Baldovino VII di Fiandra

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Baldovino VII
Baldwin VII of Flanders.jpg
Conte delle Fiandre
In carica 1111 –
1119
Predecessore Roberto II
Successore Carlo il Buono
Nascita 1093 circa
Morte Roeselare, 17 luglio 1119)
Sepoltura Abbazia di San Bertino
Dinastia casato delle Fiandre
Padre Roberto II
Madre Clemenza di Borgogna
Consorte Hawise di Bretagna
Religione Cattolico

Baldovino VII di Fiandra (1093 circa – Roeselare, 17 luglio 1119) fu conte di Fiandra dal 1111 fino alla sua morte.

Origine[modifica | modifica wikitesto]

Secondo la Genealogica Comitum Flandriæ Bertiniana, Baldovino era il figlio primogenito del conte delle Fiandre, Roberto II di Gerusalemme e della moglie (come ci viene confermato dal documento n° LXXIV del Cartulaire de l'Abbaye de Saint-Bertin, dove viene citata come contessa (Clementie Flandrarum comitisse) quale moglie di Roberto (nam conjux eius, Robertus iunior)[1]), Clemenza di Borgogna, che, secondo la Genealogica Comitum Flandriæ Bertiniana era figlia del conte di Borgogna, conte di Mâcon e conte di Vienne, Guglielmo I, detto il Grande o l'Ardito (Clementiam filiam Willelmi comitis Burgundionum cognomento Testahardith)[2] (10201087), e di Stefania di Borgogna (ca. 1035 – dopo il 1088), di cui non si conoscono con esattezza gli ascendenti[3]:

Secondo il documento n° XXIX del Cartulaire de l'Abbaye de Saint-Bertin, Roberto II di Fiandra era il figlio primogenito del conte delle Fiandre, Roberto I[4], e, come ci conferma la Genealogica Comitum Flandriæ Bertiniana, della moglie, Gertrude di Sassonia[5], che, sia secondo la Genealogica Comitum Flandriæ Bertiniana, che secondo la Genealogia ex stirpe Sancti Arnulfi descendentium Mettensis era figlia di Bernardo II di Sassonia[6][7] e di Eilika di Schweinfurt (secondo l'Annalista Saxo era la legittima moglie di Bernardo II di Sassonia[8]), che ancora secondo l'Annalista Saxo era la figlia di Enrico di Schweinfurt Margravio di Nordgau[8] e della moglie Gerberga di Hammerstein (come conferma la Thietmari Merseburgensis episcopi Chronicon Gerberga (dominam suam Gerbergam), durante la ribellione del 1003 era custodita dal cognato, Bucco, (frater comitis Heinrici, Bucco nominem)[9]. Baldovino, per parte di madre era il nipote di Guido di Borgogna (1050-1124), futuro papa con il nome di Callisto II e di Raimondo di Borgogna (circa 10621107), futuro conte di Galizia e di Coimbra e futuro padre del re Alfonso VII di Castiglia che sarà detto l'imperatore di Spagna; poteva poi vantare parentela molto stretta con altre case regnanti: era infatti primo cugino anche di Amedeo III di Savoia e di Guglielmo V del Monferrato, entrambi erano figli di una zia materna, Gisella di Borgogna, che aveva sposato, in prime nozze, Umberto II di Savoia, e poi Ranieri I del Monferrato.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Dopo essere divenuto re di Francia, nel 1108, Luigi VI il Grosso, secondo Orderico Vitale, ebbe problemi col conte di Blois, di Chartres, di Meaux e di Châteaudun, signore di Sancerre e Amboise, conte di Troyes e conte di Champagne, Tebaldo II che era in rivolta contro Luigi VI insieme ad altri baroni francesi[10]. Suo padre, Roberto II si unì all'esercito reale che si dirigeva contro Meaux, dove Tebaldo si era ritirato ma, in una strettoia, vicino alla città, cadde dal suo cavallo e finì sotto le zampe della cavalleria e morì poco dopo, il 5 ottobre 1111, per le ferite riportate[11]; il suo corpo fu trasportato ad Arras, dove venne sepolto nella'abbazia di San Vedasto[12].
Baldovino gli succedette come Baldovino VII conte di Fiandra[12].

Baldovino fece sposare Carlo di Danimarca (suo cugino) con Margherita di Clermont unica erede della contea di Amiens nel 1118. Baldovino trovò la morte sul campo di Battaglia. Durante la Battaglia di Bures-en-Brai che lo vedeva contrapposto ad Enrico I di Inghilterra venne ferito mortalmente. Baldovino morente indicò come suo successore suo cugino Carlo che divenne il nuovo conte di Fiandra.

Matrimonio e discendenza[modifica | modifica wikitesto]

Baldovino fu sposato con Hawise figlia di Alan IV, Duca di Bretagna all'età di 12 anni. Il matrimonio non durò a lungo ne fu consumato (la sposa al momento del matrimonio aveva solo 9 anni), infatti nel 1105 divorziarono e nessuno dei due si risposò.

Note[modifica | modifica wikitesto]

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Fonti primarie[modifica | modifica wikitesto]

Letteratura storiografica[modifica | modifica wikitesto]

  • Z.N. Brooke, "La Germania sotto Enrico IV e Enrico V", cap. XIII, vol. IV (La riforma della chiesa e la lotta fra papi e imperatori) della Storia del Mondo Medievale, 1999, pp. 422–482.
  • William John Corbett, "Inghilterra, 1087-1154", cap. II, vol. VI (Declino dell'impero e del papato e sviluppo degli stati nazionali) della Storia del Mondo Medievale, 1999, pp. 56–98.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Predecessore conte di Fiandra Successore Blason comte-des-Flandres.svg
Roberto II 1011 - 1119 Carlo il Buono
Controllo di autorità VIAF: (EN85987246 · GND: (DE137806175 · CERL: cnp01170844