Baci di Cherasco

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Baci di Cherasco
Baci di cherasco piattino.jpg
Origini
Luogo d'origineItalia Italia
RegionePiemonte
Zona di produzioneCherasco
Dettagli
Categoriadolce
RiconoscimentoP.A.T.
Settorepaste fresche e prodotti della panetteria, della biscotteria, della pasticceria e della confetteria
Ingredienti principali
 

I baci di Cherasco sono cioccolatini riconosciuti come Prodotto Agroalimentare Tradizionale (P.A.T.) italiano (cod.259)[1]. Vengono prodotti in Piemonte ed in particolare a Cherasco, in provincia di Cuneo.[2]

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

Dettaglio dei cioccolatini

I baci di Cherasco sono cioccolatini dalla forma irregolare fatti di cioccolato fondente (60 % circa[2]) e di nocciole tostate appartenenti alla varietà Tonda Gentile del Piemonte. Queste ultime vengono frammentate e mescolate con il cioccolato e con burro di cacao. Il tutto viene poi suddiviso in piccole porzioni che, una volta raffreddate, si trasformano in cioccolatini croccanti e dalla forma irregolare.[3] La produzione avviene in laboratori artigiani; la conservazione, evidentemente più problematica nella stagione estiva, non richiede particolari trattamenti o additivi.[4]

Cenni storici[modifica | modifica wikitesto]

Baci di Cherasco confezionati

L'origine di questi cioccolatini viene fatta risalire al 1881[5] quando un giovane pasticcere cheraschese, di ritorno da un periodo di apprendistato a Torino, fondò la pasticceria Barbero. Nella nuova confetteria vennero prodotti per la prima volta i baci di Cherasco, che con il tempo divennero caratteristici della cittadina piemontese.

Preparazione[modifica | modifica wikitesto]

Per la preparazione casalinga dei cioccolatini viene consigliato l'utilizzo di cioccolato fondente al 70% di cacao, che va sciolto a bagnomaria e poi mescolato con un po' di zucchero a velo e con le nocciole tostate e grossolanamente frantumate con un mattarello o un batticarne. Il composto può essere fatto raffreddare su un foglio di carta da forno.[6]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali, Decreto 7 giugno 2012. Dodicesima revisione dell'elenco nazionale dei prodotti agroalimentari tradizionali, in Gazzetta Ufficiale della Repubblica Italiana n.142, 20 giugno 2012, 53.
  2. ^ a b (EN) AA.VV., Lonely Planet Italy, Lonely Planet, 2010, p. 240. URL consultato il 24-01-2015.
  3. ^ Baci di Cherasco, Provincia di Cuneo. URL consultato il 24-01-2015 (archiviato dall'url originale il 28 gennaio 2015).
  4. ^ BACI di CHERASCO (CN), Confederazione italiana agricoltori. URL consultato il 24-01-2015 (archiviato dall'url originale il 28 gennaio 2015).
  5. ^ Cherasco, Touring Club Italiano. URL consultato il 24-01-2015.
  6. ^ Baci di Cherasco, Donna Moderna. URL consultato il 24-01-2015.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • AA. VV., Un Piemonte per tutti i gusti, Torino, Regione Piemonte - Piemonte Agricoltura, 2005, p. 121.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]