Ballykissangel

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Ballykissangel
Titolo originale Ballykissangel
Paese Regno Unito
Anno 1996-2001
Formato serie TV
Genere drama, commedia
Stagioni 6
Episodi 57
Durata 50 min
Lingua originale inglese
Caratteristiche tecniche
Aspect ratio
Colore colore
Audio stereo
Crediti
Ideatore Kieran Prendiville
Interpreti e personaggi
Produttore Chris Clough
Chris Griffin
Produttore esecutivo Conor Harrington, Alan Moloney
Prima visione
Prima TV Regno Unito
Dal 1996
Al 2001
Rete televisiva BBC One
Prima TV in italiano (PPV)
Dal
Al
Servizio televisivo * Broadcasting Press Guild Award
  • IFTA Award
  • National Television Award
  • RTS Television Award
  • Silver Spire

Ballykissangel è una serie TV ambientata in Irlanda, prodotta e trasmessa dalla BBC dal 1996 al 2001.

Trama[modifica | modifica sorgente]

Peter Clifford, un giovane prete cattolico di Manchester, viene trasferito nel piccolo villaggio irlandese di Ballykissangel. Qui dovrà fare i conti con il suo odioso superiore, Padre MacAnally, e con tutti i problemi quotidiani degli abitanti: Brian Quigley, la cui costante ricerca di denaro lo porterà a compiere azioni immorali, sua figlia Niamh e il suo fidanzato, il poliziotto Ambrose Egan; il sospettoso negoziante Kathleen Hendley, il burbero veterinario Siobhan Mehigan, l'allegro Padraig O'Kelly, l'insegnante di recitazione Brendan Kearney, e il vecchio contadino Eamon Byrne.

Un significativo cambiamento del cast arriva nella terza stagione, con l'arrivo di nuovi personaggi tra quali il monaco Father Aidan O'Connell, sua sorella Orla, il giovane Danny Byrne, lo scrutatore Sean Dillon e sua figlia Emma, e tra la quinta e la sesta stagione.

Cast[modifica | modifica sorgente]

Curiosità[modifica | modifica sorgente]

  • Il nome del villaggio deriva da Ballykissanne, una cittadina dove il creatore della serie, Kieran Prendiville, era solito trascorrere le vacanze da bambino.
  • In gaelico il nome di Ballykissangel è "Baile Coisc Aingil", che significa "The town of the fallen angel" ("La città degli angeli caduti").

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]