Baldovino V di Fiandra

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Baldovino V
Balduin5Flandry.jpg
Baldovino V
Conte delle Fiandre e d'Artois
In carica 1035 –
1067
Predecessore Baldovino IV
Successore Baldovino VI
Conte di Hainaut[1]
In carica 1035 –
1145
Predecessore Baldovino IV
Successore Reginardo di Hasnon oppure
Ermanno di Hainaut
Nome completo Baldovino V detto l'Isolano
Nascita 1012/13
Morte Lille, 1º settembre 1067
Dinastia casato delle Fiandre
Padre Baldovino IV
Madre Ogiva di Lussemburgo
Consorte Adele di Francia
Figli Baldovino
Matilde e
Roberto
Religione cattolico

Baldovino V di Fiandra, detto di Lille, ed anche l'Isolano o il Pio (1012/13Lille, 1º settembre 1067), fu Conte di Hainaut (ridotto alla contea di Valenciennes), dal 1035 al 1045, conte di Fiandra e d' Artois, dal 1035 fino alla morte.

Origine[modifica | modifica wikitesto]

Baldovino, secondo la Genealogica Comitum Flandriæ Bertiniana, era il figlio primogenito del conte delle Fiandre, Baldovino IV, e di Ogiva di Lussemburgo,[2] che sempre, secondo la Genealogica Comitum Flandriæ Bertiniana, era la figlia del Conte del Moselgau, Federico di Lussemburgo (erroneamente, nel testo viene citato il fratello, Giselberto di Lussemburgo)[2] e della moglie di cui non si conosce il nome, che secondo la Vita Adelheidis abbatissæ Vilicensis, era discendente dai Corradinidi,[3] conti e duchi della Franconia.
Baldovino VI di Fiandra era l'unico figlio maschio del conte di Fiandra, conte d'Artois e Abate laico di San Bertino, Arnolfo II e di Rozala[4] (952 – 7 febbraio 1003), moglie di Arnolfo II, come è indicato nelle Europäische Stammtafeln.[5], vol II, cap. 5 (non consultate) (secondo gli Annales Elnonenses Minores il matrimonio poteva essere avvenuto prima del 968).[6] Rosala era figlia di re d'Italia Berengario II e di Willa III d'Arles, figlia a sua volta del marchese di Toscana Bosone. Entrambe le famiglie discendevano da Carlomagno e per essere esatti il piccolo Baldovino era la settima generazione da parte di padre e ottava da parte di madre a partire dall'Imperatore.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1028, nella cattedrale di Amiens,[7] come conferma anche la Genealogica Comitum Flandriæ Bertiniana, Baldovino prese in sposa Adele, la figlia femmina secondogenita del re di Francia, Roberto II detto il Pio.[2] e di Costanza d'Arles, che, secondo Hugonis Floriacensis, Liber qui Modernorum Regum Francorum continet Actus 9, era figlia del conte d'Avignone, conte di Provenza e marchese di Provenza, Guglielmo I e di Adelaide d'Angiò[8] (947 - 1026), figlia del Conte d'Angiò e poi, conte di Nantes e duca di Bretagna, Folco II e di Gerberga (secondo lo storico Maurice Chaume era figlia del Visconte Goffredo d'Orleans).
Baldovino, dopo il matrimonio con Adele di Francia, si ribellò a suo padre, Baldovino IV, che dovette lasciare le Fiandre e rifugiarsi in Normandia,[7] dove si sposò, in seconde nozze, con Eleonora, la figlia del duca di Normandia, Riccardo II.[9] Quindi con l'aiuto dell'esercito normanno, Baldovino IV riuscì a rientrare nelle Fiandre, dove perdonò il figlio.[9] e l'associò nel governo delle contee.[7]

Baldovino IV morì nel 1035, come documentato dagli Annales Elnonenses Minores, in cui viene definito, figlio di Susanna,[10] mentre dagli Annales Blandinienses viene definito glorioso marchese.[11] Baldovino succedette al padre, come Baldovino V.

Tra il 1047 ed il 1048, Baldovino sviluppò buone relazioni col conte Godwin del Wessex e con suo figlio, Sweyn Godwinson, come ci conferma l'Anglo-Saxon Chronicle;[12] quando poi Godwin, nel 1051, fu esiliato, Baldovino lo accolse.[7]

Durante la lunga guerra (1045-1056) che lo vide opporsi, assieme a Goffredo il Barbuto, Duca di Lorena, all'Imperatore Enrico III,[13] perse il controllo della città di Valenciennes a favore di Ermanno di Hainaut. Dopo la morte di quest'ultimo, avvenuta nel 1049, Baldovino fece sposare il suo figlio primogenito, anche di nome Baldovino, come ci testimoniano gli Annales Elnonenses Maiores, nel 1051, con la Contessa di Hainaut, Richilde di Egisheim,[14] la vedova di Ermanno di Hainaut, citata erroneamente come Giuditta, che gli portò in dote la contea di Mons.[15]
Attraverso questo matrimonio, suo figlio Baldovino divenne conte di Hainaut (la contea di Hainaut, era composta dai territori della contea di Mons, del marchesato di Valenciennes e della parte meridionale del marchesato del Brabante), Baldovino I, spodestando i due figli minorenni, che Rachele aveva avuto dal primo marito, Ermanno di Hainaut, che, secondo la Gisleberti Chronicon Hanoniense, erano stati avviati alla vita religiosa.[16]

Tra il 1053 ed il 1054, anche il figlio, Baldovino I conte di Hainaut, si unì al padre Baldovino V, nella ribellione contro Enrico III[17] e a seguito dell'invasione e del saccheggio delle Fiandre da parte di Enrico III, la città di Lille si arrese all'imperatore.[18] Baldovino allora pose l'assedio ad Anversa, ma anche qui fu sconfitto.[19]

Prima del 1060, come ci mostra il documento n° 113 delle Chartes et documents de l'abbaye de Saint Pierre au Mont Blandin à Gand, Baldovino V, figlio di Baldovino IV e Ogiva, fece una donazione al monastero stesso, assieme alla moglie, Adele.[20]

Il monaco e cronista inglese, Orderico Vitale, riporta che Baldovino V delle Fiandre, nel 1060, divenne tutore del nuovo re di Francia, il nipote (era figlio del cognato, Enrico I), Filippo I, ancora monorenne,[21] ed anche la Chronica Albrici Monachi Trium Fontium, conferma che Baldovino V assunse la tutela del giovane (parvulo) Filippo I.[22], assieme alla vedova di Enrico I e madre di Filippo I, Anna di Kiev.

BaldovinoV morì nel 1067, il 1º settembre (kal. sept.), come riportano gli Annales Elnonenses Maiores,[23] ed anche gli Annales Blandinienses (Baldwinus potentissimus marchisus):[24] morì a Lilla, dove fu sepolto.[10]
Gli succedette il figlio primogenito, Baldovino VI.[7]

Discendenza[modifica | modifica wikitesto]

Baldovino e Adele ebbero tre figli:[7][25]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Pur mantenendo il titolo di conte di Hainaut, ne governava solo una parte, la contea di Valenciennes.
  2. ^ a b c (LA) Monumenta Germaniae Historica, Scriptores,tomus IX, Genealogica Comitum Flandriæ Bertiniana, pagina 306, su www.dmgh.de.
  3. ^ (LA) Monumenta Germaniae Historica, Scriptores,tomus XV, Pars II, Vita Adelheidis abbatissæ Vilicensis, par. 3, pagina 757, su www.dmgh.de.
  4. ^ (LA) Monumenta germanica Historica, tomus IX; Genealogiae Comitum Flandriae , Pag 306, su www.dmgh.de.
  5. ^ Le Europäische Stammtafeln sono una raccolta di tavole genealogiche delle (più influenti) famiglie europee.
  6. ^ (LA) Monumenta germanica Historica, tomus V; Annales Elnonenses Minores, anni 950-968, Pag 19, su www.dmgh.de.
  7. ^ a b c d e f (EN) #ES Foundation for Medieval Genealogy : Nobiltà delle Fiandre-BAUDOUIN de Flandre, su fmg.ac.
  8. ^ (LA) Monumenta Germaniae Historica, Scriptores,tomus IX, Hugonis Floriacensis, Liber qui Modernorum Regum Francorum continet Actus 9, anno 996 pagina 385 e note, su www.dmgh.de.
  9. ^ a b (EN) #ES Foundation for Medieval Genealogy : Nobiltà delle Fiandre-BAUDOUIN de Flandre, su fmg.ac.
  10. ^ a b (LA) Monumenta germanica Historica, tomus V; Annales Elnonenses Minores, anno 1035, Pag 20, su www.dmgh.de.
  11. ^ (LA) Monumenta Germaniae Historica, Scriptores, tomus V, Annales Blandinienses, anno 1035, Pag 26, su www.dmgh.de.
  12. ^ (EN) #ES Anglo-Saxon Chronicle anno 1047 e anno 1048, su www.gutenberg.org.
  13. ^ Caroline M Ryley, L'imperatore Enrico III, pag. 212 e seguenti.
  14. ^ Caroline M Ryley, L'imperatore Enrico III, pag. 222.
  15. ^ (LA) Monumenta Germanica Historica, Scriptores, tomus V: Annales Elnonenses Maiores, anno 1051, pag. 13, su www.dmgh.de.
  16. ^ (LA) Monumenta Germanica Historica, Scriptores, tomus XXI: Gisleberti Chronicon Hanoniense, pag. 491, su www.dmgh.de.
  17. ^ Caroline M Ryley, L'imperatore Enrico III, pag. 224.
  18. ^ Caroline M Ryley, L'imperatore Enrico III, pag. 225.
  19. ^ Caroline M Ryley, L'imperatore Enrico III, pag. 226.
  20. ^ (LA) Chartes et documents de l'abbaye de Saint Pierre au Mont Blandin à Gand, documento 113, Pag 80, su archive.org.
  21. ^ (LA) Historia Ecclesiastica, vol. II, liber III, cap. V, pagg. 79 e 80, su books.google.it.
  22. ^ a b c d (LA) #ES Monumenta Germaniae Historica, Scriptores,tomus XXIII, Chronica Albrici Monachi Trium Fontium, anno 1060, pag 792, su www.dmgh.de.
  23. ^ (LA) Monumenta Germanica Historica, Scriptores, tomus V: Annales Elnonenses Maiores, anno 1067, pag. 13, su www.dmgh.de.
  24. ^ (LA) Monumenta Germanica Historica, Scriptores, tomus V: Annales Blandinienses, anno 1067, pag. 26, su www.dmgh.de.
  25. ^ (EN) #ES Genealogy : Flanders 1 - Baldwin V "de Lille", su genealogy.euweb.cz.
  26. ^ (LA) Monumenta Germaniae Historica, Scriptores, tomus IX, Genealogica Comitum Flandriæ Bertiniana, Pag 306, riga 10, su www.dmgh.de.
  27. ^ (LA) Monumenta Germaniae Historica, Scriptores, tomus IX, Genealogica Comitum Flandriæ Bertiniana, Pag 306, riga 11, su www.dmgh.de.
  28. ^ (LA) Monumenta Germaniae Historica, Scriptores, tomus IX, Genealogica Comitum Flandriæ Bertiniana, Pag 306, riga 12, su www.dmgh.de.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Letteratura storiografica[modifica | modifica wikitesto]

  • Edwin H Holthouse, L'imperatore Enrico II, in «Storia del mondo medievale», vol. IV, 1999, pp. 126–169

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Predecessore conte di Fiandra Successore Blason comte-des-Flandres.svg
Baldovino IV 1036 - 1067 Baldovino VI
Predecessore Conte di Hainaut
solo la contea di Valenciennes
Successore
Baldovino IV 1035-1045 Reginardo di Hasnon oppure
Ermanno di Hainaut
Controllo di autorità VIAF: (EN80572660 · GND: (DE136184669 · CERL: cnp01151778