Bagni Rác

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Bagni Rác
Budapest Rácz Fürdő IMG 0750-1000.jpg
L'ingresso al bagno termale Rác
Localizzazione
StatoUngheria Ungheria
LocalitàBudapest
Coordinate47°29′26″N 19°02′36″E / 47.490556°N 19.043333°E47.490556; 19.043333
Informazioni generali
CondizioniIn uso
CostruzioneXVI secolo
Realizzazione
ArchitettoMiklós Ybl

I Bagni Rác si trovano nella parte Buda di Budapest in Ungheria. È una struttura termale di 8000 metri quadrati ed è famosa per il bagno turco risalente al XVI secolo, per le sue piscine imperiali e per il Corridoio delle docce costruite nel periodo dell'Impero austro-ungarico. Le terme fanno parte del Patrimonio dell'umanità. Al complesso sono state aggiunte le nuove costruzioni del Rac Hotel & Thermal Spa. Il nome Rác deriva dalla denominazione ungherese antica dei serbi, una popolazione che conviveva a Tabán con la popolazione originale ungherese dopo la dominazione ottomana.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Bagno turco
Cupola neorinascimentale
Corridoio delle docce

Bagno turco[modifica | modifica wikitesto]

La parte più antica dei bagni Rác è la Cupola turca, costruita nel 1572 e all'epoca chiamata Küçük Iliça (Piccole terme). Questa cupola si è ben conservata nel corso dei secoli e, pertanto, può essere restaurata con tecniche conservative. Le finestre, le porte, le kurnas (vasche di marmo sulle pareti), la piscina e il pavimento sono ancora quelli originali che sono stati sottoposti ad un restauro che li ha riportati al loro stato originale. La cupola, posta a lato della Cupola turca, fu distrutta nel 1905 (tempo della costruzione del ponte Elisabetta) ed è stata anch'essa restaurata con i resti trovati dagli archeologi.

Bagno Ybl e Corridoio delle docce[modifica | modifica wikitesto]

La parte più spettacolare dei bagni Rác è stata ideata e costruita dal famoso architetto ungherese Miklós Ybl in due fasi tra il 1865 e il 1870. Circa il 30-40 per cento della Cupola in stile romantico di Ybl e il famoso Corridoio delle docce sono rimasti intatti fino a che hanno subito un bombardamento delle truppe sovietiche durante la seconda guerra mondiale e sono state restaurate negli anni sessanta del Novecento e anche nel 2002. La parte rimanente di quest'area è stata ricostruita e riportata al suo stato originale seguendo antiche incisioni, disegni e documentazioni.

La seconda parte, la Cupola imperiale, costruita nel 1870, mostra dei cambiamenti di prospettiva dell'architetto. Il marmo è il materiale maggiormente utilizzato e sulle pareti possono essere trovati elementi simbolici dell'età moderna. Questa parte è stata completamente distrutta durante la costruzione del ponte Elisabetta; tuttavia i resti sono stati sepolti nella piscina e in seguito hanno fornito informazioni fondamentali per l'attuale ricostruzione.

Bagno Flora[modifica | modifica wikitesto]

Questa sezione dei bagni, costruita anch'essa nel 1865, è stata disegnata seguendo lo stile delle antiche terme romane, ed ora è utilizzata come parte del complesso dedicata ai VIP.

Spa di oggi[modifica | modifica wikitesto]

La parte più recente delle terme è stata costruita nel XXI secolo in un'area adiacente agli edifici storici e fornisce servizi più moderni con 21 sale per trattamenti, una sala business e una speciale zona VIP.

Contenuto di acqua[modifica | modifica wikitesto]

I numerosi benefici terapeutici delle acque carsiche delle terme Rác sono ben noti. Le acque termali, insieme ai servizi forniti, offrono opportunità ricreative e sono ritenuti curativi per l'artrite, le malattie della colonna vertebrale, i dolori dei dischi intervertebrali, le stenosi aortiche, i problemi circolatori, l'asma e la bronchite. Il complesso dispone di 11 piscine, le temperature dell'acqua sono di 14 °C, 36 °C, 38 °C, 42 °C.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Buzás, Gergely: Középkori fürdők (Műemlékvédelem 2009, Vol. LIII, edizione 5. pp. 285-289) [1]
  • G. Lászay, Judit & Papp, Adrienn: Budai török fürdők kutatása az évezred elején (Műemlékvédelem 2009, Vol. LIII, edizione 5. pp. 290-316) [2]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]