Bœuf-miroton

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Bœuf-miroton
Bœuf de Mironton.jpg
Origini
Altri nomimiroton de bœuf, miroton
Luogo d'origineFrancia Francia
DiffusioneFrancia, Piemonte
Dettagli
Categoriasecondo piatto
Ingredienti principali
  • carne di manzo
  • cipolle
  • cetrioli
  • spezie e aromi

Il bœuf-miroton,[1] chiamato anche miroton de bœuf[2] o abbreviato miroton,[3] è un piatto francese anche diffuso in Piemonte (Italia).

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Il bœuf-miroton nacque con l'esigenza di risparmiare gli avanzi del pot-au-feu, un piatto a base di manzo e verdure che vengono bollite per alcune ore.[1] Il miroton iniziò ad avere una modesta notorietà anche in Piemonte, ove viene per tradizione preparato per riciclare gli avanzi del bollito misto: nel suo La cucina sana, economica, ed elegante (1846) Francesco Chapusot consiglia infatti di preparare il piatto per "recuperare il lesso di un giorno".[3]

Preparazione[modifica | modifica wikitesto]

Sciogliere del burro in un tegame e farvi appassire la cipolla e i cetriolini tagliati, le acciughe e il prezzemolo. Durante la cottura aggiungere del vino bianco e del brodo e far sobbollire per alcuni minuti. Dopo aver tagliato la carne a fette, sistemare il bœuf-miroton in un tegame e proseguire la sua cottura per venticinque minuti.[3]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b (EN) Elizabeth David, Spices, Salt and Aromatics in the English Kitchen, Grub Street Cookery, 2008, "bœuf-miroton".
  2. ^ (EN) Philéas Gilbert, The Art of French Cooking: Sumptuous Recipes and Menus from the Heart of the Incomparable French Cuisine, 3760 Recipes and Instructions for the Masterpiece Cookery Created, Golden, 1962, p. 333.
  3. ^ a b c Elma Schena, Adriano Ravera, Il grande libro della cucina piemontese, Blu, 2017, pp. 141-2.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

  • Boeuf miroton, su ricette.donnamoderna.com. URL consultato il 4 novembre 2020.