BTS (gruppo musicale)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
BTS
BTS on the Billboard Music Awards red carpet, 1 May 2019.jpg
I BTS sul red carpet dei Billboard Music Award il 1º maggio 2019. Da sinistra: V, Suga, Jeon Jung-kook, Jin, RM, Park Ji-min e J-Hope
Paese d'origineCorea del Sud Corea del Sud
GenereK-pop[1]
Hip hop[1]
Pop rap[1]
Periodo di attività musicale2013 – in attività
Etichetta
Album pubblicati11
Studio6
Colonne sonore1
Raccolte4
Logo ufficiale
Sito ufficiale

I BTS (in coreano Bangtan Sonyeondan, 방탄소년단?), conosciuti anche come Bangtan Boys,[4] sono un gruppo musicale sudcoreano formatosi a Seul nel 2013 e composto da RM, Jin, Suga, J-Hope, Park Ji-min, V e Jeon Jung-kook. Originariamente di stampo hip hop, il gruppo ha in seguito abbracciato una gamma più ampia di generi. Nella sua musica ha esplorato temi differenti, dalle ansie scolastiche alla salute mentale, alla situazione sociale, dall'amore per se stessi alla perdita e alla morte,[5][6] includendo riferimenti alla letteratura, a concetti psicologici e ad un universo alternativo.

Formati dalla Big Hit Entertainment, i BTS hanno debuttato il 13 giugno 2013 con il singolo 2 Cool 4 Skool. Con le opere successive, come The Most Beautiful Moment in Life, Pt. 2 (2015, con cui sono entrati per la prima volta nella Billboard 200[7]), The Most Beautiful Moment in Life: Young Forever (2015) e Wings (2016), hanno consolidato la propria reputazione di gruppo socialmente consapevole.[8][9] Nel 2017 hanno introdotto il K-pop nel mercato statunitense,[10][11] infrangendo diversi primati di vendita e diventando il primo gruppo coreano a ricevere una certificazione dalla Recording Industry Association of America (RIAA) per il singolo Mic Drop.[12] La band è il primo artista sudcoreano ad aver raggiunto la vetta della Billboard 200, con l'album Love Yourself: Tear (2018),[13] e da allora ha replicato tale piazzamento con entrambi i dischi successivi, Love Yourself: Answer (2018) e Map of the Soul: Persona (2019), diventando il primo gruppo dopo i The Beatles ad ottenere tre prime posizioni in meno di un anno.[14]

Secondo la Gaon Chart, dal debutto all'agosto 2019 hanno venduto oltre 15 milioni e 395mila dischi fisici soltanto in Corea, e sono gli artisti con le vendite più alte tra quelli che hanno esordito dopo il 2010;[15] inoltre, Map of the Soul: Persona è il disco più venduto di sempre nella storia della musica sudcoreana.[16][17] Nel 2018 sono stati il secondo artista per numero di vendite a livello mondiale secondo la IFPI.[18] Presentati sulla copertina internazionale del Time come "leader della prossima generazione",[19] i BTS sono apparsi in due liste stilate dalla rivista, quella delle 25 persone più influenti su Internet (2017-2019)[20] e quella delle 100 persone più influenti al mondo (2019).[21] Il gruppo ha contribuito a rivitalizzare sia l'industria musicale globale[22] sia l'economia sudcoreana,[23] concorrendo annualmente per oltre 5,5 trilioni di won alle entrate coreane[24] e attirando un turista straniero su tredici ogni anno.[25]

Il 24 ottobre 2018 il Presidente della Corea del Sud ha conferito al gruppo l'Ordine al Merito Culturale di quinta classe (Hwa-gwan) per aver contribuito a diffondere la cultura coreana nel mondo.[26][27]

Nome[modifica | modifica wikitesto]

BTS
Nome cinese
Cinese semplificato防弹少年团
PinyinFángdàn Shàoniántuán
Nome giapponese
Kanji防弾少年団
RōmajiBōdan Shōnendan
Nome coreano
Hangŭl방탄소년단
Hanja防彈少年團
Latinizzazione rivedutaBangtan Sonyeondan
McCune-ReischauerPangt'an Sonyŏndan

BTS è l'acronimo del nome coreano del gruppo, "Bangtan Sonyeondan", che si traduce con "Boy scout a prova di proiettile": come spiegato dal componente del gruppo J-Hope, ciò significa "bloccare stereotipi, critiche ed aspettative che, come proiettili, mirano agli adolescenti, preservando i loro valori".[28] In giapponese sono invece conosciuti come "Bōdan Shōnendan" (防弾少年団(ぼうだんしょうねんだん)), che ha il medesimo significato.[29] Nel luglio 2017 fu annunciato che "Beyond The Scene" era diventato l'acronimo inverso di BTS per rispecchiare il cambiamento di significato che il nome aveva assunto nei quattro anni trascorsi dal debutto.[30][31][32] La nuova brand identity diede alla sigla "BTS" l'accezione di "ritratto della gioventù che cresce", per indicare che i membri della band stavano "superando le realtà che si ritrovavano ad affrontare",[32] e ricevette il premio per la miglior brand identity agli iF Product Design Award 2018.[33]

Storia[modifica | modifica wikitesto]

2010-2014: formazione e primi anni[modifica | modifica wikitesto]

I BTS iniziarono a prendere forma nel 2010, quando l'AD della Big Hit Entertainment Bang Si-hyuk incontrò il futuro leader della band, RM, e rimase colpito dalla sua abilità nel rap.[34] Successivamente vennero aperte le audizioni per scritturare gli altri componenti.[35][36] Inizialmente il gruppo si sarebbe dovuto chiamare Big Kids o Young Nation[37] ed era stato concepito come un team hip-hop simile agli 1TYM,[38] prima di essere riassemblato in un più tradizionale gruppo idol quando Bang decise che la gioventù contemporanea necessitasse piuttosto di "un eroe che, anche senza dire una parola, possa offrirle una spalla su cui appoggiarsi".[39][40] La formazione subì diverse modifiche prima di arrivare a quella definitiva del 2012, formata da RM, Jin, Suga, J-Hope, Jimin (Park Ji-min), V e Jungkook (Jeon Jung-kook). Alcuni mesi prima del debutto, i componenti iniziarono a farsi conoscere tramite i social network, specialmente attraverso video, post sul fancafé e cover su YouTube e SoundCloud.[41][42]

I BTS all'Incheon Music Center, settembre 2013.

Il 12 giugno 2013 uscì il singolo d'esordio 2 Cool 4 Skool, primo capitolo della "trilogia scolastica".[43][44] Negli anni seguenti il debutto venne però ufficialmente commemorato il 13 giugno,[45] giorno della loro prima esibizione televisiva a M Countdown.[46] Nel disco, i BTS impiegarono un sound hip hop vecchia scuola e immagini feroci, mentre i testi riflettevano sui malintesi e i pregiudizi nei confronti dei giovani, criticando la società che ne sminuiva i sogni.[47] 2 Cool 4 Skool vendette 24.000 copie nel 2013[48] e i brani con i quali fu pubblicizzato, No More Dream e We Are Bulletproof Pt. 2, non diventarono delle hit: il primo si fermò alla posizione 124, mentre il secondo non si classificò.[49][50] L'11 settembre uscì il video musicale di N.O, tratto dall'EP O!RUL8,2?, anch'esso appartenente alla "trilogia scolastica" e incentrato sulla frustrazione nei confronti del rigido sistema scolastico sudcoreano.[51] I BTS parteciparono anche ad un loro variety show, Sin-in-wang Bangtan Sonyeondan: Channel Bangtan (신인왕 방탄소년단 - 채널방탄?; Rookie Kings Channel Bangtan), otto episodi in onda dal 3 settembre.[52] Al termine dell'anno, ricevettero il riconoscimento Migliori esordienti ai Melon Music Award,[53] ai Golden Disc Award[54] e ai Seoul Music Award.[55]

L'opera conclusiva della "trilogia scolastica", l'EP Skool Luv Affair, uscì il 12 febbraio 2014, accompagnata dal video della lead track Boy in Luv.[56] Il disco raggiunse la vetta della Gaon Chart, vendendo 100.000 copie nel corso dell'anno,[57] e segnò la loro prima apparizione nella Billboard World Albums Chart, con un picco al terzo posto.[58] Pur conservando, dal punto di vista musicale, gran parte delle influenze hip hop del gruppo con l'aggiunta di R&B e hard rock, le tematiche abbandonarono la felicità e i sogni per concentrarsi sull'amore scolastico e giovanile.[59] Il 6 aprile venne caricato su YouTube il video musicale del secondo apripista Just One Day,[60] mentre il 23 aprile il gruppo fece il suo ingresso nel mercato nipponico con la compilation 2 Cool 4 Skool/O!RUL8,2?.[61]

I BTS si esibiscono al Kcon di Los Angeles, 10 agosto 2014.

Il 14 giugno i BTS presero parte al festival Bridge to Korea in Russia, dove fecero da giudici ad una competizione tra gruppi che realizzavano cover di balli K-pop e si esibirono davanti a diecimila persone.[62] A luglio tennero il primo concerto negli Stati Uniti, al Troubadour di West Hollywood, per 200 spettatori non paganti,[63] e parteciparono al Kcon di Los Angeles il 10 agosto successivo.[64] Nonostante fossero i più inesperti tra gli artisti in cartellone, Billboard notò la reazione intensa che ricevettero dal pubblico.[65] Dopo un concerto di anteprima al Blue Square di Hannam-dong, il 20 agosto uscì il primo album in studio Dark & Wild, promosso inizialmente dalla canzone Danger[66] e in seguito da War of Hormone in ottobre.[67] Il disco si posizionò secondo nella classifica Gaon Chart settimanale,[68] ma non ottenne il successo sperato.[69] Concluse le esibizioni promozionali in vari programmi musicali sudcoreani,[70] dal 17 al 19 ottobre si tenne, all'AX-Korea Hall di Seul, la prima tappa del loro primo tour di concerti, il BTS Live Trilogy Episode II: The Red Bullet, che durò fino a dicembre e toccò Sud Corea, Filippine, Singapore, Giappone, Thailandia e Malaysia.[71] Il 24 dicembre venne pubblicato il primo album giapponese Wake Up, contenente degli inediti e le versioni giapponesi di No More Dream, Boy In Luv e Danger,[72] estratte come singoli nel corso dell'anno.[73][74][75]

2015-2016: The Most Beautiful Moment in Life e successo commerciale[modifica | modifica wikitesto]

Dal 10 al 19 febbraio 2015, i BTS furono in tournée in Giappone con la serie di concerti Wake Up: Open Your Eyes, esibendosi per venticinquemila fan a Tokyo, Osaka, Nagoya e Fukuoka,[76] mentre il 28 e il 29 marzo si tenne il loro secondo concerto in Sud Corea, BTS Live Trilogy – Episode I: BTS Begins, che andò sold out in due minuti[77] e li portò davanti a 6.500 fan.[78]

Conclusa la "trilogia scolastica", i BTS cambiarono significativamente sound e immagine. L'hip hop diventò solo uno dei loro aspetti musicali, piuttosto che il principale, e, volendo esprimere la bellezza e le ansie della "gioventù" nella serie di dischi successiva, abbandonarono l'immagine aggressiva e mascolina degli inizi.[79][80] Il 29 aprile fu pubblicato il video di I Need U, lo stesso giorno dell'uscita del terzo EP The Most Beautiful Moment in Life, Pt. 1,[81] che esplorò la crescita e l'agonia emotiva della giovinezza, oltre ai suoi lati ludici ed educativi,[79] e venne indicato da Fuse TV come uno dei ventisette migliori album dell'anno usciti fino a giugno, unico coreano della lista.[82] I Need U fu la loro prima canzone nella top 5 coreana[83] e con essa ottennero il loro primo premio ad un programma musicale, quello di The Show del 5 maggio.[84] Del disco venne poi pubblicizzata Dope: nelle classifiche sudcoreane si fermò alla posizione 44,[85] ma fu il loro primo video musicale a raccogliere 100 milioni di visualizzazioni su YouTube.[86] A maggio, Twitter lanciò la sua prima emoji K-pop, dedicata ai BTS.[87] Il 17 giugno uscì il quarto singolo giapponese For You,[88] che arrivò primo nella classifica giornaliera Oricon con 42.000 copie,[89] mentre il tour mondiale The Red Bullet continuò in Malaysia, America Latina, Australia e Stati Uniti, terminando a Hong Kong il 29 agosto.[71]

I BTS al Kcon di Parigi, 2 giugno 2016.[90]

A novembre il gruppo lanciò il tour The Most Beautiful Moment in Life: On Stage e il 29 dello stesso mese, dopo tre giorni di concerti a Seul, uscì il video del brano Run, in contemporanea con l'EP The Most Beautiful Moment in Life, Pt. 2.[91] Spaziando dalla ricerca del successo alla solitudine, dall'affetto verso le proprie origini alle sofferenze dei giovani a causa delle condizioni sfavorevoli della società, fu acclamato dalla critica per aver fuso con successo lo stile della prima parte della serie all'identità iniziale dei BTS.[92] Si posizionò al primo posto delle classifiche settimanali Gaon Albums Chart e Billboard World Albums, e rimase in vetta alla seconda per più settimane, rendendoli i primi artisti K-pop a conseguire tale risultato.[93][94] Segnò inoltre la loro prima entrata nella Billboard 200, con un picco alla 171ª posizione.[7] Come conclusione della serie, il 2 maggio 2016 fu pubblicata la raccolta The Most Beautiful Moment in Life: Young Forever, di cui tre inediti vennero usati come apripista: Epilogue: Young Forever, Fire e Save Me. La compilation restò al primo posto della Gaon Chart per due settimane consecutive[95][96] e venne considerata dal critico Kim Young-dae un passo in avanti chiave della loro carriera e uno dei loro dischi più importanti, dotato di un'attrattiva popolare pur mantenendo il sound e l'energia giovanile grezza caratteristici del gruppo.[97] The Most Beautiful Moment in Life: Young Forever avrebbe poi fatto vincere ai BTS il loro primo premio importante, quello di Album dell'anno ai Melon Music Award.[98] La raccolta fu promossa da due giorni di concerti all'Olympic Gymnastics Arena il 7 e l'8 maggio per 24.000 spettatori;[99] dopodiché il gruppo iniziò The Most Beautiful Moment in Life On Stage: Epilogue, la tappa asiatica del tour, che vendette 144.000 biglietti,[100] e partecipò come artista principale ai Kcon di Los Angeles e New York a giugno e luglio.[101] Il 7 settembre venne pubblicato il nuovo album in giapponese Youth,[102] da cui erano stati estratti come singoli I Need U e Run nei mesi precedenti.[103][104]

I BTS vincono il premio Album dell'anno per The Most Beautiful Moment in Life: Young Forever ai Melon Music Award, 19 novembre 2016.[105]

Di nuovo in madrepatria, il gruppo avviò i pre-ordini per il secondo album in studio coreano Wings, che raggiunsero le 500.000 copie durante la prima settimana.[106] Uscito il 10 ottobre, l'album mescolò i temi della giovinezza affrontati in precedenza a quelli della tentazione e delle avversità[107] e fu ricevuto calorosamente dalla critica, con Nick Murray di Rolling Stone che lo indicò come "uno degli album pop concettualmente e sonoramente più ambiziosi del 2016".[108] La lead track Blood Sweat & Tears conseguì un all-kill nelle classifiche in madrepatria[109] e fu la loro prima hit a raggiungere la cima della Gaon Digital Chart.[110][111] L'album fu il primo disco coreano a entrare nella Official Albums Chart britannica[112] ed esordì alla posizione 26 della Billboard 200, il miglior piazzamento di sempre per un disco K-pop fino a quel momento: diventarono così i primi coreani a classificarsi per tre volte nella Billboard 200 e a restarci per più di una settimana.[113][114] Inoltre raggiunsero la vetta di World Albums Chart, World Digital Songs Chart e Social 50 Chart per la settimana del 29 ottobre.[113] Nella nativa Corea del Sud, Wings vendette più di un milione e mezzo di copie entro la fine dell'anno, e diventò il disco più venduto di sempre fino a quel momento nella storia della Gaon Chart.[115][116]

Il 2 dicembre, i BTS vinsero il premio di Artisti dell'anno agli Mnet Asian Music Award,[117] diventando i primi musicisti non provenienti da una delle "Big 3" (SM, YG e JYP Entertainment) ad aggiudicarsi il riconoscimento.[118]

2017: You Never Walk Alone e inizio di Love Yourself[modifica | modifica wikitesto]

I BTS alla conferenza stampa a Seul dopo aver vinto Top Social Artist ai Billboard Music Award.
I BTS alla conferenza stampa a Seul dopo aver vinto Top Social Artist ai Billboard Music Award, 29 maggio 2017.

Il 13 febbraio 2017, i BTS ripubblicarono Wings intitolandolo You Never Walk Alone.[119][120] Appena uscita, la lead track inedita Spring Day conseguì un all-kill, mandando in crash la classifica del sito Melon a causa di un sovraccarico del traffico,[121] si piazzò al primo posto della Gaon Chart[122] e al 15º posto della Bubbling Under Hot 100 Singles pur senza alcun supporto promozionale negli Stati Uniti.[123] Intanto i BTS cominciarono il 2017 BTS Live Trilogy Episode III: The Wings Tour, che da febbraio a dicembre avrebbe toccato Corea del Sud, Cile, Brasile, Stati Uniti, Thailandia, Indonesia, Filippine, Hong Kong e Australia raggiungendo 550.000 fan.[124] I biglietti per la tappa nordamericana andarono esauriti in pochi minuti e, a causa delle numerose richieste, vennero aggiunti due ulteriori spettacoli. I BTS diventarono così il primo artista K-pop a fare sold out nelle arene statunitensi.[125][126] Completati i concerti in Nord America, il 21 maggio il gruppo vinse il premio di Top Social Artist ai Billboard Music Award con oltre trecento milioni di voti, diventando i primi coreani ad aggiudicarsi un riconoscimento di Billboard.[127][128]

Celebrando il venticinquesimo anniversario dal debutto dell'icona della musica coreana Seo Taiji, il 4 luglio pubblicarono un rifacimento del classico del 1995 Come Back Home dei Seo Taiji and Boys, rielaborando il sound e le parole indirizzandoli verso opinioni nei confronti del cambiamento sociale. Il gruppo fu ospite speciale al concerto di Seo allo Stadio olimpico di Seul a settembre.[129][130]

Dopo aver rappresentato la crescita e la tentazione in Wings e la consolazione in You Never Walk Alone, i BTS cominciarono la nuova serie Love Yourself sull'amore verso se stessi, elaborandola seguendo la sequenza narrativa kishōtenketsu.[131] Il 18 settembre uscì il capitolo dello "sviluppo", l'EP Her, considerato dal leader RM uno dei principali punti di svolta della loro carriera.[132][133] L'apripista DNA conquistò il primo posto della Billboard Top Song Chart in ventinove Paesi[134] e fu il loro primo brano a entrare nella Billboard Hot 100, posizionandosi 85º e rendendo i BTS la prima boy band K-pop e il secondo artista coreano a farlo con un pezzo prevalentemente nella propria lingua madre.[135] Realizzando un picco al 67º posto, DNA divenne la canzone di un gruppo K-pop con il miglior piazzamento di sempre nella Billboard Hot 100 fino a quel momento;[136] in seguito venne certificata disco d'Oro dalla RIAA, un primato per un artista sudcoreano.[137][138] Love Yourself: Her esordì settimo nella Billboard 200 con 31.000 copie vendute in America nella settimana terminante il 7 ottobre;[139] in Corea ne vendette invece 759.263 nel corso della prima settimana[140] e 1.203.533 nel primo mese, conseguendo le vendite mensili più alte da sedici anni a quella parte, seconde solo a quelle di Chapter 4 dei g.o.d. del 2001.[141]

I BTS agli American Music Award, 19 novembre 2017.

Il 19 novembre i BTS furono il primo gruppo K-pop ad esibirsi agli American Music Awards,[142][143] facendosi conoscere a livello internazionale.[144][145] La performance ottenne molto risalto su social e media, e in concomitanza venne comunicato il loro ingresso nel Guinness dei primati come gruppo musicale con il maggior numero al mondo di interazioni su Twitter.[146][147] Il 24 novembre uscì un remix di Mic Drop, una delle tracce di Love Yourself: Her, realizzato con Steve Aoki e Desiigner,[148] che li fece diventare il primo gruppo sudcoreano ad ottenere la certificazione Platino dalla RIAA.[12] Il 6 dicembre pubblicarono l'ottavo singolo giapponese Mic Drop/DNA/Crystal Snow.[149] Dopo aver venduto più di 269.000 copie in un giorno ed essersi classificato primo nella Oricon Daily Chart,[150] sarebbe stato certificato doppio disco di Platino dalla RIAJ nel gennaio 2018.[151] Intanto i BTS diventarono i primi a vincere per due anni di fila il premio di Artista dell'anno agli Mnet Asian Music Award.[152]

2018: riconoscimento internazionale e tour mondiale[modifica | modifica wikitesto]

Il 28 marzo 2018 furono lanciati su YouTube Red i primi due episodi del documentario Burn the Stage, mostrante i dietro le quinte del Wings Tour del 2017, con un episodio a settimana fino al 9 maggio.[153][154] Il 4 aprile 2018 uscì l'album giapponese Face Yourself,[155] che debuttò alla posizione 43 della Billboard 200 come terzo disco in giapponese con il miglior piazzamento nella storia della classifica.[156] Il giorno successivo venne caricato online un video da 9 minuti contenente un inedito in coreano intitolato Euphoria, recante il sottotitolo "tema di Love Yourself: Wonder", che incarnò l'"inizio" della sequenza narrativa kishōtenketsu.[157]

I BTS ai Golden Disc Award, dove vinsero Album dell'anno per Love Yourself: Her, 10 gennaio 2018.[158]

Il 18 maggio i BTS pubblicarono il terzo album in studio coreano Love Yourself: Tear,[159] in congiunzione con la vittoria, per il secondo anno consecutivo, del premio di Top Social Artist ai Billboard Music Award,[160] alla cui cerimonia del 20 maggio fecero la prima esibizione televisiva della nuova canzone Fake Love.[161] Essa si piazzò decima nella Billboard Hot 100, il nuovo primato per un gruppo coreano, e fu il diciassettesimo brano non in inglese a raggiungere la top 10, il primo di un gruppo K-pop.[162][163] Love Yourself: Tear fu un successo commerciale: in Corea vendette 1.664.041 copie nel primo mese[164] e fu il primo disco mai certificato Million dalla KOMCA.[165] Negli Stati Uniti divenne la prima opera di un artista coreano a raggiungere la vetta della Billboard 200 e la meglio classificata di sempre di un asiatico.[13][166][167]

Il 24 agosto il gruppo concluse la serie Love Yourself con la raccolta Love Yourself: Answer,[168] che Tamar Herman di Billboard definì "una magnum opus che pochi altri artisti, boy band o meno, possano mai sperare di raggiungere".[169] Rappresentando la "conclusione" del ciclo narrativo, essa ultimò i discorsi sulla giovinezza e la crescita sviluppati a partire da The Most Beautiful Moment in Life e illustrò l'eccitazione dell'amore, i dolori della separazione e l'illuminazione che sia necessario amare se stessi.[170] Answer esordì in prima posizione nella Billboard 200, e i BTS furono così i primi artisti pop ad ottenere due primi posti in meno di un anno dopo gli One Direction nel 2014.[171] La raccolta diventò il primo album coreano ad essere certificato Oro dalla RIAA,[12] e il primo album K-pop ad essersi classificato nella Billboard 200 per un intero anno, posizionandovisi per 52 settimane non consecutive.[172][173] In Corea vendette più di 1 milione e 900mila copie nel solo mese di agosto, infrangendo nuovamente il record di disco più venduto mensilmente nella storia della Gaon Chart.[174] Il 12 settembre i BTS eseguirono il brano apripista Idol ad America's Got Talent.[175]

In concomitanza con l'uscita di Love Yourself: Answer, la band iniziò il tour mondiale Love Yourself allo Stadio olimpico di Seul.[176] Con la sosta finale della tappa americana diventarono i primi artisti coreani ad esibirsi in uno stadio statunitense, il Citi Field, i cui 40.000 biglietti terminarono in meno di venti minuti.[177] Il tour sarebbe stato il secondo più venduto dell'anno per StubHub, dopo quello di Ed Sheeran.[178] Il 16 ottobre uscì il singolo giapponese Fake Love/Airplane pt. 2,[179] mentre il 25 ottobre Jungkook e RM parteciparono a Waste It on Me di Steve Aoki, il loro primo brano interamente in inglese.[180]

Agli inizi di novembre, il programma musicale giapponese Music Station cancellò la loro esibizione per una T-shirt raffigurante il fungo atomico dei bombardamenti del 1945 indossata da un componente del gruppo nel 2017.[181] L'incidente fu considerato dai cronisti una conseguenza delle tensioni diplomatiche tra Corea del Sud e Giappone intorno alla questione delle donne di conforto.[182][183] Nel corso del mese, l'organizzazione per i diritti umani degli ebrei Simon Wiesenthal Center (SWC) affermò che i BTS dovessero delle scuse per la maglia, un cappello e delle bandiere con la svastica utilizzati in occasioni precedenti.[184] La Big Hit Entertainment pubblicò delle scuse ufficiali, spiegando che i vestiti non erano intesi a ferire le vittime, e che le bandiere erano servite da metafora dell'autoritarismo vigente nel sistema scolastico coreano, impegnandosi a prevenire altri errori simili.[185] Le scuse vennero accettate sia dal SWC che dall'Associazione Coreana per le Vittime della Bomba Atomica.[186][187]

A fine 2018 i BTS si aggiudicarono tre premi come Artista dell'anno, agli MBC Plus X Genie Music Award,[188] ai Melon Music Award[189] e, per il terzo anno consecutivo, agli Mnet Asian Music Award.[190] Figurarono nella Bloomberg 50 per "la disponibilità a parlare di tematiche sociali, salute mentale e politica nonostante appartengano ad un genere spesso dipinto come bubblegum pop",[191] e la IFPI li collocò secondi nella classifica degli artisti con più vendite a livello globale nel corso dell'anno.[192][193] Secondo la federazione, Love Yourself: Tear e Love Yourself: Answer furono, rispettivamente, il terzo e il secondo disco più venduti nel mondo per il 2018.[194] Il gruppo vendette complessivamente 5 milioni di dischi in Corea durante l'anno, raggiungendo un totale di 10 milioni di copie dal giorno del debutto.[195]

2019: Map of the Soul: Persona[modifica | modifica wikitesto]

Il 10 febbraio 2019 i BTS presenziarono alla 61ª edizione dei Grammy Awards, presentando e consegnando il premio di Miglior album R&B.[196][197] L'apparizione fu seguita dall'invito ad entrare a far parte della Recording Academy come membri ufficiali.[198] In aprile divennero i primi asiatici a superare i 5 miliardi di riproduzioni su Spotify[199] e vennero nominati nella lista Time 100 delle persone più influenti del 2019.[21]

Il 12 aprile uscì il sesto EP del gruppo, Map of the Soul: Persona,[200] che li rese i primi sudcoreani ad arrivare in vetta alle classifiche sia nel Regno Unito che in Australia.[201][202] Fu il loro terzo disco consecutivo a piazzarsi in prima posizione sulla Billboard 200 e il terzo in undici mesi, risultato che li fece diventare il primo gruppo ad ottenere tre numeri 1 in meno di un anno dopo i The Beatles nel biennio 1995-1996;[14] fu anche il disco fisico più venduto negli Stati Uniti nella prima metà dell'anno, con 312.00 copie,[203] e ad agosto ricevette la certificazione Oro dalla RIAA.[204] In Corea vendette oltre 3.200.000 copie in un solo mese, diventando l'album più venduto di sempre nella storia della Gaon Chart e della musica sudcoreana in generale. I BTS sono gli unici artisti formatisi dopo il 2000 a figurare nella top 10 dei dischi più venduti nella penisola.[16][17] La prima esibizione del brano apripista di Persona, una collaborazione con la cantante statunitense Halsey intitolata Boy with Luv,[205] avvenne il 13 aprile durante la diretta di Saturday Night Live;[206] l'apparizione del gruppo fu una delle più attese nella storia del programma.[207] Boy with Luv esordì all'ottava posizione della Billboard Hot 100, la più alta nella storia per un gruppo coreano,[208] e a giugno fu certificata Platino dalla RIAA con un milione di copie vendute.[209]

I BTS si esibiscono con Not Today al MetLife Stadium di East Rutherford il 18 maggio 2019 durante il BTS World Tour Love Yourself: Speak Yourself.

Dopo essersi aggiudicati per il terzo anno consecutivo il riconoscimento di Top Social Artist ai Billboard Music Award, oltre a quello di Top Duo/Group,[210][211] il 4 maggio partirono per l'estensione del tour mondiale, Love Yourself: Speak Yourself, che si sarebbe svolta negli stadi di Stati Uniti, Francia, Brasile e Regno Unito.[212] Tutte le date andarono sold out in due ore, e gli spettacoli vennero raddoppiati in seguito alla forte domanda.[213] Il settetto fu, inoltre, il primo artista asiatico ad esibirsi e a fare il tutto esaurito al Wembley Stadium.[214]

In seguito alla distribuzione del videogioco BTS World, il gruppo pubblicò la colonna sonora omonima il 28 giugno,[215] mentre il 3 luglio uscì il decimo singolo giapponese Lights/Boy with Luv.[216] Esso uguagliò il record di pre-ordini per un artista straniero detenuto da 24 anni da Céline Dion con il singolo del 1995 To Love You More,[217] e per la prima volta un coreano superò un milione di copie in pre-ordine in Giappone.[218] Il singolo valse al gruppo la prima certificazione Million della RIAJ dal giorno del debutto.[219]

Il 18 ottobre uscì in formato singolo una nuova versione, in collaborazione con il cantante Lauv, del brano Make It Right contenuto in Map of the Soul: Persona.[220] Essa fu oggetto di due remix, uno EDM e uno acustico, nelle settimane successive.[221][222] Nel frattempo i BTS conclusero il tour mondiale con oltre 2 milioni di presenze e un incasso stimato di 240 miliardi di won.[223]

Stile[modifica | modifica wikitesto]

Fonti d'ispirazione[modifica | modifica wikitesto]

Jin guida il pubblico nella cantilena "ay-oh" di Freddie Mercury durante il concerto al Wembley Stadium del 1º giugno 2019.

Le loro ispirazioni musicali includono i Seo Taiji and Boys,[224] Nas, Eminem, Kanye West, Drake, Post Malone, Charlie Puth e Danger.[225] Esibendosi per la prima volta al Wembley Stadium il 1º maggio 2019, Suga indicò i Queen come fonte d'ispirazione, dicendo di essere cresciuto guardando i video di Live Aid.[226] Jin rese omaggio al gruppo quando, al termine del concerto, guidò il pubblico in una versione della cantilena "ay-oh" di Freddie Mercury.[227]

Le storie e i sentimenti dei fan sono stati spesso una fonte d'ispirazione per i BTS,[228] che traggono inoltre stimoli da mezzi letterari, psicologici, artistici e filosofici. L'album Wings (2016) è basato sul romanzo di formazione Demian di Hermann Hesse.[229] La canzone Blood Sweat & Tears (2016) rimanda a Così parlò Zarathustra di Friedrich Nietzsche;[230] un altro videoclip, quello di Spring Day (2017), contiene riferimenti testuali e visivi a Quelli che si allontanano da Omelas di Ursula Le Guin.[231] La serie Love Yourself (2017-2018) è influenzata principalmente da L'arte di amare di Erich Fromm,[232] mentre la canzone Magic Shop da Love Yourself: Tear (2018) è stata ispirata dal memoriale di James R. Doty La bottega di magia.[233] L'EP Map of the Soul: Persona (2019) deve il suo titolo al libro del dottor Murray Stein Jung's Map of the Soul: An Introduction, un trattato sulle teorie dello psicoanalista Carl Gustav Jung.[234]

Musica[modifica | modifica wikitesto]

Il gruppo collabora alla scrittura e alla produzione di gran parte della propria discografia, diversamente da altri artisti coreani, e alcune testate hanno attribuito a questo il suo successo.[235][236][237] Dalla loro formazione, i BTS hanno sviluppato e conservato uno stile di "musica fusion" che enfatizza l'hip hop come base musicale[238] per via del trascorso di RM e Suga come rapper underground[38] e del loro produttore principale Pdogg.[69] Piuttosto che restare fedeli ad un solo genere specifico, hanno introdotto nuovi elementi nel loro repertorio musicale con ogni disco.[238] Il sound iniziale ascoltabile nella "trilogia scolastica" è stato influenzato dall'hip hop vecchia scuola degli anni 1980 e 1990,[239] ma si è evoluto per incorporare elementi R&B e rock in Skool Luv Affair e Dark & Wild,[240] archi ed electronic dance music nella serie The Most Beautiful Moment in Life, moombahton, neo soul e gospel in Wings e You Never Walk Alone,[241] e future bass, pop latino e jazz hip hop nella serie Love Yourself,[131] generi che sono serviti come mezzi effettivi per presentare i loro messaggi.[239]

Testi e tematiche[modifica | modifica wikitesto]

I BTS sono riusciti a bilanciare due identità tradizionalmente contraddittorie, quelle di artista hip hop e di idol, differenziandosi in tal modo dalle altre boy band K-pop: i loro testi sono noti per i commenti sociali che contengono, incorporando spesso critiche verso la società coreana, una caratteristica tipica dell'hip hop vecchia scuola che il gruppo conserva dal debutto, pur avendo modificato il proprio sound negli anni.[239] Canzoni quali No More Dream e N.O (2013) furono motivate dalla loro esperienza con l'enfasi posta dalla Corea del Sud sull'educazione e richiesero un cambiamento al sistema scolastico e alle aspettative sociali.[242] Dope e Silver Spoon (2015) menzionano la disparità generazionale e la rinuncia dei millennial a relazioni sentimentali, matrimonio, figli, occupazioni adeguate, case e vita sociale per via delle difficoltà economiche mentre subiscono le critiche dei media e delle generazioni più anziane.[242] Am I Wrong (2016) contesta l'apatia verso lo stato degli eventi, con la frase "Siamo tutti cani e porci / siamo diventati cani perché siamo arrabbiati" che rimanda alla proposta del 2016 del parlamentare Na Hyang-wook di introdurre un sistema di caste descrivendo le persone ordinarie come "cani e porci".[242] Le difficoltà personali di RM e Suga con la salute mentale ispirarono Tomorrow (2014) e Intro: The Most Beautiful Moment in Life (2015) incise dal gruppo, oltre che tre brani solisti dei due rapper, The Last (Suga, 2016), So Far Away (Suga, 2017) e Forever Rain (RM, 2018).[243][244] Not Today (2017) è un inno contro l'ordine costituito, con messaggi di sostegno alle minoranze,[245] mentre si teorizzò che Spring Day (2017) fosse stata creata in memoria delle vittime della tragedia del Sewol.[246]

I dischi del gruppo hanno argomenti ricorrenti che si collocano sotto la tematica onnicomprensiva della "riflessione sulla gioventù"[32] e che seguono la crescita e l'evoluzione nel modo di pensare dei membri della band.[239] La "trilogia scolastica" (2013-2014) esplorò "i problemi e le ansie dei giovani in età scolastica", mentre la serie The Most Beautiful Moment in Life (2015-2016) "affrontò una materia sperimentata da una vasta maggioranza di giovani, ma che pochi musicisti pop esprimono bene: la salute mentale e il desiderio di appartenere alla società".[6] Wings (2016) si focalizzò sulla tentazione, la maturità e il peccato.[5][239] La serie Love Yourself (2017-2018) utilizzò l'espediente narrativo kishōtenketsu per illustrare preoccupazioni e agonie della gioventù ferita, l'eccitazione dell'amore, i dolori della separazione e l'illuminazione che sia necessario amare se stessi,[170][239] mentre con Map of the Soul: Persona iniziarono una riflessione sulla propria identità personale.[239]

Sin dalla loro formazione, i BTS sono convinti che parlare delle loro storie sia l'unico modo per far sì che i giovani possano ritrovarsi nella loro musica,[247] e si sono distanziati dai concept predeterminati utilizzati tipicamente nella musica degli idol, per scrivere canzoni più personali.[239] Suga spiegò alla rivista Time che il gruppo aveva "iniziato a raccontare le storie che la gente voleva sentire e che era pronta a sentire, storie che gli altri non potevano o non volevano raccontare. Dicevamo quello che le altre persone stavano provando – come dolore, ansie e preoccupazioni. Quello era il nostro obiettivo, creare quest'empatia nella quale si potessero riconoscere".[248] Nello scrivere il 90% dei propri testi,[249] provano a includere esperienze comuni a tutti, come la tristezza e la solitudine, e a trasformarle in qualcosa di più leggero e gestibile. RM raccontò a Entertainment Weekly che il gruppo cercava di non suonare come se stesse predicando o rimproverando le persone nelle proprie canzoni, dato che ognuno aveva vite e destini diversi,[243] mentre Suga, interrogato se fosse difficile scrivere di salute mentale, rispose:

«Sentiamo che chi ha una piattaforma per parlare di queste cose dovrebbe veramente farlo di più, perché si dice che la depressione sia qualcosa che uno va in ospedale a farsi diagnosticare, ma di cui non possa rendersi conto davvero finché il dottore non glielo dice. [...] Soprattutto, penso che gli artisti o le celebrità che hanno una voce dovrebbero parlare di questi problemi e portarli alla luce.»

I BTS sono stati definiti "la coscienza sociale del K-pop" da Jeff Benjamin di Fuse TV, per aver trovato "un modo per parlare onestamente di argomenti che ritengono importanti, anche in una società conservatrice", e aver esplorato temi che la maggior parte degli artisti K-pop sceglie di evitare.[5][8] In una lettera personale al gruppo, il presidente sudcoreano Moon Jae-in ha riconosciuto nella sincerità e nell'inclusione della diversità le chiavi del successo dei BTS. Moon ha scritto che "ciascuno dei sette membri canta in modo fedele a se stesso e alla vita che vuole vivere. Le loro melodie e i loro testi trascendono i confini, le lingue, la cultura e le istituzioni regionali".[250]

Video musicali e BTS Universe[modifica | modifica wikitesto]

Logo del BTS Universe.

I video dei BTS, siano essi musicali, teaser o cortometraggi, sono considerati un elemento cruciale dell'arte del gruppo, poiché espandono il significato e il messaggio delle loro canzoni.[251] Essi presentano alcune immagini ricorrenti che li collegano l'uno all'altro, come la polizia, il fuoco o la folla, che, in base al contesto presentato di volta in volta, possono essere interpretati come simboli di resistenza contro l'ordine costituito, di rinascita o di ascesa dopo la distruzione delle gerarchie.[252] Nel video musicale di Blood Sweat & Tears sono state utilizzate opere d'arte come la Pietà di Michelangelo, Il lamento per Icaro di Herbert James Draper, Caduta di Icaro e Caduta degli angeli ribelli di Bruegel per rappresentare visivamente emozioni come la paura o il pericolo, la tentazione e il caos.[252]

Nel 2015, con l'uscita del videoclip di I Need U, è iniziata la creazione di una realtà alternativa nota come BTS Universe (o anche come Bangtan Universe o BU),[253] che racconta la storia dei componenti dei BTS in un universo parallelo, rappresentando le loro ansie e incertezze nei confronti del futuro.[254][255] La narrazione intreccia alcuni tra i video musicali, i teaser e i cortometraggi usciti successivamente, ed è seguita approfonditamente nel webtoon Save Me segue e nel romanzo The Notes 1.[256][257] Mariejo Ramos del The Inquirer ha scritto che "nessun altro artista ha mischiato con successo la tecnica letteraria stessa alla musica pop ad un tale livello". I BTS hanno usato l'universo alternativo e racconti come Quelli che si allontanano da Omelas di Ursula Le Guin come cornice ai propri album e ausilio per mostrare il loro stile musicale.[258] La mescolanza delle due cose, unita al fatto che la storia viene rivelata senza seguire una cronologia coerente, ha creato un ambiente interattivo per i fan, che costruiscono teorie ogniqualvolta esca del nuovo materiale o vengano forniti indizi inediti.[259][260][261][262]

Impatto e influenza[modifica | modifica wikitesto]

I BTS sono stati descritti da Forbes come "indubbiamente il nome K-pop più grande e di maggior successo al mondo", in grado di "fare cose che non riescono a nessun altro dello stesso genere".[263] Silvio Pietroluongo, vicepresidente anziano di Billboard, li definì influenti quanto Beatles e The Monkees,[264] e nel 2019 il New York Post li inserì nella top 10 delle boy band più importanti di sempre.[265] Primi musicisti non anglofoni a entrare nella Global Artist Chart della IFPI,[266] nel 2018 il secondo e il terzo album più venduti a livello globale furono loro, e il gruppo fu inoltre il secondo artista con il maggior numero di vendite mondiali dopo Drake.[18][192] Negli Stati Uniti i BTS rappresentarono il 72,7% delle unità equivalenti all'album generate nel 2018 da diciassette artisti K-pop.[267] In Corea del Sud furono responsabili del 41,9% delle vendite di album nella prima metà del 2019, in aumento del 25,3% rispetto all'anno precedente.[268]

I BTS sono apparsi in diverse liste di figure influenti. Celebrità più twittata al mondo sia nel 2017 che nel 2018,[269][270] il Time li incluse nella lista delle venticinque persone più influenti su Internet dal 2017 al 2019.[271][272][273] li mise sulla copertina di un'edizione globale nell'ottobre 2018 come "leader della prossima generazione"[19] e li nominò nella lista Time 100 delle persone più influenti del 2019.[21] Apparvero nell'elenco delle 50 persone più insigni del 2018 di Bloomberg Markets, e Forbes Korea li pose come quinta celebrità più prestigiosa in Corea nel 2017[274] e come prima, invece, nel 2018.[275] Nel 2019 si posizionarono 43esimi nella lista annuale di Forbes degli artisti più pagati al mondo, avendo incassato oltre 57 milioni di dollari nei dodici mesi precedenti.[276] Figurarono inoltre al primo posto nell'elenco dei Leader del futuro globale sostenibile stilato dall'associazione per gli SDG delle Nazioni Unite.[277][278]

I BTS si esibiscono al Korea-France Friendship Concert, 14 ottobre 2018
I BTS si esibiscono al Korea-France Friendship Concert, 14 ottobre 2018.

Nel settembre 2018 tennero un discorso alla 73ª Assemblea generale delle Nazioni Unite[279][280] e il mese successivo si esibirono davanti a 400 funzionari, incluso il presidente sudcoreano Moon Jae-in, al Korea-France Friendship Concert in Paris, un summit per mostrare i rapporti amichevoli tra Francia e Corea del Sud.[281] Per il loro contributo alla diffusione della cultura e della lingua coreane, nell'ottobre 2018 divennero i più giovani destinatari dell'Ordine al Merito Culturale assegnato dal governo della Corea del Sud.[26] L'anno successivo, Moon Hee-sang, presidente dell'Assemblea Nazionale, attribuì i risultati della sua visita diplomatica sul Mar Nero alla reputazione del settetto, affermando che "i BTS stanno facendo la maggior parte del nostro lavoro",[282] inoltre il Ministero sudcoreano per la cultura, lo sport e il turismo consegnò al gruppo una lettera di apprezzamento per aver mostrato al mondo la cultura tradizionale coreana reinterpretandola nella propria musica.[283]

Il gruppo ha contribuito a rivitalizzare l'economia sudcoreana[23] e l'industria musicale globale.[22] Accreditati dal Korea Customs Service e dalla Korea Foundation come causa preminente del drastico aumento nel biennio 2016-2018 dell'onda coreana e degli acquisti online di prodotti K-pop,[284][285] furono identificati dalla Banca di Corea come una delle principali forze che avevano riportato il settore musicale sudcoreano ai livelli precedenti la messa al bando da parte della Cina dei prodotti culturali coreani in seguito al peggioramento delle relazioni diplomatiche nel 2016, facendo arrivare la bilancia dei pagamenti per la musica e l'intrattenimento del primo trimestre 2019 a 114,7 milioni di dollari.[286] Kim Yung-duk, vicepresidente e direttore operativo della Korea Creative Content Agency, affermò che il K-pop era "andato alle stelle" in seguito all'impennata della popolarità dei BTS, creando posti di lavoro anche per altri idol.[287] La locuzione "effetto BTS" fu coniata e usata da vari media ogniqualvolta una compagnia ricavò dei profitti dalle attività del gruppo, ad esempio quando il numero dei conti di risparmio della banca KB aumentò di sei volte rispetto all'anno precedente in seguito all'assunzione dei BTS come testimonial, e quando la loro presenza al primo posto della Billboard 200 fece salire il valore delle azioni delle agenzie di spettacolo sudcoreane nei cinque giorni successivi.[288][289][290] L'effetto fu osservato anche con altre compagnie legate ai BTS, come Netmarble, NetMark, Soribada, Key Shares, GMP, Diffie e Mattel.[291][292] La società di analisi dati SM2 Networks stimò che l'endorsement firmato con i BTS nel 2018 avesse fruttato 600 miliardi di won a Hyundai Motor,[293] mentre le vendite lorde internazionali di Mattel crebbero del 10%, arrivando a 721,7 milioni di dollari, grazie alla commercializzazione delle bambole basate sul gruppo.[294] Sotto contratto come ambasciatori del turismo coreano dal 2017, il governo metropolitano di Seul li ritenne responsabili della ripresa dell'industria turistica cittadina, in sofferenza dopo la crisi diplomatica con la Cina causata dal THAAD nel 2016, attirando 790.000 visitatori all'anno.[295]

Nel dicembre 2018 lo Hyundai Research Institute calcolò che il gruppo contribuisse per 4,14 trilioni di won all'economia sudcoreana, e che uno straniero su tredici visitasse il Paese per loro.[25][296] A giugno 2019 la stima fu rivista a oltre 5,5 trilioni all'anno, superiore a quella di 35 aziende di media grandezza[24] e pari allo 0,3% del PIL 2018 della Corea del Sud, una percentuale paragonabile a quella di Korean Air (0,7%).[297] Ciò portò alla coniazione del termine "BTS Economy" (방탄 이코노미?, Bangtan ikonomiLR).[24][298][299] I due giorni di incontri con i fan tenuti dai BTS a Seul e Pusan nel luglio 2019 generarono un effetto economico totale di 481 miliardi di won, pari all'1,6% del PIL 2018 di Pusan e allo 0,9% di quello di Seul.[300] Il settetto ha avuto un impatto economico anche al di fuori della Corea del Sud: fu stimato che i concerti al Wembley Stadium avessero generato 100 miliardi di won a Londra,[301] mentre l'autorità per il turismo maltese ritenne l'incremento del 237% nel numero di turisti coreani nei primi cinque mesi del 2019 una diretta conseguenza del programma BTS: Bon Voyage girato l'anno precedente nel Paese.[302]

Vari artisti li hanno citati come fonte di ispirazione, tra cui le (G)I-dle,[303] Hyunho dei D-Crunch,[304] Younghoon dei The Boyz,[305] Zuho degli SF9,[306] Euna Kim,[307] Jaehyung dei Golden Child,[308] i Wanna One,[309] gli In2it,[310] Park Ji-hoon,[311] Kim Dong-han,[312] i Seven O'Clock,[313] gli Hyeongseop X Euiwoong,[314] i Noir,[315] Sejun dei Victon,[316] le Loona[317] e i Newkidd.[318] Dopo l'uscita della loro canzone Idol nel 2018, il National Center for Korean Traditional Performing Arts dovette ampliare la propria libreria di suoni musicali tradizionali per via dell'incremento della domanda da parte di produttori sia nazionali che stranieri.[319] Venne inoltre notato un cambiamento nelle canzoni dei gruppi idol, che passarono dal narrare storie d'amore all'utilizzare espressioni quali "cercare me stesso" in seguito al periodo Love Yourself dei BTS e al loro discorso alle Nazioni Unite.[320]

Formazione[modifica | modifica wikitesto]

Discografia[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Discografia dei BTS.

Filmografia[modifica | modifica wikitesto]

Cinema[modifica | modifica wikitesto]

Televisione e web[modifica | modifica wikitesto]

  • Sin-in-wang Bangtan Sonyeondan: Channel Bangtan (신인왕 방탄소년단 - 채널방탄?) – reality show, 8 episodi (2013)[331]
  • BTS China Job (BTS防彈少年團China JobS) – reality show, 3 episodi (2014)[332]
  • Bangtan Sonyeondan-ui American Hustle Life (방탄소년단의 아메리칸 허슬 라이프?) – reality show, 8 episodi (2014)[333]
  • Go! – reality show, episodio 7 (2014)[334]
  • Run BTS! (달려라 방탄!?, Dallyeora Bangtan!LR) – varietà (2015-in corso)[335]
  • Bangtan Sonyeondan-ui Bokbulbok (방탄소년단의 복불복?) – varietà, 5 episodi (2015)[336]
  • Bangtan ga-yo (방탄가요?) – varietà, 15 episodi (2015-2017)[337]
  • BTS: Bon Voyage (BTS 본보야지?, BTS bon bo-yajiLR) – varietà, 32 episodi (2016-2019)[338][339][340][341]
  • Bangtan Sonyeondan: Burn the Stage (방탄소년단: 번 더 스테이지?) – reality show, 8 episodi (2018)[342]
  • Bring the Soul: Docu-series (브링 더 소울: 다큐시리즈?, Beuring deo so-ul: DakyusirijeuLR) – reality show, 6 episodi (2019)[343]

Tournée[modifica | modifica wikitesto]

Altre attività[modifica | modifica wikitesto]

Pubblicità[modifica | modifica wikitesto]

Clienti acquistano i gadget legati ai BT21 in un negozio Line del distretto di Mapo, Seul.

Nel 2015 i BTS iniziarono una collaborazione con Puma,[344] promuovendone l'abbigliamento sportivo in Corea prima di diventare ambasciatori globali del marchio nel 2018[345] e pubblicizzare le linee "Turin" e "Sportstyle" a livello mondiale.[346][347] Furono anche scelti da LG Electronics per promuovere l'LG G7 ThinQ sul mercato globale[348] e da Hyundai Motor per il SUV del 2019 Palisade.[349] A causa del contratto con il gruppo, Hyundai faticò a stare al passo con gli ordini, avendone ricevuto un numero quasi doppio rispetto al previsto.[350] Nel 2017 i BTS cominciarono a lavorare come modelli per i duty free della Lotte[351] e come ambasciatori del turismo, girando uno spot prodotto dal Governo Metropolitano di Seul e incidendo la canzone promozionale With Seoul, che uscì online il 6 dicembre, mentre il video musicale divenne disponibile il 13 dicembre.[352] Crearono con la app di comunicazione Line una nuova linea di personaggi, i BT21, di cui venne realizzato diverso merchandise[353][354] commercializzato in negozi monomarca a Seul, Los Angeles, Hong Kong e in Giappone.[355] Nell'ottobre 2019 diventarono testimonial globali di Fila.[356]

Il gruppo lavorò anche con aziende del settore dell'intrattenimento, e pubblicò i webtoon Hip Hop Monster e We On: Be The Shield tramite il portale di Nate,[357] e Save Me in collaborazione con Line Webtoon.[358] Nell'industria dei giocattoli, Mattel creò delle bambole modellate sugli outfit usati nel video musicale di Idol,[292] mentre Funko commercializzò una versione BTS dei Funko Pops.[359] Nel campo dei videogiochi, Nexon pubblicò degli avatar basati sui BTS per Elsword;[360] il gruppo lavorò con Dalcomsoft per lanciare il gioco per cellulare SuperStar BTS[361] e il 26 giugno 2019 uscì il gioco di simulazione BTS World ad opera di Netmarble Games,[362] per il quale incisero anche la colonna sonora.[363]

I BTS fecero da testimonial alla KB Kookmin Bank,[364] generando l'apertura di oltre 180.000 nuovi conti.[365] Coca-Cola Korea li mise sotto contratto come modelli per la campagna pubblicitaria in vista dei Mondiali di calcio 2018 in Russia.[366] Nell'ambito della cura della persona e dell'abbigliamento, dal 2016 sono sotto contratto con il produttore di divise scolastiche Smart,[367] e hanno pubblicizzato le maschere facciali Mediheal,[368] i prodotti di VT Cosmetics[369] e le lenti a contatto Play/Up.[370] La campagna BTS X VT Edition Season 2 di VT Cosmetics ricevette il premio Brand communication ai Red Dot Design Award 2019.[371]

Filantropia[modifica | modifica wikitesto]

Logo della campagna dell'UNICEF "Love Myself" in collaborazione con i BTS.

Nel 2015, i BTS donarono 7 tonnellate di riso in beneficenza alla cerimonia di apertura della K-Star Road.[372] Un anno dopo parteciparono alla campagna benefica "Let's Share the Heart" di Allets per sensibilizzare il pubblico e raccogliere fondi da destinare alla cura della cecità.[373]

Nel gennaio 2017 i BTS e la Big Hit Entertainment donarono 100 milioni di won all'Associazione delle Famiglie del Sewol per una Società Vera e Sicura. Ogni membro aveva partecipato con 10 milioni e la Big Hit con 30 milioni.[374]

Nell'ottobre 2017 fu lanciata la campagna "Love Myself", una collaborazione tra il gruppo e l'UNICEF per sostenere il progetto contro gli abusi sui minori.[375] La Big Hit si impegnò a donare, nel corso dei due anni seguenti, 500 milioni di won da parte dei membri, il 3% dei ricavi della trilogia discografica Love Yourself e il 100% dei profitti derivanti dal merchandising, oltre ai proventi dei banchi per le donazioni installati dall'UNICEF.[376] In un anno la campagna raccolse 1 miliardo e 600 milioni di won.[377] Il 24 settembre 2018 parteciparono all'Assemblea generale delle Nazioni Unite per il lancio dell'iniziativa "Youth 2030: The UN Youth Strategy" e la corrispondente campagna UNICEF intitolata "Generation Unlimited" per fornire educazione di qualità ai giovani.[280][378] A nome del gruppo, RM tenne un discorso da sei minuti in inglese sull'amare se stessi.[279]

Mostre[modifica | modifica wikitesto]

Dal 1º all'8 dicembre 2015 al Place SAI di Seul si tenne la Butterfly Dream: BTS Open Media Exhibition, con foto, video e retroscena dei primi due dischi della trilogia The Most Beautiful Moment in Life.[379]

Dal 25 agosto al 28 ottobre 2018 venne organizzata all'Ara Art Center di Seul la mostra fotografica 2018 BTS Exhibition: 24/7=Serendipity (오,늘?, O, neulLR; lett. "Oggi"/"Cinque, sempre"), una raccolta di scatti inediti, alcuni opera degli stessi BTS, che li mostravano durante i preparativi dei loro dischi e la vita quotidiana, oltre a oggetti e ricostruzioni dei set dei video musicali.[380][381] Dal 23 marzo al 23 aprile 2019 la mostra si svolse all'Art Park di Canton in Cina,[382] dal 7 giugno all'11 luglio al Motif Studios a New York,[383] dall'1 al 15 agosto al The Reef a Los Angeles.[384]

Ordini cavallereschi[modifica | modifica wikitesto]

Ordine al Merito Culturale di quinta classe Hwa-gwan - nastrino per uniforme ordinaria Ordine al Merito Culturale di quinta classe Hwa-gwan
«Per aver contribuito a diffondere non solo la hallyu, ma anche l'hangul.[26]»
— (24 ottobre 2018)[27]

Riconoscimenti[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Premi e riconoscimenti dei BTS.
I BTS vincono il loro primo riconoscimento, quello di Miglior nuovo artista, ai Melon Music Award, il 14 novembre 2013.

I BTS hanno ricevuto numerosi riconoscimenti, inclusi 15 Melon Music Award, 15 Mnet Asian Music Award, 14 Golden Disc Award, 12 Seoul Music Award, 10 Gaon Chart Music Award, 4 Billboard Music Award, 4 Korean Music Award, 2 MTV Video Music Award e 1 American Music Award.

In Corea del Sud hanno 3 dischi certificati multi-Million, un disco multi-Platino e 3 singoli di Platino per il numero di streaming.[385] Primo gruppo coreano a ricevere una certificazione discografica dalla RIAA, negli Stati Uniti hanno 2 singoli di Platino, 3 singoli d'Oro e 2 dischi d'Oro.[386] In Giappone sono stati il primo artista maschile straniero ad avere un singolo certificato Million,[387] e hanno inoltre 2 singoli multi-Platino, un disco multi-Platino e 5 dischi d'Oro.[388] Nel Regno Unito hanno 2 dischi d'Argento[389] e in Australia quattro singoli d'Oro.[390] La loro discografia ha ricevuto certificazioni anche in altri territori.

I BTS hanno un'ampia influenza sui social e detengono diversi Guinness dei primati, incluso quello per il maggior numero di interazioni su Twitter.[146][391] Ad oggi hanno trascorso 150 settimane alla prima posizione della classifica Billboard Social 50.[392][393]

Nel 2018 hanno ricevuto il riconoscimento Risultati eccezionali nella musica ai The Asian Award,[394] mentre nel 2019 i Gaon Chart Music Award li hanno insigniti del premio alla carriera Contributo al K-pop.[395]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c (EN) BTS, su AllMusic, All Media Network. Modifica su Wikidata
  2. ^ (JA) シングル「血、汗、涙」を5月10日にリリース!, BTS Universal Music Japan Page, 23 marzo 2017 (archiviato dall'url originale il 24 marzo 2017).
  3. ^ (EN) Roger Friedman, Crazy Rich Asians: South Korean Boy Band BTS First US Release Explodes Gangnam Style, Swamps iTunes Singles, Album Charts, su Showbiz411, 25 agosto 2018. URL consultato il 25 agosto 2018.
  4. ^ (EN) Ahn Sung-mi, Ultimate beginner's guide to BTS, su The Korea Herald, 11 febbraio 2019. URL consultato il 13 febbraio 2019 (archiviato dall'url originale il 28 marzo 2019).
  5. ^ a b c (EN) Jeff Benjamin, How Korean Boy Band BTS Broke a U.S. K-pop Chart Record – Without Any Songs In English, in Billboard, 21 ottobre 2016 (archiviato dall'url originale il 12 gennaio 2019).
  6. ^ a b (EN) Tamar Herman, What To Know About BTS' 'Love Yourself' Series, su Billboard, 17 agosto 2017. URL consultato il 20 gennaio 2019 (archiviato dall'url originale il 4 aprile 2019).
  7. ^ a b (EN) Jeff Benjamin, BTS Break Into Billboard 200 With 'The Most Beautiful Moment in Life, Pt. 2', su Billboard, 7 dicembre 2015. URL consultato il 22 aprile 2019 (archiviato dall'url originale il 1º gennaio 2016).
  8. ^ a b (EN) Jeff Benjamin, BTS: K-Pop's Social Conscience, Fuse, 4 dicembre 2015 (archiviato dall'url originale il 12 aprile 2019).
  9. ^ (EN) Caitlin Kelley, BTS' 11 Most Socially Conscious Songs Before 'Go Go', su Billboard, 18 settembre 2017. URL consultato il 15 ottobre 2019 (archiviato dall'url originale il 13 febbraio 2018).
  10. ^ (EN) Jeff Benjamin, The Power in BTS' Pride in K-Pop, su Fuse, 14 dicembre 2017. URL consultato il 4 ottobre 2019 (archiviato dall'url originale il 24 febbraio 2018).
  11. ^ (KO) Kang Young-guk, "BTS, 글로벌 시장에 K팝 주류화 시켰다"(세지포), su Daum Entertainment, 26 settembre 2019. URL consultato il 26 settembre 2019 (archiviato dall'url originale il 26 settembre 2019).
  12. ^ a b c (EN) Tamar Herman, BTS Recognized by RIAA for First Platinum Single & First Gold Album, su Billboard, 21 novembre 2018 (archiviato dall'url originale il 26 giugno 2019).
  13. ^ a b (EN) Doha Madani, BTS Makes History Yet Again With First K-Pop Album To Hit No. 1 In U.S., in HuffPost India, 28 maggio 2018. URL consultato il 28 maggio 2018 (archiviato dall'url originale il 24 aprile 2019).
  14. ^ a b (EN) Keith Caulfield, BTS Scores Third No. 1 Album on Billboard 200 Chart With 'Map of the Soul: Persona', su Billboard, 21 aprile 2019. URL consultato il 22 aprile 2019 (archiviato dall'url originale il 30 aprile 2019).
  15. ^ (KO) Choi Tae-young, GAON′s 관찰노트(The Million Sellers - ″Physical Album Sales″), su gaonchart.co.kr, 27 agosto 2019. URL consultato il 29 agosto 2019 (archiviato dall'url originale il 29 agosto 2019).
  16. ^ a b (EN) Kim Bo-ram, (LEAD) Sales of BTS' latest album hit all-time high, su Yonhap News Agency, 9 maggio 2019. URL consultato il 26 giugno 2019 (archiviato dall'url originale il 12 giugno 2019).
  17. ^ a b (EN) Connie Suggitt, BTS smash yet another record in their home country of South Korea, su Guinness World Records, 25 giugno 2019. URL consultato il 26 giugno 2019 (archiviato dall'url originale il 27 giugno 2019).
  18. ^ a b (EN) Yonhap, BTS ranks second in 2018 artist chart by intl recording federation, su The Korea Herald, 27 febbraio 2019. URL consultato il 25 aprile 2019 (archiviato dall'url originale il 1º marzo 2019).
  19. ^ a b (EN) Tamar Herman, BTS Make Time Magazine's 'Next Generation Leaders' List: 'We Are Spreading Korean Culture as Its Representatives', su Billboard, 11 ottobre 2018. URL consultato il 15 gennaio 2019 (archiviato dall'url originale il 28 marzo 2019).
  20. ^ (EN) Pakkee Tan, BTS Makes It To TIME's 25 Most Influential People on the Internet List, su E! Online, 16 luglio 2019. URL consultato il 1º novembre 2019 (archiviato dall'url originale il 1º novembre 2019).
  21. ^ a b c (EN) Halsey, BTS: The 100 Most Influential People of 2019, su TIME. URL consultato il 18 aprile 2019 (archiviato dall'url originale il 17 aprile 2019).
  22. ^ a b (EN) Mark Savage, Drake, BTS and Ariana boost music sales, in BBC, 2 aprile 2019. URL consultato il 25 aprile 2019 (archiviato dall'url originale il 2 aprile 2019).
  23. ^ a b (KO) Kim Jae-woong, '방탄소년단이 경제 살린다?' 현대경제硏, 한국경제 희망요인 분석, su Metro Seoul, 3 febbraio 2019. URL consultato il 25 aprile 2019 (archiviato dall'url originale il 29 marzo 2019).
  24. ^ a b c (KO) Lee Ji-young, BTS 이름만 걸어도 대박…'방탄 효과' 누리는 기업들, su Newsis, 30 giugno 2019. URL consultato il 31 ottobre 2019 (archiviato dall'url originale il 31 ottobre 2019).
  25. ^ a b (EN) Agence France-Presse, The BTS billions: K-pop superstars ‘worth more than US$3.6 billion a year’ to South Korea’s economy, su South China Morning Post, 18 dicembre 2018. URL consultato il 15 gennaio 2019 (archiviato dall'url originale il 1º febbraio 2019).
  26. ^ a b c (EN) Yoon Min-sik, BTS to get medal for spreading Korean culture: presidential office, su kpopherald.koreaherald.com, 8 ottobre 2018 (archiviato dall'url originale il 26 giugno 2019).
  27. ^ a b (KO) Kim Ji-won, '대중문화예술상' BTS, 문화훈장 화관 최연소 수훈...유재석부터 故 김주혁까지 '영광의 얼굴들' (종합), su entertain.naver.com, 24 ottobre 2018 (archiviato dall'url originale il 21 aprile 2019).
  28. ^ (EN) Giovanna Trabasso, BTS Is Tackling Problems That Are Taboo, in Affinity Magazine, 29 maggio 2016. URL consultato il 4 aprile 2018 (archiviato dall'url originale il 21 marzo 2019).
  29. ^ (JA) BTS (防弾少年団), su Universal Music Japan. URL consultato il 30 aprile 2019 (archiviato dall'url originale il 31 marzo 2019).
  30. ^ (EN) A New Name for K-Pop Sensation BTS? Fans Aren't So Sure, in Vogue, 5 luglio 2017 (archiviato dall'url originale il 27 giugno 2018).
  31. ^ (KO) Sung Jung-eun, 방탄소년단, 팬클럽 아미와 연결된 새 BI 공개 "문을 열고 나아가는 청춘", in Naver, 5 luglio 2017. URL consultato il 4 aprile 2018 (archiviato dall'url originale il 21 marzo 2019).
  32. ^ a b c (EN) BTS Brand eXperience Design Renewal, su www.behance.net, 27 febbraio 2017. URL consultato il 4 aprile 2018 (archiviato dall'url originale il 1º luglio 2019).
  33. ^ (EN) Rachel Lee, BTS wins prestigious design award, su The Korea Times, 29 luglio 2019. URL consultato il 2 agosto 2019 (archiviato dall'url originale il 29 luglio 2019).
  34. ^ Filmato audio (KO) Myeonggyeonmalli Plus, 방탄소년단은 뭐가 달라요?, su YouTube, 25 maggio 2018. URL consultato il 23 dicembre 2018.
  35. ^ (KO) Park Young-woong, 방시혁, 오디션 통해 힙합그룹 '방탄소년단' 제작, Starnews, 2 settembre 2010 (archiviato dall'url originale il 6 ottobre 2019).
  36. ^ (KO) Park Ye-eun, 방시혁 오글랩 공개, '방탄소년단 모여라', Xsportsnews, 13 luglio 2011 (archiviato dall'url originale il 6 ottobre 2019).
  37. ^ (KO) Kang Hee-jung, 방탄소년단 “팀명 후보, 빅키즈 영네이션 있었다”(야만TV), Newsen, 22 giugno 2015 (archiviato dall'url originale il 26 febbraio 2019).
  38. ^ a b (KO) Song Myung-sun, 힙합 하다: 한국, 힙합 그리고 삶, Annapurna, 2016, ISBN 9791186559116, OCLC 987381114. URL consultato il 23 dicembre 2018.
  39. ^ (KO) Lee Eun-jung, 임정희 "美서 '아메리칸 아이돌' 나가래요", su Naver, 11 ottobre 2010. URL consultato il 23 dicembre 2018 (archiviato dall'url originale il 27 marzo 2019).
  40. ^ (EN) Aja Romano, How BTS and their ARMY changed K-pop — and the world, su Vox, 13 giugno 2018. URL consultato il 30 gennaio 2019 (archiviato dall'url originale il 16 aprile 2019).
  41. ^ (KO) Park Young-woon, 방시혁, 오디션 통해 힙합그룹 '방탄소년단' 제작, in Star News, 2 settembre 2010. URL consultato il 22 aprile 2017 (archiviato il 22 aprile 2017).
  42. ^ (KO) Baek Sol-mi, '나는 래퍼다' 방시혁, 13년만에 랩 도전, in My Daily, 13 luglio 2011. URL consultato il 22 aprile 2017 (archiviato il 22 aprile 2017).
  43. ^ (EN) Chloe Yun, New boy group Bulletproof Boy Scouts to hold a debut showcase on June 12, BNT News, 12 giugno 2013. URL consultato il 9 maggio 2015 (archiviato dall'url originale il 18 maggio 2015).
  44. ^ (EN) Grace Danbi Hong, BTS Asks about Your Dreams in ‘No More Dream’ MV, su Mwave, 5 febbraio 2015. URL consultato l'8 luglio 2019 (archiviato dall'url originale il 5 febbraio 2015).
  45. ^ (EN) Emma Kelly, BTS Festa gets even better as K-pop idols release hockey-themed family portrait, in Metro, 7 giugno 2018. URL consultato il 24 agosto 2018 (archiviato dall'url originale il 24 agosto 2018).
  46. ^ (KO) Lee Geum-joon, '신예 힙합돌' 방탄소년단, 이름에 숨겨진 뜻은?, su Asia Gyeongjae, 12 giugno 2013. URL consultato il 3 novembre 2019 (archiviato dall'url originale il 3 novembre 2019).
  47. ^ Youngdae 2019, Review 01.
  48. ^ (KO) 2013년 Gaon Album Chart, su gaonchart.co.kr, 8 giugno 2015. URL consultato il 13 dicembre 2017 (archiviato dall'url originale l'8 giugno 2015).
  49. ^ (KO) 2013년 25주차 Digital Chart, su gaonchart.co.kr, 28 agosto 2016. URL consultato l'8 luglio 2019 (archiviato dall'url originale il 28 agosto 2016).
  50. ^ (KO) 2013년 25주차 Download Chart, su gaonchart.co.kr. URL consultato il 13 dicembre 2017 (archiviato dall'url originale il 16 febbraio 2019).
  51. ^ Youngdae 2019, Review 02.
  52. ^ (KO) Lee Jung-hyuk, 방탄소년단, '신인왕 채널방탄'으로 리얼 버라이어티 도전, su Sports Chosun, 28 agosto 2013. URL consultato il 23 aprile 2019 (archiviato dall'url originale il 15 ottobre 2019).
  53. ^ (KO) Melon Music Awards 2013, su awards.melon.com. URL consultato il 30 aprile 2019 (archiviato dall'url originale il 17 marzo 2015).
  54. ^ (KO) The 29th GOLDEN DISC AWARDS in BEIJING, su isplus.live.joins.com, 22 febbraio 2018. URL consultato il 30 aprile 2019 (archiviato dall'url originale il 22 febbraio 2018).
  55. ^ (KO) Seoul Music Awards, su seoulmusicawards.com, 23 febbraio 2018. URL consultato il 30 aprile 2019 (archiviato dall'url originale il 23 febbraio 2018).
  56. ^ (KO) Kim Bo-young, 방탄소년단, '상남자' MV 선공개…이런 훈남이?, Joins, 12 febbraio 2014 (archiviato dall'url originale il 31 agosto 2019).
  57. ^ (KO) Gaon Album Chart 2014, su gaonchart.co.kr. URL consultato il 30 aprile 2019 (archiviato dall'url originale il 9 febbraio 2019).
  58. ^ (EN) BTS Billboard Chart History, Billboard.
  59. ^ Youngdae 2019, Review 03.
  60. ^ (EN) Hong Grace Danbi, [Video] BTS Wishes for 'Just One Day' with You in New MV, Mwave, 7 aprile 2014 (archiviato dall'url originale il 21 novembre 2015).
  61. ^ (JA) “日本デビュー決定”防弾少年団、初めての日本ショーケースを経て韓国カムバックへ…「2年目も今までのように突っ走るだけ」, in Kstyle, 7 marzo 2014 (archiviato dall'url originale il 21 marzo 2019).
  62. ^ (EN) Sohn Ji-ae, All-out effort in the heart of Russia to promote Korea, Korean Culture and Information Service, 17 giugno 2014 (archiviato dall'url originale il 9 febbraio 2019).
  63. ^ (EN) Jeff Benjamin, BTS Announces Free, Surprise L.A. Concert, su Billboard, 13 luglio 2014. URL consultato il 21 aprile 2019 (archiviato dall'url originale il 29 giugno 2019).
  64. ^ (EN) August Brown, K-Pop stars Girls' Generation, Bangtan Boys headline KCON 2014, in LA Times, 22 maggio 2014 (archiviato dall'url originale il 13 febbraio 2019).
  65. ^ (EN) Jeff Benjamin, KCON 2014 Day 2: Girls' Generation, CNBLUE, SPICA & More Close L.A. Festival With Loud Bang, su Billboard, 12 agosto 2014. URL consultato il 21 aprile 2019 (archiviato dall'url originale il 30 aprile 2019).
  66. ^ (KO) Park Soo-jung, 텐카메라맨, 방탄소년단 ‘Danger’ 음악방송 컴백무대 비교, Hankyung, 25 agosto 2014 (archiviato dall'url originale il 30 ottobre 2019).
  67. ^ (EN) Hong Grace Danbi, BTS Rages in the 'War of Hormone' MV, Mwave, 22 ottobre 2014 (archiviato dall'url originale il 22 ottobre 2014).
  68. ^ (KO) 2014년 35주차 Album Chart, su gaonchart.co.kr. URL consultato il 15 settembre 2019 (archiviato dall'url originale il 12 gennaio 2019).
  69. ^ a b (KO) Kim Hyun-sik, BTS 이끈 피독 "주입식 NO, 스스로 하게끔 만들었죠", Naver, 5 dicembre 2017 (archiviato dall'url originale il 4 maggio 2019).
  70. ^ (KO) Ahn Ha-na, '엠카운트다운' 방탄소년단, 카리스마 넘치는 '데인저'로 컴백, su News1, 21 agosto 2014. URL consultato il 30 aprile 2019 (archiviato dall'url originale il 13 febbraio 2019).
  71. ^ a b (KO) Lee Jung-ah, 방탄소년단, 홍콩 콘서트로 11개월 간 월드투어 '성황리 마무리' 출처, in SBS News, 31 agosto 2015. URL consultato il 22 aprile 2017 (archiviato dall'url originale il 3 ottobre 2018).
  72. ^ (JA) 防弾少年団、1stアルバム「WAKE UP」メインビジュアル&詳細を発表, su www.musicman.co.jp, 2 dicembre 2014. URL consultato il 31 agosto 2019 (archiviato dall'url originale il 31 agosto 2019).
  73. ^ (JA) 防弾少年団日本デビューシングル「NO MORE DREAM -Japanese ver.-」発売記念大型パネル展開催決定!!, su Tower Shibuya, 2 giugno 2014 (archiviato dall'url originale il 31 agosto 2019).
  74. ^ (JA) 防弾少年団、日本2ndシングル「BOY IN LUV」がTOKYO FM「やまだひさしのラジアンリミテッドF」で解禁決定!, su Kstyle, 27 giugno 2014. URL consultato il 31 agosto 2019 (archiviato dall'url originale il 15 agosto 2019).
  75. ^ (JA) 防弾少年団☆STYLE Vol.16 恋人への警告……恋愛に憤りを感じる男性の気持ちを歌った新曲とは, su ORICON NEWS, 19 novembre 2014. URL consultato il 31 agosto 2019 (archiviato dall'url originale il 31 agosto 2019).
  76. ^ (EN) Jeon Su-mi, BTS Wraps Up Concert Tour in Japan Gathering 25,000 Fans, Mwave, 23 febbraio 2015 (archiviato dall'url originale il 24 febbraio 2015).
  77. ^ (KO) Kim Mi-hwa, 방탄소년단, 두번째 단독콘서트 2분 만에 전석매진, su Star News, 27 febbraio 2015. URL consultato l'11 novembre 2019 (archiviato dall'url originale il 17 febbraio 2018).
  78. ^ (JA) 防弾少年団、強烈でセクシーなヒップホップに6500人が熱狂…2度目の単独公演を成功裏に開催 - MUSIC - 韓流・韓国芸能ニュースはKstyle, su Kstyle, 30 marzo 2015. URL consultato l'11 novembre 2019 (archiviato dall'url originale il 26 giugno 2019).
  79. ^ a b Youngdae 2019, Review 06.
  80. ^ (KO) Choi Jin-sil, 방탄소년단이 말하는 '화양연화' (인터뷰①)텐아시아, su TenAsia, 28 aprile 2015. URL consultato il 22 aprile 2019 (archiviato dall'url originale il 19 luglio 2019).
  81. ^ (KO) 방탄소년단 화양연화, 'I NEED YOU' 음원차트 1위로 우뚝...대세 그룹 인증, su Joongang Ilbo, 29 aprile 2015. URL consultato il 31 agosto 2019 (archiviato dall'url originale il 31 agosto 2019).
  82. ^ (EN) 27 Best Albums We've Heard in 2015... So Far #24, Fuse.tv, 23 giugno 2015 (archiviato dall'url originale il 21 luglio 2019).
  83. ^ (KO) 2015년 19주차 Digital Chart, su gaonchart.co.kr. URL consultato il 22 aprile 2019 (archiviato dall'url originale il 12 gennaio 2019).
  84. ^ (KO) Jo Hye-jin, 방탄소년단(BTS), ‘I NEED U’로 대망의 ‘첫 1위’…‘축하해’, in Topstarnews, 6 maggio 2015 (archiviato dall'url originale il 12 giugno 2018).
  85. ^ (KO) 2015년 28주차 Digital Chart, su gaonchart.co.kr. URL consultato il 22 aprile 2019 (archiviato dall'url originale il 6 marzo 2019).
  86. ^ (EN) BTS' 'Dope' music video hits over 100 million views, in Yonhap News Agency, 25 ottobre 2015. URL consultato il 2 maggio 2017 (archiviato dall'url originale il 23 giugno 2018).
  87. ^ (EN) Tamar Herman, BTS Search for Their Biggest Fans on Twitter With K-Pop's First Ever Emoji, su Billboard, 12 maggio 2016. URL consultato il 30 aprile 2019 (archiviato dall'url originale il 14 luglio 2019).
  88. ^ (JA) 防弾少年団、最新シングル「FOR YOU」ビジュアル解禁!“絡みつく赤い糸とはかなげで大人っぽい表情”, in Kstyle, 14 maggio 2015 (archiviato dall'url originale il 1º luglio 2019).
  89. ^ (KO) Choi Du-seon, 방탄소년단 'For You', 일본 오리콘 차트 정상 등극, su Etoday, 18 giugno 2015. URL consultato il 4 novembre 2019 (archiviato dall'url originale il 4 novembre 2019).
  90. ^ (KO) Han Soo-jin, 'KCON in 프랑스' I.O.I부터 방탄까지 파리心 잡으러 출격, su Sport Today, 21 aprile 2016. URL consultato il 17 ottobre 2019 (archiviato dall'url originale il 17 ottobre 2019).
  91. ^ (KO) Choi Ji-ye, 방탄소년단, 콘서트서 신곡 첫 공개...11월 30일 본격 컴백, www.mydaily.co.kr, 28 ottobre 2015. URL consultato il 29 ottobre 2015 (archiviato dall'url originale il 17 giugno 2018).
  92. ^ Youngdae 2019, Review 07.
  93. ^ (KO) 2015년 50주차 Album Chart, su gaonchart.co.kr (archiviato dall'url originale il 16 febbraio 2019).
  94. ^ (EN) Jeff Benjamin, BTS' 'Most Beautiful Moment in Life, Pt. 2' Returns to No. 1 on World Albums, Billboard, 5 gennaio 2016 (archiviato dall'url originale il 22 marzo 2019).
  95. ^ (KO) 2016년 19주차 Album Chart, su gaonchart.co.kr. URL consultato il 17 ottobre 2019 (archiviato dall'url originale il 23 marzo 2019).
  96. ^ (KO) 2016년 20주차 Album Chart, su gaonchart.co.kr. URL consultato il 17 ottobre 2019 (archiviato dall'url originale il 23 marzo 2019).
  97. ^ Youngdae 2019, Review 08.
  98. ^ (EN) Chung Joo-won, BTS, EXO, TWICE top 2016 Melon Music Awards, su Yonhap News Agency, 20 novembre 2016. URL consultato il 30 aprile 2019 (archiviato dall'url originale il 12 gennaio 2019).
  99. ^ (EN) Ahn Sung-mi, BTS to return in May, Kpop Herald, 21 marzo 2016. URL consultato il 22 aprile 2017 (archiviato dall'url originale il 27 giugno 2018).
  100. ^ (KO) Son Ye-ji, 방탄소년단 대세몰이 '대상소년단' 거듭나다, Korea Economic Daily, 27 dicembre 2016 (archiviato dall'url originale il 18 maggio 2017).
  101. ^ (EN) Jeff Benjamin, BTS Joins Kcon 2016 Los Angeles as Headliner, Fuse, 6 maggio 2016 (archiviato dall'url originale l'11 agosto 2019).
  102. ^ (JA) 防弾少年団、日本セカンド・アルバム『YOUTH』, Tower Records, 5 luglio 2016 (archiviato dall'url originale il 1º gennaio 2017).
  103. ^ (JA) 防弾少年団、花より美しいビジュアル!?日本最新シングル「I NEED U (Japanese Ver.)」のジャケット写真をKstyle先行公開, in Kstyle, 12 novembre 2015 (archiviato dall'url originale il 5 aprile 2019).
  104. ^ (JA) 防弾少年団、日本6thシングル「RUN-Japanese Ver.-」の発売が決定! - K-POP - 韓流・韓国芸能ニュースはKstyle, Kstyle, 15 febbraio 2016 (archiviato dall'url originale il 21 marzo 2019).
  105. ^ (KO) Kim Seong-eun, '멜론뮤직어워드' 엑소 '아티스트상' 방탄소년단 '올해의 앨범상' 트와이스 '베스트송' 수상, su Global Economic, 20 novembre 2016. URL consultato il 21 ottobre 2019 (archiviato dall'url originale il 21 ottobre 2019).
  106. ^ (EN) Son Ji-hyoung, [V Report Plus] BTS releases teaser for lead track of ‘Wings’, Kpop Herald, 7 ottobre 2016 (archiviato dall'url originale il 27 giugno 2018).
  107. ^ Youngdae 2019, Review 10.
  108. ^ (EN) Nick Murray, 10 New Artists You Need to Know Now, su Rolling Stone, 21 luglio 2017. URL consultato il 23 aprile 2019 (archiviato dall'url originale il 23 marzo 2019).
  109. ^ (EN) Bangtan Boys second EP "Wings" tops 8 music charts, Yonhap, 11 ottobre 2016 (archiviato dall'url originale il 23 marzo 2019).
  110. ^ (KO) 2016년 42주차 Digital Chart, su gaonchart.co.kr. URL consultato il 13 dicembre 2017 (archiviato dall'url originale il 23 febbraio 2019).
  111. ^ (KO) Lee Jung-hyun, 방탄소년단, 가온 주간차트 5관왕! 최고 강자 등극, su Edaily, 20 ottobre 2016. URL consultato il 21 ottobre 2019 (archiviato dall'url originale il 21 ottobre 2019).
  112. ^ (EN) Rob Copsey, BTS make history as they become the first Korean band to enter the Official Albums Chart with Wings, Official Charts, 18 ottobre 2016 (archiviato dall'url originale il 25 marzo 2018).
  113. ^ a b (EN) Jeff Benjamin, BTS' 'Wings' Sets New U.S. Record for Highest-Charting, Best-Selling K-Pop Album, Billboard, 17 ottobre 2016 (archiviato dall'url originale il 21 ottobre 2016).
  114. ^ (EN) Jee Benjamin, BTS Extend Chart Dominance: 'Wings' Spends 2nd Week on Billboard 200, 'Blood Sweat & Tears' Debuts on Canadian Hot 100, Billboard, 24 ottobre 2016 (archiviato dall'url originale il 6 novembre 2016).
  115. ^ (EN) BTS sold 1.49 million copies of 'Wings' albums, su Yonhap News Agency, 9 marzo 2017. URL consultato il 30 aprile 2019 (archiviato dall'url originale il 21 marzo 2019).
  116. ^ (EN) Choi Seung-hae, BTS' 'Wings' Becomes Highest Selling Album on Gaon Chart, mwave.interest.me, 10 novembre 2016 (archiviato dall'url originale l'11 novembre 2016).
  117. ^ (EN) Park Ga-young, Bangtan Boys wins best artist award in MAMA 2016, The Korea Herald, 2 dicembre 2016. URL consultato il 22 aprile 2017 (archiviato dall'url originale il 4 settembre 2019).
  118. ^ (EN) Uyen Nguyen, Bangtan Boys And The Music They Create, su theodysseyonline.com, 19 dicembre 2016 (archiviato dall'url originale il 24 agosto 2019).
  119. ^ (KO) Sun Min-kyung, 방탄소년단 '윙스 외전', 선주문 70만장 돌파..사상 최다, Osen, 10 febbraio 2017 (archiviato dall'url originale il 7 maggio 2019).
  120. ^ (EN) Kim Nicholas, BTS Breaks the Record for Most Albums Sold in a Month, Koogle TV, 9 marzo 2017. URL consultato il 2 maggio 2017 (archiviato dall'url originale il 26 giugno 2019).
  121. ^ (EN) BTS releases new album, storms music charts, in Yonhap News Agency, 13 febbraio 2017 (archiviato dall'url originale il 4 settembre 2019).
  122. ^ (KO) 2017년 07주차 Digital Chart, su gaonchart.com, 23 febbraio 2017. URL consultato il 30 aprile 2019 (archiviato dall'url originale il 23 febbraio 2017).
  123. ^ (EN) Jeff Benjamin, BTS Crack the Bubbling Under Hot 100 With 'Spring Day,' Conquer Multiple Charts With 'You Never Walk Alone', Billboard, 21 febbraio 2017 (archiviato dall'url originale il 12 gennaio 2019).
  124. ^ (KO) Lee So-dam, "19개도시·40회·55만명"..방탄소년단, 월드투어 퍼펙트매진, su entertain.naver.com, 31 ottobre 2017. URL consultato il 23 aprile 2019 (archiviato dall'url originale il 22 aprile 2019).
  125. ^ (EN) Marian Liu, K-pop group's record breaking album conquers three continents, su CNN, 28 maggio 2018. URL consultato il 30 aprile 2019 (archiviato dall'url originale il 29 marzo 2019).
  126. ^ (EN) Tamar Herman, BTS Adds 2 New Shows to Sold-Out Wings Tour, su Billboard, 16 dicembre 2016. URL consultato il 30 aprile 2019 (archiviato dall'url originale il 14 aprile 2019).
  127. ^ (EN) Jason Lipshutz, BTS Thanks Fans For Top Social Artist Win at Billboard Music Award 2017: Watch, Billboard, 21 maggio 2017. URL consultato il 5 luglio 2017 (archiviato dall'url originale il 21 marzo 2019).
  128. ^ (EN) Marian Liu, Bigger than Bieber? K-pop group BTS beats US stars to win Billboard Music Awards, CNN, 23 maggio 2017 (archiviato dall'url originale il 7 aprile 2019).
  129. ^ (EN) Tamar Herman, K-Pop Legend Seo Taiji Holds 25th Anniversary Concert, Passes Torch to BTS, Billboard, 4 settembre 2017. URL consultato il 26 settembre 2017 (archiviato dall'url originale il 21 aprile 2019).
  130. ^ (KO) Lee Ha-na, 서태지는 왜 방탄소년단을 차세대 아이콘으로 선택했나?, su Seoul Gyeongje, 3 settembre 2017. URL consultato il 23 aprile 2019 (archiviato dall'url originale il 26 giugno 2019).
  131. ^ a b Youngdae 2019, Review 11.
  132. ^ (EN) Susan Min, BTS Confirms Comeback Date with ′Love Yourself HER′, su mwave.interest.me, 24 agosto 2017. URL consultato il 24 agosto 2017 (archiviato dall'url originale il 24 agosto 2017).
  133. ^ (EN) Jeff Benjamin, BTS Explain Concepts Behind 'Love Yourself: Her' Album: 'This Is the Beginning of Our Chapter Two', su Billboard, 20 settembre 2017. URL consultato il 23 aprile 2019 (archiviato dall'url originale il 30 aprile 2019).
  134. ^ (KO) Lee Min-ji, 방탄소년단, 73개국 아이튠즈 1위 석권 '韓가수 최다기록', su newsen.com, 19 settembre 2017 (archiviato dall'url originale il 12 giugno 2018).
  135. ^ (EN) Gary Trust e Jeff Benjamin, BTS Earns First Billboard Hot 100 Hit With 'DNA', Billboard, 25 settembre 2017 (archiviato dall'url originale il 28 marzo 2019).
  136. ^ (EN) Gary Trust e Jeff Benjamin, BTS Scores Highest-Charting Billboard Hot 100 Hit for a K-Pop Group With 'DNA', su Billboard, 2 ottobre 2017. URL consultato il 30 aprile 2019 (archiviato dall'url originale il 23 marzo 2019).
  137. ^ (KO) Han In-gu, 방탄소년단, 158만 단일 앨범 판매량 돌파 `사상 최다`, su entertain.naver.com, 12 febbraio 2018. URL consultato il 13 febbraio 2018 (archiviato dall'url originale il 13 febbraio 2018).
  138. ^ (EN) Sam Prance, BTS Become First K-Pop Act with Multiple RIAA Certifications, su www.mtv.co.uk, 13 febbraio 2018. URL consultato il 30 aprile 2019 (archiviato dall'url originale il 26 gennaio 2019).
  139. ^ (EN) Jeff Benjamin e Keith Caulfield, BTS Score Top 10 Debut on Billboard 200 With 'Love Yourself: Her' Album, su billboard.com, 24 settembre 2017. URL consultato il 25 settembre 2017 (archiviato dall'url originale il 2 ottobre 2019).
  140. ^ (KO) Park Jin-young, 방탄소년단, 신보 첫 주 75만장 돌파..'윙스' 2배 사상 최대, su entertain.naver.com, 25 settembre 2017. URL consultato il 25 settembre 2017 (archiviato dall'url originale il 4 ottobre 2017).
  141. ^ (EN) BTS album 'Love Yourself: Her' sells over 1.2 mln copies: data, Yonhap News Agency, 13 ottobre 2017 (archiviato dall'url originale il 24 aprile 2019).
  142. ^ (EN) Caitlin Kelley, K-Pop Superstars BTS to Perform for First Time on an American Award Show at 2017 AMAs, Billboard, 3 novembre 2017 (archiviato dall'url originale l'8 novembre 2017).
  143. ^ (EN) Tamar Herman, Rising K-Pop Superstars BTS Will Perform At The AMAs, Forbes, 3 novembre 2017 (archiviato dall'url originale il 10 novembre 2017).
  144. ^ (EN) Cheang Ming, How K-pop made a breakthrough in the US in 2017, in CNBC, 29 dicembre 2017. URL consultato il 4 aprile 2018 (archiviato dall'url originale il 4 marzo 2019).
  145. ^ (EN) Isabella Steger, The unlikely, meteoric rise of BTS, the biggest name in K-pop right now, in Quartzy, 20 novembre 2017. URL consultato il 4 aprile 2018 (archiviato dall'url originale il 23 ottobre 2019).
  146. ^ a b (EN) Bibi Nurshuhada Ramli, K-Pop kings BTS earns a spot in Guinness World Records 2018 for most Twitter engagements, su nst.com.my, 21 novembre 2017 (archiviato dall'url originale il 15 marzo 2018).
  147. ^ (EN) Most Twitter engagements (average retweets) for a music group, Guinness World Records, 23 novembre 2017 (archiviato dall'url originale il 24 novembre 2017).
  148. ^ (EN) Tamar Herman, BTS Joins Forces with Steve Aoki & Desiigner For Upcoming Remix of 'Mic Drop', Billboard, 7 novembre 2017 (archiviato dall'url originale il 4 febbraio 2018).
  149. ^ (EN) Tamar Herman, BTS Announces New Japanese Release Crystal Snow, Billboard, 17 ottobre 2017. URL consultato il 17 ottobre 2017 (archiviato dall'url originale il 6 agosto 2018).
  150. ^ (KO) Baek Ah-young, 방탄소년단, ‘MIC Drop/DNA/Crystal Snow’ 日 오리콘 차트 1위 '기염', su IMBC, 7 dicembre 2017 (archiviato dall'url originale il 31 agosto 2019).
  151. ^ (KO) Kim Young-rak, "해외 아티스트 유일"...방탄소년단 日싱글, '더블 플래티넘' 달성, Naver, 15 gennaio 2018 (archiviato dall'url originale il 16 gennaio 2018).
  152. ^ (KO) Lee Min-ji, [2017 MAMA]방탄소년단, 2년 연속 대상 "더이상 슬프지 않아", su newsen.com, 1º dicembre 2017 (archiviato dall'url originale il 2 dicembre 2017).
  153. ^ (KO) Lee So-dam, 방탄소년단X유튜브 레드, 리얼 성장 다큐 28일 첫 선, su news.chosun.com, 14 marzo 2018. URL consultato il 1º ottobre 2019 (archiviato dall'url originale il 1º ottobre 2019).
  154. ^ (EN) Tamar Herman, BTS Documentary Series 'Burn The Stage' to Air on YouTube Red, in Billboard, 14 marzo 2018. URL consultato il 4 aprile 2018 (archiviato dall'url originale il 17 aprile 2019).
  155. ^ (JA) BTS (防弾少年団)、日本オリジナルアルバム『FACE YOURSELF』発売 新録曲や映像も収録, su Real Sound, 1º febbraio 2018. URL consultato il 1º febbraio 2018 (archiviato dall'url originale il 12 giugno 2018).
  156. ^ (EN) Takahiro Kawamura, Not heard of them? Nor have most people, but they’re very big, su Asahi Shinbun, 14 marzo 2018 (archiviato dall'url originale il 9 febbraio 2019).
  157. ^ (EN) Tamar Herman, BTS Tease Next Album In 'Love Yourself' Series With 'Euphoria' Theme Video, in Billboard, 5 aprile 2018. URL consultato il 6 aprile 2018 (archiviato dall'url originale il 15 aprile 2019).
  158. ^ (KO) Park Soo-yoon, 방탄소년단, '골든디스크' 음반 부문 대상 등 3관왕, su Yonhap News, 11 gennaio 2018. URL consultato il 4 novembre 2019 (archiviato dall'url originale il 4 novembre 2019).
  159. ^ (EN) Katie Baillie, BTS announce comeback date for album Love Yourself: Tear, in Metro, 16 aprile 2018. URL consultato il 16 aprile 2018 (archiviato dall'url originale il 14 luglio 2018).
  160. ^ (EN) Tatiana Cirisano, BTS Wins Top Social Artist Award at the 2018 Billboard Music Awards, in Billboard, 20 maggio 2018. URL consultato il 21 maggio 2018 (archiviato dall'url originale il 21 giugno 2019).
  161. ^ (EN) BTS to Perform New Single at BBMAs, in Billboard Music Awards, 24 aprile 2018. URL consultato il 24 aprile 2018 (archiviato dall'url originale il 28 marzo 2019).
  162. ^ (EN) Hugh McIntyre, BTS, Lil Baby And Ella Mai Reach The Top 10 For The First Time With New Hit Singles, in Forbes, 29 maggio 2018. URL consultato il 30 maggio 2018 (archiviato dall'url originale il 12 giugno 2018).
  163. ^ (EN) Xander Zellner, BTS' 'Fake Love' Becomes 17th Primarily Non-English-Language Top 10 on Hot 100, in Billboard, 29 maggio 2018. URL consultato il 30 maggio 2018 (archiviato dall'url originale il 12 agosto 2019).
  164. ^ (KO) Kim Min-ji, 방탄소년단, 새 앨범 166만 장 판매… 조성모 이후 17년 만에 대기록, su entertain.naver.com, 8 giugno 2018. URL consultato il 17 agosto 2019 (archiviato dall'url originale il 17 agosto 2019).
  165. ^ (KO) Hong Hye-min, ‘기록소년단이 또’…방탄소년단(BTS), LOVE YOURSELF 轉 ‘Tear’로 가온차트 첫 ‘밀리언’, su Hankook Ilbo, 16 luglio 2018. URL consultato il 24 ottobre 2019 (archiviato dall'url originale il 24 ottobre 2019).
  166. ^ (EN) Hugh McIntyre, BTS Debut New Album 'Love Yourself: Tear' At No. 1, Becoming The First K-Pop Act To Do So, su Forbes, 27 maggio 2018. URL consultato il 30 aprile 2019 (archiviato dall'url originale il 30 aprile 2019).
  167. ^ (EN) Daniel Kreps, On the Charts: BTS Become First K-Pop Act to Reach Number One, su Rolling Stone, 27 maggio 2018. URL consultato il 30 aprile 2019 (archiviato dall'url originale il 26 giugno 2019).
  168. ^ (EN) Bryan Rolli, BTS Announce New Album 'Love Yourself: Answer' For August Release, in Forbes, 16 luglio 2018. URL consultato il 17 luglio 2018 (archiviato dall'url originale il 17 luglio 2018).
  169. ^ (EN) Tamar Herman, BTS Reflect on Life & Love on Uplifting 'Love Yourself: Answer', su Billboard, 24 agosto 2018. URL consultato il 20 gennaio 2019 (archiviato dall'url originale il 29 maggio 2019).
  170. ^ a b Youngdae 2019, Review 14.
  171. ^ (EN) Keith Caulfield, BTS Scores Second No. 1 Album on Billboard 200 Chart With 'Love Yourself: Answer', in Billboard, 2 settembre 2018. URL consultato il 3 settembre 2018 (archiviato dall'url originale il 31 marzo 2019).
  172. ^ (EN) Ben Lee, BTS is the First Kpop Act to Stay on Billboard 200 for Over a Year, su www.koogle.tv, 7 novembre 2019. URL consultato l'11 novembre 2019 (archiviato dall'url originale l'8 novembre 2019).
  173. ^ (EN) Jeff Benjamin, BTS Has the Very First K-Pop Album to Spend 1 Year on the Billboard 200, su Billboard, 6 novembre 2019. URL consultato l'11 novembre 2019 (archiviato dall'url originale il 7 novembre 2019).
  174. ^ (KO) Lee Jung-ho, 방탄소년단, 8월 가온차트서 193만장 앨범차트 1위, su entertain.naver.com, 6 settembre 2018. URL consultato il 6 settembre 2018 (archiviato dall'url originale il 27 marzo 2019).
  175. ^ (EN) Tamar Herman, BTS Brings 'Idol' to 'America's Got Talent' for High-Energy Performance: Watch, in Billboard, 12 settembre 2018. URL consultato il 13 settembre 2018 (archiviato dall'url originale il 20 aprile 2019).
  176. ^ (EN) Bangtan Boys Kick off World Tour with Concerts in Seoul, su english.chosun.com, 27 agosto 2018. URL consultato il 24 aprile 2019 (archiviato dall'url originale il 24 aprile 2019).
  177. ^ (EN) Tamar Herman, BTS' Citi Field Show Sells Out Within Minutes, su Billboard, 17 agosto 2018. URL consultato il 30 aprile 2019 (archiviato dall'url originale il 15 ottobre 2019).
  178. ^ (EN) Maeve McDermott, 2018's best-selling live artists are Ed Sheeran, Bruce Springsteen and BTS, per Stubhub, su USA Today, 4 dicembre 2018. URL consultato il 15 gennaio 2019 (archiviato dall'url originale il 28 marzo 2019).
  179. ^ (EN) Tamar Herman, BTS Pull Single From Upcoming Japanese Album, su Billboard, 17 settembre 2018. URL consultato il 6 febbraio 2019 (archiviato dall'url originale il 14 aprile 2019).
  180. ^ (EN) Rhian Daly, Listen to BTS' first full song in English as Steve Aoki collaboration 'Waste It On Me' arrives, in NME, 25 ottobre 2018. URL consultato il 16 novembre 2018 (archiviato dall'url originale il 12 giugno 2019).
  181. ^ (EN) Justin McCurry, BTS performance axed by Japanese TV show over atomic bomb T-shirt, in The Guardian, 9 novembre 2018. URL consultato il 24 ottobre 2019 (archiviato dall'url originale il 15 marzo 2019).
  182. ^ (EN) Jeff Benjamin, More Than a T-Shirt: BTS' Canceled Appearance Underlines Japan & Korea's Awkward K-Pop Relationship, su Billboard, 9 novembre 2018. URL consultato il 24 ottobre 2019 (archiviato dall'url originale l'8 aprile 2019).
  183. ^ (EN) Jenna Gibson, K-Pop Group BTS Caught in Latest Tensions Between South Korea and Japan, su thediplomat.com, 15 novembre 2018. URL consultato il 24 ottobre 2019 (archiviato dall'url originale il 30 marzo 2019).
  184. ^ (EN) Popular Korean Band Whose Japan Performance Was Cancelled For T-Shirt Mocking A-Bomb Victims, Once Posed With Nazi SS Death Head Symbols, Flew Nazi-Like Flags At Concert, su www.wiesenthal.com, 11 novembre 2018. URL consultato l'11 dicembre 2018 (archiviato dall'url originale il 12 novembre 2018).
  185. ^ (EN) Hyung-jin Kim, BTS' agency apologizes for boy-band members' atomic-bomb shirts, swastika hat, su USA Today, 13 novembre 2018. URL consultato l'11 dicembre 2018 (archiviato dall'url originale il 26 giugno 2019).
  186. ^ (EN) Wiesenthal Center Welcomes K-Pop Group's Apology For Incidents Offensive To Jewish And Japanese Victims Of WWII, su www.wiesenthal.com, 13 novembre 2018. URL consultato l'11 dicembre 2018 (archiviato dall'url originale il 23 novembre 2018).
  187. ^ (KO) Kim Sung-kyung, 방탄소년단 소속사, 티셔츠 논란에 원폭 피해자 찾아 공식 사과, su entertain.naver.com, 16 novembre 2018. URL consultato l'11 dicembre 2018 (archiviato dall'url originale il 24 ottobre 2019).
  188. ^ (KO) Park Soo-yoon, 방탄소년단, '2018 MGA'서 9관왕..."더 좋은 음악 만들란 뜻", su Yonhap News, 7 novembre 2018. URL consultato il 15 gennaio 2019 (archiviato dall'url originale il 4 aprile 2019).
  189. ^ (KO) Kim Na-ra, 방탄소년단, 대상 2개 포함 총 7관왕 기염..."시련이 밑거름됐다" [2018 멜론뮤직어워드](종합), su entertain.naver.com, 1º dicembre 2018. URL consultato il 15 gennaio 2019 (archiviato dall'url originale il 15 ottobre 2019).
  190. ^ (EN) Lori Melton, Complete list of winners from the 2018 Mnet Asian Music Awards (MAMA), su AXS, 10 dicembre 2018. URL consultato il 15 gennaio 2019 (archiviato dall'url originale il 2 aprile 2019).
  191. ^ (EN) Bloomberg 50 - BTS, su www.bloomberg.com. URL consultato il 30 aprile 2019 (archiviato dall'url originale il 9 maggio 2019).
  192. ^ a b (EN) Drake named Global Recording Artist of 2018, su www.ifpi.org, 26 febbraio 2019. URL consultato il 27 febbraio 2019 (archiviato dall'url originale il 9 luglio 2019).
  193. ^ Drake, Ed Sheeran e BTS sono gli artisti più venduti a livello mondiale nel 2018, su Rockol, 26 febbraio 2019. URL consultato il 27 febbraio 2019 (archiviato dall'url originale il 28 febbraio 2019).
  194. ^ (EN) The Greatest Showman soundtrack named best-selling album of 2018, su www.ifpi.org, 13 marzo 2019. URL consultato il 14 marzo 2019 (archiviato dall'url originale il 30 marzo 2019).
  195. ^ (KO) 방탄소년단, 앨범 판매 1000만장 돌파...2013년 데뷔 이후 5년 6개월만에 달성, su entertain.naver.com, 8 dicembre 2018. URL consultato il 19 marzo 2019 (archiviato dall'url originale il 9 dicembre 2018).
  196. ^ (EN) Variety Staff, BTS to Appear at Grammy Awards (EXCLUSIVE), su Variety, 5 febbraio 2019. URL consultato il 5 febbraio 2019 (archiviato dall'url originale il 7 febbraio 2019).
  197. ^ (EN) Jennifer Drysdale, BTS Presents Best R&B Album to H.E.R. at 2019 GRAMMY Awards, su Entertainment Tonight, 10 febbraio 2019. URL consultato l'11 febbraio 2019 (archiviato dall'url originale il 28 aprile 2019).
  198. ^ (EN) Paul Grein, BTS Among More Than 1,300 Potential New Members Invited to Join Recording Academy, su Billboard, 6 giugno 2019. URL consultato il 7 giugno 2019 (archiviato dall'url originale l'8 giugno 2019).
  199. ^ (EN) Tamar Herman, BTS First Asian Act to Surpass 5 Billion Streams on Spotify, su Billboard, 12 aprile 2019. URL consultato il 30 aprile 2019 (archiviato dall'url originale il 21 aprile 2019).
  200. ^ (EN) Emma Kelly, BTS to make comeback next month with Map Of The Soul: Persona, su Metro, 11 marzo 2019. URL consultato l'11 marzo 2019 (archiviato dall'url originale il 27 marzo 2019).
  201. ^ (EN) Hugh McIntyre, BTS Becomes The First Korean Act To Hit No. 1 On The U.K. Albums Chart, su Forbes, 19 aprile 2019. URL consultato il 20 aprile 2019 (archiviato dall'url originale il 26 aprile 2019).
  202. ^ (EN) Lars Brandle, BTS Make Chart History as 'Map Of The Soul: Persona' Bows at No. 1 In Australia, su Billboard, 22 aprile 2019. URL consultato il 24 aprile 2019 (archiviato dall'url originale il 30 aprile 2019).
  203. ^ (EN) Hugh McIntyre, BTS Lead The 10 Bestselling Physical Albums In The U.S. This Year, su Forbes, 3 luglio 2019. URL consultato il 4 luglio 2019 (archiviato dall'url originale il 12 luglio 2019).
  204. ^ (EN) Tamar Herman, BTS' 'Map of the Soul: Persona' Album Certified Gold by RIAA, su www.billboard.com, 23 agosto 2019. URL consultato il 24 agosto 2019 (archiviato dall'url originale il 24 agosto 2019).
  205. ^ (KO) Kim Jin-seon, 방탄소년단 '작은 것들을 위한 시' 공개즉시 음원순위'싹쓸이' Halsey도 관심 폭발, su Seoul Gyeongje, 12 aprile 2019. URL consultato il 12 aprile 2019 (archiviato dall'url originale il 31 agosto 2019).
  206. ^ (EN) Condé Nast, People Have Jokes About Emma Stone and Whitewashing After BTS Was Announced for "SNL", su Teen Vogue, 14 marzo 2019. URL consultato il 14 aprile 2019 (archiviato dall'url originale il 1º luglio 2019).
  207. ^ (EN) Laura Bradley, BTS Is One of S.N.L.'s Biggest Musical Guests Ever—And S.N.L. Knows It, su HWD, 11 aprile 2019. URL consultato il 14 aprile 2019 (archiviato dall'url originale il 26 giugno 2019).
  208. ^ (EN) Gary Trust, Lil Nas X's 'Old Town Road' Leads Billboard Hot 100 for Third Week; Sam Smith & Normani, BTS & Halsey Hit Top 10, su Billboard, 22 aprile 2019. URL consultato il 30 aprile 2019 (archiviato dall'url originale il 28 aprile 2019).
  209. ^ (EN) Tamar Herman, BTS & Halsey's 'Boy with Luv' Goes Platinum, su www.billboard.com, 24 giugno 2019. URL consultato il 25 giugno 2019 (archiviato dall'url originale il 25 ottobre 2019).
  210. ^ (EN) Andrew Unterberger, BTS Show Off Friendship Bracelets, Receive Top Social Artist Trophy On the 2019 BBMAs Red Carpet, su Billboard, 1º maggio 2019. URL consultato il 2 maggio 2019 (archiviato dall'url originale l'8 maggio 2019).
  211. ^ (EN) Krissy Aguilar, BTS wins Top Group in Billboard Music Awards, su The Inquirer, 2 maggio 2019. URL consultato il 25 ottobre 2019 (archiviato dall'url originale il 2 maggio 2019).
  212. ^ (EN) Bobby Olivier, K-pop superstars BTS just announced a monster N.J. stadium show; how to get tickets, su nj.com, 19 febbraio 2019. URL consultato il 19 febbraio 2019 (archiviato dall'url originale il 21 febbraio 2019).
  213. ^ (EN) Caitlin Kelley, BTS Sold Out U.S. And European Dates, Added New Show To Upcoming World Tour, su Forbes, 2 marzo 2019. URL consultato il 24 aprile 2019 (archiviato dall'url originale il 23 agosto 2019).
  214. ^ (EN) Kim Eun-young e Lee Jihae, BTS sets another milestone as first Asian act to headline Wembley Stadium, su www.korea.net, 3 giugno 2019. URL consultato il 23 agosto 2019 (archiviato dall'url originale l'8 giugno 2019).
  215. ^ (KO) Inven Team, ‘BTS 월드’ OST 앨범, 6월 28일 오후 6시 전 세계 발매, su m.inven.co.kr, 28 giugno 2019. URL consultato il 28 giugno 2019 (archiviato dall'url originale il 25 ottobre 2019).
  216. ^ (JA) BTS、7月に日本10枚目シングル「Lights/BoyWithLuv」, su ORICON NEWS, 10 maggio 2019. URL consultato il 10 maggio 2019 (archiviato dall'url originale l'11 maggio 2019).
  217. ^ (JA) BTS新曲初100万枚出荷!欧米などから予約殺到 - 韓国エンタメ : 日刊スポーツ, su nikkansports.com, 4 luglio 2019. URL consultato il 30 luglio 2019 (archiviato dall'url originale il 14 agosto 2019).
  218. ^ (KO) Lee Min-ji, 방탄소년단, 日 싱글 ‘Lights/Boy With Luv’ 오리콘 데일리 차트 1위, su n.news.naver.com, 4 luglio 2019. URL consultato il 30 luglio 2019 (archiviato dall'url originale il 4 luglio 2019).
  219. ^ (JA) BTS、海外男性歌手初のミリオン「とても幸せ」 レコ協19年7月度認定, su ORICON NEWS, 9 agosto 2019. URL consultato il 4 novembre 2019 (archiviato dall'url originale il 10 agosto 2019).
  220. ^ (KO) Kim Eun-ji, 방탄소년단, ‘Paris in the Rain’ 라우브와 ‘역대급’ 컬래버레이션 곡 공개한다, su Insight, 18 ottobre 2019. URL consultato il 18 ottobre 2019 (archiviato il 18 ottobre 2019).
  221. ^ (KO) Kang Seo-jung, 방탄소년단, 오늘(1일) ’Make It Right’ EDM 리믹스 추가 공개..멤버들 목소리 샘플링[공식], su mosen.mt.co.kr, 1º novembre 2019. URL consultato il 1º novembre 2019 (archiviato dall'url originale il 1º novembre 2019).
  222. ^ (KO) Kim Joo-won, 방탄소년단, 오늘(8일) 'Make It Right' 어쿠스틱 리믹스 음원 발표, su entertain.naver.com, 8 novembre 2019. URL consultato l'8 novembre 2019 (archiviato dall'url originale l'8 novembre 2019).
  223. ^ (KO) Kang Jin-goo, Kang Ji-won e Kim Pyo-hyang, BTS 전세계 팬들 잠실 집결… 호텔 동나며 서울 ‘들썩’, su n.news.naver.com, 30 ottobre 2019. URL consultato il 30 ottobre 2019 (archiviato dall'url originale il 30 ottobre 2019).
  224. ^ (KO) Oh Ji-won, [시선강탈] '아는 형님' 방탄소년단 뷔 "서태지 선배님 아버지라고 부른다", Daum, 24 settembre 2019 (archiviato dall'url originale il 29 ottobre 2019).
  225. ^ (EN) Rachel McRady, BTS Names Their Musical Inspiration and Their Most Unexpected Celebrity Fan, su Entertainment Tonight, 15 giugno 2018. URL consultato il 20 gennaio 2019 (archiviato dall'url originale il 26 marzo 2019).
  226. ^ (EN) Ahn Sung-mi, Q&As from BTS’ press conference at Wembley, su kpopherald.koreaherald.com, 2 giugno 2019. URL consultato il 4 settembre 2019 (archiviato dall'url originale il 9 giugno 2019).
  227. ^ (EN) Mark Savage, BTS are the first Korean band to headline Wembley Stadium, su bbc.com, 2 giugno 2019. URL consultato il 4 giugno 2019 (archiviato dall'url originale il 4 giugno 2019).
  228. ^ (EN) Raisa Bruner, Rap Monster on the Rise of Breakout K-Pop Band BTS, su Time. URL consultato il 29 ottobre 2019 (archiviato dall'url originale l'8 marzo 2019).
  229. ^ (KO) Lee Joo-han, 외신 주목한 ‘제 2의 싸이’, 방탄소년단, su news.kbs.co.kr, 17 ottobre 2016 (archiviato dall'url originale il 22 marzo 2019).
  230. ^ (KO) BTS Wings Concept Book, Big Hit Entertainment, Play Company e Genie Music, 30 giugno 2017, ISBN 8809269507952.
  231. ^ (EN) Taylor Glasby, How BTS became the world's biggest boyband, in The Guardian, 11 ottobre 2018. URL consultato il 10 giugno 2019 (archiviato dall'url originale il 5 marzo 2019).
  232. ^ (EN) Courtney Lazore, How the BTS Universe Successfully Engages Thousands of Fans, su medium.com, 18 marzo 2019. URL consultato il 24 agosto 2019 (archiviato dall'url originale il 24 agosto 2019).
  233. ^ (EN) Anna Cafolla, The book that inspired a BTS song is now a bestseller in Korea, su Dazed, 8 giugno 2018. URL consultato il 20 gennaio 2019 (archiviato dall'url originale l'11 aprile 2019).
  234. ^ (EN) Jamie LeeLo, BTS' 'Map Of The Soul' Album Title Has A Deeper Meaning That Could Tease More Albums, su Elite Daily, 19 marzo 2019. URL consultato il 22 marzo 2019 (archiviato dall'url originale il 20 marzo 2019).
  235. ^ (EN) Colette Bennett, How BTS is changing K-pop for the better, The Daily Dot, 12 maggio 2016 (archiviato dall'url originale il 1º marzo 2019).
  236. ^ (EN) Stephanie Dennison e Stefania Pozzi, BTS – The Astounding Success of the World's Favourite K-Pop Phenomenon, su The Wire, 15 ottobre 2018. URL consultato il 20 gennaio 2019 (archiviato dall'url originale il 3 aprile 2019).
  237. ^ (EN) Jeff Benjamin e Jessica Oak, 10 Best K-Pop Albums of 2016: Critic's Picks, su Billboard, 22 dicembre 2016. URL consultato il 29 ottobre 2019 (archiviato dall'url originale il 25 maggio 2019).
  238. ^ a b Filmato audio (EN) KBS WORLD Radio, B.T.S(Bangtan Boys) 방탄소년단 [BackstageChat], su YouTube, 10 agosto 2014. URL consultato il 26 aprile 2019.
  239. ^ a b c d e f g h (EN) Youngdae Kim, BTS: The Odyssey of Seven Young Artists – SPECIAL FEATURE 2: Authentic Message of Their Own Narrative, su koreana.or.kr, autunno 2019. URL consultato il 4 novembre 2019 (archiviato dall'url originale il 4 novembre 2019).
  240. ^ (EN) Corynn Smith, BTS Starts a 'Skool Luv Affair' with New MV, MtvIggy, 11 febbraio 2014. URL consultato il 26 luglio 2017 (archiviato il 27 agosto 2015).
  241. ^ (KO) Kim Seong-eun, V앱 방탄소년단, 피 땀 눈물 "날아오를 준비 됐다"...지민, 솔로곡 '라이(LIE)' "거짓말과 유혹에서 빠져 나가기 위해서 노력하는 곡", su Global Economic, 10 ottobre 2016. URL consultato il 26 aprile 2019 (archiviato dall'url originale il 23 marzo 2019).
  242. ^ a b c (EN) Tamar Herman, BTS' Most Political Lyrics: A Guide to Their Social Commentary on South Korean Society, su Billboard, 13 febbraio 2018. URL consultato il 25 aprile 2019 (archiviato dall'url originale il 29 maggio 2019).
  243. ^ a b (EN) Leah Greenblatt, BTS' RM and Suga talk mental health, depression, and connecting with fans, su EW.com, 29 marzo 2019. URL consultato il 21 aprile 2019 (archiviato dall'url originale il 31 marzo 2019).
  244. ^ (EN) T.K. Park e Youngdae Kim, Your Guide to BTS and Their Musical Universe in 25 Songs, su www.vulture.com, 19 aprile 2019. URL consultato il 25 aprile 2019 (archiviato dall'url originale il 5 settembre 2019).
  245. ^ (EN) Tamar Herman, BTS Aims to Survive In 'Not Today': Watch, su Billboard, 20 febbraio 2017. URL consultato il 20 gennaio 2019 (archiviato dall'url originale il 6 aprile 2019).
  246. ^ (KO) Choi Ji-ye, '월드투어' 방탄소년단이 밝힌 #빌보드 핫100 #세월호 #유리천장(종합), su entertain.naver.com, 18 febbraio 2017. URL consultato il 25 aprile 2019 (archiviato dall'url originale il 14 febbraio 2018).
  247. ^ (EN) Hwang Hyo-jin e Choi Ji-eun, BTS pledges to "tell the story of our generation with our lyrics", su www.ize.co.kr, 1º aprile 2019. URL consultato il 21 aprile 2019 (archiviato dall'url originale il 10 aprile 2019).
  248. ^ (EN) Raisa Bruner, How BTS Is Taking Over the World, su TIME.com, 10 ottobre 2018. URL consultato il 30 settembre 2019 (archiviato dall'url originale il 15 marzo 2019).
  249. ^ (EN) Jon Maala, Producer talks about why BTS became successful in K-pop, su International Business Times, Singapore Edition, 28 maggio 2017. URL consultato il 25 aprile 2019 (archiviato dall'url originale il 24 aprile 2019).
  250. ^ (EN) Mitchell Peters, South Korean President Moon Jae-in Congratulates BTS on First No. 1 Album, Billboard, 28 maggio 2018. URL consultato il 31 maggio 2018 (archiviato dall'url originale il 30 marzo 2019).
  251. ^ Lee J.Y., Chapter 1. Structural Features of BTS' Videos, p. 98
  252. ^ a b Lee J.Y., Repetition and Transformation of the Similar, pp. 104-105
  253. ^ I BTS pubblicano il fumetto Save Me: ecco tutto quello che c'è da sapere, su News Mtv Italia, 17 gennaio 2019. URL consultato il 30 gennaio 2019 (archiviato dall'url originale il 1º marzo 2019).
  254. ^ (EN) Bethany Bloch, What marketers can learn from K-Pop band BTS, su Mumbrella Asia, 22 gennaio 2019. URL consultato il 30 gennaio 2019 (archiviato dall'url originale il 22 aprile 2019).
  255. ^ (EN) Korea Times, The power of BTS: films, books, comics and even a video game, su South China Morning Post, 30 gennaio 2019. URL consultato il 30 gennaio 2019 (archiviato dall'url originale il 19 febbraio 2019).
  256. ^ (EN) Newsarama Staff, South Korean Boy Band BTS Come to Comics, su Newsarama, 17 gennaio 2019. URL consultato il 19 gennaio 2019 (archiviato dall'url originale il 17 gennaio 2019).
  257. ^ (EN) Tamar Herman, BTS Announce New Book 'The Notes 1', su Billboard, 21 gennaio 2019. URL consultato il 21 gennaio 2019 (archiviato dall'url originale il 30 marzo 2019).
  258. ^ (EN) Mariejo S. Ramos, Finding the 'Answer' with BTS, su lifestyle.inquirer.net, 2 settembre 2018. URL consultato il 30 gennaio 2019 (archiviato dall'url originale il 30 gennaio 2019).
  259. ^ Lee J.Y., Online Installation Videos, pp. 109-110
  260. ^ (EN) Condé Nast, The BTS ARMY Is Decoding New BTS Album Photos, and It's So Intense, su Teen Vogue, 14 agosto 2018. URL consultato il 30 gennaio 2019 (archiviato dall'url originale il 22 aprile 2019).
  261. ^ (EN) Megan Peters, BTS Tweet Involving 'The Promised Neverland' Sparks New Theories, su Anime, 14 agosto 2018. URL consultato il 30 gennaio 2019 (archiviato dall'url originale il 30 gennaio 2019).
  262. ^ (EN) Ashraf Khater, BTS 'Wings': 4 Creepy Fan Theories Explaining Bangtan Boys' New Short Film, su International Business Times, 4 settembre 2016. URL consultato il 30 gennaio 2019 (archiviato dall'url originale il 22 aprile 2019).
  263. ^ (EN) Hugh McIntyre, BTS Score Their Third No. 1 Album In The U.S. With 'Map Of The Soul: Persona', su Forbes, 21 aprile 2019. URL consultato il 25 aprile 2019 (archiviato dall'url originale il 24 aprile 2019).
  264. ^ (KO) Park Se-yeon, "BTS, 비틀즈만큼 영향력 있는 팀"(세지포), su Daum Entertainment, 26 settembre 2019. URL consultato il 1º ottobre 2019 (archiviato dall'url originale il 1º ottobre 2019).
  265. ^ (EN) Chuck Arnold, Ranking the top 10 boy bands of all time, su New York Post, 25 gennaio 2019. URL consultato il 27 gennaio 2019 (archiviato dall'url originale il 2 febbraio 2019).
  266. ^ (KO) Hwang Hye-jin, 방탄소년단, 2018년 드레이크 다음으로 많이 팔았다 ‘국제음반산업협회 차트 2위’, su n.news.naver.com, 27 febbraio 2019. URL consultato il 3 agosto 2019 (archiviato dall'url originale il 18 agosto 2019).
  267. ^ (EN) K-Pop Hits the Mall as Trans World Entertainment Adds Dedicated Retail Space, Sends Data to Korean Charts, su Billboard, 6 aprile 2019. URL consultato il 21 luglio 2019 (archiviato dall'url originale il 6 aprile 2019).
  268. ^ (KO) Park Seung-won, 상반기 앨범 1290만장 판매...BTS 나홀로 ‘열일’ 했다, su n.news.naver.com, 15 luglio 2019. URL consultato il 21 luglio 2019 (archiviato dall'url originale il 21 luglio 2019).
  269. ^ (EN) Rania Aniftos, BTS Is the Most Tweeted-About Artist of 2017, Plus More Twitter Year-End Data, su Billboard, 5 dicembre 2017. URL consultato il 25 aprile 2019 (archiviato dall'url originale il 1º gennaio 2019).
  270. ^ (EN) Shelby Reitman, BTS Is 2018's Most Tweeted-About Celebrity, Plus More Year-End Twitter Data, su Billboard, 5 dicembre 2018. URL consultato il 25 aprile 2019 (archiviato dall'url originale il 7 marzo 2019).
  271. ^ (EN) Raisa Bruner, Meet the 25 Most Influential People on the Internet, su Time, 26 giugno 2017. URL consultato il 25 aprile 2019 (archiviato dall'url originale il 1º aprile 2019).
  272. ^ (EN) Raisa Bruner, Meet This Year's 25 Most Influential People on the Internet, su Time, 28 giugno 2018. URL consultato il 16 luglio 2019 (archiviato dall'url originale il 10 marzo 2019).
  273. ^ (EN) Raisa Bruner, The 25 Most Influential People on the Internet, su Time, 16 luglio 2019. URL consultato il 16 luglio 2019 (archiviato dall'url originale il 17 luglio 2019).
  274. ^ (KO) Jo Deuk-jin, 엑소 위에 박보검·송중기, 아이돌 천하 깬 드라마 스타, su Joongang Ilbo, 27 febbraio 2017. URL consultato il 25 aprile 2019 (archiviato dall'url originale il 2 marzo 2019).
  275. ^ (KO) Park Ji-hyuk, [2018 대한민국 셀러브리티(3)] 방시혁과 방탄소년단의 빅히트(BigHit), su Joongang Magazine, 23 marzo 2018. URL consultato il 15 gennaio 2019 (archiviato dall'url originale il 17 aprile 2019).
  276. ^ (EN) Monica Mercuri, BTS Is The World’s Highest-Paid Boy Band And K-Pop Act, su Forbes, 10 luglio 2019. URL consultato il 12 luglio 2019 (archiviato dall'url originale l'11 luglio 2019).
  277. ^ (EN) Hwang Ji-young, BTS voted as Top Rank Sustainable Future Leader, su channels.vlive.tv, 19 luglio 2019. URL consultato il 3 agosto 2019 (archiviato dall'url originale il 30 ottobre 2019).
  278. ^ (KO) Im So-ra, BTS(방탄소년단) '전 세계 가장 지속가능한 미래 리더 1위 선정', 18일 뉴욕 유엔본부에서 UN지원SDGs협회 발표, su Daum News, 19 luglio 2019. URL consultato il 3 agosto 2019 (archiviato dall'url originale il 19 luglio 2019).
  279. ^ a b (EN) Christian Allaire, Watch BTS Address the United Nations With an Emotional Speech About Self-Acceptance, in Vogue, 24 settembre 2018. URL consultato il 29 settembre 2018 (archiviato dall'url originale il 21 marzo 2019).
  280. ^ a b (EN) Riddhi Chakraborty, BTS at the UN: 'Our Fans' Stories Constantly Remind Us of Our Responsibility', in Rolling Stone India, 24 settembre 2018. URL consultato il 29 settembre 2018 (archiviato dall'url originale il 12 febbraio 2019).
  281. ^ (EN) Tamar Herman, BTS Performs at Korea-France Friendship Concert in Paris with South Korean President in Attendance, su Billboard, 14 ottobre 2018. URL consultato il 26 aprile 2019 (archiviato dall'url originale il 21 aprile 2019).
  282. ^ (KO) Kim Seong-eun, 文의장, 흑해 연안국 新경제외교…"방탄소년단이 다 했다"(종합), su n.news.naver.com, 21 ottobre 2019. URL consultato il 21 ottobre 2019 (archiviato dall'url originale il 21 ottobre 2019).
  283. ^ (KO) Jo Yong-chul, '한복사랑' 감사장 받는 방탄소년단, 2019 한복문화주간 개막, su Daum News, 2 ottobre 2019. URL consultato l'8 ottobre 2019 (archiviato dall'url originale l'8 ottobre 2019).
  284. ^ (EN) Caitlin Kelley, BTS Lead The Growth Of Hallyu To Nearly 90 Million Fans Worldwide In 2018, su Forbes, 11 gennaio 2019. URL consultato il 15 gennaio 2019 (archiviato dall'url originale il 3 febbraio 2019).
  285. ^ (EN) Choi Kyu-min, Record Numbers Embrace Overseas Online Shopping, su english.chosun.com, 26 febbraio 2019. URL consultato il 25 aprile 2019 (archiviato dall'url originale il 26 febbraio 2019).
  286. ^ (EN) Sohn Ji-young, Buoyed by BTS, trade surplus of music-related sectors recovers to pre-2016 level, su m.koreaherald.com, 12 maggio 2019. URL consultato il 13 maggio 2019 (archiviato dall'url originale il 30 ottobre 2019).
  287. ^ (EN) Joshua Barajas, Will America ever idolize K-pop?, su PBS NewsHour, 28 marzo 2019. URL consultato il 25 aprile 2019 (archiviato dall'url originale il 1º aprile 2019).
  288. ^ (EN) Vimmy Sinha, BTS tops Billboard 100 list: How K-pop helped Korea improve its economy, in The Economic Times, 7 agosto 2018. URL consultato il 25 gennaio 2019 (archiviato dall'url originale il 23 aprile 2019).
  289. ^ (EN) Lee Kyung-min, How BTS and other K-pop idols are adding zest to banks' branding, su South China Morning Post, 25 gennaio 2019. URL consultato il 25 gennaio 2019 (archiviato dall'url originale il 26 gennaio 2019).
  290. ^ (ID) Gara-gara Jungkook BTS, 'Downy' Kehabisan Stock 2 Bulan Dalam Sehari, K-Media Sebut 'BTS Effect', su TribunStyle.com, 23 gennaio 2019. URL consultato il 25 gennaio 2019 (archiviato dall'url originale il 2 febbraio 2019).
  291. ^ (KO) Lee Jung-eun, '방탄소년단 테마주' 대체로 강세, 엔터테인먼트3사는 엇갈려, su Business Post, 8 febbraio 2019. URL consultato il 25 aprile 2019 (archiviato dall'url originale il 15 febbraio 2019).
  292. ^ a b (EN) Tamar Herman, Mattel Announces Official BTS Collaboration, su Billboard, 7 gennaio 2019. URL consultato il 15 gennaio 2019 (archiviato dall'url originale il 21 marzo 2019).
  293. ^ (KO) Byun Jong-guk, "BTS가 타니 더 고급져 보이네"..팰리세이드 6000억 원 홍보효과, su Daum News, 19 maggio 2019. URL consultato il 20 maggio 2019 (archiviato dall'url originale il 1º giugno 2019).
  294. ^ (EN) Uday Sampath, Barbie, K-pop's BTS power Mattel's surprise revenue rise; shares jump, su www.nasdaq.com, 29 ottobre 2019. URL consultato il 31 ottobre 2019 (archiviato dall'url originale il 31 ottobre 2019).
  295. ^ (KO) Park Dae-ro, 국제적 위상 높아진 BTS..홍보대사로 뽑은 서울시 '즐거운 비명', su Daum News, 5 maggio 2019. URL consultato il 20 maggio 2019 (archiviato dall'url originale il 1º giugno 2019).
  296. ^ (EN) Choi Moon-hee, K-pop Group BTS Induces Production Worth 4 Tril. Won per Year, su BusinessKorea, 19 dicembre 2018. URL consultato il 4 febbraio 2019 (archiviato dall'url originale il 29 marzo 2019).
  297. ^ (KO) Katharina Buchholz, Infographic: How Much Money Does BTS Make for South Korea?, su Statista, 5 novembre 2019. URL consultato il 7 novembre 2019 (archiviato dall'url originale il 7 novembre 2019).
  298. ^ (KO) Kang Na-rim, BTS 뜨면 시장이 '들썩'…'방탄 이코노미' 효과, su MBC NEWS, 13 luglio 2019. URL consultato il 7 novembre 2019 (archiviato dall'url originale il 7 novembre 2019).
  299. ^ (KO) Go Doo-hyun, [천자 칼럼] '방탄 이코노미', su hankyung.com, 10 luglio 2019. URL consultato il 7 novembre 2019 (archiviato dall'url originale il 23 luglio 2019).
  300. ^ (KO) Lee Eun-jung, 방탄소년단 부산·서울 팬미팅 경제효과는 4천813억원, Yonhap News, 24 luglio 2019 (archiviato dall'url originale il 23 luglio 2019).
  301. ^ (KO) Go Gyu-dae, BTS 웸블리 매출액 200억..스타디움 투어로 최소 1500억 매출, Edaily, 2 giugno 2019 (archiviato dall'url originale il 24 agosto 2019).
  302. ^ (EN) Kim Hyun-bin, Alitalia, Malta Tourism Authority aim to double Korean tourists to Malta, The Korea Times, 3 settembre 2019 (archiviato dall'url originale il 31 ottobre 2019).
  303. ^ (EN) Jeff Benjamin, (G)I-DLE Discuss New Single 'Hann (Alone)' & Debut-Year Goals During First U.S. Visit: Exclusive, su Billboard, 20 agosto 2018. URL consultato il 18 gennaio 2019 (archiviato dall'url originale il 21 aprile 2019).
  304. ^ (EN) Hong Dam-young, D-Crunch hopes to spread own stories around the world, su www.koreaherald.com, 28 dicembre 2018. URL consultato il 18 gennaio 2019 (archiviato dall'url originale il 1º aprile 2019).
  305. ^ (KO) Kim Hye-young, '아이돌 라디오' 더보이즈 영훈, "방탄소년단 뷔에 푹 빠졌다!" 음성편지로 '팬심' 전해, su entertain.naver.com, 3 novembre 2018. URL consultato il 18 gennaio 2019 (archiviato dall'url originale il 27 marzo 2019).
  306. ^ Filmato audio (KO) SF9, , V Live, 22 ottobre 2017, a 9 min 18 s. URL consultato il 31 ottobre 2019.
  307. ^ (KO) Yoon Soo-kyung, '칸' 유나킴 "롤 모델은 방탄소년단, 존경스럽다" ('칸' 데뷔 쇼케이스), su entertain.naver.com, 23 maggio 2018. URL consultato il 18 gennaio 2019 (archiviato dall'url originale il 26 giugno 2019).
  308. ^ (KO) Jung Yoo-na, 골든차일드 재현 "방탄소년단 뷔, 스타일 롤 모델이다"[화보], su entertain.naver.com, 6 luglio 2018. URL consultato il 18 gennaio 2019 (archiviato dall'url originale il 26 giugno 2019).
  309. ^ (KO) Lee Mi-kyung, 워너원 "엑소·방탄은 우리 교과서...선주문량 50만장 영광", su inews24, 7 agosto 2017. URL consultato il 18 gennaio 2019 (archiviato dall'url originale il 28 marzo 2019).
  310. ^ (KO) Im Joo-hyun, '데뷔' 인투잇 "워너원과 한 무대 서고파..롤모델은 방탄", su entertain.naver.com, 31 ottobre 2017. URL consultato il 18 gennaio 2019 (archiviato dall'url originale il 26 giugno 2019).
  311. ^ (KO) Lee Jung-ah, 방탄소년단 뷔 "롤모델로 꼽아준 워너원 박지훈, 정말 감사", su entertain.naver.com, 18 settembre 2017. URL consultato il 18 gennaio 2019 (archiviato dall'url originale il 31 luglio 2019).
  312. ^ (KO) Jung Ha-eun, 김동한 "롤모델 엑소·방탄소년단...반의반이라도 닮고 싶어"(화보), su entertain.naver.com, 26 ottobre 2018. URL consultato il 18 gennaio 2019 (archiviato dall'url originale il 15 aprile 2019).
  313. ^ (KO) Shin Mi-rae, 세븐어클락 정규 "방탄소년단 아미분들, 응원 댓글에 감동", su entertain.naver.com, 13 ottobre 2018. URL consultato il 18 gennaio 2019 (archiviato dall'url originale il 2 marzo 2019).
  314. ^ (KO) Lee Eun, 안형섭 x 이의웅, "샤이니 태민·BTS 정국 닮고 싶어", su entertain.naver.com, 28 novembre 2017. URL consultato il 18 gennaio 2019 (archiviato dall'url originale il 4 dicembre 2017).
  315. ^ (EN) Hong Dam-young, Noir debuts with black-tinged 'Twenty's Noir', su www.koreaherald.com, 9 aprile 2018. URL consultato il 18 gennaio 2019 (archiviato dall'url originale il 19 gennaio 2019).
  316. ^ Filmato audio (KO) Mohae, [미앤미] 빅톤 '임세준'편! (ME and ME), V Live, 26 ottobre 2017, a 1 min 26 s. URL consultato il 31 ottobre 2019.
  317. ^ (KO) Park Seo-kyung, "BTS 꿈꿔요"...차세대 한류 아이돌, su news.naver.com, 7 novembre 2018. URL consultato il 18 gennaio 2019 (archiviato dall'url originale il 26 giugno 2019).
  318. ^ (KO) Yoon Hye-young, 뉴키드 "방탄소년단과 음방 겹쳐, 직접 무대보다니 영광" [인터뷰 비하인드], su yhnews, 12 maggio 2019. URL consultato il 12 maggio 2019 (archiviato dall'url originale il 31 ottobre 2019).
  319. ^ (KO) Kim Soo-young, 국립국악원, 국악기 디지털 음원 서비스 확대..."방탄소년단 히트곡 영향", su news.naver.com, 26 dicembre 2018. URL consultato il 15 gennaio 2019 (archiviato dall'url originale il 2 giugno 2019).
  320. ^ (KO) Seo Byung-gi, 방탄소년단에서 촉발된 K팝의 '나' 찾기, su entertain.naver.com, 7 marzo 2019. URL consultato il 7 marzo 2019 (archiviato dall'url originale il 26 giugno 2019).
  321. ^ (EN) Tamar Herman, Get To Know BTS: Rap Monster, su Billboard, 30 giugno 2017. URL consultato il 27 febbraio 2019 (archiviato dall'url originale il 31 marzo 2019).
  322. ^ (EN) Tamar Herman, Get To Know BTS: Jin, su Billboard, 30 giugno 2017. URL consultato il 27 febbraio 2019 (archiviato dall'url originale il 29 marzo 2019).
  323. ^ (EN) Tamar Herman, Get To Know BTS: Suga, su Billboard, 30 giugno 2017. URL consultato il 27 febbraio 2019 (archiviato dall'url originale il 27 marzo 2019).
  324. ^ (EN) Tamar Herman, Get To Know BTS: J-Hope, su Billboard, 30 giugno 2017. URL consultato il 27 febbraio 2019 (archiviato dall'url originale il 31 marzo 2019).
  325. ^ (EN) Tamar Herman, Get to Know BTS: Jimin, su Billboard, 30 giugno 2017. URL consultato il 27 febbraio 2019 (archiviato dall'url originale il 27 marzo 2019).
  326. ^ (EN) Tamar Herman, Get to Know BTS: V, su Billboard, 30 giugno 2017. URL consultato il 27 febbraio 2019 (archiviato dall'url originale il 29 marzo 2019).
  327. ^ (EN) Tamar Herman, Get to Know BTS: Jungkook, su Billboard, 30 giugno 2017. URL consultato il 27 febbraio 2019 (archiviato dall'url originale il 30 marzo 2019).
  328. ^ (EN) Lars Brandle, BTS Announce Big Screen Debut With 'Burn the Stage: the Movie', su billboard.com, 18 ottobre 2018 (archiviato dall'url originale il 6 aprile 2019).
  329. ^ (EN) Fathom Events, 'BTS WORLD TOUR LOVE YOURSELF IN SEOUL' Brings Full Concert From Global Supergroup BTS to Cinemas Nationwide, su www.prnewswire.com, 14 dicembre 2018. URL consultato il 29 dicembre 2018 (archiviato dall'url originale il 4 aprile 2019).
  330. ^ (EN) Jae-Ha Kim, BTS’ ‘Bring the Soul: The Movie’ Gets Global Theatrical Release, su Variety, 26 giugno 2019. URL consultato il 15 agosto 2019 (archiviato dall'url originale il 2 luglio 2019).
  331. ^ (KO) Im Young-jin, 방탄소년단, '신인왕 방탄채널' 출연..첫 예능 도전, su news.chosun.com, 28 agosto 2013. URL consultato il 21 agosto 2019 (archiviato dall'url originale il 21 agosto 2019).
  332. ^ (ZH) 防弹少年团BTS China Job迎来卖萌最终话 - 韩讯网, su ent.northtimes.com, 31 maggio 2014. URL consultato il 21 agosto 2019 (archiviato dall'url originale il 21 agosto 2019).
  333. ^ (EN) Ali Montag, How BTS members rose to success in K-Pop, su www.cnbc.com, 25 maggio 2018. URL consultato il 29 dicembre 2018 (archiviato dall'url originale il 14 aprile 2019).
  334. ^ (EN) [Go!] Episode 7 - Go! BTS, su www.mnetamerica.com, 4 settembre 2014. URL consultato il 29 dicembre 2018 (archiviato dall'url originale il 6 ottobre 2014).
  335. ^ (EN) Caitlin Kelley, BTS Makes ARMYs Laugh in Variety Web Series 'Run BTS!', su Billboard, 31 ottobre 2017. URL consultato il 29 dicembre 2018 (archiviato dall'url originale il 26 aprile 2019).
  336. ^ (ES) Redacción El Comercio, BTS: historia y origen de Bangtan Sonyeonda, integrantes, canciones y videos del grupo de K-Pop, su El Comercio, 16 gennaio 2019. URL consultato il 3 ottobre 2019 (archiviato dall'url originale il 2 ottobre 2019).
  337. ^ (EN) Jie Ye-eun, [V Report Plus] BTS airs ‘BTS Gayo’ season 2, su kpopherald.koreaherald.com, 25 gennaio 2017. URL consultato il 21 agosto 2019 (archiviato dall'url originale il 25 gennaio 2017).
  338. ^ (KO) Shim Sol-ah, 방탄소년단, V LIVE+서 데뷔 3주년 기념 파티 독점 공개, su www.obsnews.co.kr, 10 giugno 2016. URL consultato il 21 agosto 2019 (archiviato dall'url originale il 20 agosto 2019).
  339. ^ (KO) Jung Ji-won, 방탄소년단, 'BON VOYAGE' 오늘(15일) 마지막회…좌충우돌 여행 마무리, su mosen.mt.co.kr, 15 agosto 2017. URL consultato il 21 agosto 2019 (archiviato dall'url originale il 21 agosto 2019).
  340. ^ (KO) Shin Mi-rae, 방탄소년단, ‘BTS BON VOYAGE3’ 오늘(18일) 첫방…방탄 일상 밀착 공개 - 열린세상 열린방송 MBN, su star.mbn.co.kr, 12 settembre 2018. URL consultato il 21 agosto 2019 (archiviato dall'url originale il 20 agosto 2019).
  341. ^ (KO) Kim So-yeon, 방탄소년단, 뉴질랜드 여행기 담은 ‘본보야지 시즌 4’ 티저 공개…19일 첫 방송, su Star Today, 7 novembre 2019. URL consultato il 7 novembre 2019 (archiviato dall'url originale il 7 novembre 2019).
  342. ^ (KO) Lee So-dam, 방탄소년단X유튜브 레드, 리얼 성장 다큐 28일 첫 선, su entertain.naver.com, 14 marzo 2018. URL consultato il 29 dicembre 2018 (archiviato dall'url originale il 1º settembre 2019).
  343. ^ (EN) Tamar Herman, BTS to Release 'Bring The Soul' Docu-Series Through Weverse App, su Billboard, 16 agosto 2019. URL consultato il 3 settembre 2019 (archiviato dall'url originale il 28 agosto 2019).
  344. ^ (KO) Lee Eun-ho, 방탄소년단, 푸마 새 모델 발탁...시크한 겨울 화보 공개텐아시아, su TenAsia, 19 ottobre 2015. URL consultato il 26 aprile 2019 (archiviato dall'url originale il 15 marzo 2019).
  345. ^ (KO) Oh Myung-joo, "우리가 바로, 앰배서더"...BTS, '푸마' 글로벌 모델 발탁, su entertain.naver.com, 28 febbraio 2018. URL consultato il 24 gennaio 2019 (archiviato dall'url originale il 24 gennaio 2019).
  346. ^ (EN) Annette Ejiofor, BTS Are Puma's New Ambassadors And We Will Buy All The Athletic Gear, su HuffPost Canada, 1º marzo 2018. URL consultato il 24 gennaio 2019 (archiviato dall'url originale il 15 maggio 2019).
  347. ^ (EN) Nicole Kirichanskaya, This Korean Boy Band Remixed Classic Puma Sneakers for a Collab That Will Debut in the USA, su Footwear News, 12 marzo 2018. URL consultato il 26 aprile 2019 (archiviato dall'url originale il 26 aprile 2019).
  348. ^ (EN) Kang Yoon-seung, BTS becomes new models for LG Electronics' smartphones, su Yonhap News Agency, 3 aprile 2018. URL consultato il 24 gennaio 2019 (archiviato dall'url originale il 24 gennaio 2019).
  349. ^ (EN) Emerson Unger, Hyundai Motor Appoints BTS as Global Brand Ambassadors of the All-New Flagship SUV 'Palisade', su MUSE, 26 novembre 2018. URL consultato il 24 gennaio 2019 (archiviato dall'url originale il 5 aprile 2019).
  350. ^ (KO) Moon Hee-chul, 팰리세이드 열풍이 드러낸 현대차의 민낯, su Joongang Ilbo, 19 febbraio 2019. URL consultato il 26 aprile 2019 (archiviato dall'url originale il 26 giugno 2019).
  351. ^ (KO) Song Joo-oh, 롯데면세점, 방탄소년단 모델 발탁...한류 마케팅 강화, su news.naver.com, 13 novembre 2017. URL consultato il 26 aprile 2019 (archiviato dall'url originale il 31 ottobre 2019).
  352. ^ (EN) Jang Dong-woo, BTS to promote Seoul tourism in video ad, su Yonhap News Agency, 14 settembre 2017. URL consultato il 24 gennaio 2019 (archiviato dall'url originale il 12 febbraio 2019).
  353. ^ (EN) Tamar Herman, BTS' New BT21 Collab With Line Friends Blends Fashion, Emojis & K-Pop, su Billboard, 20 ottobre 2017. URL consultato il 24 gennaio 2019 (archiviato dall'url originale il 22 marzo 2019).
  354. ^ (EN) BT21, su www.bt21.com. URL consultato il 24 gennaio 2019.
  355. ^ (EN) Kim Jee-min, Rapidly-expanding universe of BTS merchandise sweeping global market, su kpopherald.koreaherald.com, 12 ottobre 2018. URL consultato il 18 agosto 2019 (archiviato dall'url originale il 12 ottobre 2018).
  356. ^ (KO) Kim Soo-kyung, 방탄소년단, 휠라 글로벌 모델로 선정, su Daum Entertainment, 1º ottobre 2019. URL consultato il 1º ottobre 2019 (archiviato dall'url originale il 1º ottobre 2019).
  357. ^ (KO) So Sung-ryul, 아이돌 그룹 방탄소년단, 네이트 웹툰에 떴다, su ETNews, 26 agosto 2014. URL consultato il 19 gennaio 2019 (archiviato dall'url originale il 20 gennaio 2019).
  358. ^ (EN) Lee Ki-moon, Korean IT Firms Cash in on Bangtan Boys' Global Success, su english.chosun.com, 22 gennaio 2019. URL consultato il 26 aprile 2019 (archiviato dall'url originale il 17 marzo 2019).
  359. ^ (EN) Mat Elfring, New Funko Pops At Toy Fair 2019: BTS, Backstreet Boys, KISS, And More Music Pops, su GameSpot, 21 febbraio 2019. URL consultato il 26 aprile 2019 (archiviato dall'url originale il 16 luglio 2019).
  360. ^ (KO) Park Sang-jin, 넥슨, '엘소드'에 인기 그룹 '방탄소년단' 신규 아바타 추가, su news.naver.com, 21 gennaio 2016. URL consultato il 26 aprile 2019 (archiviato dall'url originale l'11 dicembre 2018).
  361. ^ (EN) Ji-eun "Meii" Paek, BTS No.1 Rhythm Game, 'Superstar BTS', Achieves 10 Million Global Downloads, su www.invenglobal.com, 5 settembre 2018. URL consultato il 5 febbraio 2019 (archiviato dall'url originale l'8 aprile 2019).
  362. ^ (EN) Mr. Jerry, ‘BTS World’ by NetMarble is Releasing on 26 June: Pre-Register Now, su Mobile Mode Gaming, 25 giugno 2019. URL consultato il 26 giugno 2019 (archiviato dall'url originale il 26 giugno 2019).
  363. ^ (EN) BTS WORLD Original Soundtrack Album To Be Released Worldwide On June 28, su PR Newswire, 28 giugno 2019 (archiviato dall'url originale il 14 luglio 2019).
  364. ^ (EN) Jade Lee, Kpop Boy Band BTS Pitches Banking to Korean Millennials in Spot for KB Bank, su Branding in Asia Magazine, 20 marzo 2018. URL consultato il 24 gennaio 2019 (archiviato dall'url originale il 17 ottobre 2019).
  365. ^ (KO) Kim Ki-hyuk, 국민銀, 방탄소년단과 재계약, su Seoul Gyeongje, 27 dicembre 2018. URL consultato il 26 aprile 2019 (archiviato dall'url originale il 31 ottobre 2019).
  366. ^ (KO) Kim Seong-won, 방탄소년단, 2018년 러시아월드컵 코카콜라 캠페인 모델 발탁, su Sports Chosun, 30 aprile 2018. URL consultato il 26 aprile 2019 (archiviato dall'url originale il 26 giugno 2019).
  367. ^ (EN) BTS renews contract with school uniform brand Smart, su kpopherald.koreaherald.com, 3 luglio 2018. URL consultato il 26 aprile 2019 (archiviato dall'url originale il 31 ottobre 2019).
  368. ^ (KO) Gu Hye-rin, 엘앤피코스메틱, 마스크팩 '메디힐' 모델로 방탄소년단 발탁, su FNTIMES, 25 febbraio 2019. URL consultato il 26 aprile 2019 (archiviato dall'url originale il 31 ottobre 2019).
  369. ^ (EN) Lily Chen, BTS Enters the K-Beauty Space With a New Makeup Collaboration, su HYPEBAE, 10 ottobre 2018. URL consultato il 26 aprile 2019 (archiviato dall'url originale il 25 aprile 2019).
  370. ^ (JA) BTS (防弾少年団)、カラーコンタクトレンズのテレビCM出演へ, su Billboard JAPAN, 6 novembre 2018. URL consultato il 26 aprile 2019 (archiviato dall'url originale il 12 gennaio 2019).
  371. ^ (KO) Bong Sung-chang, '아이돌 넘어선 브랜드' BTS 화장품으로 레드닷 어워드 수상, su Biz Hankook, 30 luglio 2019. URL consultato il 2 agosto 2019 (archiviato dall'url originale il 30 luglio 2019).
  372. ^ (KO) Lee Jung-ah, 방탄소년단, 팬 쌀 화환 모아 7톤 기부 '훈훈함 가득', su SBS Entertainment News, 23 dicembre 2015. URL consultato il 1º novembre 2019 (archiviato dall'url originale il 1º novembre 2019).
  373. ^ Filmato audio (KO) V Fashion, BTS 방탄소년단 #LETS SHARE THE HEART '사랑은 함께할 때 빛나는 것', V Live, 22 aprile 2017. URL consultato il 1º novembre 2019.
  374. ^ (EN) Min Susan, BTS Donates to Families of Sewol Ferry Victims, Mwave, 21 gennaio 2017. URL consultato il 26 luglio 2017 (archiviato dall'url originale il 15 luglio 2017).
  375. ^ (EN) Tamar Herman, BTS Collaborates with UNICEF on 'Love Myself' Anti-Violence Campaign, su Billboard, 31 ottobre 2017. URL consultato il 1º novembre 2019 (archiviato dall'url originale il 23 marzo 2019).
  376. ^ (EN) Jennifer Drysdale, BTS Partners With UNICEF on 'Love Myself' Anti-Violence Campaign, su Entertainment Tonight, 1º novembre 2017. URL consultato il 24 gennaio 2019 (archiviato dall'url originale il 31 agosto 2019).
  377. ^ (EN) Tamar Herman, BTS' UNICEF 'Love Myself' Campaign Raises Over $1.4 Million, su Billboard, 2 novembre 2018. URL consultato il 24 gennaio 2019 (archiviato dall'url originale l'11 ottobre 2019).
  378. ^ (EN) Pamela Falk, K-pop boy band, "BTS," to give some buzz to staid UN, su cbsnews.com, 23 settembre 2018. URL consultato il 29 settembre 2018 (archiviato dall'url originale il 3 maggio 2019).
  379. ^ (KO) Lee Jung-hyuk, 방탄소년단, 미디어 전시회 개막. 첫날부터 600명 방문, su m.star.naver.com, 2 dicembre 2015. URL consultato il 15 agosto 2019 (archiviato dall'url originale il 20 agosto 2019).
  380. ^ (EN) Tamar Herman, BTS End Fifth Anniversary Festa Event With Announcement Of 'Five, Always' Exhibition, su Billboard, 15 giugno 2018. URL consultato il 22 maggio 2019 (archiviato dall'url originale il 27 novembre 2018).
  381. ^ (KO) Park Jin-young, 방탄소년단, 단독 전시회 '오, 늘' 개최..8월 25일부터 오픈, su mosen.mt.co.kr, 9 luglio 2018. URL consultato il 22 maggio 2019 (archiviato dall'url originale il 28 maggio 2019).
  382. ^ (ZH) 防弹少年团《24/7=Serendipity》活动3月23日开幕撼动花城!_广东之窗, su www.gtrzf.com, 25 marzo 2019. URL consultato il 23 maggio 2019 (archiviato dall'url originale il 28 maggio 2019).
  383. ^ (EN) Kayla Whitney, BTS tickets, dates announced for New York BTS EXHIBITION IN THE U.S. '24/7=Serendipity (오,늘)', in AXS, 22 maggio 2019. URL consultato il 23 maggio 2019 (archiviato dall'url originale il 4 giugno 2019).
  384. ^ (EN) Kayla Whitney, BTS announce tour dates & tickets for Los Angeles BTS EXHIBITION IN THE U.S. '24/7=Serendipity (오,늘)', su axs.com, 23 luglio 2019 (archiviato dall'url originale il 27 luglio 2019).
  385. ^ (KO) Gaon Certifications, su gaonchart.co.kr.
  386. ^ (EN) BTS - Gold & Platinum, su RIAA.
  387. ^ (JA) BTS、海外男性歌手初のミリオン「とても幸せ」 レコ協19年7月度認定, Oricon News, 9 agosto 2019. URL consultato il 25 agosto 2019 (archiviato dall'url originale il 10 agosto 2019).
  388. ^ (JA) 一般社団法人 日本レコード協会 (inserire BTS nel campo アーティスト e cliccare il tasto 検索), su www.riaj.or.jp.
  389. ^ (EN) BRIT Certified, su bpi.co.uk.
  390. ^ (EN) ARIA Charts - Accreditations - 2019 Singles, su ARIA Charts.
  391. ^ (EN) Kimberly Yam, K-Pop Group BTS Broke A World Record Because Of Course They Did, in Huffington Post, 22 novembre 2017. URL consultato il 23 novembre 2017 (archiviato dall'url originale il 2 febbraio 2018).
  392. ^ (EN) Social 50, su Billboard.
  393. ^ (EN) Kevin Rutherford, BTS Becomes Second Act to Rule Social 50 Chart for 150 Weeks, su Billboard, 31 ottobre 2019. URL consultato il 1º novembre 2019 (archiviato dall'url originale il 1º novembre 2019).
  394. ^ (EN) Sonika Sethi, Asian Awards 2018: Recognition with Lots of Glitz and Glamour, su DESIblitz, 29 aprile 2018. URL consultato l'8 gennaio 2019 (archiviato dall'url originale il 22 marzo 2019).
  395. ^ (KO) Lee Ho-yeon, '2019 가온차트' 방탄소년단, K-POP 공헌상 "마음을 움직이는 진심", su Hanguk Ilbo, 23 gennaio 2019. URL consultato il 27 gennaio 2019 (archiviato dall'url originale il 31 marzo 2019).

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • (EN) Youngdae Kim, BTS – The Review: A Comprehensive Look at the Music of BTS, traduzione di H.J. Chung, Seul, RH Korea, Ujeong Group, LLP, 2019, ISBN 978-89-255-6606-1.
  • (EN) Jiyoung Lee, BTS, Art Revolution: BTS meets Deleuze, traduzione di Myungji Chae, Chloe Jiye Won, Shinwoo Lee, Stella Kim, Seul, Parrhesia Publishers, 2019 [2018], ISBN 979-11-963569-2-7.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN916150943133426760004 · ISNI (EN0000 0004 6009 5849 · LCCN (ENno2017138930 · GND (DE1174925353 · WorldCat Identities (ENno2017-138930
Musica Portale Musica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di musica