Barbie Mermaidia

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Barbie Mermaidia
Titolo originale Barbie Mermaidia
Paese di produzione USA
Anno 2015
Durata 75 min
Genere animazione, avventura, fantastico
Regia Walter P. Martishius, William Lau
Soggetto Kelly Sheridan: Elina
Sceneggiatura Elise Allen, Diane Duane
Produttore Luke Carroll: produttore

Kim Dent-Wilder: produttore esecutivo
Rob Hudnut: produttore esecutivo

Tiffany J. Shuttleworth: produttore associato
Casa di produzione Mainframe Entertainment Mattel
Distribuzione (Italia) Lions Gate Entertainment
Montaggio Michael Dowdinge
Effetti speciali Karl Bildstein: rendering

Conrad Chow: rendering
Peter Donnelly: rendering
Brad Dunbar: effetti digitali
Robin Dutta: effetti digitali
Jason Gross: animazione
Keith Richardson: animazione

Adam Sera: animazione
Musiche Eric Colvin
Art director Rob Jensen
Animatori Brian Ahlf, Yoav Binyamini, Jeffrey Burt, Chris Cairns, Luke De Winter, Peter Donnelly, Brad Dunbar, Robin Dutta, Wayne Gunn, Christine Hubbard, Julius Kwan, Oscar Lo, Lake Pearson, Ricardo Rodrigues, Christina Roodenburg, Clayton Ryan, Graham Silva, Bart Skorupski, Kelly Starke, Jefferson Takahashi, Stephen Yu, Aaron Zacher
Doppiatori originali

Barbie Mermaidia (conosciuto anche come Barbie Fairytopia: Mermaidia) è una storia scritta da Elise Allen. È un film d'animazione del 2006 distribuito direttamente per il mercato home video, realizzato in grafica computerizzata. Protagonista del film è Barbie.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Elina, fata di Fairytopia, vive un'altra magica avventura: accompagnata da Bibble, la sua amica funghetta, si reca nel regno di Mermaidia per salvare il suo amico Nalu, il principe dei tritoni, rapito con un incantesimo da Laverna, esiliata ora nelle Paludi dell'Entroterra, che, tra l'altro, ha l'ambizione di voler diventare la più potente fata di Fairytopia.

Elina per riuscire nell'impresa chiede aiuto a Nori, una sirena innamorata di Nalu, che accetta molto volentieri di aiutarla. Tutti insieme si dirigono da Delphine, l'oracolo di Mermaidia, che dice ai tre amici:

« Per trovare Nalu dovete andare negli Abissi della Disperazione e cercare lo Specchio della Nebbia. »

Delphine poi, dice anche ad Elina che negli Abissi della Disperazione si deve nuotare con molta forza per trovare lo Specchio della Nebbia e salvare Nalu. Per fare questo, Elina dovrà sacrificare le sue ali, inutili in quel luogo.

Si trasformerà così in una sirena, perché solo con la coda ce la potrà fare. Delphine le dà cinque perle bianche magiche che la possono trasformare in una sirena. Se Elina accetterà di trasformarsi, le perle diventeranno blu per poi ritornare una alla volta bianche. Se Elina uscirà dall'acqua prima che l'ultima perla diventi di nuovo completamente bianca, ritornerà ad essere una fata, in caso contrario sarà condannata a rimanere una sirena per sempre.

In un primo momento Elina non vuole trasformarsi, ma quando giunge negli Abissi della Disperazione mentre sta scendendo insieme a Nori, inizia ad avere qualche difficoltà a nuotare. Quando Nori rischia di essere schiacciata da alcuni tentacoli attaccati ad una parete, Elina per salvarla usa le perle trasformandosi in una sirena. Quando raggiunge Nori riesce a liberarla dai tentacoli; quando le due giungono sul fondo degli Abissi della Disperazione, un pesce gli fa vedere, tramite lo Specchio della Nebbia dove si trova Nalu.

Elina e Nori scoprono così che Nalu è prigioniero dei Fungus, legato fuori dall'acqua. Tornando da Bibble, che le stava aspettando all'entrata degli abissi, si dirigono tutte e tre da Nalu. Intanto, Max, il capo dei Fungus, trova il luogo dove cresce La Bacca dell'Immunità, esattamente quello che Laverna vuole: si dice che se si mangia quella bacca, colui che la mangia diventa immune alla magia, proprio quello che Laverna vuole.

Intanto Elina, Nori e Bibble sono alla ricerca di Nalu, ma durante il tragitto ad Elina tornano bianche due perle. Elina non si spaventa più di tanto, perché ha ancora molto tempo prima tornare in superficie.

Durante il tragitto Elina, Nori e Bibble attraversano una pericolosissima grotta con dei bollenti geyser, così caldi che inceneriscono chiunque si avvicina. Alla fine arrivano a una grotta trapuntata di Bacche dei Poteri. Infatti, quando Bibble ne mangia una, comincia a parlare con una voce diversa. Alla fine Elina, Nori e Bibble giungono nel luogo dove si trova Nalu.

Sfruttando così la nuova voce di Bibble, Elina e Nori riescono ad allontanare i Fungus di guardia e a liberare Nalu, che, quando vede Elina con la coda rimane un po' sorpreso. Ma proprio in quel momento ad Elina ritornano bianche altre due perle, ormai le è rimasta solo una perla di colore blu.

Quando Nalu le parla della Bacca dell'Immunità e di quello che vuole fare Laverna con quella, Elina si preoccupa, pensando a ciò che sarebbe successo al regno di Fairytopia, se Laverna fosse diventata immune alla magia.

Intanto a Bibble finisce l'effetto della bacca che aveva mangiato e quando i Fungus la vedono, la inseguono, ma Bibble riesce a seminarli. Elina la vede, le dice di prendere la Bacca dell'Immunità, cosa che Bibble fa.

Mentre Max stava camminando, Bibble gli fa cadere la bacca, allora Nori esce dall'acqua, prende la bacca e i Fungus la inseguono. Nori, a questo punto, passa la bacca a Nalu che a sua volta la passa ad Elina, ma proprio in quell'istante l'ultima perla sta per diventare bianca.

Allora Elina sale in superficie, e, risalendo una cascata, sale su un masso fuori dall'acqua, appena in tempo! Ma lì Elina incontra Max, il capo dei Fungus, che, sotto la minaccia di sterminare con un veleno tutte le forme di vita acquatiche, la costringe a consegnargli la bacca.

Per salvare il regno di Mermaidia, Elina consegna a Max la bacca, ma lui fa cadere lo stesso la fiala che contiene il veleno. Senza pensaci due volte Elina si getta dalla cascata, riuscendo ad afferrare la fiala, appena in tempo, proprio poco prima che si aprisse. Ma Elina si tuffa in acqua proprio nel momento in cui l'ultima perla ritorna completamente bianca. Così quando è sott'acqua, è ancora sirena e con tutte le perle nuovamente bianche.

Quando Nalu si preoccupa per la sorte di tutto il regno, Nori ed Elina gli dicono che avevano scambiato la Bacca dell'Immunità con un'altra, la Bacca del Vero Io, che annulla qualsiasi incantesimo ridando alla persona che ne è vittima il suo vero aspetto. Ma i Fungus credevano che la bacca in loro possesso fosse quella dell'Immunità, perché le due bacche si somigliano molto, tranne per una striscia rossa che le avvolge.

Elina dice a Bibble che deve tornare a casa da sola, perché ora che Elina è condannata a rimanere per sempre una sirena, non può più tornare. Questo vuol dire che non può più rivedere né Dandelion, la sua amica fata, né Peonia, il fiore in cui lei vive, e neppure Bibble.

Ma non tutto è perduto, infatti Nori si ricorda della Bacca del Vero Io, va a prenderla e la dà ad Elina, dicendole che basta solo che la mangi e ritornerà fata. Ma Elina è preoccupata perché potrebbe ritornare a essere per sempre una fata senza ali, mangiando quella bacca.

Nori comunque le dice che rimarrebbe sempre se stessa, allora Elina accetta, dà un morso alla bacca, ed ecco che, come per magia, la sua coda scompare e le rispuntano le ali. Elina è felicissima e lo è anche Nori quando scopre che Nalu ama lei e non Elina, come lei pensava; così Nori e Nalu si fidanzano, ed Elina, felice per i suoi amici, torna al Prato Magico insieme a Bibble.

Intanto Laverna dà un morso alla bacca di Max, il capo dei Fungus, ma invece di diventare immune dalla magia, diventa una rana. Quando scopre che è colpa di Elina, Laverna giura che presto o tardi si vendicherà.

Intanto Elina ritorna al suo Prato Magico; Dandelion è molto felice di rivederla sana e salva, e così dopo questa avventura Elina torna alla sua vita da fata semplice e tranquilla come aveva sempre sognato, da quando era una fata senza ali.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]