Barbara Liskov

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Barbara Liskov

Barbara Liskov, nata Huberman, Ph.D. (7 novembre 1939), è un'informatica statunitense.

Attualmente è Ford Professor di Ingegneria nel dipartimento di Ingegneria elettronica ed Informatica al Massachusetts Institute of Technology.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1961 ha conseguito il Bachelor of Arts (BA) in Matematica alla University of California, Berkeley e, nel 1968, presso la Stanford University, è diventata la prima donna negli Stati Uniti a cui sia stato conferito un dottorato di ricerca (PhD) in Informatica[senza fonte], con una tesi intitolata "A program to play chess endgames". A quel tempo, la maggior parte delle Università non avevano dipartimenti di Informatica e l'Università di Stanford era molto selettiva nel conferire lauree.

Barbara Liskov ha condotto molti progetti significativi, tra cui la progettazione e implementazione di CLU, il primo linguaggio di programmazione a fornire meccanismi per la definizione di tipi di dato astratti, Argus, il primo linguaggio di alto livello a supportare l'implementazione di programmi distribuiti, e Thor, un sistema di database orientato agli oggetti. Insieme a Jeannette Wing, ha sviluppato una particolare definizione di sottotipo, comunemente conosciuto come il Principio di sostituzione di Liskov.

La professoressa Liskov è membro della National Academy of Engineering e della American Academy of Arts and Sciences. È autrice di tre libri e oltre un centinaio documenti tecnici.

Riconoscimenti[modifica | modifica wikitesto]

  • Nel 2004 ha vinto la John von Neumann Medal per i "contributi fondamentali ai linguaggi di programmazione, metodologia di programmazione e sistemi distribuiti".
  • Nel 2008 ha vinto il prestigioso Premio Turing per aver contribuito allo sviluppo dei linguaggi di programmazione e progettazione di sistemi, specialmente nel campo di astrazione dati, tolleranza degli errori e algoritmi di computazione distribuita.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN44337197 · ISNI (EN0000 0001 1760 5450 · LCCN (ENn81090977 · GND (DE1069447846 · BNF (FRcb12156314m (data) · WorldCat Identities (ENlccn-n81090977