Bacino euroasiatico

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Profilo batimetrico del Mar Glaciale Artico

Il bacino euroasiatico è uno dei due maggiori bacini nei quali il bacino artico del Mar Glaciale Artico è suddiviso dalla dorsale di Lomonosov; il secondo è il bacino amerasiatico.

Il bacino euroasiatico può essere considerato un'estensione del bacino del nord Atlantico attraverso lo stretto di Fram. A sua volta viene ulteriormente suddiviso da una dorsale oceanica, la dorsale di Gakkel, nel bacino di Nansen e nel bacino di Amundsen. Quest'ultimo bacino è il più profondo del Mar Glaciale Artico ed è qui che si trova il Polo nord geografico. La massima profondità è raggiunta nell'abisso Litke, a -5449 m.[1]

Il bacino euroasiatico è delimitato a sud dalla Groenlandia e dall'arcipelago delle Isole Svalbard, dalla dorsale di Lomonosov e dalle piattaforme continentali del Mare di Laptev, del Mare di Kara e del Mare di Barents.

Si ritiene che il bacino risalga al Cenozoico e si sia originato circa 63 milioni di anni fa in seguito all'espansione del fondale oceanico.[2]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Physical characteristics of the Arctic
  2. ^ Plate Tectonics Model for the Evolution of the Arctic, Geology, vol. 2, Issue 8, p.377 (1974) DOI10.1130%2F0091-7613%281974%292%3C377%3APTMFTE%3E2.0.CO%3B2

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Coordinate: 83°N 50°W / 83°N 50°W83; -50