Baldovino di Lussemburgo

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Baldovino di Lussemburgo
arcivescovo della Chiesa cattolica
Trier Balduinbrunnen Balduin von Luxemburg.jpg
Baldovino di Lussemburgo
Archbishop CoA PioM.svg
Incarichi ricoperti arcivescovo di Treviri dal 1308 alla morte
Nato 1285
Consacrato vescovo 1308 da papa Clemente V
Deceduto 1354

Baldovino di Lussemburgo (Lussemburgo, 1285Treviri, 21 gennaio 1354) fu un principe tedesco che divenne arcivescovo di Treviri.

Origine[modifica | modifica wikitesto]

Secondo la Histoire généalogique de la maison royale de Dreux (Paris), Luxembourg, Baldovino era figlio del conte di Lussemburgo, di Durbuy, di La Roche e di Arlon, Enrico VI e della moglie, Beatrice d'Avesnes[1], figlia di Baldovino d'Avesnes (settembre 1219-10 aprile 1295), signore di Beaumont e di Felicita di Coucy[2], figlia di Tommaso di Coucy Signore di Vervins e della moglie Matilde di Rethel[2].
Sempre secondo la Histoire généalogique de la maison royale de Dreux (Paris), Luxembourg, Enrico VI di Lussemburgo era figlio del conte di Lussemburgo, di La Roche e di Arlon, Enrico V e della moglie, Margherita di Bar[3] (1220 - 1275), che ancora secondo la Histoire généalogique de la maison royale de Dreux (Paris), Luxembourg, era figlia di Enrico II di Bar conte di Bar e di Filippa di Dreux[4], discendente (pronipote) dal re Luigi VI di Francia, figlia di Roberto II di Dreux e di Yolanda di Coucy[5].

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Fratello del conte di Lussemburgo, Arrigo VII, venne eletto arcivescovo di Treviri nel 1308. Dopo l'elezione si adoperò attivamente per far salire il fratello al trono imperiale. Dopo l'incoronazione a Re di Germania nel 1309, accompagnò il fratello nella sua discesa in Italia, dove venne incoronato re d'Italia, nel 1311 e Imperatore del Sacro Romano Impero, nel 1312. Dopo la morte di Arrigo VII, avvenuta nel 1313, Baldovino rientrò a Treviri.

Morto il fratello sostenne Ludovico il Bavaro nello scontro con Federico III e il papa Giovanni XXII. Rimase fedele a Ludovico fino al 1346 quando appoggiò il suo pronipote Carlo IV.

Morì a Treviri nel 1354.

Note[modifica | modifica wikitesto]

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Letteratura storiografica[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN61539754 · ISNI (EN0000 0001 2135 5300 · LCCN (ENn89638378 · GND (DE11850617X · BNF (FRcb11885679g (data)