Bachi da pietra

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Bachi da pietra
Paese d'origine Italia Italia
Genere Blues rock
Blues
Periodo di attività musicale 2004 – in attività
Etichetta Woodworm, La Tempesta, Wallace Records, Die Schachtel, Santeria Records, Boring Machines.
Album pubblicati 5
Studio 5
Sito ufficiale

I Bachi da pietra sono un gruppo rock blues italiano con una forte attitudine noir.

Storia del gruppo[modifica | modifica wikitesto]

I Bachi da pietra sono un duo nato nel 2004 e formato da Giovanni Succi, che precedentemente suonava con i Madrigali Magri, e Bruno Dorella, ex Wolfango e ideatore e membro attivo dei Ronin e degli OvO.

L'esordio del duo avviene nel 2005 con l'album Tornare alla terra, registrato nella cripta della Chiesa di Sant'Ippolito di Nizza Monferrato.[1] Le tecniche di registrazione furono ispirate a tecnologie arcaiche per dare all'album un suono vivido, ruvido e profondo.[2]

Nel 2007 esce Non io, coprodotto da Wallace Records e dalla milanese Die Schachtel e caratterizzato da un forte componente minimalista dai ritmi rallentati quasi claustrofobici. Nel 2008 è la volta di Tarlo terzo.

Grazie a un progetto ideato da Francesco Donadello dei Giardini di Mirò, i Bachi da pietra il 19 luglio 2009 registrano alcune tracce all'interno del Teatro Dimora l'Arboreto di Mondaino. Nasce così Insect Tracks, un disco costruito tutto all'antica, dalla registrazione analogica su nastro, all'incisione su vinile avvenuta tramite un tornio meccanico, fino alla produzione, realizzata con mezzi della tecnologia monofonica degli anni cinquanta. Si tratta di un vero e proprio 33 giri con un Lato A (senza pubblico) e un Lato B (di sera, con pubblico). Insieme al vinile viene anche realizzato un DVD curato da Luigi Conte.

Quasi in contemporanea arriva il quarto album, dal titolo Quarzo.

Il 15 aprile 2011 il gruppo pubblica uno split album con i Massimo Volume dal titolo Massimo Volume/Bachi da pietra (La Tempesta).

A metà gennaio 2013 esce Quintale, album registrato a Varano Borghi da Giulio Favero dal suono più duro e possente dei lavori precedenti. Il disco è pubblicato da La Tempesta (nel formato CD) e da Woodworm (LP)[3] e vede la collaborazione di Arrington de Dionysio (Old Time Relijun) al sax. Nel dicembre 2013 pubblicano l'EP Festivalbug in vinile serigrafato in edizione limitata ed in free download.

Nel 2014 il gruppo partecipa alla riedizione dell'album Hai paura del buio? degli Afterhours, collaborando al rifacimento del brano Punto G.

Formazione[modifica | modifica wikitesto]

Discografia[modifica | modifica wikitesto]

Album in studio[modifica | modifica wikitesto]

EP[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]