B-Sides & Rarities (Deftones)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
B-Sides & Rarities
Artista Deftones
Tipo album Raccolta
Pubblicazione 4 ottobre 2005
Durata 64:15
Dischi 2
Tracce 14 (CD) + 12 (DVD)
Genere Alternative metal[1]
Alternative rock[1]
Post-grunge[1]
Rap metal[1]
Etichetta Maverick, Rhino Entertainment
Produttore Deftones
Registrazione 1994-2005
Formati CD+DVD, 2 LP+DVD, download digitale
Deftones - cronologia
Album precedente
(2003)
Album successivo
(2006)

B-Sides & Rarities è una raccolta del gruppo musicale statunitense Deftones, pubblicata il 4 ottobre 2005 dalla Maverick Records.[1]

Il disco[modifica | modifica wikitesto]

Si tratta della prima raccolta pubblicata dal gruppo e racchiude alcuni brani inediti, tra cui Black Moon, realizzata insieme a B-Real dei Cypress Hill durante le sessioni di registrazione del terzo album in studio White Pony, cover e riarrangiamenti di brani esistenti, come Teenager (Idiot Version), che ha visto la partecipazione di Michael Harris degli Idiot Pilot.

Al CD è allegato anche un DVD contenente l'intera videografia del gruppo, con l'aggiunta dei videoclip di Engine No. 9 (nel DVD intitolato Engine Number 9) e di Root, entrambi editi nel 2005.

Tracce[modifica | modifica wikitesto]

CD[modifica | modifica wikitesto]

  1. Savory – 4:35 (William Barbot, Zachary Barocas, Kim Coletta, James Robbins)originariamente interpretata dai Jawbox
  2. Wax and Wane – 4:08 (Cocteau Twins)originariamente interpretata dai Cocteau Twins
  3. Change (In the House of Flies) (Acoustic) – 5:16 (Deftones)
  4. Simple Man – 6:19 (Gary Rossington, Ronnie van Zant)originariamente interpretata dai Lynyrd Skynyrd
  5. Sinatra – 4:43 (Page Hamilton, Helmet)originariamente interpretata dagli Helmet
  6. No Ordinary Love – 5:34 (Sade Adu, Stuart Matthewman)originariamente interpretata dai Sade
  7. Teenager (Idiot Version) – 3:45 (Deftones)
  8. Crenshaw Punch/I'll Throw Rocks at You – 4:48 (Deftones)
  9. Black Moon – 3:18 (Deftones)
  10. If Only Tonight We Could Sleep – 5:07 (Simon Gallup, Robert Smith, Porl Thompson, Lol Tolhurst, Boris Williams)originariamente interpretata dai The Cure
  11. Please Please Please Let Me Get What I Want – 2:01 (Morrisey, Johnny Marr)originariamente interpretata dai The Smiths
  12. Digital Bath (Acoustic) – 4:48 (Deftones)
  13. The Chauffeur – 5:21 (Duran Duran)originariamente interpretata dai Duran Duran
  14. Be Quiet and Drive (Far Away) (Acoustic) – 4:32 (Deftones)
Traccia bonus nell'edizione di iTunes[2]
  1. Night Boat – 4:38 (Duran Duran)originariamente interpretata dai Duran Duran

DVD[modifica | modifica wikitesto]

  1. 7 Words
  2. Bored
  3. My Own Summer
  4. Be Quiet and Drive (Far Away)
  5. Change (In the House of Flies)
  6. Back to School (Mini Maggit)
  7. Digital Bath
  8. Minerva
  9. Hexagram
  10. Bloody Cape
  11. Engine Number 9
DVD Bonus Feature
  1. Root

Formazione[modifica | modifica wikitesto]

Gruppo
Altri musicisti
Produzione
  • Deftonesproduzione esecutiva, produzione (tracce 3, 4, 5, 6, 8, 13)
  • Eric Stenman – registrazione (traccia 1)
  • Brian Virtue – produzione e ingegneria (traccia 2), missaggio (tracce 2, 7)
  • Jay Goin – assistenza tecnica (tracce 2, 7)
  • Terry Date – produzione (tracce 3, 6, 8), ingegneria (traccia 3, 8), missaggio (traccia 3, 6, 8, 10, 11, 13), remissaggio (traccia 5)
  • Sam Hofsted – assistenza tecnica (tracce 3, 5, 8, 11, 13)
  • Joe Fraulob – registrazione e missaggio (traccia 4)
  • Joe Johnston – missaggio (traccia 4), registrazione (traccia 13)
  • J.R. Thomspn – registrazione e ingegneria (traccia 5)
  • Ulrich Wild – assistenza ingegneria (traccia 8)
  • Dave Aaron – registrazione, ingegneria e missaggio (traccia 9)
  • DJ Crook – remissaggio (traccia 14)
  • Tom Baker – remastering

Classifiche[modifica | modifica wikitesto]

Classifica (2005) Posizione
massima
Australia[3] 30
Austria[3] 54
Belgio (Vallonia)[3] 84
Francia[3] 59
Germania[3] 85
Stati Uniti[4] 43
Svizzera[3] 93

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c d e (EN) B-Sides & Rarities, su AllMusic, All Media Network. URL consultato il 14 ottobre 2012.
  2. ^ B-Sides & Rarities (Remastered) [Bonus Track Version], iTunes. URL consultato il 14 ottobre 2012.
  3. ^ a b c d e f (NL) Deftones - B-Sides & Rarities, Ultratop. URL consultato il 12 ottobre 2014.
  4. ^ (EN) B-Sides & Rarities, su AllMusic, All Media Network. URL consultato il 14 ottobre 2012.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]