Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui

Bandiera dell'Abcasia

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Аҧсуа Aбыраҟ
(Aphsua Abyrak)
Аҧсуа Aбыраҟ(Aphsua Abyrak)
Proporzioni1:2
Simbolo FIAVBandiera nazionale
ColoriGenerici

     Rosso

     Bianco

     Verde

UsoBandiera civile e di stato
Tipologianazionale Bandiera normale o bandiera di diritto
Adozione23 luglio 1992
NazioneAbcasia
Altre bandiere ufficiali
Insegna presidenzialebandiera Insegna presidenziale Simbolo vessillologico Simbolo vessillologico 1:2
Fotografia
Abkhazian flags flying in Sukhumi.jpg
Bandiere dell'Abcasia che sventolano su Sukhumi

L'attuale bandiera dell'Abcasia è stata creata nel 1991 da V. Gamgia ed è stata adottata come bandiera nazionale dal parlamento abcaso il 23 luglio 1992. Proporzioni 3/5 (riconfermata il 10 novembre 1994 in proporzioni 1/2).[1]

Disegno[modifica | modifica wikitesto]

Il disegno nel cantone rosso richiama lo stemma del regno medievale dell'Abcasia: la mano destra aperta rappresenta la nazione abcasa, le sette stelle bianche, anche se non era nelle intenzioni originali, sono ora considerate rappresentare le sette regioni storiche dell'Abcasia: Abzhywa, Bzyp, Dal-Tsabal, Gumaa, Pskhuy-Aibga, Sadzen e Samurzaqan.[2]

Le sette bande bianche e verdi si rifanno alla Repubblica delle Montagne del Caucaso Settentrionale, di cui l'Abcasia fece parte dopo la fine della prima guerra mondiale. Esso sono in numero di sette poiché quest'ultimo è un numero sacro per gli Abcasi e sono verdi e bianche a rappresentare la tolleranza che permette la coesistenza tra cristianesimo e islam.

Le bandiere dell'Abcasia nella storia[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Аргун Ю.Г. (Argun Yu. G.), О Государственном флаге Archiviato il 28 settembre 2007 in Internet Archive. (La bandiera nazionale (XLVIII итоговая научная сессия (11-13 мая). тезисы докладов. - Сухум: АбИГИ, 2004, с. 3-4)
  2. ^ Государственные символы Archiviato il 28 settembre 2007 in Internet Archive.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]


Vessillologia Portale Vessillologia: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di vessillologia