Bandiera della Nuova Zelanda

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Flag of New Zealand
Pīwari o Aotearoa
Flag of New Zealand Pīwari o Aotearoa
Proporzioni1:2
Simbolo FIAVBandiera nazionale e bandiera navale di stato
ColoriRGB

     (R:4 G:28 B:108)

     (R:206 G:17 B:38)

     R:255 G:255 B:255)

UsoBandiera civile e di Stato
Tipologianazionale
Adozione24 marzo 1902
NazioneNuova Zelanda Nuova Zelanda
Altre bandiere ufficiali
Navalebandiera navale
Realebandiera reale
Governativabandiera governativa
Civilebandiera civile
Aeronauticabandiera aeronautica
Aeronautica civileAeronautica civile
Fotografia
NZ flag Photo.jpg

La bandiera della Nuova Zelanda venne introdotta nel 1869 e adottata come bandiera nazionale nel 1902.

Struttura[modifica | modifica wikitesto]

Ha sfondo blu, con la Bandiera del Regno Unito (Union Jack) nel quadrante superiore sinistro e quattro stelle rosse bordate di bianco nella metà di destra.

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

L'Union Jack simboleggia l'appartenenza della Nuova Zelanda al Commonwealth. Le quattro stelle rosse bordate di bianco rappresentano la costellazione della Croce del Sud, hanno cinque punte e le loro dimensioni rispecchiano la diversa luminosità delle stelle della costellazione.

Nel suo aspetto il vessillo è simile alla bandiera dell'Australia, dal quale si distacca per il numero e la foggia delle stelle: sul vessillo australiano esse sono bianche e presenti in numero di 6, delle quali 5 hanno sette punte; in aggiunta alle quattro stelle condivise con la versione neozelandese, sono presenti anche una piccola stella bianca a cinque punte (Epsilon Crucis) e una a sette punte, di dimensioni maggiori, al di sotto della Union Jack.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Referendum del 2015 e del 2016[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Referendum sulla bandiera neozelandese del 2016.

L'11 marzo 2014 si diffuse la notizia che entro tre anni sarebbe stato indetto un referendum per proporre il cambio della bandiera, considerata troppo legata al passato coloniale e troppo simile a quella australiana[1]. Il premier John Key, poco dopo la vittoria alle elezioni, annunciò un primo referendum per scegliere il nuovo modello di bandiera nel 2015[2] e un secondo nel 2016 per scegliere se mantenere quella vigente o adottarne una nuova. Dalla fase propositiva scaturì un vessillo, disegnato da Kyle Lockwood, che manteneva il fondo blu e le quattro stelle rosse, ma eliminava la Union Jack sostituendola col disegno di un ramo di felce bianco posto a guisa di sbarra nella parte sinistra, a delimitare un cantone colorato di nero; di fatto il disegno costituiva un compromesso tra la bandiera ufficiale in uso e la bandiera della Felce argentata, popolare simbolo patriottico neozelandese.

Il 24 marzo 2016, però, i votanti respinsero l'adozione della nuova bandiera con una maggioranza del 57%[3]. Soprattutto la RSA ("Returned and Services Association", associazione di ex combattenti e reduci di guerra) contestò il referendum, per il fatto che molti neozelandesi avevano combattuto e trovato la morte sotto il vessillo con la Union Jack[4].

Note[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

  Portale Vessillologia: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di vessillologia