Avesa

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Avesa
frazione
Avesa – Stemma
Localizzazione
StatoItalia Italia
RegioneVeneto-Stemma.png Veneto
ProvinciaProvincia di Verona-Stemma.png Verona
ComuneStemma comune Verona.svg Verona
Territorio
Coordinate45°28′15″N 10°59′21″E / 45.470833°N 10.989167°E45.470833; 10.989167 (Avesa)Coordinate: 45°28′15″N 10°59′21″E / 45.470833°N 10.989167°E45.470833; 10.989167 (Avesa)
Abitanti3 519
Altre informazioni
Cod. postale37127
Prefisso045
Fuso orarioUTC+1
Cod. catastaleA513
Nome abitantiavesani
Cartografia
Mappa di localizzazione: Italia
Avesa
Avesa

Avesa (Àesa o Àexa in veneto) è una frazione della città di Verona ed è situata a nord di quest'ultima. È stata comune autonomo fino al 1927. Attualmente fa parte della Circoscrizione 2 Nord Ovest del Comune di Verona.

Presso Avesa sgorga da una risorgiva il Lorì, brevissimo fiumiciattolo che entra nell'Adige dopo pochi chilometri, noto soprattutto in relazione alle lavandare di Avesa, che qui si recavano in passato a lavare i panni per conto degli alberghi, degli ospedali e dei cittadini benestanti dell'intera città. Le lavandare di Avesa trovarono menzione nelle poesie del poeta veronese Berto Barbarani. Avesa è anche citata, in quanto borgo natìo del Moro di Verona, nel romanzo La tregua di Primo Levi.

Nel mese di maggio vi è la sagra del paese, nota come festa della comunità.

Nella località di Avesa è assai diffusa la coltivazione dell'olivo, e a tale scopo sono stati costruiti, nel passato, moltissimi muri a secco e terrazzamenti sulle colline che circondano il centro abitato. Altra caratteristica degna di nota nella località di Avesa è la presenza di cave, ora abbandonate, per l'estrazione della cosiddetta "pietra gallina", utilizzata come materiale da costruzione ed anche per la realizzazione di prodotti artistici.

La parrocchiale è dedicata a San Martino di Tours; il pittoresco campanile, con le sue melodiose 9 campane in Reb3, è sede di una prestigiosa squadra di suonatori di Campane alla veronese.

Il 22 novembre 1914 Avesa fu raggiunta dalla rete tranviaria di Verona che veniva ad avere nel paese il proprio capolinea settentrionale. La stessa fu soppressa nel 1951.

Monumenti e luoghi d'interesse[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]


Verona Portale Verona: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Verona