Avesa

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Vai alla navigazione Vai alla ricerca
Avesa
frazione
Avesa – Stemma
Avesa – Veduta
Avesa – Veduta
La chiesa di San Martino
Localizzazione
StatoBandiera dell'Italia Italia
Regione Veneto
Provincia Verona
Comune Verona
Territorio
Coordinate45°28′15″N 10°59′21″E / 45.470833°N 10.989167°E45.470833; 10.989167 (Avesa)
Abitanti3 519
Altre informazioni
Cod. postale37127
Prefisso045
Fuso orarioUTC+1
Cod. catastaleA513
Nome abitantiavesani
Cartografia
Mappa di localizzazione: Italia
Avesa
Avesa

Avesa (Àesa o Àexa in veneto) è una frazione della città di Verona. Fu comune autonomo fino al 1927. Attualmente fa parte della Circoscrizione 2 Nord Ovest del Comune di Verona.

Si trova sulle colline a circa 3 km a nord-ovest di Verona, all'imbocco dei vaj Borago e Galina. Quest'ultimo segna a nord il confine con il comune di Grezzana e a est con la dorsale della Valpantena.

Presso Avesa sgorga da una risorgiva il Lorì, brevissimo fiumiciattolo che entra nell'Adige dopo pochi chilometri, noto soprattutto in relazione alle lavandare di Avesa, che qui si recavano in passato a lavare i panni per conto degli alberghi, degli ospedali e dei cittadini benestanti dell'intera città. Le lavandare di Avesa trovarono menzione nelle poesie del poeta veronese Berto Barbarani. Avesa è anche citata, in quanto borgo natìo del Moro di Verona, nel romanzo La tregua di Primo Levi.

Nel mese di maggio vi è la sagra del paese, nota come festa della comunità.

Durante le feste natalizie, sotto i portici sul retro della chiesa parrocchiale viene montato il presepio di Avesa, uno dei più belli e curati della provincia di Verona, il quale riproduce fedelmente (ma in chiave natalizia) vie e scorci della stessa Avesa. La visita al presepio ad oggi è gratuita.

Nella località di Avesa è assai diffusa la coltivazione dell'olivo, e a tale scopo sono stati costruiti, nel passato, moltissimi muri a secco (MAROGNE) e terrazzamenti sulle colline che circondano il centro abitato. Altra caratteristica degna di nota nella località di Avesa è la presenza di cave, ora abbandonate, per l'estrazione della cosiddetta "pietra gallina" (detta anche tufo), utilizzata come materiale da costruzione ed anche per la realizzazione di prodotti artistici.

La parrocchiale è dedicata a San Martino di Tours; il pittoresco campanile, con le sue melodiose 9 campane Cavadini in Reb3, è sede di una prestigiosa squadra di suonatori di Campane alla veronese.

Il 22 novembre 1914 Avesa fu raggiunta dalla rete tranviaria di Verona che veniva ad avere nel paese il proprio capolinea settentrionale. La stessa fu soppressa nel 1951.

Territorio e natura avesana[modifica | modifica wikitesto]

Avesa si trova a 10 minuti dal centro storico di Verona, all'interno di una valle circondata da colline di circa 300 metri di altitudine.

Monti circostanti[modifica | modifica wikitesto]

I principali monti che circondano e racchiudono la valle di Avesa sono:

  • Monte Ongarine (ovest);
  • Monte Crocetta (ovest);
  • Torricelle (est);
  • Monte Arzan (est);
  • Monte Spigolo (nord).

Valli minori[modifica | modifica wikitesto]

Dalla valle principale, dove sorge il paese, si diramano delle valli minori (chiamate anche vaj), Le tre principali sono:

  • la Val Scura, sotto il Monte Arzan;
  • la Val Borago, a Nord-Ovest del monte spigolo. Questa valle comprende anche il passaggio di una parte del sentiero europeo E5.
  • La Val Galina, a Nord-Est del monte spigolo.

Corsi d'acqua[modifica | modifica wikitesto]

Il principale corso d'acqua del paese è il rio Lorì. Presente durante l'intero corso dell'anno, sgorga da una risorgiva nella parte alta del paese, proseguendo verso sud. Dopo pochi chilometri sfocia nell'Adige.

Il secondo corso d'acqua è il cosiddetto "Progno", torrente a carattere stagionale. Vuoto per la maggior parte del tempo, si riempie nei periodi di forte pioggia, raggiungendo in certi casi una discreta portata.

Monumenti e luoghi d'interesse[modifica | modifica wikitesto]

Cultura[modifica | modifica wikitesto]

Nel 2012, ad Avesa, viene fondato il gruppo musicale Contrada Lorì dall'idea del musicista Roberto Rizzini, con l'obiettivo di riprendere e riproporre il repertorio musicale di tradizione orale della zona veronese e realizzare composizioni originali, ma sempre nel dialetto della città Scaligera.

Note[modifica | modifica wikitesto]


Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàGND (DE4209570-0
  Portale Verona: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Verona