Barbara Palombelli

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Barbara Palombelli (Roma, 19 ottobre 1953) è una giornalista, conduttrice televisiva e conduttrice radiofonica italiana. È moglie del politico Francesco Rutelli.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1979 entra a L'Europeo diretto da Mario Pirani. Nel 1980 è diventata giornalista parlamentare del settimanale. Dal 1984 al 1987 ha collaborato con il quotidiano Il Giornale diretto da Indro Montanelli. Dal 1986 al 1988 è stata vicecaporedattore di Panorama (direttore Claudio Rinaldi). Nel 1989 e 1990 è stata "inviata speciale" del Corriere della Sera, dal 1991 al 2000 ha lavorato presso la Repubblica, quindi dal 2001 al 2006 è tornata come editorialista al Corriere della Sera.[1]

Per la RAI ha realizzato 20 interviste a Domenica in (edizione 1987), ha partecipato con Valentino Parlato e Mauro Paissan alla prima edizione di Samarcanda nel 1988, ha condotto Italiani con Andrea Barbato (edizione 1992-93), nel 2002 ha condotto una nuova serie della celebre trasmissione radiofonica di Rai Radio 2 Il gambero.

Nella stagione 2003-2004 ha affiancato Giuliano Ferrara in Otto e mezzo su La7. Nella stagione 2004-2005 è tornata in RAI come opinionista a Domenica in e nel programma Punto a capo condotto da Giovanni Masotti. Dal 2006 al 2013 ha una collaborazione con Mediaset per le rubriche del Tg5, di Matrix, di Pomeriggio Cinque e di Mattino Cinque; dal 2010 è opinionista a Quarto grado su Rete 4. Dal 1998 al 2000 ha tenuto su Rai Radio 2 un filo diretto (Se telefonando) con gli ascoltatori. Nel 2001 collabora con la rubrica quotidiana 28 minuti da lei ideata per Rai Radio 2.

Dal 9 settembre 2013 conduce Forum e Lo Sportello di Forum,[2][3] trasmessi rispettivamente da Canale 5 e Rete 4, in sostituzione della storica conduttrice Rita Dalla Chiesa. Domenica 7 settembre 2014 conduce la puntata speciale di Forum dedicata ai suoi 30 anni, in onda dalle 15:45 alle 20:00; dal giorno successivo inizia il suo secondo anno nel programma ottenendo notevoli dati di ascolto rispetto al suo primo anno di conduzione.[4] Anche la stagione seguente, viene aperta da uno speciale, trasmesso su Canale 5 il 6 settembre 2015, intitolato Forum presenta la famiglia che cambia; vengono trattate 3 cause che ripercorrono i cambiamenti della famiglia dai primi del 900 ad oggi.[5]

Vita privata[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1982 si è sposata con il politico Francesco Rutelli: dalla coppia è nato il figlio Giorgio. Hanno tre figli adottivi: Serena, Francisco e Monica.

L'8 maggio 1991 il Presidente della Repubblica Francesco Cossiga la nomina Cavaliere dell'Ordine al Merito della Repubblica Italiana.[6]

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Televisione[modifica | modifica wikitesto]

Radio[modifica | modifica wikitesto]

Opere[modifica | modifica wikitesto]

  • C'era una ragazza, 1999
  • Diario di una mamma giornalista, 2001, vincitore del Premio Cimitile nel 2002
  • Famiglie d'Italia. Un secolo di personaggi e di storie, 2003
  • Registi d'Italia, 2006

Onorificenze[modifica | modifica wikitesto]

Cavaliere dell'Ordine al Merito della Repubblica Italiana - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere dell'Ordine al Merito della Repubblica Italiana
«Di iniziativa del Presidente della Repubblica»
— 8 maggio 1991[6]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Palombelli, Barbara, Treccani. URL consultato il 17 ottobre 2015.
  2. ^ Armando D’Avico, Forum, Barbara Palombelli spaventata dal debutto: ‘È una sfida dura’, Televisionando, 12 agosto 2013. URL consultato il 17 ottobre 2015.
  3. ^ Raffaele Di Santo, Forum 2015-2016, Barbara Palombelli torna alla conduzione da settembre su Canale 5, Televisionando, 12 maggio 2015. URL consultato il 17 ottobre 2015.
  4. ^ FORUM SPECIALE 30 ANNI, Mediaset. URL consultato il 17 ottobre 2015.
  5. ^ Forum La famiglia che cambia, Barbara Palombelli pontifica sulle sue battaglie familiari
  6. ^ a b Sito web del Quirinale: dettaglio decorato.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Predecessore Conduttrice di Forum Successore
Rita Dalla Chiesa (su Canale 5 e Rete 4) dal 9 settembre 2013 (su Canale 5 e Rete 4)
Controllo di autorità VIAF: (EN85851842