Barbara Chichiarelli

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Barbara Chichiarelli (Roma, 20 maggio 1985) è un'attrice italiana nota per il ruolo di Livia Adami in Suburra - La serie distribuita da Netflix.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Dopo essersi diplomata al Liceo classico Terenzio Mamiani, ha lasciato l'università tre esami prima di laurearsi in teatro (ex Dipartimento di arti e scienze dello spettacolo de La Sapienza), ha frequentato il biennio accademico 2007-2009 presso l'Accademia Teatrale di Roma "Sofia Amendolea"[1] e nel 2013 si è diplomata presso l'Accademia nazionale d'arte drammatica con il saggio I giorni del buio, sui senzatetto di Roma, allestito da Gabriele Lavia[2].

Nel 2016 riceve il Premio UBU Nuovo attore o attrice (under 35) assieme a tutti gli interpreti di Santa Estasi. Atridi: otto ritratti di famiglia[3]. È stata candidata come migliore attrice non protagonista ai Nastri d'argento 2020 per il ruolo di Dalila nel film Favolacce.[4]

Filmografia[modifica | modifica wikitesto]

Cinema[modifica | modifica wikitesto]

Cortometraggi[modifica | modifica wikitesto]

  • Agro-dolce (Doux-Amer), regia di Patrick Aubert (2015)
  • Valparaiso, regia di Carlo Sironi (2016)
  • Lella, regia di Michele Capuano (2019)

Televisione[modifica | modifica wikitesto]

Teatro[modifica | modifica wikitesto]

  • Spettacolo del Living Theatre tratto da La peste di Albert Camus, regia di Gary Brackett, Crotone (2006)
  • Uovo fritto. Storie da manicomio, regia di Paolo Alessandri (2007)
  • L'ospite, regia di Paolo Alessandri e Lina Bracaglia, RomaTeatroFestival (2008)
  • Nokia World Game Summit, regia di Salvador Spagnolo (2008)
  • Taranta, da Lo cunto de li cunti, regia di Fabio Omodei, RomaTeatroFestival (2009)
  • L'allestimento, testo e regia di Barbara Chichiarelli (2009)
  • Kuore Matto - Incredibile macchina di ripetizioni, regia di Elvira Frosini (2009)
  • 5 pesci nella boccia in 4 mura di cartone, testo e regia di Simone Fraschetti (2010)
  • Battuta libera, regia di Lorenzo Salveti, Spoleto, Festival dei due Mondi 54ª edizione (2011)
  • Tender Napalm, di Philip Ridley, regia di Massimiliano Farau, Teatro India di Roma (2012)
  • I giorni del buio, regia di Gabriele Lavia, Teatro Argentina di Roma (2013)
  • L'inferno è solo una sauna, di Katja Brunner, regia di Valentino Villa, La Pelanda Macro Roma (2014)
  • Invasion - Spexific@Enterprise, nell'ambito di Openhouse Roma 2014
  • L'Esposizione Universale, di Luigi Squarzina, regia di Piero Maccarinelli, Teatro India di Roma (2015)
  • Santa Estasi. Atridi: otto ritratti di famiglia, regia di Antonio Latella, Teatro delle Passioni di Modena (2016)
  • Il Libro di Giobbe, regia di Pietro Babina, Arena del Sole di Bologna (2017)
  • Revolt. She said. Revolt again, di Alice Birch, regia di Francesca Caprioli e Giacomo Bisordi, Teatro Belli di Roma (2017)
  • Ifigenia in Splott, di Gary Owen, regia di Roberto Romei, Eliseo Off di Roma (2019)
  • The making of Anastasia, di Martina Badiluzzi e Margherita Mauro, regia di Martina Badiluzzi, Venezia, Biennale Teatro (2020)

Riconoscimenti[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Allievi diplomati su accademiateatralediroma.com
  2. ^ I giorni del buio su teatrodiroma.net
  3. ^ Laura Zangarini, «Santa Estasi» di Latella: i suoi ritratti di famiglia sbancano i premi teatrali, su Corriere della Sera, 15 gennaio 2017, p. 41.
  4. ^ Chiara Guida, Nastri d'Argento 2020: trionfano Pinocchio e Favolacce, su Cinefilos.it, 6 luglio 2020. URL consultato il 20 marzo 2021.
  5. ^ Redazione, Ciak d'oro 2020: i vincitori dei 150 Giornalisti e Critici e i premi della redazione di Ciak, su Ciak Magazine, 27 novembre 2020. URL consultato il 20 marzo 2021.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN722151595759705470006 · ISNI (EN0000 0004 6413 5692 · WorldCat Identities (ENviaf-722151595759705470006