivo
Numero unità circa 100
In servizio con Flag of Italy (1861-1946) crowned.svg Regia Marina
War flag of the Italian Social Republic.svg Repubblica Sociale Italiana
Naval Ensign of Israel.svg Heil HaYam HaYisraeli
Varo 1935

[senza fonte]

voci di navi presenti su Wikipedia

Con la designazione generica barchino esplosivo si intende una serie di mezzi d'assalto sviluppati dalla Regia Marina a partire dal 1935[1] e impiegati durante la seconda guerra mondiale. Complessivamente ne vennero realizzate circa 100[1] unità tra le diverse tipologie, la più numerosa designata M.T.M., Motoscafo Turismo Modificato[1].

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Fu usato in diverse azioni belliche della seconda guerra mondiale, non tutte coronate da successo. La più clamorosa fu quella dell'affondamento dell'incrociatore britannico HMS York, nella rada di Souda sull'isola di Creta, la notte tra il 25 e 26 marzo 1941, ad opera di sei barchini al comando del tenente di vascello Luigi Faggioni che affondarono inoltre una petroliera da 8000 tsl, la Pericles. Meno fortunato nell'aprile 1941 l'attacco a Malta dove persero la vita 18 tra marinai italiani e incursori della X Mas.

Un MTM in azione

Un'azione contro il cacciatorpediniere francese Trombe venne realizzata a pochi giorni dal termine della guerra dal sottocapo della Regia Marina, passato poi nella Decima Flottiglia Mas di Junio Valerio Borghese, Sergio Denti[2].

Anche i tedeschi e i giapponesi nella stessa guerra usarono dei mezzi simili, rispettivamente linsen e shinyo; il tipo giapponese prevedevano il suicidio del pilota nel conseguimento dell'obiettivo.

Mezzi diversi, da usarsi negli attacchi contro unità ferme furono i maiali, o Siluri a Lenta Corsa, protagonisti del famosissimo attacco alle corazzate HMS Queen Elizabeth e HMS Valiant nella baia di Alessandria d'Egitto. Sempre i giapponesi utilizzarono i kaiten, che però erano in grado con la loro velocità di colpire bersagli in movimento.

Tipi di barchino esplosivo[modifica | modifica wikitesto]

Un MTM conservato al museo di Haifa
  • M.A. - Motoscafo d'Assalto[1]
  • M.A.T. - Motoscafo Avio Trasportato[1]
  • M.T.M. - Motoscafo Turismo Migliorato/Modificato, la serie principale[1]
  • M.T.R. - Motoscafo Turismo Ridotto[1]
  • M.T.R.M. - Motoscafo Turismo Ridotto Modificato[1]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c d e f g h Capitolo XLVIII de: Erminio Bagnasco, I MAS e le motosiluranti italiane, collana Le navi d'Italia, Vol. 6°, 2ª Edizione, Marina Militare, Stato Maggiore - Ufficio Storico, Roma, 1969
  2. ^ La vicenda è raccontata dallo stesso Denti nel documentario del 2010 MT 548 del regista Claudio Costa (Scheda sull'Internet Movie Database): Denti, in mare aperto, avvistò il Trombe e la attaccò. Saltò dal barchino a 50 metri dalla nave. Il barchino la colpì creando un buco di 19 metri nello scafo. Ci furono 20 morti. La nave tornò in porto gravemente danneggiata. Denti, ferito da un colpo di mitragliatrice, nuotò fino a quando non fu ripescato da un'altra nave francese che cercava superstiti del Trombe. Imprigionato, Denti fuggì dal campo di concentramento e tornò in Italia.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Erminio Bagnasco, Marco Spertini. I mezzi d'assalto della X Flottiglia Mas 1940-1945, Ermanno Albertelli Editore. Parma, 2001 ISBN 978-88-85909250
  • De Risio, Carlo. I mezzi d'assalto, USMM - Ufficio Storico della Marina Militare. Roma, 2001
  • Giorgerini, Giorgio. Attacco dal Mare. Storia dei mezzi d'assalto della Marina Italiana, Mondadori. Milano, 2007 ISBN 978-88-04512431
  • Luigi Rimessa All'ultimo quarto di luna. Le imprese dei mezzi d'assalto Mursia ISBN 9788842534396

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]