Balda Di Vittorio

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Balda Di Vittorio Berti
Baldina Di Vittorio.jpg

Deputato della Repubblica Italiana
Legislature IV
Gruppo
parlamentare
Comunista
Circoscrizione Puglia
Collegio Bari-Foggia
Sito istituzionale

Senatore della Repubblica Italiana
Legislature V
Gruppo
parlamentare
Comunista
Circoscrizione Puglia
Collegio Lucera
Sito istituzionale

Dati generali
Partito politico Partito Comunista Italiano
Professione Funzionaria di partito

Balda Di Vittorio, detta Baldina (Cerignola, 16 ottobre 1920Cerignola, 2 gennaio 2015), è stata una politica italiana, figlia del sindacalista Giuseppe Di Vittorio[1].

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Figlia di Giuseppe Di Vittorio, educata nel clima dell'emigrazione antifascista in Francia, fin da giovanissima fu attiva nelle organizzazioni della gioventù comunista francese. Iscritta al PCI dal 1938, Baldina allo scoppio della seconda guerra mondiale fu internata dalle autorità d'oltralpe nel campo di Rieucros e dopo il crollo della Francia riuscì a rifugiarsi negli Stati Uniti col marito Giuseppe Berti. Qui frequentò i corsi della Jefferson School e prese parte all'attività dei gruppi antifascisti di New York.

Dopo la fine del secondo conflitto mondiale poté tornare in Italia e divenne membro della presidenza nazionale dell'UDI. Nell'aprile del 1963 fu eletta deputato per il PCI, che l'aveva candidata nella Circoscrizione di Bari, e nel 1968 divenne senatrice.

Fonti[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàSBN IT\ICCU\IEIV\040348