Avaya

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Avaya
Logo
Stato Stati Uniti Stati Uniti
Tipo Società per azioni
Fondazione 2 ottobre 2000
Sede principale Stati Uniti Stati Uniti, Basking Ridge, New Jersey (Headquarter)
Italia Italia, Sesto San Giovanni (Milano) (sede legale)
Italia Italia, Roma
Persone chiave Kevin J. Kennedy CEO
Settore Comunicazione unificata, Telecomunicazioni, Call Centre, Data Networking
Prodotti Avaya Aura

Avaya IP Office
Avaya one-X
Avaya Flare Experience
web.alive
Enterprise Routing Switches

Utile netto Green Arrow Up.svg $4,763 miliardi di $ (2010)
Slogan The Power of We
Sito web www.avaya.com/it

Avaya Inc. è una società di sistemi di comunicazione con sede centrale a Basking Ridge, New Jersey/USA, specializzata in tecnologia per la telefonia, call center e data networking. L’azienda è stata fondata il 2 ottobre del 2000 ed è stata una “private company” fino alla sua acquisizione da parte delle società di investimento Silver Lake Partners e Texas Pacific Group (TPG). Avaya ha oltre 19.000 impiegati globalmente.[1]

Avaya è una delle aziende leader nel settore dellaTelefonia IP (VoIP), Comunicazione unificata e delle soluzioni per Call Centre. Secondo fonti Avaya, il 90% delle aziende Fortune 500 utilizza i suoi prodotti.[1] Gli Avaya Labs, anch’essi appartenenti alla società è provenienti dai Bell Laboratories, svolgono attività di ricerca e sviluppo prevalentemente per Avaya nell’area delle tecnologie di comunicazione. Secondo fonti Avaya, la società conta da 3.000 a 5.100 brevetti, tra registrati e di proprietà.

Storia[modifica | modifica sorgente]

Spin-off di Lucent Technologies[modifica | modifica sorgente]

La divisione “Unified Communications and Call Center” di Lucent Technologies fu scorporata il 2 ottobre 2000. Henry Schacht divenne il presidente del consiglio di sorveglianza. Il primo CEO fu Don Peterson che era stato precedentemente CFO in Lucent.[2] Il simbolo in borsa di Avaya divenne AV e le operazioni iniziarono a 20$ per azione.[3] Prima dello spin-off l’azienda era appartenuta a Western Electric e AT&T per oltre un secolo.

Acquisizione di Tenovis[modifica | modifica sorgente]

La società di telecomunicazioni tedesca Tenovis, con 5.400 impiegati, fu acquisita a novembre 2004 per US$635 milioni. La ristrutturazione di Tenovis nel corso della sua integrazione con il gruppo Avaya, vide anche l’apertura di società consociate alle quali furono trasferite alcune divisioni come quelle di installazione e servizi, lo spin-off di parti della società e la riduzione del personale. A metà 2006 Avaya aveva 4.500 impiegati in Europa. Nell’anno finanziario 2007/2008 Avaya contava circa 3.560 impiegati in Germania; all’inizio del 2010 ne aveva 2.900.

Acquisizione da parte degli investitori[modifica | modifica sorgente]

Louis D'Ambrosio prese il ruolo di CEO e President di Avaya nel 2006[4]; si dimise a giugno del 2008 per motivi di salute. Avaya fu acquisita il 26 ottobre 2007 dalle società di investimento Silver Lake Partners e Texas Pacific Group (TPG), per US$8.2 miliardi, o US$17.50 per azione.[5] Il titolo fu ritirato dalla borsa e non è stato più quotato alla New York Stock Exchange (NYSE) a partire dal 26 ottobre 2007.

Acquisizione della divisione Enterprise di Nortel[modifica | modifica sorgente]

Avaya fu dichiarato vincitore dell’asta di vendita della divisione Enterprise di Nortel il 14 settembre 2009 con l’offerta di US$900 milioni.[6] Avaya e Nortel completarono formalmente la vendita il 21 dicembre 2009. All’indomani dell’operazione Avaya aveva 21.000 impiegati globalmente.[7]

Nuova IPO[modifica | modifica sorgente]

Avaya ha presentato una richiesta di Offerta pubblica iniziale alla commissione di sorveglianza Stock Exchange US SEC a giugno 2011. L’operazione conta di portare un miliardo di dollari, secondo i piani Avaya.[8]

Posizionamento di mercato[modifica | modifica sorgente]

Avaya è riconosciuto come leader globale da esperti di settore e di tecnologia e ha ottenuto delle posizioni di leadership nelle seguenti aree:

  • Unified Communications and Corporate Telephony[9]
  • Contact Center[10]
  • Enterprise Messaging Messaging[11]
  • Audio-conferencing[12]
  • Hardware maintenance[13]

Gartner posiziona Avaya nel quadrante dei Leader in base alla completezza di visione e abilità di esecuzione nei seguenti report:

  • Leaders Quadrant in Gartner Magic Quadrant for Corporate Telephony, Worldwide, 2009[14]
  • Leaders Quadrant in Gartner Magic Quadrant for Contact Center Infrastructure, Worldwide, 2008[10]

Prodotti[modifica | modifica sorgente]

  • Soluzioni di comunicazione per aziende di ogni dimensione, piccole, medie e grandi (PBX, telefoni, telefonia IP, Unified Communications e Contact Center)
  • Soluzioni di data networking per aziende private e pubbliche (Ethernet Switching, WLAN, Routing, Access Control, Management)
  • Servizi di installazione, assistenza, manutenzione e consulenza per le soluzioni di comunicazione e data network.


  • Avaya Data
    • Virtual Services Platform 9000 (VSP 9000)
    • Ethernet Routing Switch (ERS) 8800
    • Ethernet Routing Switch (ERS) 8300
    • Ethernet Routing Switch (ERS) 5600
    • Ethernet Routing Switch (ERS) 5500
    • Ethernet Routing Switch (ERS) 4500
    • Ethernet Routing Switch (ERS) 2500
    • Secure Router 4134/2330
    • WLAN 8100
    • VPN Gateway
    • Identity Engines
  • Unified Communications
    • Avaya Aura AS-5300
    • Avaya Aura Application Enablement Services
    • Avaya Aura Communication Manager
    • Avaya Aura Communication Manager Branch
    • Avaya Aura Communication Manager Messaging
    • Avaya Aura Media Services
    • Avaya Aura Presence Services
    • Avaya Aura Session Manager
    • Avaya Aura System Platform
    • Avaya Aura SIP Enablement Services
    • Avaya Aura System Manager
    • Avaya Integrated Management
    • Avaya Communication Server 1000

Sponsorizzazioni[modifica | modifica sorgente]

Avaya è stato uno degli sponsor della Campionato mondiale di calcio 2006[15] e dei Giochi Olimpici Invernali 2010 a Vancouver.[16]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ a b Avaya at a Glance Avaya at a Glance (pdf ) 2011
  2. ^ David Rohd, Lucent spinoff Avaya plays to its strength, IDG Network World Inc., 3 luglio 2000, p. 68. ISSN 0887-7661.
  3. ^ Brian P. Kenstout, Lucent's Kids Grow up Fast, Kiplinger Washington Editors, Inc., agosto 2001, p. 116. ISSN 1528-9729.
  4. ^ Avaya CEO steps down
  5. ^ Comunicato stampa Avaya: Avaya Enters Into Merger Agreement with Silver Lake and TPG Capital
  6. ^ ZDnet 14. September 2009: It's Official: Avaya Acquires Nortel Enterprise
  7. ^ Avaya + Nortel integration roadmap in brief (PDF), Extra Report on Avaya
  8. ^ Avaya Files Registration Statement for Initial Public Offering
  9. ^ Enterprise Telephony Report, 4Q10, DellOro Group, febbraio 2011.
  10. ^ a b Drew Kraus et al, Gartner Magic Quadrant for Contact Center Infrastructure, Worldwide, Gartner Inc., giugno 2011.
  11. ^ InfoTrack for Converged Applications, Full Year 2010, T3i Group, aprile 2011.
  12. ^ The World UC Applications Market, 2010 Edition, MZA, Ltd., giugno 2010.
  13. ^ Services Market Dashboard, 4Q YE 2010 Global Lifecycle Services Market, IntelliCom Analytics, aprile 2011.
  14. ^ Steve Blood et al, Gartner Magic Quadrant for Corporate Telephony, Gartner Inc., agosto 2010.
  15. ^ Fifa.com 1st June 2006: IT-Lösung sorgt für reibungslosen Ablauf
  16. ^ avaya.com 20.Juni.2010: Avaya joins Bell to deliver a flawless communications experience for the Vancouver 2010 Winter Games

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

  • SMLT Split Multi-Link Trunking

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]