Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui

Babymetal

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Babymetal
Le Babymetal durante il concerto al Brixton Academy di Londra, novembre 2014
Le Babymetal durante il concerto al Brixton Academy di Londra, novembre 2014
Paese d'origine Giappone Giappone
Genere J-pop[1]
Alternative metal[1]
Heavy metal[1]
Periodo di attività 2010 – in attività
Etichetta Jūonbu Records (2011-2013)
BMD Fox Records (2013-)
Album pubblicati 2
Studio 1
Live 1
Opere audiovisive 4
Gruppi e artisti correlati Sakura Gakuin
Karen Girl's
Sito web

Le Babymetal sono un gruppo musicale di idol giapponesi che unisce la musica j-pop (o più precisamente l'idol music[Nota 1]) alle sonorità tipiche della musica heavy metal, creato nel 2010 dall'agenzia di talenti Amuse. È formato dalla cantante Suzuka Nakamoto (Su-metal) e dalle coriste Yui Mizuno (Yuimetal) e Moa Kikuchi (Moametal).

Il loro album di debutto, dal titolo omonimo, è stato pubblicato nel 2014 e si è classificato alla quarta posizione della classifica Oricon e al secondo della classifica Billboard Japan.

Storia del gruppo[modifica | modifica wikitesto]

Origini e formazione (2010)[modifica | modifica wikitesto]

Il gruppo nacque nel 2010 come sub-unit del gruppo idol femminile Sakura Gakuin, dall'idea di creare un gruppo che potesse unire il concetto che sta alla base della cultura idol giapponese alle sonorità della musica heavy metal[Nota 2][2][3][4][5][6]. Il progetto si sviluppò intorno a Suzuka Nakamoto (Su-metal), scelta in base alle sue doti vocali, alla sua presenza scenica e in seguito allo scioglimento del suo gruppo precedente, le Karen Girl's. Per completare il trio vennero scelte Yui Mizuno (Yuimetal) e Moa Kikuchi (Moametal)[7], all'epoca entrambe di dieci anni[8]. Nessuna delle tre era a conoscenza di cosa fosse la musica metal prima di entrare a far parte del progetto[4][9][10].

Il nome del gruppo deriva da un gioco di parole con il vocabolo baby (ベビー bebī?) che in lingua giapponese rima con la parola heavy (ヘビー hebī?), ma può essere interpretato altresì come "nascita di un nuovo tipo di metal", in cui la parola baby sta appunto a indicare la nascita di un nuovo genere musicale[9][11].

Periodo indie (2010-2012)[modifica | modifica wikitesto]

La prima esibizione dal vivo del gruppo avvenne il 28 agosto 2010 durante un concerto delle Sakura Gakuin[12], mentre il loro primo brano, Dokidoki morning, venne inizialmente inserito nell'album delle stesse, Sakura Gakuin 2010nendo: Message, pubblicato nell'aprile 2011[13]. Successivamente ne venne girato un video musicale, prima pubblicato in formato DVD e distribuito in occasione dei loro concerti[14], e poi caricato su YouTube, dove ottenne grande riscontro anche al di fuori del Giappone[15]. Nel luglio 2011 presentarono, nuovamente in occasione di un concerto delle Sakura Gakuin, il brano Ijime, dame, zettai, successivamente pubblicato come singolo nel 2013[8][12][13].

Il primo singolo in formato CD del gruppo, Babymetal × Kiba of Akiba (in collaborazione con la band Kiba of Akiba), fu pubblicato nel marzo 2012 dall'etichetta discografica Jūonbu Records (filiale della Toy's Factory), posizionandosi al terzo posto della classifica settimanale Oricon per le pubblicazioni indipendenti e al primo posto di quella della Tower Records[16]. Il singolo successivo, Headbanger!!, fu pubblicato nel luglio dello stesso anno[16]. Il video musicale della title track gioca sul gesto dell'headbanging[17] e anche il merchandising relativo, uscito allora insieme all'edizione limitata del singolo, consisteva in un cofanetto contenente un collare ortopedico simile a quello indossato da Su-metal nel video[18].

Nell'agosto 2012 le Babymetal debuttarono al Summer Sonic Festival[19] diventando, con un'età media di 12 anni, le più giovani artiste a esibircisi[20].

Album di debutto e tour mondiale (2013-2014)[modifica | modifica wikitesto]

Nel 2013 il gruppo debuttò sotto un'etichetta discografica major pubblicando i singoli Ijime, dame, zettai[21][22] e Megitsune[23]. Nella primavera dello stesso anno Suzuka Nakamoto (Su-metal) conseguì il diploma di scuola media inferiore, lasciando di conseguenza le Sakura Gakuin, in quanto la politica del gruppo prevede che vi facciano parte esclusivamente componenti che frequentino le scuole elementari o le medie. Tuttavia la produzione le permise di portare avanti il progetto delle Babymetal e di proseguire la carriera con il gruppo[24].

Le Babymetal dal vivo in una delle loro coreografie (2014)

In agosto si esibirono al Summer Sonic Festival per il secondo anno consecutivo[25], mentre in ottobre parteciparono per la prima volta al Loudpark, unica manifestazione del Giappone dedicata alla musica metal[26] diventando, anche in questo caso, il gruppo più giovane nella storia del festival ad avervi mai partecipato[20]. A novembre, inoltre, collaborono con i Metallica alla promozione per il mercato giapponese del film concerto del gruppo statunitense Metallica 3D Through the Never[27]. Verso la fine dell'anno il gruppo pubblicò il primo DVD dal vivo, Live: Legend I, D, Z Apocalypse, contenente tre diversi concerti[28][29]. Il disco debuttò al settimo posto della classifica Oricon settimanale per i DVD e al secondo in quella per i DVD musicali[30].

Il 26 febbraio 2014 le Babymetal pubblicarono il loro primo album in studio, dal titolo omonimo. Il disco venne reso disponibile anche in un'edizione limitata, comprendente un DVD con alcuni video musicali ed esibizioni dal vivo[31]. L'album fu accolto positivamente sia dalla critica[32][33][34] che dal pubblico, debuttando al numero 4 della classifica Oricon[35] e al numero 2 della Billboard Japan[36], con 37.000 copie vendute nella prima settimana in Giappone. Inoltre esordì alla prima posizione della classifica iTunes Metal negli Stati Uniti, nel Regno Unito e in Germania, mentre il 22 marzo si posizionò alla posizione numero 187 della Billboard 200, cosa riuscita fino ad allora solo a pochi artisti giapponesi, e al numero 4 della classifica Top Heatseekers[37][38].

Il 1º e il 2 marzo 2014 le Babymetal tennero una serie di due concerti al Nippon Budokan di Tokyo, attirando un seguito di 20.000 spettatori totali e diventando, con un'età media di 14,7 anni, le artiste femminili più giovani a essercisi esibite[39]. Durante il secondo concerto il gruppo annunciò inoltre un tour mondiale, che prese il via nel luglio dello stesso anno toccando città quali Parigi (Francia), Colonia (Germania), Londra e Knebworth (UK), quest'ultima in occasione del Sonisphere Festival 2014[40][41]. Il tour proseguì in Nord America, dove le Babymetal si esibirono prima al Fonda Theatre di Los Angeles (USA) il 27 luglio[42], e poi all'Heavy Montréal 2014 in Canada, il 9 agosto[43]. Sempre in agosto parteciparono a cinque date del tour americano di Lady Gaga Artrave: The Artpop Ball, in qualità di gruppo spalla[44]. In ottobre le Babymetal pubblicarono il secondo DVD dal vivo, dal titolo Live: Legend 1999 & 1997 Apocalypse, contenente due concerti registrati all'NHK Hall e al Makuhari Event Hall durante il 2013[45]. In novembre il gruppo tornò in Inghilterra, esibendosi al Brixton Academy di Londra[46], e negli Stati Uniti, all'Hammerstein Ballroom di New York[47].

Live at Budokan e secondo tour mondiale (2015-presente)[modifica | modifica wikitesto]

Il 7 gennaio 2015 fu pubblicato il terzo DVD dal vivo del gruppo intitolato Live at Budokan: Red Night & Black Night Apocalypse, contenente i due concerti registrati al Budokan, e un album dal vivo dal titolo Live at Budokan: Red Night, contenente l'audio del primo concerto e un codice che permetteva di scaricare in formato digitale Road of Resistance, brano nato da una collaborazione con Sam Totman e Herman Li del gruppo power metal britannico DragonForce[48]. L'album debuttò al primo posto della classifica Oricon settimanale dedicata ai Blu-ray, facendo delle Babymetal il gruppo musicale più giovane a raggiungere la vetta di tale classifica con un media di 15,7 anni, battendo il precedente record di 16,6 anni detenuto dalle Momoiro Clover Z[49]. Live at Budokan: Red Night debuttò invece al 3º posto, diventando il primo album dal vivo a entrare nelle prime tre posizioni della Oricon a distanza di 24 anni e 7 mesi, quando il duo musicale Wink raggiunse la prima posizione con l'album Shining Star nel 1990[49][50].

Il 10 gennaio 2015 le Babymetal tennero un concerto davanti a 20.000 spettatori alla Saitama Super Arena[51][52], trasmesso poi dall'emittente satellitare WOWOW nel marzo successivo[53][54]. Di lì a poco partirono per un'ulteriore tournée mondiale suonando in città quali Città del Messico (Messico), Toronto (Canada), Chicago e Columbus (Stati Uniti), Nürburg e Monaco (Germania), Vienna (Austria), Strasburgo (Francia), Zurigo (Svizzera), Bologna (Italia), Chiba (Giappone)[55][56], oltre a partecipare ai festival di Reading e Leeds in Inghilterra[57].

Stile musicale[modifica | modifica wikitesto]

Il gruppo definisce il proprio stile musicale come un nuovo genere chiamato "kawaii metal" (kawaii significa "carino") e lo identifica come un «connubio di idol music e heavy metal»[58][59][60][61], in quanto il loro stile teen pop giapponese si fonde a vari generi dell'heavy metal[62]. I critici musicali solitamente associano il gruppo ai generi death metal, heavy metal e j-pop[8][10][63], ma alcuni dei loro brani vengono definiti melodic death metal (Babymetal Death)[64] e melodic speed metal (Ijime, dame, zettai)[13][15], mentre uno dei brani dal suono più originale, Ii ne!, è stato associato all'electronicore[65]. Marty Friedman, ex chitarrista dei Megadeth, ha dichiarato che «il gruppo suona come i Meshuggah con sopra del j-pop»[66].

Nessuna delle tre ragazze aveva confidenza con il metal prima che il gruppo venisse formato. La cantante Suzuka Nakamoto (Su-metal) espresse inizialmente delle perplessità riguardo al progetto, ma successivamente dichiarò di essere «entusiasta di vedere dove questo le avrebbe portate e di imparare nuove cose»[10]. Yui Mizuno (Yuimetal) confessò che all'inizio il concetto del metal la spaventava, per poi affermare di aver «compreso perché alle persone piaccia così tanto» e di esserne «interessata». Kobametal, il produttore del gruppo, spiegò in un'intervista in che modo fosse nata l'idea delle Babymetal: «Alla Amuse[Nota 3] abbiamo un gruppo chiamato Perfume, che mi piace molto. Ma ho pensato, se dovessi creare un gruppo, che farei? Mi piace molto il metal, così ho pensato di mischiare il metal all'idol music»[61]. In seguito lo stesso Kobametal aggiunse che le Babymetal non sono categorizzabili né come metal né come pop[67], in quanto ambiscono a diventare un gruppo unico nel suo genere[68].

Patrick St. Michel di MTV 81 ha lodato le esibizioni dal vivo delle Babymetal, definite capaci di «trasmettere purezza ed energia tramite il loro headbanging», e ha definito il loro stile come un misto di «suoni apparentemente disparati provenienti sia dal metal che dal pop, che creano una musica ancorata a grida pesanti e teneri ritornelli»[10]. Enrico Ahlig, della rivista Metal Hammer, ha descritto il loro stile come una formula di «gonne corte, fascino da scolarette e voci acute, esattamente come nei manga. Il tutto unito al metal»[69]. Enrico Salvini di Panorama ha infine definito il loro stile come «una commistione di power e speed-metal con spruzzatine di EDM e crunk [...] su cui le tre goth-lolita cantano, con voci di bimbe, melodie pop di infettività epidemica»[40].

I testi dei brani delle Babymetal trattano diversi temi, alcuni seri come il bullismo o la pressione esercitata nelle giovani donne a mantenere un determinato canone di bellezza, altri più convenzionali alla musica idol, come l'incoraggiare gli adolescenti a camminare con le proprie gambe, passando per argomenti molto più leggeri come le feste o il cioccolato. In ogni caso lo stile adottato nei testi del gruppo si discosta notevolmente da quello utilizzato dalla maggior parte dei gruppi metal[33][40][70][71].

Esibizioni dal vivo[modifica | modifica wikitesto]

Oltre a cantare, le Babymetal accompagnano i brani con coreagrafie e passi di danza. Su-metal, la frontwoman del gruppo, è generalmente posizionata al centro ed è accreditata sul sito ufficiale delle Babymetal come cantante e ballerina; Yuimetal e Moametal le stanno ai lati, e sono accreditate come screamer e ballerine[59][61][72]. Queste ultime, quando si esibiscono senza Su-metal, prendono il nome di Black Babymetal[73]. Le coreografie sono ad opera di Mikiko, già nota per la sua collaborazione con le Perfume[74].

Chitarrista e bassista di supporto a un concerto delle Babymetal

Il trio si veste generalmente con abiti in stile punk/goth lolita di colore rosso e nero[15][40][75]. Al posto del gesto delle corna utilizzano il cosiddetto gesto della volpe, o più precisamente kitsune. Quest'ultima è accreditata dalle tre ragazze come l'entità divina che ha permesso loro di giungere alla ribalta e, come dichiarato da Su-metal, esse sono potute diventare le Babymetal «grazie alla sua benedizione»[61][76]. Il tema della kitsune ricorre spesso nelle esibizioni dal vivo del gruppo e, secondo il produttore Kobametal, ogni azione che le Babymetal debbono compiere è rivelata loro tramite questa entità divina[67], contribuendo a creare e mantenere un alone di mistero attorno al gruppo[77].

Ai concerti le Babymetal sono accompagnate da una band di supporto, la quale inizialmente consisteva in una band che fingeva di suonare gli strumenti sopra la base registrata, indossando costumi da scheletro bianchi e neri[78]. Con la crescita della popolarità del gruppo e la portata dei concerti questa venne gradualmente sostituita da una band formata da veri musicisti, tra i quali Takayoshi Ōmura, Mikio Fujioka, Leda, Boh, Hideki Aoyama e Yūya Maeta[79][80][81]. Quest'ultima è nota con il nome di Full Metal Band, Gods of Metal o Kami Band[26][27][82].

Formazione[modifica | modifica wikitesto]

  • Su-metal, vero nome Suzuka Nakamoto (中元 すず香?)voce (2010–presente)
  • Yuimetal, vero nome Yui Mizuno (水野 由結?) – cori (2010–presente)
  • Moametal, vero nome Moa Kikuchi (菊地 最愛?) – cori (2010–presente)

Musicisti di supporto[modifica | modifica wikitesto]

Discografia[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Lo stesso argomento in dettaglio: Discografia delle Babymetal.

Album in studio[modifica | modifica wikitesto]

  • 2014 – Babymetal
  • 2016 – Metal Resistance

Album dal vivo[modifica | modifica wikitesto]

Videografia[modifica | modifica wikitesto]

Album video[modifica | modifica wikitesto]

Tournée[modifica | modifica wikitesto]

  • 2013 - Babymetal Death Match Tour 2013: May Revolution
  • 2014 - Babymetal World Tour 2014
    • 2014 - Babymetal Back to the USA/UK Tour 2014
  • 2015 - Babymetal World Tour 2015
    • 2015 - Babymetal World Tour 2015 in Japan

Premi e riconoscimenti[modifica | modifica wikitesto]

MTV Europe Music Awards
MTV Video Music Awards Japan[85]
  • 2015 - Miglior artista metal
Annual Loudwire Music Awards
CD Shop Awards[88]
Kerrang! Awards[89]
  • 2015 - Premio "Spirit of Independence"
Metal Hammer Golden Gods Awards[90]
  • 2015 - Premio "Breakthrough Band"
GQ Japan Men of the Year Awards[91]
  • 2015 - Premio "Discovery of the Year"
Vogue Japan Awards[92]
  • 2015 - Premio "Women of the Year"

Note[modifica | modifica wikitesto]

Annotazioni[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ L'idol music è un sottogenere del j-pop caratterizzato da brani molto orecchiabili e dalla presenza di elementi tipici dell'estetica kawaii. Vedi Put your kitsune up! BABYMETAL is set to dominate the world with ‘dangerous kawaii’, su Rocketnews24.com, 21 giugno 2013. URL consultato il 14 novembre 2014.
  2. ^ Il gruppo Sakura Gakuin (さくら学院? letteralmente "Accademia della fioritura del ciliegio"), il cui concetto prende spunto dal sistema scolastico giapponese, possiede tra le sue attività i cosiddetti "club extrascolastici" (部活 bukatsu?) tra i quali il club di cucina, il club di scienze, ecc. Ogni club ha i suoi membri e pubblica i dischi con all'interno le proprie canzoni originali. Il club della musica pesante (重音部 Jūon-bu?) ha tre membri (Su-metal, Yuimetal e Moametal) e pubblica i propri lavori sotto il nome di Babymetal.
  3. ^ L'Amuse, Inc. è l'agenzia di talenti che rappresenta e gestisce il gruppo.

Fonti[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c (EN) BABYMETAL, Allmusic. URL consultato il 18 novembre 2014.
  2. ^ (JA) BABYMETAL海外からも人気, in Web R25, 17 aprile 2014. URL consultato il 29 maggio 2014.
  3. ^ (EN) Dom Lawson, Babymetal: Japan's rockers in knee socks, in The Guardian, 13 marzo 2014. URL consultato il 29 maggio 2014.
  4. ^ a b Valentina Gianfermo, Babymetal: dal Giappone il fenomeno pop-metal delle adolescenti che riempiono gli stadi, Excite Network, 7 marzo 2014. URL consultato il 29 maggio 2014.
  5. ^ Le “Baby Metal” la nuova baby band made in Japan, su CheDonna.it, 11 marzo 2014. URL consultato il 29 maggio 2014.
  6. ^ Babymetal – Babymetal (2014), su Concretamentesassuolo.it, 1º maggio 2014. URL consultato il 29 maggio 2014.
  7. ^ (JA) 異色メタルアイドル「ベビーメタル」はなぜ人気? “仕掛け人”を直撃! [Perché quest'unico gruppo idol-metal è così popolare? La loro trovata è una hit!], in Nikkei Trendy Net, 31 ottobre 2012, p. 1. URL consultato il 14 novembre 2014.
  8. ^ a b c (EN) Alexis Stephens, Are Japan’s Death Metal Teenyboppers Babymetal Okay?, MTV Iggy, 7 marzo 2014. URL consultato il 14 novembre 2014.
  9. ^ a b Filmato audio(EN) BABYMETAL - cutest headbangers on the planet, Razor TV, dicembre 2013. URL consultato il 14 novembre 2014.
  10. ^ a b c d (EN) Patrick St. Michel, Headbanging with BABYMETAL at ROCK IN JAPAN 2013, MTV 81, 26 agosto 2013. URL consultato il 14 novembre 2014.
  11. ^ (JA) 異色メタルアイドル「ベビーメタル」はなぜ人気? “仕掛け人”を直撃! [Perché quest'unico gruppo idol-metal è così popolare? La loro trovata è una hit!], in Nikkei Trendy Net, 31 ottobre 2012, p. 2. URL consultato il 14 novembre 2014.
  12. ^ a b (JA) BABYMETAL 動画コメント掲載DEATH!!, HMV Japan, 28 dicembre 2012. URL consultato il 14 novembre 2014.
  13. ^ a b c (EN) Japan's BABYMETAL Talks 'Headbangeeeeerrrrr!' Single, Plans To Travel Overseas (Video), su Blabbermouth.net, 2 luglio 2012. URL consultato il 9 febbraio 2015.
  14. ^ (JA) BABYMETAL、テビュー曲のミュージック・クリップとタオルがセットに, in Tower Records Online, Tower Records, 12 ottobre 2011. URL consultato il 14 novembre 2014.
  15. ^ a b c (JA) 12~13歳女の子の「ヘビメタアイドル」 「さくら学院 BABYMETAL」に世界が大注目 [L'"heavy metal-idol" più forte del mondo [viene] da delle 12-13nni - Le Babymetal delle Sakura Gakuin], su J-cast.com, 16 dicembre 2011. URL consultato il 14 novembre 2014.
  16. ^ a b (JA) 女の子3人組のメタルダンスユニット“BABYMETAL”、初の単独シングル発売決定 [Gruppo idol/metal formato da tre ragazze pubblica il primo singolo indipendente], in De View, Oricon, 27 aprile 2012. URL consultato il 14 novembre 2014.
  17. ^ (JA) BABYMETAL「ヘドバンギャー!!」でSU-METALに神降臨, in Natalie, 21 giugno 2012. URL consultato il 14 novembre 2014.
  18. ^ (JA) BABYMETAL、「扇風機ヘドバン」「土下座ヘドバン」が舞い踊るミュージックビデオが完成, Barks, 21 giugno 2012. URL consultato il 14 novembre 2014.
  19. ^ (JA) BABYMETAL サマソニ史上最年少&初出場でロックファンを魅了、海外公演も決定, su Musicman-net.com, 20 agosto 2012. URL consultato il 14 novembre 2014.
  20. ^ a b (EN) Artist profile, su Sozo.sg. URL consultato il 14 novembre 2014.
  21. ^ (EN) BABYMETAL to make their major debut with "Ijime, Dame, Zettai", in Tokyohive, 7 ottobre 2012. URL consultato il 14 novembre 2014.
  22. ^ (JA) BABYMETAL 世直しメタルソング「イジメ、ダメ、ゼッタイ」全貌解禁, su Musicman-net.com, 4 dicembre 2012. URL consultato il 14 novembre 2014.
  23. ^ (EN) BABYMETAL to release new single in June, in Tokyohive, 15 aprile 2013. URL consultato il 17 novembre 2014.
  24. ^ (EN) BABYMETAL to continue their activities after SU-METAL's graduation from Sakura Gakuin, in Tokyohive, 1º febbraio 2013. URL consultato il 14 novembre 2014.
  25. ^ (JA) BABYMETAL : 2度目のサマソニ参戦が決定 今年は大阪にも降臨! [Le Babymetal annunciano la loro partecipazione al Summer Sonic di Osaka di quest'anno per la seconda volta consecutiva], in Mantanweb, 18 maggio 2013. URL consultato il 14 novembre 2014.
  26. ^ a b (EN) BABYMETAL is off to the Top Metal Festival in Japan! Performance at LOUD PARK 13 Confirmed, in Kawaii Girl Japan, Barks, 4 ottobre 2013. URL consultato il 14 novembre 2014.
  27. ^ a b (EN) METALLICA movie x BABYMETAL, “Gods of Metal” collaborative commercial released, Barks, 21 novembre 2013. URL consultato il 14 novembre 2014.
  28. ^ (DE) Markus Lemke, Japan-Metaller Babymetal: Live-Aufnahme von ‘Catch Me If You Can’, in Metal Hammer, 29 novembre 2013. URL consultato il 14 novembre 2014.
  29. ^ (EN) BABYMETAL To Release Concert DVD, Blu-Ray, su Blabbermouth.net, 24 settembre 2013.
  30. ^ (JA) 【オリコン】BABYMETAL、初ライブBDがTOP10入り, in Oricon Style, Oricon, 27 novembre 2013. URL consultato il 14 novembre 2014.
  31. ^ (EN) Details on BABYMETAL's first album revealed, in Tokyohive, 26 gennaio 2014. URL consultato il 15 novembre 2014.
  32. ^ (EN) Tim Sendra, Babymetal - Babymetal, in Allmusic. URL consultato il 15 novembre 2014.
  33. ^ a b (EN) Patrick St. Michel, Babymetal “Babymetal”, in The Japan Times, 18 marzo 2014. URL consultato il 15 novembre 2014 (archiviato dall'url originale il 29 marzo 2014).
  34. ^ (JA) BABYMETAL 『BABYMETAL』, in Rolling Stone Japan. URL consultato il 15 novembre 2014.
  35. ^ (JA) 2014年02月24日〜2014年03月02日のCDアルバム週間ランキング(2014年03月10日付), in Oricon Style, Oricon. URL consultato il 15 novembre 2014 (archiviato dall'url originale il 5 marzo 2014). (JA) BABYMETALのCDアルバムランキング │オリコン芸能人事典, in Oricon Style, Oricon. URL consultato il 15 novembre 2014.
  36. ^ (JA) Billboard Japan Top Albums│Charts│Billboard JAPAN, Billboard Japan. URL consultato il 15 novembre 2014. (JA) 週間アルバムチャートでうたプリ1位に、武道館実現のBABYMETALも善戦, Billboard Japan. URL consultato il 15 novembre 2014.
  37. ^ (EN) Billboard 200, in Billboard, 22 marzo 2014. URL consultato il 15 novembre 2014 (archiviato dall'url originale il 16 marzo 2014).
  38. ^ (EN) BABYMETAL to perform at a British rock festival for the first time with the likes of Metallica and Iron Maiden, Barks, 16 aprile 2014. URL consultato il 15 novembre 2014.
  39. ^ (JA) BABYMETAL、武道館単独公演で史上最年少記録, in Oricon Style, Oricon, 3 marzo 2014. URL consultato il 15 novembre 2014. Una traduzione parziale in inglese dell'articolo è disponibile su: BABYMETAL hold their 1st Budokan concert, in Tokyohive, 3 marzo 2014. URL consultato il 15 novembre 2014.
  40. ^ a b c d Enrico Salvini, Babymetal: la nippo-band che manda in tilt i metallari, in Panorama, 7 luglio 2014. URL consultato il 15 novembre 2014.
  41. ^ (JA) BABYMETAL、ワールドツアー7月よりパリで開幕DEATH, in Natalie, 7 maggio 2014. URL consultato il 15 novembre 2014. Una traduzione parziale in inglese dell'articolo è disponibile su: BABYMETAL announce their first world tour, in Tokyohive, 8 maggio 2014. URL consultato il 15 novembre 2014. Consulta inoltre il manifesto del Sonisphere Festival 2014.
  42. ^ (EN) BABYMETAL Plays First-Ever U.S. Show At Sold-Out Fonda Theatre In Los Angeles; Video, Photos Available, su Blabbermouth.net, 8 maggio 2014. URL consultato il 15 novembre 2014.
  43. ^ (JA) BABYMETAL、カナダ最大級フェスでメタリカらと競演へ, in Oricon Style, Oricon, 25 maggio 2014. URL consultato il 15 novembre 2014. Una traduzione parziale in inglese dell'articolo è disponibile su: BABYMETAL to attend Canada's 'HEAVY MONTREAL', in Tokyohive, 25 maggio 2014. URL consultato il 15 novembre 2014.
  44. ^ (EN) Jun Hongo, Horror Pop Idol Trio Babymetal to Join Lady Gaga on Tour, in The Wall Street Journal, 18 giugno 2014. URL consultato il 15 novembre 2014.
  45. ^ (JA) BABYMETAL タワレココラボポスター第70弾に降臨&新宿店ではカレンダーカードも, Billboard Japan, 20 ottobre 2014. URL consultato il 15 novembre 2014.
  46. ^ (EN) Antonia Molloy, Babymetal announce UK date as part of their World Tour 2014, in The Independent, 18 agosto 2014. URL consultato il 15 novembre 2014.
  47. ^ (EN) Brad Nelson, Babymetal review: pop fans and headbangers united in awe, in The Guardian, 5 novembre 2014. URL consultato il 15 novembre 2014.
  48. ^ (EN) BABYMETAL's New Song 'Road Of Resistance' Featuring DRAGONFORCE Members: Audio Preview, su Blabbermouth.net, 5 gennaio 2015. URL consultato il 7 gennaio 2015.
  49. ^ a b (JA) 【オリコン】BABYMETAL、ライブ盤で快挙 女性最年少15.7歳でBD1位, in Oricon Style, Oricon, 13 gennaio 2015. URL consultato il 23 gennaio 2015.
  50. ^ (JA) 「BABYMETAL」日本人女性グループ24年ぶりライブ盤でアルバムランキングTOP3, in Tokyo Sports, 13 gennaio 2015. URL consultato il 23 gennaio 2015.
  51. ^ (JA) 2万人の大合唱!BABYMETAL、たまアリで“WODの乱”, in Natalie, 13 gennaio 2015. URL consultato il 23 gennaio 2015.
  52. ^ (JA) BABYMETAL、2万人のダメジャンプ&大合唱 6月に過去最大公演決定, in Oricon Style, Oricon, 10 gennaio 2015. URL consultato il 23 gennaio 2015.
  53. ^ (JA) BABYMETAL、幕張メッセで過去最大規模ライブ敢行, in Natalie, 10 gennaio 2015. URL consultato il 25 aprile 2015.
  54. ^ (JA) BABYMETAL「さいたまスーパーアリーナ公演」、WOWOWで放送DEATH!, in Barks, 10 gennaio 2015. URL consultato il 25 aprile 2015.
  55. ^ (EN) Patrick Macias, BABYMETAL Announces 2015 World Tour, in Crunchyroll, 9 febbraio 2015. URL consultato il 17 ottobre 2015.
  56. ^ (JA) BABYMETALワールドツアーにフランス、スイス、イタリア追加, in Natalie, 26 febbraio 2015. URL consultato il 17 ottobre 2015.
  57. ^ (EN) Andrew Trendell, Babymetal added to Reading & Leeds 2015 line-up, in Gigwise, 19 aprile 2015. URL consultato il 17 ottobre 2015.
  58. ^ (EN) BABYMETAL – Biography – Artist, Barks. URL consultato il 7 dicembre 2013.
  59. ^ a b (EN) About, su Babymetal.com. URL consultato il 16 novembre 2014.
  60. ^ (EN) BABYMETAL Wants To Start New Musical Genre Called 'Cute Metal', su Blabbermouth.net, 16 luglio 2014. URL consultato il 15 novembre 2014.
  61. ^ a b c d (EN) Preston Phro, Put your kitsune up! BABYMETAL is set to dominate the world with ‘dangerous kawaii’, su Rocketnews24.com, 21 giugno 2013. URL consultato il 14 novembre 2014.
  62. ^ (EN) Babymetal: Japan's Cute Heavy Metal Band Releases New Video, in The Huffington Post, 3 maggio 2014. URL consultato il 14 novembre 2014.
  63. ^ (DE) Markus Lemke, Metal-Wahnsinn in Japan Babymetal werben für Metallica [Follia metal in Giappone: Babymetal pubblicizzano i Metallica], in Metal Hammer, 20 novembre 2013. URL consultato il 7 dicembre 2013.
  64. ^ (JA) BABYMETAL「SUMMER CAMP 2013」に爆音生バンドを従え登場 [L'esibizione live delle BABYMETAL al "Summer Camp 2013" insieme a una band ruggente], su Musicman-net.com, 17 luglio 2013. URL consultato il 7 dicembre 2013.
  65. ^ (EN) アイドルとメタルの融合BABYMETALが、「メタル女子会」イベントに参戦 [L'idol-metal delle Babymetal partecipa all'evento "Associazione ragazze metal"], Barks, 10 gennaio 2012. URL consultato il 16 novembre 2014.
  66. ^ (EN) Ben Umanov, Life After 'Deth: How Megadeth's Marty Friedman Became a Japanese Superstar, in Rolling Stone, 19 agosto 2014. URL consultato il 15 novembre 2014.
  67. ^ a b (EN) Jeff Benjamin, Meet Kobametal, the Mysterious Mastermind Behind Babymetal, in Fuse TV, 20 gennaio 2015. URL consultato il 9 febbraio 2015.
  68. ^ (EN) Andrew Trendell, Babymetal: 'We are like nothing you've seen before', in Gigwise, 6 novembre 2014. URL consultato il 9 febbraio 2015.
  69. ^ (DE) Enrico Ahlig, Babymetal: Verrückter Metal-Trend aus Japan [Babymetal: pazzo trend metal dal Giappone], in Metal Hammer, 20 novembre 2013. URL consultato il 16 novembre 2014.
  70. ^ (EN) Melody L. Goh, Kawaii! Babymetal, teenage girls with a love for metal music, in The Star Online, 18 aprile 2014. URL consultato il 16 novembre 2014.
  71. ^ (EN) Alex Hudson, Did Babymetal invent 'cute metal' and what is it?, in BBC, 10 luglio 2014. URL consultato il 16 novembre 2014.
  72. ^ (EN) Reyan Ali, Seriously, what is Babymetal?, in The Portland Phoenix, 1º agosto 2012. URL consultato il 16 novembre 2014.
  73. ^ (EN) Details on CD info and newest artwork for 'festival metal', BABYMETAL's 'Megitsune' revealed, in Kawaii Girl Japan, Barks, 19 maggio 2013. URL consultato il 16 novembre 2014.
  74. ^ (EN) 「なんじゃこりゃ!? でももう1回観たい!」と思わせたい, in Natalie, 4 luglio 2012. URL consultato il 16 novembre 2014.
  75. ^ (EN) 'Don't Mess With Them!!!' BABYMETAL Releases Second Single And Announces Additional Show For Tour, in Kawaii Girl Japan, Barks, 20 aprile 2013. URL consultato il 16 novembre 2014.
  76. ^ (EN) Daniel Robson, Babymetal: 'I've never been in a moshpit. I think I'd get smashed to bits', in The Guardian, 7 novembre 2014. URL consultato il 17 novembre 2014.
  77. ^ (EN) Some kind of monster, in Metal Hammer, 19 settembre 2014, p. 68.
  78. ^ (JA) テキストリポート【アイドル横丁祭!!】℃-ute、SUPER☆GiRLS、BABYMETALなど豪華7組が出演した【アイドル横丁祭!!】をリポート!楽屋コメント&撮りおろしのライブ写真とたっぷりとお届けします!動画は随時更新していくよ!, in Kawaii Girl Japan, 18 aprile 2013. URL consultato il 16 novembre 2014.
  79. ^ (EN) Colin McQuistan, The Best Worst Band in the World Are Playing the UK - Lord Have Mercy, in The Huffington Post, 29 agosto 2014. URL consultato il 16 novembre 2014.
  80. ^ (JA) 「BABYMETAL快進撃!」の絶妙な仕掛け, in Toyokezai Online, 15 gennaio 2015. URL consultato il 9 febbraio 2015.
  81. ^ (JA) 世界も認めたBABYMETAL「恐ろしく上手い」バックバンドの中の人とは?, in The Hard Workers, Aol News, 13 novembre 2014. URL consultato il 17 ottobre 2015.
  82. ^ (EN) [Kawaii girl Japan/ Concert Report] BABYMETAL Performed a New Song at NHK Hall Solo Show, in Kawaii Girl Japan, Barks, 26 luglio 2013. URL consultato il 16 novembre 2014.
  83. ^ (JA) MAN WITH A MISSION、BABYMETALら、ヨーロッパ最大級の音楽アワード"2014 MTV EMA"のワイルドカード枠にノミネート!Twitterによるファン投票受付スタート!, in Geki-Rock, 9 settembre 2014. URL consultato l'11 marzo 2015.
  84. ^ (JA) Babymetal, MTV. URL consultato il 2 dicembre 2015.
  85. ^ (ENJA) WINNERS MTV VMAJ 2015, MTV Japan. URL consultato il 2 dicembre 2015.
  86. ^ (EN) Graham Hartmann, Babymetal Win Best New Act in 4th Annual Loudwire Music Awards, in Loudwire, 3 febbraio 2015. URL consultato l'11 marzo 2015.
  87. ^ a b c (EN) BabyMetal Win Three Honors in the 5th Annual Loudwire Music Awards, in Loudwire, 1º dicembre 2015. URL consultato il 2 dicembre 2015.
  88. ^ (JA) BABYMETALがCDショップ大賞!SU-METAL「すごくドキドキ」, in Natalie, 9 marzo 2015. URL consultato l'11 marzo 2015.
  89. ^ (EN) The Relentless Kerrang! Awards 2015 Winners List, in Kerrang!, 11 giugno 2015. URL consultato il 17 ottobre 2015.
  90. ^ (EN) Del Crookes, Slipknot, Bring Me The Horizon & Babymetal win Metal Hammer Golden Gods Awards, in BBC, 16 giugno 2015. URL consultato il 17 ottobre 2015.
  91. ^ (JA) 2015年、もっとも輝いた男たち 「GQ Men of the Year 2015」受賞者を発表, in GQ Japan, 19 novembre 2015. URL consultato il 2 dicembre 2015.
  92. ^ (JA) VOGUE JAPAN Women of the Year 2015 - ウーマン・オブ・ザイヤー 2015 - VOGUE, in Vogue Japan. URL consultato il 2 dicembre 2015.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

musica Portale Musica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di musica