Avik e Albertine

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Avik e Albertine
Titolo originale Map of the Human Heart
Paese di produzione Australia, Regno Unito, Canada, Francia
Anno 1992
Durata 109 min
Colore colore
Audio sonoro
Genere drammatico
Regia Vincent Ward
Soggetto Vincent Ward
Sceneggiatura Louis Nowra, Vincent Ward
Produttore Linda Beath, Tim Bevan, Vincent Ward
Fotografia Eduardo Serra
Montaggio John Scott, Frans Vandenburg
Musiche Gabriel Yared
Interpreti e personaggi
Premi

Avik e Albertine (Map of the Human Heart) è un film del 1992 diretto da Vincent Ward, interpretato da Jason Scott Lee e Anne Parillaud.

È stato presentato fuori concorso al 45º Festival di Cannes.[1]

Il film tratta le vicissitudini dell'eschimese Avik, dei vari incontri avvenuti nella sua vita, dell'amore che ebbe per Albertine, a cui poi dovette rinunciare.

Ideato da Ward, sceneggiato da Louis Nowra, la pellicola tratta più temi, tutti imperniati su un duplice conflitto: natura/civiltà, padre (anche se simbolico)/figlio, che sono trattati con stile ed innegabile bravura, soprattutto nelle scene più suggestive, nelle quali emerge il talento visionario e allucinato del regista, il quale però non riesce a dare equilibrio all'opera, risultando ridondante e disordinato nel versante narrativo.

Un film di buonissima fattura, nella quale giocano un ruolo decisivo i contributi tecnici degli attori, di Gabriel Yared (musiche), di Eduardo Serra (fotografia).

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ (EN) Official Selection 1992, festival-cannes.fr. URL consultato il 29 giugno 2011.
cinema Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema