Badflower

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Badflower
Badflower live at The Sinclair in Cambridge, MA 2016.jpg
Il gruppo in concerto a Cambridge nel 2016
Paese d'origineStati Uniti Stati Uniti
GenereHard rock[1]
Periodo di attività musicale2013 – in attività
EtichettaBig Machine, Republic
Album pubblicati2
Studio2
Sito ufficiale

I Badflower sono un gruppo musicale statunitense formatosi nel 2013. È formato dai musicisti Josh Katz, Joey Morrow, Anthony Sonetti e Alex Espiritu.

Storia del gruppo[modifica | modifica wikitesto]

Dopo aver conseguito un contratto discografico con la Republic Records nel marzo 2016,[2] la formazione è andata in tournée negli Stati Uniti d'America con i Billy Talent a supporto del progetto Afraid of Heights nei primi mesi dell'anno seguente.[3]

Il singolo Ghost, vincitore dell'iHeartRadio Music Award alla canzone rock dell'anno e certificato oro dalla Recording Industry Association of America,[4][5] è contenuto nell'album in studio di debutto OK, I'm Sick,[6] classificatosi nella graduatoria LP nazionale e promosso dal relativo tour.[7][8]

Il loro secondo disco, intitolato This Is How the World Ends, è stato pubblicato nel settembre 2021.[9]

Formazione[modifica | modifica wikitesto]

Discografia[modifica | modifica wikitesto]

Album in studio[modifica | modifica wikitesto]

  • 2019 – OK, I'm Sick
  • 2021 – This Is How the World Ends

EP[modifica | modifica wikitesto]

  • 2018 – Temper

Singoli[modifica | modifica wikitesto]

  • 2015 – Soap
  • 2017 – Heroin
  • 2018 – Ghost
  • 2019 – The Jester
  • 2020 – Move Me
  • 2020 – Promise Me
  • 2020 – 30
  • 2021 – F*ck the World
  • 2021 – Family
  • 2021 – Don't Hate Me
  • 2021 – Fukboi
  • 2021 – Johnny Wants to Fight

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) Neil Z. Yeung, Badflower, su AllMusic, All Media Network. URL consultato il 23 gennaio 2022.
    «Los Angeles hard rock outfit Badflower»
  2. ^ (EN) Kyle Eustice, Badflower: Behaving Like Animals, su bandwagmag.com, 5 dicembre 2016. URL consultato il 23 gennaio 2022.
  3. ^ (EN) Badflower (Varvatos/Republic), su Hits Daily Double, 13 novembre 2016. URL consultato il 23 gennaio 2022.
  4. ^ (EN) Paul Grein, Here's the Complete List of 2020 iHeartRadio Music Award Winners, su Billboard, 8 settembre 2020. URL consultato il 23 gennaio 2022.
  5. ^ (EN) Badflower – Gold & Platinum, su Recording Industry Association of America. URL consultato il 23 gennaio 2022.
  6. ^ (EN) Kaycee Fry, REVIEW: Badflower Is Ready To Take Over Rock With 'OK, I'm Sick', su Substream Magazine, 18 febbraio 2019. URL consultato il 23 gennaio 2022.
  7. ^ (EN) Badflower - Chart history (Billboard 200), su Billboard. URL consultato il 23 gennaio 2022.
  8. ^ (EN) Chad Childers, BADFLOWER ANNOUNCE FIRST U.S. HEADLINE TOUR, su Loudwire, 30 luglio 2019. URL consultato il 23 gennaio 2022.
  9. ^ (EN) Emily Carter, Badflower announce new album, This Is How The World Ends, su Kerrang!, 7 luglio 2021. URL consultato il 23 gennaio 2022.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN306162664189455000290 · ISNI (EN0000 0004 7025 2481
  Portale Rock: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di rock