Barbara Alberti

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Barbara Alberti

Barbara Alberti (Umbertide, 11 aprile 1943) è una scrittrice, giornalista e sceneggiatrice italiana.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Si è laureata in filosofia a Roma, dove vive tuttora. Nella sua eclettica produzione, tesa a combattere un'immagine perdente del femminile, si affiancano opere diverse, dal picaresco Memorie malvage (1976) al meditativo Vangelo secondo Maria (1979), a prove maggiormente venate di umorismo e provocazione come Il signore è servito (1983), Povera bambina (1988), Parliamo d'amore (1989), Delirio e Gianna Nannini da Siena, entrambe del 1991, e Il promesso sposo (1994), un gustoso profilo dedicato al critico d'arte Vittorio Sgarbi e presentato sotto le spoglie di un'autobiografia “mancata”.

Di genere umoristico è La donna è un animale stravagante davvero: ottanta ritratti ingiusti e capricciosi (1998), nel quale la Alberti ha rappresentato un Don Giovanni immaginario con accanto alcune figure femminili note della sua generazione.

Nel 2003 ha pubblicato Gelosa di Majakovskij, biografia del celebre poeta (per il quale, nello stesso anno, ha ricevuto il Premio Alghero Donna) sezione narrativa, e Il principe volante, in cui ha raccontato con malizia e amorevolezza la vita di Antoine de Saint-Exupéry, mentre nel 2006 il libro di racconti Il ritorno dei mariti.

È anche autrice di sceneggiature cinematografiche, tra cui Il portiere di notte di Liliana Cavani (1974) e Melissa P. (2005), e di testi teatrali (Ecce homo).

A partire dal 2009 tiene una pungente rubrica settimanale ("La posta di Barbara Alberti") su Il Fatto Quotidiano.

Partecipa abitualmente come opinionista a diversi talk show televisivi da Pomeriggio 5 a L'Italia sul 2. Fino a settembre 2013 ha condotto La guardiana del faro, un programma settimanale in onda la domenica mattina dalle 9 alle 10 su Radio 24, ideato da Gianluca Nicoletti[1][2], a cura di Gloria Guerrera[1].

È stata sposata con il produttore e sceneggiatore Amedeo Pagani, dal quale nel 1975 ha avuto un figlio, il giornalista Malcolm Pagani , e una figlia, Gloria Samuela Pagani.

È stata iscritta al Partito Radicale.[3]

Opere[modifica | modifica wikitesto]

  • Memorie malvage, Venezia, Marsilio, 1976.
  • Delirio, Milano, A. Mondadori, 1978.
  • Vangelo secondo Maria, Milano, A. Mondadori, 1979.
  • Donna di piacere, Milano, A. Mondadori, 1980.
  • Il signore è servito, Milano, A. Mondadori, 1983.
  • Tahiti Bill, come Bruno Gaburro, Milano, A. Mondadori, 1984.
  • Sbrigati Mama, come Margherita Margherita, Milano, A. Mondadori, 1984.
  • Scommetto di sì, come Alcide Meloni, Milano, A. Mondadori, 1984.
  • Fulmini, Milano, Spirali, 1984.
  • Buonanotte Angelo, Milano, A. Mondadori, 1986.
  • Povera bambina, Milano, A. Mondadori, 1988. ISBN 88-04-31580-6.
  • Dispetti divini, Venezia, Marsilio, 1989. ISBN 88-317-5198-0.
  • Parliamo d'amore, Milano, A. Mondadori, 1989. ISBN 88-04-31437-0.
  • racconto in Racconta. Ventidue racconti, Milano, La tartaruga, 1989. ISBN 88-7738-051-9.
  • Gianna Nannini da Siena, Milano, A. Mondadori, 1991. ISBN 88-04-33544-0.
  • Il promesso sposo. Romanzo popolare, Milano, Sonzogno, 1994. ISBN 88-454-0699-7.
  • Vocabolario dell'amore, Milano, Biblioteca universale Rizzoli, 1995. ISBN 88-17-13845-2.
  • La donna è un animale stravagante davvero, Milano, Frontiera, 1998. ISBN 88-87216-01-0.
  • Gelosa di Majakovskij, Venezia, Marsilio, 2002. ISBN 88-317-7997-4.
  • L'amore è uno scambio di persona, Bologna, Gallo e Calzati, 2003. ISBN 88-88379-12-6.
  • Tema, Arma segreta, in Principesse azzurre. Racconti d'amore e di vita di donne tra donne, a cura di Delia Vaccarello, Milano, Oscar Mondadori, 2003. ISBN 88-04-51654-2.
  • Diavoli a Versailles, in Principesse azzurre 2. Racconti d'amore e di vita di donne tra donne, a cura di Delia Vaccarello, Milano, Oscar Mondadori, 2004. ISBN 88-04-52903-2.
  • Il principe volante, Roma, Playground, 2004. ISBN 88-89113-01-4.
  • Iniziazione, in Principesse azzurre 3. Racconti d'amore e di vita di donne tra donne, a cura di Delia Vaccarello, Milano, Oscar Mondadori, 2005. ISBN 88-04-54728-6.
  • Il fazzoletto rosso, in Principesse azzurre crescono. Racconti d'amore e di vita di donne tra donne, a cura di Delia Vaccarello, Milano, Oscar Mondadori, 2006. ISBN 88-04-55575-0.
  • Il ritorno dei mariti, Milano, Mondadori, 2006. ISBN 88-04-55884-9.
  • Letture da treno. Diciassette opere letterarie e un melodramma, Roma, Nottetempo, 2008. ISBN 978-88-7452-148-7.
  • Riprendetevi la faccia, Milano, Mondadori, 2010. ISBN 978-88-04-59788-9.
  • Sonata a Tolstoj, Milano, B. C. Dalai, 2010. ISBN 978-88-6073-645-1.
  • Amore è il mese più crudele, Roma, Nottetempo, 2012. ISBN 978-88-7452-286-6.
  • Lezioni d'amore, Roma, Nottetempo, 2013. ISBN 978-88-7452-420-4.
  • Lezioni d'amore. Gelosia, Roma, Nottetempo, 2013. ISBN 978-88-7452-456-3.
  • La guardiana del faro. [Storie di amori e di scritture], Reggio Emilia, Imprimatur, 2013. ISBN 978-88-97949-70-1.

Sceneggiature[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b Scheda di La guardiana del faro di Radio24
  2. ^ Tony di Corcia, Barbara Alberti: vi parlerò d'amor (e di reality), Viveur.it, 30 giugno 2011. URL consultato il 18 agosto 2011.
  3. ^ http://www.radicali.it/contenuto/scheda-n-3-radicali-famosi-perci-clandestini-0

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: (EN76346407 · LCCN: (ENn80060781 · SBN: IT\ICCU\CFIV\019901 · ISNI: (EN0000 0001 0655 0351 · GND: (DE138500762 · BNF: (FRcb121043530 (data)