Barachiel

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Barachiel
El Arcángel Baraquiel esparciendo flores, de Bartolomé Román (Museo del Prado).jpg
"L'Arcangelo Barachiel che sparge fiori", di Bartolomé Román (Museo del Prado).
 
Venerato daChiesa ortodossa; Chiese cattoliche bizantine
Ricorrenza8 novembre
Attributirose, petali di rosa

Barachiel (in ebraico ברכיאל "Bārkiʼēl", "benedetto da Dio" ; in arabo بُراقيل "Burāqīl"), italianizzato come Barachiele, è uno dei sette arcangeli della tradizione ortodossa e cattolica orientale.

È spesso confuso con l'angelo Baraqiel, considerato l'angelo del fulmine.

Nella letteratura religiosa[modifica | modifica wikitesto]

Il terzo libro di Enoc descrive l'arcangelo Barachiel come uno degli angeli che prestano servizio come grandi e onorati principi angelici in paradiso, e menziona che Barachiel guida una miriade di 496.000 angeli. È considerato uno dei serafini che custodiscono il trono di Dio, nonché il capo di tutti gli angeli custodi.[1]

È descritto nella Piccola Chiave di Salomone come uno degli angeli a capo del primo e del quarto coro.[2]

Iconografia[modifica | modifica wikitesto]

Statua di "San Baraquiel".

Nell'iconografia Barachiel è talvolta raffigurato mentre tiene una rosa bianca contro il petto, o con petali di rosa sparsi sugli abiti, in particolare sul mantello.[3] La dispersione dei petali di rosa dovrebbe simboleggiare o rappresentare le dolci benedizioni di Dio che piovono sulle persone. Nel cattolicesimo romano, Barachiel è raffigurato con in mano un cestino del pane o un bastone, che simboleggiano entrambi le benedizioni dei figli che Dio concede ai genitori.[1]

Culto[modifica | modifica wikitesto]

Patronato[modifica | modifica wikitesto]

Le responsabilità attribuite a Barachiel sono tanto varie quanto le benedizioni per le quali l'arcangelo è invocato. Barachiel è anche considerato il capo degli angeli custodi ed è scritto che il fedele può rivolgere le sue preghiere a Barachiel per tutti i benefici che si pensa che l'angelo custode conferisca se non ci si rivolge direttamente a quest'ultimo, come intercessione. È venerato come un santo ufficiale nella tradizione ortodossa orientale e cattolica bizantina, in particolare come patrono della famiglia e della vita coniugale.[1] È anche visto come l'angelo incaricato da Dio di vegliare sui convertiti (chiamati anche "figli adottivi di Dio") per assisterli nella loro vita.[4]

Preghiere[modifica | modifica wikitesto]

Una preghiera generale a San Barachiel comune nelle tradizioni bizantine ortodossa e cattolica è la seguente:

«O potente Arcangelo, San Barachiel, pieno della gloria e dello splendore del cielo, tu sei giustamente chiamato la benedizione di Dio. Siamo figli di Dio posti sotto la tua protezione e cura. Siamo nel mondo pieni di confusione e influenze demoniache. Vieni in nostro aiuto perché non conosciamo la nostra sinistra e la nostra destra; come relazionarsi con Gesù giorno dopo giorno; come essere sensibili allo Spirito Santo - Spirito di verità. Lascia che la gioia del Signore sia la nostra forza. Ascolta le nostre suppliche [nominali]. Concedi che, per la tua amorevole intercessione, un giorno possiamo raggiungere la nostra dimora celeste. Sostienici e proteggici da tutto il male che possiamo possedere per tutta l'eternità la pace e la felicità che Gesù ha preparato per noi in Cielo. Presenta a Dio Padre tutte queste petizioni, per mezzo di Gesù Cristo, nostro Signore, insieme allo Spirito Santo, nei secoli dei secoli. Amen.»

Esoterismo[modifica | modifica wikitesto]

Barachiel è anche tradizionalmente associato al mese di febbraio e al segno zodiacale dei Pesci.[5] A volte è anche descritto come il governatore del pianeta Giove e del segno zodiacale dello Scorpione.[2]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c http://angels.about.com/od/AngelsReligiousTexts/p/Meet-Archangel-Barachiel.htm
  2. ^ a b Davidson, Gustav. A Dictionary of Angels, including the Fallen Angels. New York: The Free Press, 1967, ISBN 9780029070505
  3. ^ Helen Roeder, Saints and Their Attributes, Chicago, H. Regnery Co., 1956, LCCN 56013630.
  4. ^ Finding The Way To The Heart: The Holy Archangels- Prayers Asking for Their Protection
  5. ^ Sisung, Kelle S., editor. Angels A to Z. New York: Gale Research, Inc. 1996. ISBN 0-7876-0489-5.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

  • (EN) The heavenly host and our modern life, Transfiguration of Our Lord Russian Orthodox Church. URL consultato il 22 dicembre 2005 (archiviato dall'url originale il 14 dicembre 2005).
  • (EN) The rational heavenly powers, Transfiguration of Our Lord Russian Orthodox Church. URL consultato il 22 dicembre 2005.
  • (EN) Angel Names, su alyssiasgrove.co.uk. URL consultato il 6 dicembre 2006 (archiviato dall'url originale il 6 dicembre 2006).