Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui

Bahar Soomekh

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Bahar Soomekh (in persiano: بهار سومخ) (Teheran, 30 marzo 1975) è un'attrice iraniana naturalizzata statunitense, attivista politica e vincitrice di uno Screen Actors Guild Award.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Soomekh nasce a Teheran, in Iran, il 30 marzo del 1975 da una famiglia ebraica. Suo padre è originario di Hamadan mentre sua madre di Teheran. Il cognome "Soomekh" è piuttosto diffuso nella comunità ebraico-iraniana mentre il suo nome, "Bahar", in persiano simboleggia la primavera, "una nuova vita".[1] Nel 1979, quando Bahar non ha che quattro anni, la sua famiglia emigra negli Stati Uniti, a Los Angeles (in California), per sfuggire alla Rivoluzione iraniana scatenatasi nel paese. Nel nuovo paese frequenta la Sinai Akiba Academy a Yeshiva e la Beverly Hills High School, dove impara a suonare il violino in una scuola d'orchestra per un periodo di 13 anni. Attualmente parla un fluente inglese, persiano, spagnolo e un discreto ebraico.[2] Dopo aver approfondito gli studi nella University of California di Santa Barbara (California), ottiene nel 1993 il diploma della Beverly Hills High School, intraprendendo numerosi viaggi in Europa. Ritornata a Los Angeles, è costretta a trovare un lavoro per coprire il debito del viaggio. Non soddisfatta del nuovo lavoro, inizierà il mestiere dell'insegnante in scuole serali.

Filmografia parziale[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) Biografia di Bahar Soomekh, Internet Movie Database. URL consultato il 19 febbraio 2009.
  2. ^ (EN) Bahar Soomekh: Mission Possible, babaganewz.com. URL consultato il 19 febbraio 2009.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Template interprogetto vuoto e senza dati da recuperare da Wikidata

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: (EN120517972 · LCCN: (ENno2010055735