Banjo-Kazooie

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Banjo-Kazooie
videogioco
Banjo-Kazooie cover.jpg
PiattaformaNintendo 64, Xbox 360, Xbox One
Data di pubblicazione17 luglio 1998
GenerePiattaforme
TemaFantasy
OrigineRegno Unito
SviluppoRare
PubblicazioneNintendo
DesignGregg Mayles
SerieBanjo-Kazooie
Modalità di giocoGiocatore singolo
Periferiche di inputGamepad
SupportoCartuccia 16 MB
Seguito daBanjo-Tooie

Banjo-Kazooie è un videogioco a piattaforme sviluppato da Rare e distribuito per Nintendo 64 nel 1998. È il primo gioco della serie Banjo-Kazooie che ha per protagonisti un orso di nome Banjo (già apparso in Diddy Kong Racing) e un'uccellina di nome Kazooie, la quale risiede perennemente all'interno dello zaino di Banjo.

Nel 2008 4J Studios pubblicò un rifacimento del gioco per Xbox Live Arcade; tale rifacimento uscì nuovamente nel 2015 per Xbox One all'interno della raccolta Rare Replay[1], titolo che celebrò i trent'anni di attività di Rare.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Nella torre del suo lugubre antro nella valle del Monte Spirale la perfida strega Gruntilda sta interrogando il suo calderone per sapere chi sia la più bella del reame. Sulle prime il calderone risponde facendo il nome di Gruntilda, salvo poi correggersi e rispondere che la più bella del reame è un'orsetta di nome Tooty, la quale vive nella valle assieme al fratello Banjo e un'uccellina di nome Kazooie. Furiosa per la risposta del calderone Gruntilda prende la sua scopa volante per trovare Tooty. Nel frattempo Tooty è intenta a parlare con una talpa di nome Bottles in attesa che il fratello si svegli e raggiunga Tooty perché possano vivere un'avventura insieme. Gruntilda individua Tooty e la rapisce, lasciando Bottles come testimone. Dopo essersi svegliato Banjo incontra Bottles, si fa raccontare l'accaduto e decide di partire insieme a Kazooie per salvare la sorella. Nel frattempo Gruntilda e il suo servitore Klungo stanno mettendo in funzione un terribile apparecchio capace di sottrarre la bellezza alle sue vittime e trasferirla alla strega così da poter sottoporre Tooty allo stesso trattamento.

Banjo e Kazooie si addentrano nell'antro di Gruntilda e da qui dovranno percorrere vari mondi di gioco, affrontare le sfide poste dalla strega e salvare la razza dei Jinjo dalla schiavitù di Gruntilda per potersi fare strada nelle numerose stanze della torre. Banjo e Kazooie raggiungono Gruntilda e questa li sfiderà a un quiz. Poiché Banjo e Kazooie riescono a superare anche questa sfida Gruntilda consente loro di riprendersi Tooty, così i due eroi possono tornare a casa e organizzare un barbecue con gli amici. Tooty ricorda a Banjo e Kazooie che è inutile festeggiare, dato che la strega è ancora in circolazione, così i due decidono di sconfiggerla una volta per tutte.

Banjo e Kazooie raggiungono la cima della torre di Gruntilda e qui ha inizio la loro battaglia finale sul tetto della torre. Dopo aver ricevuto numerosi colpi da parte dei due eroi Gruntilda crea un incantesimo di protezione attorno al proprio corpo, così entrano in scena i Jinjo, i quali uniscono le proprie forze e spingono Gruntilda giù dalla torre. La strega atterra nella valle del Monte Spirale, e un enorme masso precipita su di lei, intrappolandola in una fossa.

I due eroi e i loro amici vanno in vacanza su una spiaggia soleggiata dove ricevono alcune anteprime su ciò che li aspetta nel prossimo gioco della serie, mentre Klungo tenta disperatamente di smuovere il sasso che ha imprigionato la sua padrona ancora viva.

Modalità di gioco[modifica | modifica wikitesto]

Personaggi[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Personaggi di Banjo-Kazooie.
  • Banjo: il buffo orso protagonista del gioco.
  • Kazooie: un esemplare di una razza fittizia chiamata breegull dalla cresta rossa; è la compagna di avventure di Banjo e passa tutto il suo tempo all'interno dello zaino dell'orso.
  • Gruntilda: la malvagia strega che rapisce Tooty perché invidiosa della sua bellezza.
  • Tooty: la sorella di Banjo.
  • Bottles: la talpa che guida Banjo insegnandogli varie abilità e fornendogli spiegazioni sui vari elementi di gioco.
  • Jinjo: sono delle creature simili a uccellini. Gruntilda ha intrappolato cinque Jinjo in ciascuno dei mondi di gioco.
  • Mumbo Jumbo: è uno sciamano che in passato ha dato a Gruntilda lezioni di magia. Mentre era sua allieva Gruntilda ha lanciato un sortilegio a Mumbo facendogli crescere un'enorme maschera tribale sulla faccia. Nel corso del gioco Mumbo è in grado di trasformare Banjo e Kazooie in varie creature come una termite e un

Mondi[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Luoghi di Banjo-Kazooie.

Il gioco è composto da un mondo introduttivo, un mondo di base e nove mondi di gioco principali. Per accedere ai mondi di gioco il giocatore dovrà utilizzare delle tessere di puzzle per completare alcuni disegni presenti nell'antro di Gruntilda, così da aprire le porte per i vari mondi.

  • La Montagna a spirale (Spiral Mountain): l'area in cui si trova la casa di Banjo. Funge da mondo di addestramento dove il giocatore potrà imparare ed esercitarsi con i comandi di base. La montagna che dà il nome alla valle conduce all'ingresso del castello di Gruntilda.
  • L'antro di Gruntilda (Gruntilda's Lair): L'antro fa da sfondo a gran parte dell'avventura di questo primo episodio della serie: da qui il giocatore accede ai nove mondi principali e la sua sommità sarà teatro della battaglia finale. All'interno del castello Banjo e Kazooie faranno conoscenza con la fata Brentilda, la sorella buona di Gruntilda, Cheato, il libro magico degli incantesimi.
  • La montagna di Mumbo (Mumbo's Mountain): Primo dei nove livelli veri e propri, ha degli elementi che danno allo scenario una connotazione neolitica o tribale. In questo mondo si trovano un enorme scimpanzé chiamato Conga e una scimmietta di nome Chimpy, un sito megalitico, un enorme termitaio e un piccolo villaggio nel quale si trovano il grande totem "Juju" e la capanna di Mumbo Jumbo.
  • L'isola del tesoro (Treasure Trove Cove): Quest'isola presenta un piccolo faro sulla sua sommità ed è abitata un enorme granchio di nome Nipper e dallo squalo Snacker, il quale tenta di azzannare chiunque si butti in acqua. Qui Banjo e Kazooie faranno la conoscenza di Blubber, un capitano la cui nave si è naufragata sull'isola.
L'isola del tesoro
  • la caverna di Clanker (Clanker's Cavern): Clanker è un enorme pesce robotico creato da Gruntilda come smaltitore di rifiuti.
  • Bubblegloop Swamp: Una palude le cui acque sono infestate dai piraña.
  • Freezeeazy Peak: Questo picco innevato a tema natalizio è abitato dalla famiglia di Boggy l'orso polare e dal tricheco Wozza.
  • La valle di Gobi (Gobi's Valley): Una terra che richiama moltissimo l'Egitto per via della presenza di alcune piramidi e di una Sfinge le cui sembianze ricordano Banjo. La valle porta il nome del cammello Gobi, il quale lascerà presto il luogo perché perennemente infastidito da Banjo e Kazooie.
  • il maniero del mostro (Mad Monster Mansion): Il maniero del mostro è una casa stregata abitata dai fantasmi e dagli scheletri; al suo fianco si trovano un labirinto di siepi, una chiesa e un cimitero.
  • la baia del Rusty Bucket (Rusty Bucket Bay) : In questa baia dall'acqua inquinata alloggia la nave merci Rusty Bucket. Banjo e Kazooie si ritroveranno a visitare le varie cabine della nave e la sala motori, nonché ad affrontare una grossa scatola esplosiva.
  • il bosco Tic-Toc (Click Clock Wood) : Il giocatore potrà accedere a questo mondo grazie a quattro porte diverse, ciascuna delle quali gli permetterà di vedere lo stesso bosco durante le quattro stagioni a partire dalla primavera. Le azioni del giocatore in una stagione si rifletteranno anche nelle stagioni successive. Nel bosco Tic-Toc risiedono lo scoiattolo Nabnut, il castoro Gnawty e l'aquila Eyrie.

Sviluppo[modifica | modifica wikitesto]

Il titolo fu inizialmente progettato per essere un videogioco di ruolo sui pirati di nome Dream[2] e sarebbe dovuto uscire per la console SNES. In seguito il gioco venne riadattato per il Nintendo 64 e subì numerose modifiche che lo trasformarono in un prodotto diverso da quello iniziale.[3]

Durante lo sviluppo del gioco era previsto un numero maggiore di mondi che sono poi stati scartati. Tre di questi avrebbero dovuto essere una miniera d'oro, un parco di divertimenti, un vulcano e una foresta dei funghi; i primi tre furono poi ripresi nel seguito Banjo-Tooie mentre la foresta fu riutilizzata in Donkey Kong 64.[senza fonte]

Seguiti[modifica | modifica wikitesto]

Nel filmato conclusivo del gioco Mumbo Jumbo mostra a Banjo e Kazooie alcune aree segrete di Treasure Trove Cove, Frezeeazy Peak e Gobi's Valley nelle quali si trovano tre oggetti, due uova colorate e una chiave di ghiaccio. Mumbo rivela che il giocatore avrebbe poi utilizzato nel seguito del gioco, Banjo-Tooie. Nelle intenzioni originali di Rare il giocatore avrebbe dovuto essere in grado di sbloccare queste aree segrete mediante un processo chiamato "Stop 'N' Swop" che consisteva nell'inserire la cartuccia di Banjo-Tooie nella console e di sostituirla con la cartuccia di Banjo-Kazooie mentre la console era ancora accesa, così da permettere il trasferimento dei dati da un gioco all'altro. Rare dovette rinunciare all'idea a causa di alcune limitazioni tecniche.[3] Nonostante il fallimento del progetto "Stop 'N' Swop" nel 2000 Rare pubblicò per Nintendo 64 Banjo-Tooie, che racconta le avventure di Banjo e Kazooie due anni gli avvenimenti dopo il primo gioco. In seguito all'acquisizione di Rare da parte di Microsoft, Rare pubblicò Banjo-Kazooie: Grunty's Revenge nel 2003 e Banjo-Pilot nel 2005, entrambi per GameBoy Advance. Nel 2008, in occasione dei dieci anni dall'uscita del primo gioco della serie, Rare pubblicò Banjo-Kazooie: Viti e bulloni per Xbox 360 e insieme a 4J Studios un rifacimento del primo gioco con una risoluzione più avanzata per Xbox Live Arcade. Grazie alla possibilità di salvare i dati dei giochi Xbox sulla console Banjo-Kazooie: Viti & bulloni e il rifacimento di Banjo-Kazooie permisero a Rare di sviluppare una nuova versione dello "Stop 'N' Swop" che consente al giocatore di sbloccare alcune funzionalità speciali se sulla sua console sono presenti i salvataggi di entrambi i giochi. Nel 2009 Rare e 4J Studios pubblicarono un rifacimento di Banjo-Tooie che si collegava a Banjo-Kazooie e Viti & bulloni tramite lo "Stop 'N' Swop". L'11 aprile 2017 uscì Yooka-Laylee, l'erede spirituale di Banjo-Kazooie sviluppato da Playtonic Games, un team formato da alcuni membri dell'ex personale chiave di Rare.

Altre apparizioni[modifica | modifica wikitesto]

Nel 2019 Banjo & Kazooie apparvero come personaggi giocabili in un contenuto scaricabile di Super Smash Bros. Ultimate.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) Rare Replay is developer’s first No.1 UK hit since 1998’s Banjo-Kazooie, su www.digitaltrends.com. URL consultato il 16 novembre 2019.
  2. ^ Rare Revealed: A Rare Look at Dream. URL consultato il 16 novembre 2019.
  3. ^ a b Rare Replay - The Making of Banjo Kazooie. URL consultato il 16 novembre 2019.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàLCCN (ENsh98006455
Videogiochi Portale Videogiochi: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di videogiochi