Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui

Personaggi di Fairy Tail

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
(Reindirizzamento da Avatar (Fairy Tail))
Jump to navigation Jump to search

1leftarrow blue.svgVoce principale: Fairy Tail.

I protagonisti della serie

In questa voce è presente la lista dei personaggi rilevanti della serie manga ed anime Fairy Tail di Hiro Mashima e dei relativi spin-off.

La serie è ambientata principalmente nel Regno di Fiore, una nazione situata nel mondo immaginario di Earthland, dove molti dei suoi abitanti sono in grado di padroneggiare la magia in vari modi. Alcuni di questi hanno sviluppato capacità magiche tali da consentirgli di poter lavorare tramite i propri poteri: questi individui sono noti come maghi (魔導士 madōshi?) e appartengono ad organizzazioni dette gilde, dove ricevono informazioni e ricompense riguardo agli incarichi svolti. L'operato delle gilde è controllato e regolato da un organo supremo, il concilio della magia (魔法評議院 mahō hyōgīn?), che decide anche se una gilda sia conforme alla legge oppure no. Le gilde non conformi alle leggi sono dette gilde oscure (闇の ギルド yami girudo?) e i loro membri svolgono missioni illecite, nonché eseguono assassini su commissione. La serie segue nel particolare le vicende di un gruppo di maghi membri della gilda che da titolo all'opera.

I protagonisti sono Natsu Dragonil, un mago capace di usare i poteri da dragon slayer in cerca del proprio padre drago adottivo Igneel, e Lucy Heartphilia, una maga degli spiriti stellari che si unisce alla gilda Fairy Tail all'inizio della storia. Nella prima parte della saga, i due formeranno una squadra insieme a: Happy, un gatto volante e migliore amico di Natsu; Gray Fullbuster, un mago del ghiaccio e Elsa Scarlett, una maga specializzata nell'uso di svariate magie legate ad altrettante armature speciali da indossare. Con lo svilupparsi dell'intreccio narrativo, Lucy e Natsu interagiscono con numerosi maghi amici e rivali di altre gilde presenti a Fiore, ma si scontrano anche con numerosi nemici, provenienti dalle malvagie gilde "oscure", e con Zeref, un antico mago che si rivela essere il principale antagonista della serie.

Fairy Tail[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Membri di Fairy Tail.

Fairy Tail (フェアリーテイル Fearī Teiru?) è una nota gilda situata nel Regno di Fiore, che vanta tra le sue file maghi molto forti. Alla sua guida si trova uno dei maghi del sacro ordine dei dieci, Makarov Dreyar. Questa gilda è famosa soprattutto per l'ostilità alle regole dei suoi componenti: essa è costantemente sui rotocalchi e nel mirino del Concilio della magia. Per questa sua "cattiva fama", Fairy Tail attira molti giovani maghi desiderosi di far parte di una gilda prestigiosa. La sua fondatrice Mavis scelse questo nome perché l'esistenza della coda delle fate ("Fairy Tail") è un mistero e rappresenta così lo spirito d'avventura. Le vicende del manga ruotano intorno proprio alle avventure e alle missioni svolte dai membri di questa organizzazione, concentrando l'attenzione in particolare sulla squadra dei protagonisti, composta da Natsu Dragonil, Lucy Heartphilia e altri maghi.

  • Natsu Dragonil (ナツ ドラグニル Natsu Doraguniru?): è un mago capace di utilizzare la magia del dragon slayer di fuoco in cerca del proprio padre adottivo Igneel, un drago di fuoco che gli ha insegnato ad usare i propri poteri. È doppiato da Tetsuya Kakihara (giapponese)[1] e da Manuel Meli (italiano)[2].
  • Happy (ハッピー Happī?): è un gatto volante che aiuta il suo migliore amico Natsu in tutte le sue missioni. È doppiato da Rie Kugimiya (giapponese)[1] e da Monica Bertolotti (italiano)[2].
  • Lucy Heartphilia (ルーシイ ハートフィリア Rūshi Hātofiria?): è una maga degli spiriti stellari di diciassette anni, fuggita di casa per poter viaggiare alla scoperta del mondo ed entrare a far parte della famosa gilda Fairy Tail. È doppiata da Aya Hirano (giapponese)[1] e da Chiara Oliviero (italiano)[2].
  • Gray Fullbuster (グレイ フルバスタ Gurei Furubasutā?): è un mago in continua competizione con Natsu che ha la capacità di modellare il ghiaccio a proprio piacimento. È doppiato da Yūichi Nakamura (giapponese)[1] e da Daniele Raffaeli (italiano)[2].
  • Elsa Scarlett (エルザ スカーレット Eruza Sukāretto?): è una maga di 19 anni, capace di padroneggiare svariati tipi di magie grazie alle tante armature speciali da lei indossate. È considerata la maga più forte della propria gilda ed è molta temuta sia dai suoi compagni che dai nemici per la propria forza. È doppiata da Sayaka Ōhara (giapponese)[1] e da Eleonora Reti (italiano)[2].
  • Wendy Marvel (ウェンディマーベル Uendi Maruberu?) Doppiata da Satomi Satō (giapponese), Joy Saltarelli (italiano).
  • Charle (シャルル Sharuru?) Doppiata da Yui Horie (giapponese), Maura Cenciarelli (italiano).

Insieme al team Natsu, alcuni membri della gilda hanno svolto più ricorrentemente missioni di alta importanza, ma senza far parte ufficialmente del loro team. Di seguito ecco tali membri:

Antagonisti[modifica | modifica wikitesto]

I protagonisti nel corso della storia affrontano numerosi nemici. Alcuni di questi erano membri di altre gilde riconosciute dal concilio, ma che avevano delle rimostranze nei confronti di Fairy Tail. Tutti gli altri erano invece membri delle gilde "oscure" (闇のギルド yami girudo?), associazioni clandestine che operano nell'ombra del Regno di Fiore e contro le quali il Concilio ha intrapreso una politica di intolleranza e di messa al bando. Esse si occupano di incarichi loschi o vietati dalla legge, comportandosi come vere e proprie organizzazioni malavitose, non composte solo maghi ma anche mercenari e assassini. Tra esse esistono anche gilde di maghi votate all'oscurità, con ideologie malvagie che fondano la propria condotta non tanto sul guadagno puro e semplice, ma piuttosto sulla ricerca del potere e di utopiche maligne visioni del futuro. Per molte gilde oscure il proprio punto di riferimento è il grande stregone nero Zeref, temuto mago del passato godente di una pessima e oscura fama di uomo malvagio e crudele.

Zeref[modifica | modifica wikitesto]

Zeref Dragonil (ゼレフ・ドラグニル Zerefu Doraguniru?) è l'antagonista centrale di Fairy Tail, che viene menzionato nella prima parte della serie come il mago più malvagio della storia, noto come "Mago oscuro" (黒魔導士 Kuro madōshi?).[3] Fa la sua prima apparizione alla fine del volume 24, anche se non viene menzionata la sua identità sino al volume seguente.[4][5] Alla fine, viene rivelato che Zeref è il fratello maggiore di Natsu Dragonil ed è stato reso immortale da una maledizione chiamata Magia nera di Ankhselam (アンクセラムの黒魔術 Ankuseramu no kuro majutsu?), la quale uccide tutto ciò che lo circonda per cui lui affetto e ritiene la sua vita preziosa. Anni prima degli eventi presenti della serie, il dio Ankhselam (アンクセラム Ankuseramu?) maledì Zeref per aver cercato di far resuscitare un Natsu ancora bambino, che fu ucciso insieme al resto della famiglia durante l'attacco di un drago. Divenendo suicida, Zeref riesce alla fine a far reincarnare Natsu come demone soprannominato "Eterias Natsu Dragonil" (E.N.D.), nella speranza che un giorno sarebbe stato in grado di ucciderlo e mettere fine alla sua maledizione.[6] Ripone quindi Natsu sotto la tutela di Igneel e lo invia 400 anni avanti nel tempo in un'epoca ricca di magia mediante l'utilizzo del portale del tempo Eclipse, in modo da far sviluppare a dovere i suoi poteri.[7] Nel prequel Fairy Tail Zero, stringe amicizia con Mavis Vermillion 300 anni dopo[8], per la quale inizia a provare affetto dopo che lei acquisisce la sua stessa maledizione, finché lui non le ruba inavvertitamente la sua vita.[9]

Vivendo in solitudine sull'isola Tenro nel presente, Zeref rimane disilluso dalle atrocità commesse da Grimoire Heart in suo nome ritenendolo un mago capace di compiere atti crudeli, giurando a sé stesso di utilizzare i sette anni seguenti a prepararsi per portare a termine la completa estinzione dell'umanità.[10][11][12] L'anno seguente riappare in qualità di imperatore dell'Impero Alvarez, una nazione militare che ha costruito per circa un secolo sotto le spoglie di Spriggan (スプリガン Supurigan?) per contrastare la minaccia di Acnologia.[9] Zeref pianifica quindi un'invasione su larga scale del continente di Ishgar con l'intento di ottenere il potere illimitato di Mavis, il Fairy Heart, con il quale può utilizzare il Neo Eclipse (ネオ・エクリプス Neo Ekuripusu?), una magia che gli permetterebbe di rivivere la propria vita e annullare le azioni causate da sé stesso e da Acnologia, ma che per contro cancellerebbe l'esistenza di innumerevoli persone nel presente.[13] Zeref riesce in seguito ad assorbire con successo Fairy Heart dato il fallito tentativo di Natsu di ucciderlo, il quale tuttavia lo rende incapace di attaccare grazie alla propria magia del fuoco.[14][15] Infine, Zeref muore dopo che Mavis riaccende il proprio amore per lui, dando modo alla loro maledizione di uccidere entrambi.[16] Nell'epilogo di Fairy Tail, un giovane identico nell'aspetto a Zeref di nome Arios (アリオス Ariosu?) fa la sua comparsa ed incontra Mio, una ragazza con le medesime sembianze di Mavis.[17]

Mashima non diede alcun nome al personaggio finché non lo fece apparire fisicamente nella storia e considerò diverse possibilità tra cui scegliere prima di optare per Zeref[18]; il mangaka ha affermato di aver intenzionalmente evitato di inserire indizi sull'identità del personaggio prima della sua apparizione, in maniera da suscitare una "completa sorpresa" nei lettori.[19] Intenzionato ad evitare di ritrarre Zeref come "un tipico cattivo ragazzo", Mashima ha sviluppato e inserito numerosi elementi sul personaggio da renderlo a suo dire "davvero molto complesso".[20] Mashima ha affermato che in molti "hanno cominciato a simpatizzare" per Zeref in seguito alla rivelazione della sua identità, tratteggiandolo inoltre come un personaggio come "un tipo tenebroso, che non va tanto per il sottile".[21] Nell'edizione giapponese dell'anime è doppiato da Akira Ishida[22], mentre in quella italiana da Emanuele Ruzza[23].

Eterias[modifica | modifica wikitesto]

Gli Eterias (エーテリアス Ēteriasu?) sono una razza di demoni creati dall'utilizzo dei libri di Zeref (ゼレフ書 Zerefu sho?) attraverso la manipolazione dell'etere. Generati da Zeref, si considerano superiori agli esseri umani e sono in parte aggressivi e nutrono godimento nel provocare distruzione e sofferenza. Capaci di utilizzare le maledizioni, un potere alternativo alla magia generato dalla disperazione, sono capaci di assumere una forma alternativa più forte e mostruosa, denominata "Forma Eterias" (エーテリアスフォーム Ēteriasu Fōmu?). Il primo Eterias conosciuto e a fare la propria apparizione nella serie è Lullaby (呪歌, ララバイ Rarabai?), demone doppiato da Ryōko Ono e Alessio Cigliano dall'aspetto solito di flauto magico malefico e capace di trasformarsi in un essere gigantesco dotato di tre occhi e sparante laggi laser dalla bocca.[24] Sotto forma di flauto, Lullaby è stato sfruttato da diversi maghi oscuri per compiere omicidi di massa mediante l'utilizzo della sua melodia malefica, capace di assassinare chiunque l'ascolti fasci di luce in grado di distruggere qualsiasi cosa. Secondo Eterias ad apparire in Fairy Tail è Deliora (デリオラ Deriora?), conosciuto anche come "demone della distruzione" (破壊の悪魔 Hakai no akuma?), una creatura gigantesca immortale che ha seminato terrore e devastazione nel continente di Ishgar, attaccando anche il villaggio natale di Gray Fullbuster e ne ha ucciso i genitori. Mediante l'utilizzo della magia Iced Shield, la maestra di Gray Ur imprigiona il demone trasformando il proprio corpo in una prigione di ghiaccio, in modo da poter salvaguardare i propri allievi.[25]. A tentare di risvegliarlo è in seguito uno dei due giovani, Leon Bastia, intenzionato ad ucciderlo per dimostrare di essere più forte della maestra. Tuttavia, la magia di Ur ha consumato il demone al punto da farlo morire nel momento in cui la sua "gabbia" di ghiaccio viene sciolta. Oltre a tali due demoni, anche tutti i membri della gilda oscura Tartaros sono demoni Eterias.

Eisenwald[modifica | modifica wikitesto]

Eisenwald (鉄の森(アイゼン ヴァルト) Aizenvaruto?)[26] è la prima tra le gilda oscure con cui si scontrano i protagonisti. Alle dipendenze della temuta Oracion Seis, la gilda cerca di uccidere i master di varie gilde riconosciute dal concilio in occasione di un loro raduno[27] attraverso il flauto magico Lullaby, una creazione di Zeref dalla melodia sinistra capace di uccidere.[28] Tuttavia il piano viene sventato dall'intervento di Natsu e dei suoi compagni ed Eisenwald viene in seguito sciolta.

Il master di questa gilda è Eligoar (エリゴール Erigōru?), noto anche come "dio della morte" (死神 shinigami?) a causa dei numerosi incarichi omicidi che ha conseguito. Nutre un odio profondo nei confronti della fazione della luce, poiché la sua gilda è stata screditata dal consiglio per aver iniziato ad accettare missioni riguardanti assassinii. Viene sconfitto in duello da Natsu Dragonil, ma riesce a sfuggire all'arresto da parte del concilio. Nella serie animata riappare sette anni dopo come membro degli Oracion Seis Rinati con il nome di "Grim Reaper" e la memoria cancellata[29]. In questa occasione viene però sconfitto da Wendy con l'aiuto di Bixlow, la quale riesce a fargli tornare la memoria e capire di essere in realtà controllato[30]. Eligoar utilizza la magia del vento, la quale gli permette di levitare in aria, creare degli enormi muri di vento o immensi tornado e cicloni. Nell'edizione giapponese dell'anime è doppiato da Kōichi Tōchika, mentre in quella italiana da Alessio Cigliano.

Altro mago di rilievo della gilda è Kageyama (カゲヤマ Kageyama?), capace di utilizzare la magia delle ombre per trasformarsi in un'ombra e di agire senza essere notato o di utilizzare le ombre per attaccare i nemici. È lui a recuperare il Lullaby per conto di Eligoar; in seguito alla sconfitta del suo capo, porta avanti il piano suonando la melodia del flauto, portando però al risveglio del demone nascosto in esso. Kageyama è doppiato da Anri Katsu e da Patrizio Cigliano. Altri membri di Eisenwald sono: Rayule (レイユール Reiyūru?), mago capace di manipolare le bende e fargli assumere la forma desiderata, doppiato da Eiji Sekiguchi e Stefano Billi; Karacka (カラッカ Karakka?), mago utilizzante la magia della terra per attraversare muri con estrema facilità senza distruggerli ed è doppiato da Masaki Kawanabe e Roberto Draghetti; Byard (ビアード Biādo?), mago capace di utilizzare la magia della luce e la telecinesi, doppiato da Daisuke Endō e Massimiliano Plinio.

Phantom Lord[modifica | modifica wikitesto]

L'emblema di Phantom Lord

Phantom Lord (幽鬼の支配者, ファントムロード Fantomu Rōdo?, lett. "Dominatore degli spiriti") è una gilda di maghi ufficialmente riconosciuta dal Concilio, capitanata da Jose Porla (ジョゼ・ポーラ Joze Pōra?), uno dei dieci maghi sacri e specializzato nella creazione di spettri da utilizzare come soldati in combattimento[31][32], doppiato da Takashi Matsuyama e da Pierluigi Astore. Jose vanta un gruppo numeroso di maghi tra le sue fila, nonché grandi capacità offensiva magiche grazie alla sede della gilda meccanizzata, armata con il cannone magico distruttivo Jupiter (ジュピター Jupitā?)[32] e capace di trasformarsi in un mecha capace di propagare gli effetti di Abyss Break (煉獄砕波, アビスブレイク Abisu Bureiku?, lett. "Onda dirompente del Purgatorio"), un incantesimo proibito generato dalla magia dei quattro elementi classici.[33][34]

Tra i vari membri dei Phantom figurano Gajil Redfox e gli Element 4 (エレメント4 Eremento Fō?), un quartetto di maghi equivalenti ai maghi di classe S di Fairy Tail, ognuno dei quali è specializzato nell'utilizzo di una magia legata ad uno dei quattro elementi.[31] Aria (アリア?), il capo della squadra, è un uomo grosso facente utilizzo della magia dell'aria per generare attacchi invisibili e privare i maghi della loro magia[35]; indossa una benda per mantenere sotto controllo il suo enorme potere magico[36] ed è doppiato da Taira Katsui e da Massimo Bitossi. Sol (ソル Soru?, dal francese "Soil", "terra") è un uomo dall'accento francese che manipola la terra e può assumere uno stato malleabile[37]; è doppiato da Eiji Sekiguchi e da Franco Mannella. Totomaru (兎兎丸?) è un samurai dai capelli bianchi e neri utilizzante la magia del fuoco per controllare le fiamme a proprio piacimento e produrne di differenti colori e proprietà[38]; è doppiato da Daisuke Endō e da Francesco Venditti. Lluvia Loxar è parte del gruppo essendo una specialista nell'utilizzo della magia dell'acqua; decide di entrare a far parte di Fairy Tail in seguito allo scioglimento della propria gilda.[39]

Il padre di Lucy Heartphilia Jude richiesto a Phantom di recuperare la figlia in seguito alla sua fuga da casa.[40] Tuttavia, Jose è interessato ai piani di Fairy Tail per monopolizzare la fortuna della famiglia Heartphilia e pianifica di tenere Lucy come ostaggio e di rilasciarla soltanto dietro riscatto.[41] Volendo dimostrare la supremazia di Phantom su Fairy Tail, Jose manda Gajil a distruggere la sede degli avversari e a mettere fuori combattimento il team di Levy Mac Garden, provocando una guerra tra gilde proibita dal Concilio della magia.[31] Alla fine, Fairy Tail esce vittoriosa dalla battaglia, dopo che Makarov sconfigge Jose[42]; Phantom viene in seguito sciolta dal Concilio e a Jose viene revocato il titolo di mago sacro.[43]

Torre del Paradiso[modifica | modifica wikitesto]

La Torre del Paradiso (楽園の塔 Rakuen no tō?) è una torre progettata per riportare in vita un singolo individuo attraverso l'uso di una forma di magia chiamata Revive System (リバイブシステム Ribaibu Shisutemu?), o più semplicemente conosciuta come R-System, che si attiva dopo aver raggiunto un quantitativo di energia magica pari all'arma definitiva a disposizione del Concilio della magia, l'Eterion. Assorbita tale quantità di energia, la torre cambia aspetto e rivela la sua vera forma da lacrima gigante di cristallo.[44] La torre è stata realizzata sfruttando la forza lavoro di vari prigionieri, schiavi di una setta di maghi malvagi, con l'intento di far resuscitare Zeref.[45] Tra gli schiavi forzati a costruire la torre vi sono Elsa Scarlett e Gerard Fernandes. Dopo che una loro rivolta contro la setta ha successo, a Fernandes viene fatto un lavaggio del cervello da parte di Urrutia Milkovich sotto le false sembianze di spirito di Zeref e forzato a portare avanti la costruzione della torre.[46]

A servire Gerard come sua tirapiedi nella torre sono altri quattro schiavi amici d'infanzia di Elsa e Fernandes: Shô (ショウ?), capace di utilizzare la magia delle carte per intrappolare i propri avversari in altre dimensioni parallele[47] e doppiato da Hiro Shimono (giapponese), Alessio Nissolino (italiano) e Paola Majano (italiano, da bambino); Shimon Mikazuchi (シモンミカヅ Shimon Mikazuchi?), un grosso uomo con una mascella di metallo utilizzante la telepatia e capace di avvolgere gli avversari in aree oscure[47], doppiato da Yasuyuki Kase (giapponese), Stefano Crescentini (italiano) e Antonella Baldini (italiano, da bambino); Wally Buchanan (ウォーリー・ブキャナン Wōrī Bukyanan?), un pistolero con l'aria da gangster dal corpo angolare che può separare in blocchi[47], doppiato da Kazuya Ichijo (giapponese), Massimo Aresu (italiano) e da Tatiana Dessi (italiano, da bambino); e Miriana, una ragazza dall'aria felina e adoratrice di gatti che utilizza una fune per bloccare la magia degli altri maghi.[47]

Gerard inganna Shô, Wally e Miriana portandoli a pensare che Elsa li abbia traditi per salvarsi dalla condizione di schiava nella torre, ma in seguito gli si rivoltano contro dopo aver appreso la verità.[48] Shimon, innamorato di Elsa sin da piccolo, rimane fedele ai propri sentimenti e non crede alle bugie di Gerard[48], arrivando in seguito a sacrificare la propria vita per salvarla da un attacco di Fernandes.[49] In seguito alla sconfitta di Gerard per mano di Natsu, gli amici rimasti di Elsa rifiutano il suo invito a diventare membri di Fairy Tail e decidono di prendere la propria strada[46], con Miriana che decide di entrare a far pare di Mermaid Heel per soddisfare la propria vendetta contro Gerard.[50]

A servire Gerard nella torre vi è anche Trinity Raven (三羽鴉, トリニティレイヴン Toriniti Reivun?, traducibile dal giapponese come i "Tre Corvi"), un trio di assassini provenienti dalla Gilda dei Teschi (髑髏会 Dokurokai?).[51][52] Mashima li ha introdotti "all'ultimo momento" avendo "iniziato a sentirsi davvero dispiaciuto [per gli amici d'infanzia di Elsa]", dato che aveva inizialmente pianificato di farli scontrare con il gruppo di Elsa.[53] Ciascun membro ha un nome riconducibile a determinato tipo di uccello.[54] Il trio è capitanato da Ikaruga (斑鳩? lett. "frosone giapponese"), una donna che parla usando frasi in stile haiku, maneggiante una katana capace di tagliare ogni tipo di materiale[55] e doppiata da Naomi Shindō e Tatiana Dessi. Vidaldus Taka (ヴィダルダス・タカ Vidarudasu Taka?, "Taka" in giapponese significa "falco"), è un mago con l'aria da musicista rock dai capelli capaci di assorbire i liquidi. Utilizza una chitarra elettrica per manipolare i propri avversari[56] ed è doppiato da Hikaru Midorikawa e Valerio Sacco. Civetta ( Fukurō?, lett. "Civetta") è un uomo con una testa da civetta e un jet pack che copia la magia dei suoi avversari dopo averli ingeriti[57], doppiato da Rikiya Koyama e Gerolamo Alchieri.

Raven Tail[modifica | modifica wikitesto]

Raven Tail (大鴉の尻尾, レイヴンテイル Reivun Teiru?) è una gilda oscura che agisce in maniera indipendente dall'Alleanza Balam[58] e divenuta legale durante i 7 anni di assenza dei membri principali di Fairy Tail bloccati sull'isola Tenro[59]. La gilda è capitanata da Ewan Dreyar (イワン・ドレアー Iwan Doreā?, anche "Ivan" o "Iwan"), figlio estraniato di Makarov Dreyar e padre di Luxus Dreyar, che è ossessionato dall'ottenimento del potere di Lumen Histoire[60], azione che gli costa l'espulsione da Fairy Tail sei anni prima dell'inizio della narrazione.[61] Assunta la falsa identità di un mago con l'armatura chiamato Alexei (アレクセイ Arekusei?), Ewan guida una squadra di cinque maghi e partecipa al Gran Palio della Magia, con l'intento di sabotare Fairy Tail e ottenere Lumen Histoire. La squadra è composta da: Obra (オーブラ Ōbura?), un demone che manipola un pupazzo umanoide e assorbe la magia dei suoi avversari[62], doppiato da Yoshimitsu Shimoyama; Flare Corona (フレア・コロナ Furea Korona?), una giovane donna dai capelli cremisi che può allungare e trasformare a proprio piacimento, rendendoli anche infuocati per attaccare i propri nemici[63], doppiata da Shizuka Itō; Kurohebi (クロヘビ? lett. "Serpente nero"), un serpente umanoide che copia le abilità magiche degli avversari[64], doppiato da Yoshimitsu Shimoyama; Nullpudding (ナルプディング Narupudingu?), un gobbo capace di far crescere delle punte sul proprio corpo[65], doppiato da Eiji Miyashita. I cinque usano tattiche disoneste per vincere le sfide e le battaglie del torneo, ma vengono poi sconfitti tutti insieme da Luxus e squalificati per aver violato le regole.[60] Raven Tail si dissolve in seguito al termine del palio, mentre Flare si fa perdonare da Fairy Tail per le sue azioni perpetrate contro di loro e viene aiutata dai protagonisti a salvare da fine certa il Villaggio del Sole (太陽の村 Taiyō no mura?), il luogo dove è cresciuta adottata da giganti del posto.[66]

Alleanza Balam[modifica | modifica wikitesto]

L'alleanza Balam (バラム同盟 Baramu dōmei?) è una lega attiva nel mondo delle gilde oscure, composta dalle tre organizzazioni più potenti e organizzate: Oracion Seis, Grimoire Heart e Tartaros. Tale alleanza, consistente in un "patto di non belligeranza", esercita pieno controllo su tutte le altre gilde oscure di minor livello, eccezion fatta per Raven Tail[58]. Ciò assegna ai tre gruppi leader dell'alleanza la facoltà di influenzare e tenere in pugno saldamente l'intero mondo delle tenebre. La parola "Balam" è il nome di un re degli inferi che regna su 40 legioni di demoni. In seguito alla sconfitta delle tre gilde maggiori per mano di Fairy Tail e dei suoi alleati, l'alleanza Balam viene considerata definitivamente sciolta.

Oracion Seis[modifica | modifica wikitesto]

I membri di Oracion Seis nella copertina italiana del volume 17

Oracion Seis (六魔将軍, オラシオンセイス Orashion Seisu?, dallo spagnolo, significa "Le sei preghiere") è una gilda composta da sei membri, considerati pericolosi per il loro enorme potere equivalente a quello di una singola gilda media. Ognuno dei membri è a capo di molteplici gilde oscure minori e tra essere figurano: Naked Mummy (裸の包帯男, ネイキッドマミー Neikiddo Mami?) capeggiata dai fratelli Zatow (ザトー Zatō?) e Gatō (ガトー Gatō)?), Dark Unicorn (ダークユニコーン Dāku Yunikōn?) e Red Hood (レッドフッド Reddo Udu?). Oracion Seis vede al comando "Brain" (ブレイン Burein?), nome in codice di un mago estremamente intelligente e gran conoscitore del mondo magico, mentore di Gerard Fernandes dalla Torre del Paradiso, che usa un bastone magico senziente di nome Klodoa (クロドア?) per eseguire le magie oscure.[67] Brain possiede una seconda personalità nascosta omicida e vero capo della gilda, "Zero" (ゼロ?), la quale viene tenuta rinchiusa grazie ad una magia di blocco rappresentata da sei segni presenti sul suo corpo e ciascuno rappresentante una preghiera dei singoli membri della gilda, i quali recitano nel caso in cui vengano sconfitti dagli avversari. Brain/Zero è doppiato da Tetsu Inada e da Massimo Bitossi, mentre Klodoa da Yutaka Aoyama e da Alberto Bognanni. Gli altri cinque membri della gilda sono ex schiavi che sono stati tenuti prigionieri alla Torre del Paradiso, che Brain ha "adottato" e preso con sé per aiutarlo nel suo piano di distruggere il mondo usando la magia di cambio-moralità Nirvana (ニルヴァーナ Niruvāna?).

Erik (エリック Erikku?), noto con il nome in codice "Cobra" (コブラ Kobura?), è un dragon slayer di seconda generazione con abilità velenose e capacità uditive estremamente sensibili; comanda un serpente grande e alato di nome Cubellios (キュベリオス Kyuberiosu?) ed è doppiato da Atsushi Imaruoka e Alessandro Rigotti. Sawyer (ソーヤー Sōyā?), soprannominato in codice "Racer" (レーサー Rēsā?), è un patito della velocità capace di rallentare il tempo di ciò che lo circonda, dando l'impressione di essere estremamente velocità da non essere visibile ad occhio nudo, ed è doppiato da Junji Majima e da Marco Vivio. Richard (リチャード Richādo?), dal nome in codice "Hoteye" (ホットアイ Hottoai?), è il fratello maggiore di Wally Buchanan ossessionato dal denaro che può vedere attraverso gli oggetti solidi e liquefare il terreno che lo circonda ed è doppiato da Kazuya Ichijo (giapponese), Dario Oppido (italiano) e Paola Majano (italiano, da bambino). Sorano (ソラノ?), soprannominata in codice "Angel" (エンジェル Enjeru?), è la sorella maggiore sadica di Yukino Aguria e una maga degli spiriti stellari che ha stretto contratto con Gemini, Scorpio e Aries; dopo che i suoi spiriti l'abbandonano per averli maltrattati, acquista l'abilità di richiamare entità angeliche.[68] Angel è doppiata da Fuyuka Ōura e da Lucrezia Marricchi. Macbeth (マクベス Makubesu?), noto con il nome in codice di "Midnight" (ミッドナイト Middonaito?), è un mago letargico che può deflettere la magia degli altri, distorcere gli oggetti e generare illusioni; è doppiato da Kōki Uchiyama e da Davide Albano.

Il piano malvagio di Oracion Seis viene sventato dall'intervento dalle quattro gilde legali Fairy Tail, Blue Pegasus, Lamia Scale e Cat Shelter, i quali riescono nell'intento di sconfiggere tutti i membri e a distruggere Nirvana. Nella sola serie animata, sette anni dopo il loro arresto, vengono fatti evadere cinque dei sei membri della gilda, che rivive sotto il nome di "Oracion Seis Rinati" e i cui membri si pongono come obiettivo il recupero dell'Orologio infinito. In quest'occasione, si unisce a loro una nuova maga, Imitatia (イミテイシア Imiteishia?), capace di eseguire la magia della trasformazione ed è doppiata da Yukana Nogami e Laura Amadei. A impedire i nuovi piani di Oracion vi sono però Fairy Tail e l'organizzazione Zentopia, che portano ad un nuovo arresto degli antagonisti. In seguito al Gran palio della magia, i cinque membri vengono nuovamente rilasciati di prigione, stavolta con Brain e grazie all'aiuto di Gerard, il quale li convince ad unirsi a Crime Sorcière dopo la dipartita del loro capo per mano di Cobra per poter permettere loro di espiare i misfatti perpetrati in passato.[69]

La gilda condivide il proprio nome con un gruppo di antagonisti di Rave - The Groove Adventure; Mashima era intenzionato a mantenere tale nome solo provvisoriamente, salvo poi mantenerlo come definitivo all'avvicinarsi della scadenza di consegna del capitolo settimanale.[70] Mashima aveva già in mente l'idea del passato da schiavi presso la Torre dei singoli membri durante il loro sviluppo, ma si è detto combattuto sul quando incorporare tale parte nella storia.[71] Mashima ha affermato che Cobra è uno dei personaggi la cui grande popolarità tra gli appassionati lo ha davvero sorpreso, al punto da dire di non riuscire minimamente a capirne la ragione.[72]

Grimoire Heart[modifica | modifica wikitesto]

I membri di Grimoire Heart nella copertina italiana del volume 26

Grimoire Heart (悪魔の心臓, グリモアハート Gurimoa Hāto?) è una delle gilde dell'alleanza Balam, considerata la più potente del trio.[5] Guidata da Hades,[73] la gilda ritiene che Zeref sia vivo ma in uno stato "dormiente" ed è intenzionata a "risvegliarlo", credendo erroneamente che tale atto avrebbe portato all'avvento di un mondo apocalittico dove soltanto i maghi sarebbero potuti sopravvivere e la maggioranza assoluta di persone non dotate di poteri magici, pari a circa il 90% degli abitanti di Earthland, sarebbe scomparsa.[74] Viaggiano quindi per il mondo a bordo della loro aeronave e commettono innumerevoli atrocità per generare le "chiavi" necessarie per raggiungere il loro obiettivo,[46] finendo per scontrarsi in battaglia con Fairy Tail non appena scoprono che Zeref è sull'isola Tenro, terra sacra per la gilda protagonista.[75] Persa la guerra con Fairy Tail, alla fine Grimoire Heart si scioglie dopo che Zeref uccide Hades e condanna la gilda per aver scatenato la sua rabbia e aver richiamato Acnologia attraverso le loro azioni.[11]

Il vice comandante della gilda è Blue Note Stinger (ブルーノート・スティンガー Burū Nōto Sutingā?), un mago capace di generare potenti campi gravitazionali e buchi neri, doppiato da Shirō Saitō e Fabrizio Pucci. Al di sotto di Blue Note vi sono i sette fratelli del Purgatorio (煉獄の七眷属 Rengoku no nana kenzoku?), un gruppo di maghi d'élite che sono stati addestrati da Hades nell'utilizzo della Lost Magic (失われた魔法, ロストマジック Rosuto Majikku?),[76] un insieme di antichi incantesimi che sono noti per essere andati perduti nel corso della storia a causa del loro enorme potere e dei terribili effetti che generano.[77] A capo del gruppo vi è Urrutia Milkovich, accompagnata dalla figliastra Merody. I restanti membri del gruppo sono: Zancrow (ザンクロウ Zankurō?), uno spietato god slayer che fa utilizzo delle divine fiamme nere[78] ed è doppiato da Tetsu Shiratori e Daniele Giuliani; Caprico (カプリコ Kapuriko?), una fusione dello spirito stellare Capricorn con il mago umano Zoldio (ゾルディオ Zorudio?) che comanda gli esseri umani schiavi[79], doppiato da Shota Yamamoto e Sergio Lucchetti; Rustyrose (ラスティローズ Rasutirōzu?, o anche "Rusty Rose"), mago capace di materializzare tutto ciò che desidera con la propria immaginazione[80] ed è doppiato da Kazuma Horie e Simone Veltroni; Kain Hikaru (華院=ヒカル Kain Hikaru?), un wrestler di sumo che pratica l'arte del vudù ushi no koku mairi,[81] doppiato da Ryou Sugisaki e Stefano Billi; Azuma (アズマ?), utilizzante una magia che gli consente di accumulare il potere della terra e di prendere il controllo degli alberi[82] e doppiato da Hiroshi Shirokuma (giapponese), Davide Capone (italiano, eps. 111-115) e Federico Zanandrea (italiano, eps. restanti). Altri membri della gilda sono Kawazu (カワズ Kawazu?), un gallo antropomorfico spara uova dalla sua bocca doppiato da Yuichi Iguchi e Dario Oppido, e Yomazu (ヨマズ Yomazu?), un samurai dall'aspetto di capra umanoide che esegue una variante orientale della magia della scrittura di Levy Mac Garden con una katana[83], doppiato da Daisuke Kageura e Gaetano Lizzio.

Un anno dopo lo scioglimento di Tartaros, Blue Note Stinger è a capo della gilda Orochi's Fin (蛇鬼の鰭 Orochi no Fin?) e cerca di sabotare il festival del ringraziamento organizzato da Lamia Scale, ma senza successo.

Mashima ha rivelato che il nome di Kain Hikaru è condiviso con quello di uno dei soprannomi dei suoi assistenti, mentre il nome di Rustyrose deriva da quello di un cocktail e quello di Azuma è basato sull'attore televisivo Azuma Mikihisa; si è poi detto "sorpreso" di non ricordare l'origine del nome di Zancrow.[84] Come autore, Mashima ha cercato di spingere per la popolarità di Kain Hikaru tra i lettori più giovani, ma è stato informato del fatto che il personaggio non stato apprezzato in quanto "sfigato".[85]

Tartaros[modifica | modifica wikitesto]

Tartaros (冥府の門, タルタロス Tarutarosu?) è una gilda composta in gran parte da demoni Eterias evocati dai libri scritti da Zeref. E.N.D., il miglior demone creato da Zeref e alter ego di Natsu Dragonil, è falsamente considerato il presunto master della gilda;[7] in realtà la gilda è segretamente guidata da Mard Geer Tartaros (マルド・ギール・タルタロス Marudo Gīru Tarutarosu?), il "Re degli Inferi" (冥王 Meiō?) doppiato da Toshiyuki Morikawa e possessore del libro di E.N.D., con il quale di possono scatenare maledizioni come la produzione di infiniti rovi spinosi e piante morenti[86] e la trasformazione del loro quartier generale volante "Cube" (冥界島, キューブ Kyūbu?) nel mostro Pluto Grim (冥王獣, プルトグリム Puruto Gurimu?).[87] L'obiettivo della gilda è quello di risvegliare l'anima di E.N.D. dal suo libro e sterminare l'umanità mediante l'esplosione di Face, la rete continentale di bombe creata dal Concilio della magia per neutralizzare la magia di Ishgar, pur non avendo alcun effetto sull'abilità dei demoni di utilizzare le stregonerie (呪法 juhō?), una controparte della magia scaturita dalle emozioni negative.[88] Per riuscire nel loro intento e dopo aver attaccato e ucciso tutti i membri dell'attuale Concilio della magia, Tartaros da la caccia agli ex membri del Concilio per scoprire il sistema per risvegliare Face, con l'intento di ucciderli in seguito in maniera da rimanere gli unici a conoscenza di tale metodo. A interrompere i loro piani è però Fairy Tail, che si schiera per difendere quanti più possibili ex membri del concilio dall'attacco nemico. In seguito, la guerra tra le due gilde termina con la vittoria dei protagonisti e Zeref uccide Mard Geer per il suo fallimento seguito alla sconfitta di Tartaros e alla distruzione di Face,[89] mentre i demoni sopravvissuti muoiono insieme a Zeref per via di una misura sviluppata dal mago oscuro.[7]

Al di sotto di Mard Geer sono posti i nove portali demoniaci (九鬼門 Kyūkimon?) capitanati da Kyôka (キョウカ Kyōka?), una demone sadica che rafforza la forza delle persone e incrementa la loro sensibilità al dolore con la propria stregoneria, doppiata da Ai Kayano. Gli altri portali demoniaci sono Jackal (ジャッカル Jakkaru?), capace di far esplodere ogni cosa con cui entra in contatto e che può assumere una forma da licantropo[90], doppiato da Takuma Terashima; Franmalth (フランマルス Furanmarusu?), un ciclope che assorbe le anime degli altri e copia le loro abilità, doppiato da Yutaka Aoyama; Torafuzer (トラフザー Torafuzā?), un demone acquatico capace di inondare le aree a lui circostanti con dell'acqua velenosa e rendere il proprio corpo più duro dell'acciaio[91][92], doppiato da Masaki Terasoma; Ezel (エゼル Ezeru?), che è capace di tagliare ogni cosa con le proprie braccia multipla-spada ed è doppiato da Hiroshi Tsuchida; Seyla (セイラ Seira?), una demone che controlla i corpi delle persone, doppiata da Aki Toyosaki; Keith (キース Kīsu?), uno scheletro negromante che rianima i corpi degli umani ed è doppiato da Jōji Nakata; Tempestar (テンペスター Tenpesutā?), un demone bestiale che pronuncia suoni onomatopeici per invocare disastri naturali, doppiato da Takahiro Mizushima. Silver Fullbuster (シルバー・フルバスター Shirubā Furubasutā?), il padre scomparso di Gray Fullbuster e demon slayer del ghiaccio, è anch'esso presente tra le file dei portali demoniaci dopo esser stato riportato in vita da Keith e che finge di essere Deliora sotto spoglie umane per spingere il figlio a combatterlo e sconfiggerlo; è doppiato da Kenjirō Tsuda. Altro membro della gilda è una demone coniglietta, Lamy (ラミー Ramī?), che gestisce una struttura con cui riporta in vita i membri della gilda deceduti e gli umani scomparsi rendendoli demoni, operazione compiuta su Jiemma e Minerva Orland; la demone è doppiata da Momo Asakura.

Sotto il controllo di Tartaros vi è Succubus Eye (夢魔の眼, サキュバス·アイ Sakyubasu Ai?), della quale ne ha fatto parte temporaneamente Minerva Orland trasformata in demone artificiale, in occasione della battaglia contro Fairy Tail. L'unico altro membro conosciuto è Doriate (ドリアーテ Doriāte?), altro demone artificiale capace di ringiovanire gli altri[93] e doppiato da Taku Yashiro.

Mashima si è ritenuto "molto soddisfatto" della caratterizzazione di Kyôka e che avrebbe perpetrato "crudeltà inenarrabili".[94] Si è poi detto esser rimasto molto sorpreso dalla popolarità ottenuta da Jackal tra i lettori, nonostante sia un "tipo tremendo"; ha poi aggiunto che trova delle difficoltà nello scrivere le battute di Jackal mediante il "bizzarro accento della zona di Osaka".[95] La parte della storia dedicata a Silver e Gray era qualcosa cui Mashima aveva già pensato prima della prima apparizione del mago del ghiaccio, anche se Mashima ha dovuto poi cambiare lo svolgimento ipotizzato avendo notato delle incongruenze con gli archi narrativi precedenti, in modo da mantenere il tutto più possibilmente coerente e credibile.[96]

Avatar[modifica | modifica wikitesto]

Avatar (黒魔術教団, アヴァタール Avatāru?) è un'organizzazione adepta di Zeref, nata in seguito allo scioglimento dell'Alleanza Balam e consideratane l'erede. L'obiettivo di Avatar è quello di sacrificare delle vite mediante un "rituale di purificazione" per attirare Zeref a loro, in modo da farsi guidare da lui per conquistare il mondo. Venuti a conoscenza dell'intenzione degli antagonisti di compiere il rituale nella città di Malva, Gerard ed Elsa decidono di far infiltrare Gray nell'organizzazione. Nonostante l'arrivo di Natsu, Lucy e Wendy alla ricerca dei membri di Fairy Tail dopo lo scioglimento avvenuto in seguito alla sconfitta di Tartaros metta in difficoltà l'infiltrazione di Gray, l'inaspettata riunione di molti membri potenti di Fairy Tail porta alla sconfitta e all'arresto dei nemici, nonché allo scioglimento della loro gilda da parte del Concilio.

Il sacerdote Arlock (アーロック Ārokku?) è il capo di Avatar, capace di generare barriere difensive e di evocare entità da altre dimensioni, ed è doppiato da Takashi Matsuyama. Per riuscire ad eseguire il rituale, Arlock ha stipulato un contratto con uno dei diciotto dei della guerra Ikusa-tsunagi (イクサツナギ Ikusatsunagi?), sacrificando il proprio volto per riuscirci.[97] Altri membri di Avatar sono: Jerome (ジェローム Jerōmu?), spadaccino dotato di un fendente capace di corrodere e polverizzare ciò con cui entra in contatto, doppiato da Yoshiaki Hasegawa; Mary (メアリー Meari?), una maga minuta utilizzante un'arte nera con la quale genera dei virus all'interno dei corpi dei suoi nemici e doppiata da Eri Suzuki; Briar (ブライヤ Buraiya?), una maga capace di generare dei propri cloni rappresentanti ciascuno uno diverso stato d'animo e di scagliare onde d'urto contro i propri nemici, doppiata da Megumi Satō; Gomon (豪門, ゴウモン Gomon?), uomo dal kimono nero con tatuato un kanji che ritiene erroneamente essere quello di Zeref e utilizzante la telecinesi, doppiato da Yūki Sanpei; D-6 (ディー6 D-6?), mago vestito con un'armatura nera e doppiato da Takayuki Nakatsukasa; Abel (アベル Aberu?), mago di bassa statura praticante la stessa arte vudù di Kain Hikaru di Grimoire Heart, ovvero ushi no koku mairi, mediante la quale controlla i corpi degli avversari mediante una bambola ed è doppiato da Misaki Kuno.

Acnologia[modifica | modifica wikitesto]

Doppiato da Kōsuke Toriumi

Acnologia (アクノロギア Akunorogia?) è uno dei principali antagonisti della serie, conosciuto anche come il "Re dei draghi" (竜の王 Ryū no ō?) per aver portato la razza dei draghi vicina all'estinzione nello storico Festival del Re dei draghi (竜王祭 Ryūōsai?) di Earthland.[98] Originariamente un umano dragon slayer che provava risentimento verso i draghi per aver massacrato la sua famiglia e altri innocenti,[99] si trasforma in un drago nero immortale come effetto collaterale della propria magia;[98] nonostante questo, è capace di cambiare la propria forma tra quella umana e quella "dragonificata" a proprio piacimento.[6] Acnologia non possiede alcun tratto da dragon slayer elementare, garantendogli una piena immunità da ogni forma di magia.[100] Sopraffatto dalla sete di sangue e considerandosi invincibile, 400 anni prima degli eventi correnti si è conquistato la fama di portatore di distruzione che ignora ogni forma di vita,[101] parlando soltanto con coloro che riconosce come suoi nemici.[102] Dopo esser giunto ad un passo dal distruggere l'isola Tenro dopo la conclusione della battaglia tra Fairy Tail e Grimoire Heart,[103] e dopo aver perso un braccio sette anni dopo in una battaglia contro Igneel che risulterà mortale per questi,[89] Acnologia partecipa alla guerra tra le forze magiche di Ishgar e l'Impero Alvarez, con l'obiettivo di completare l'estinzione dei draghi uccidendo i dragon slayer ancora vivi.[104] Quando viene attirato da Blue Pegasus e Anna Heartphilia in un "spazio situato nel tempo", una dimensione vuota nella quale si cerca di intrappolarlo per sempre,[13] Acnologia divora la propria via d'uscita e raggiunge un potere simile a quello di un dio; questo fa anche sì che la sua anima umana venga separata dal suo corpo fisico da drago: la prima cattura e imprigiona nella stessa dimensione vuota i dragon slayer per mantenere vivo il proprio potere, mentre il secondo inizia a devastare Earthland.[105] Dopo che Lucy Heartphilia imprigiona il suo corpo utilizzando la magia Fairy Sphere, Natsu Dragonil lo uccide distruggendo la sua anima immobilizzata.[106] Mashima si è pentito di non aver dedicato più tempo ad un maggiore sviluppo del personaggio nel manga, immaginando un'"introspezione più profonda" [per Acnologia], a suo giudizio non adatta da includere dal punto di vista dei protagonisti, per la quale sperava di riuscire a trovare un'opportunità per esplorarla "ad un certo punto".[20]

Impero Alvarez[modifica | modifica wikitesto]

L'Impero Alvarez (アルバレス帝国 Arubaresu Teikoku?) è una potente nazione militare guidata da Zeref e situata nel continente di Alakitasia, ad ovest di Ishgar.[107] Con la forza di 730 gilde contro le 500 di Ishgar,[108] l'obiettivo principale dell'impero è di ottenere con la forza il potere di Mavis Vermillion del Fairy Heart, in modo da poterlo usare contro Acnologia.[109] Sotto il diretto comando di Zeref sono presenti le sue guardie personali, gli Spriggan 12 (スプリガン12 Supurigan Tuerubu?), ciascuno possedenti poteri che superano quelli del più forte membro del Sacro Ordine dei 10 di Ishgar, il dragon slayer degli otto elementi God Serena (ゴッドセレナ Goddo Serena?), il quale sconfigge gli altri maghi sacri per entrare sotto le fila degli spriggan[110] ed è doppiato da Kazuyuki Okitsu. Il membro più anziano e forte dei dodici,[111][112] August (オーガスト Ōgasuto?), è il figlio sconosciuto di Zeref e Mavis che acquisisce istantaneamente ogni incantesimo della tipologia scaturita dal proprio corpo che vede mediante la copia della magia[113] ed è doppiato da Yoshito Yasuhara. Sue controparti in termini di forza sono: Irene Belserion (アイリーン・ベルセリオン Airīn Beruserion?), madre centenaria "dragonificata" di Elsa Scarlett e creatrice della magia dei dragon slayer[114][115] che infonde potere magico dentro qualsiasi oggetto o persona[116], e Larcade Dragonil (ラーケイド・ドラグニル Rākeido Doraguniru?), un Eterias convinto di essere figlio di Zeref[113] e utilizzante una magia che esplora i desideri più ardenti degli umani.[117][118] Gli altri membri sono: Brandish μ (ブランディッシュ・μ Burandisshu Myū?), una giovane donna che altera la dimensione e la massa delle cose[119], doppiata da Manami Numakura; il capo di stato maggiore Invel Yura (インベル・ユラ Inberu Yura?), un mago del ghiaccio che "congela" la mente delle persone per controllare i loro pensieri[120] ed è doppiato da Tomoaki Maeno; la spadaccina DiMaria Yesta (ディマリア・イエスタ Dimaria Iesuta?), il cui Takeover "God Soul" contiene la forma le abilità di fermare il tempo del dio Chronos[121] ed è doppiata da Natsumi Fujiwara; il mago della sabbia Ajeel Raml (アジィール・ラムル Ajiīru Ramuru?), che produce tempeste di sabbia capaci di inghiottire intere città ed è doppiato da Hiromichi Tezuka; l'alchimista robotico Wall Eehto (ワール・イーヒト Wāru Īhito?, da (悪い warui hito?, lett. "persona cattiva")), che costruisce soldati meccanici per esplorare le debolezze altrui ed è doppiato da Yō Kitazawa; il mago dalle sembianze di shinigami Bloodman (ブラッドマン Buraddoman?, anche "Bradman"), che condivide gli stessi poteri dei membri più forti di Tartaros; l'assassino Jacob Lessio (ジェイコブ・レッシオ Jeikobu Resshio?), che utilizza l'invisibilità e la magia spaziale; Neinhart (ナインハルト Nainharuto?), che genera corpi fasulli che sembrano viventi di persone decedute dai ricordi degli altri.

Al comando della spriggan Brandish μ vi sta una squadra composta per lo più da soldati corazzati e armata di navi da guerra. Il membro più di rilevo della squadra è Marin Hollow (マリン·ホーロウ Marin Horou?), un soldato capace di manipolare lo spazio, facendo credere ai propri avversari di potersi muovere molto rapidamente, e di generare spazi propri in cui imprigionare oggetti e persone, doppiato da Tomohiro Yamaguchi. La squadra di Ajeel (アジィール隊 Ajīru Tai?), capitanata dallo spriggan Ajeel Lamur, è composta da soldati dall'aspetto di abitanti dei paesi medio-orientali e armata di una flotta di navi volanti. In caso di assenza di Ajeel, a dirigere il gruppo è il soldato Bakel (バケル Bakeru?), uomo imponente capace di generare onde d'urto dalle proprie braccia. Altro soldato di rilievo della squadra è Kareem (カリーム Karīmu?), uomo capace di utilizzare la magia delle esplosioni. La squadra di Eileen (アイリーン隊 Airin Tai?) è una squadra dell'Impero Alvarez capitanata da Eileen Belserion, una dei Spriggan Twelve. Composta da molti soldati, alla loro guida vi sono due subalterni di Belserion, ovvero delle spade che può rendere umane grazie ad un incantesimo particolare: Juliet Sun (ジュリエット·サン Jurietto San?), una spada bianca che si trasforma in una ragazza capace di creare del muco denso e appiccicoso per incollare qualsiasi cosa; Heine Lunacy (ハイネ·ルナシー Haine Runashii?), una spada nera che si trasforma in una ragazza utilizzante delle bende magiche da scagliare contro i propri avversari.

Mashima ha affermato che gli Spriggan 12 sono gli antagonisti più forti mai apparsi nella serie[122], descrivendo le loro abilità come magia "ingannevole", espediente che gli altri autori generalmente eviterebbero di usare per preservare l'impianto narrativo della storia.[123] Mentre si doveva scegliere il numero dei membri, Mashima ha argomentato la propria scelta di usare dodici membri al posto dei cinque o sei consigliati dal suo editor, anche grazie all'uso di "qualche trucchetto".[122] Ha sviluppato l'aspetto di Jacob ispirandosi ad un attore che "ha apprezzato molto" e si è detto dispiaciuto che il ruolo del personaggio si sia dovuto ridurre molto rispetto a quanto pianificato inizialmente.[123] Mashima ha anche commentato la popolarità dei membri femminili dei 12, in particolare Brandish, mentre considera Jacob il suo spriggan preferito.[124] Il ruolo di Irene come "madre dei dragon slayer" è stato deciso da Mashima "ben prima" del suo debutto, ma non aveva ancora deciso riguardo alla sua relazione con Elsa fino a dopo il primo scontro con Acnologia, il quale ha notato che creava dei buchi nella storia.[125] Dopo la conclusione della serie, Mashima ha rivelato che più di tutti gli mancherà tantissimo disegnare il personaggio di Brandish.[20]

Cinque dei draghi di Giltena[modifica | modifica wikitesto]

I cinque dei draghi (五神竜 Goshinryū?) sono creature dall'enorme potere magiche attive nel continente di Giltena (ギルティナ Girutina?) e antagoniste del manga Fairy Tail 100 Years Quest. Natsu e i suoi compagni di squadra devono sconfiggerli per portare a termine la missione dei cento anni intrapresa un anno al termine della serie originale. Sono denominati "dei" a causa del loro tremendo potere che li rende paragonabili alla forza di Acnologia e se dovessero combattere l'uno contro l'altro distruggerebbero il mondo intero. L'unico drago apparso è Mercuphobia (メルクフォビア Merukufobia?), conosciuto anche come il dio drago dell'acqua (水神竜 Suijinryū?). Venerato dagli abitanti di Elmina del continente di Giltena, ha la capacità di manipolare l'acqua come Lluvia Loxar.

Gilde alleate e rivali[modifica | modifica wikitesto]

Blue Pegasus[modifica | modifica wikitesto]

Blue Pegasus (青い天馬, ブルーペガサス Burū Pegasasu?) è una delle gilde ufficiali di Fiore, composta in gran parte dagli uomini e dalle donne più attraenti.[126] Il master di questa gilda è Bob (ボブ Bobu?), un uomo travestito doppiato da Hiroki Gotō e Sergio Lucchetti.[127] In passato ne ha fatto parte la maga degli spriti stellari Karen Lilica (カレン・リリカ Karen Ririka?), prima proprietaria di Loki e doppiata da Chie Sawaguchi e Chiara Gioncardi, che è stata uccisa in missione da Angel.[128] Blue Pegasus forma un'alleanza con Fairy Tail, inviando in missione come suoi rappresentanti il proprio mago più forte e pecora nera della gilda, Ichiya Vandalay Kotobuki (一夜=ヴァンダレイ=寿 Ichiya-Vandarei-Kotobuki?), un uomo corpulento e brutto doppiato da Shō Hayami e Luigi Ferraro, che utilizza dei profumi magici dagli effetti differenti l'uno dall'altro, come il donare forza e velocità da superuomini.[126][129][130] Al suo seguito vi sono i Trimens (トライメンズ Toraimenzu?), un trio di maghi cui piace gettarsi alla conquista delle donne.[58] Il trio è composto da: Hibiki Lates (ヒビキ・レイティス Hibiki Reitisu?), utilizzante una magia che gli consente di gestire le informazioni come un computer terminale, con la possibilità di archiviarle e di trasferirle telepaticamente agli altri[126][131], e doppiato da Takashi Kondo e Mirko Cannella; Eve Tearm (イヴ・ティルム Ivu Tirumu?), capace di generare bufere di neve[132] e doppiato da Fuyuka Ōura e Tatiana Dessi; Ren Akatsuki (レン・アカツキ?) è un mago abbronzato capace di manipolare l'aria[133] e doppiato da Masaya Matsukaze e Gabriele Lopez. Ichiya e i Trimens partecipano al Gran Palio della Magia con altri due membri della gilda: Jenny Realight (ジェニー・リアライト Jenī Riaraito?), una modella che può cambiare con la magia il proprio abbigliamento ed equipaggiamento[134], doppiata da Kaori Nazuka; Nichiya (ニチヤ?), un Exceed capitano delle guardie di Extalia e controparte di Edolas di Ichiya[135], doppiato da Shō Hayami e Luigi Ferraro.

Quattro Kerberos[modifica | modifica wikitesto]

Quattro Kerberos (四つ首の番犬(クワトロケルベロス) Kuwatoro Keruberosu?) è una gilda riconosciuta dal concilio, creata e guidata dal mago Goldmine (ゴールドマイン Gōrudomain?), apparso per la prima volta in occasione del raduno dei master delle gilde della fazione della luce a Clover[127] e doppiato da Yoshimitsu Shimoyama e da Saverio Indrio. Sette anni dopo l'inizio della narrazione, la gilda partecipa al Gran Palio della Magia, riuscendo a posizionarsi tra le prime 8 migliori. In seguito, aiuta le altre maggiori gilde di Fiore nella difesa del regno da parte dell'attacco dei sette draghi giunti attraverso il portale Eclipse e l'anno seguente coopera con Fairy Tail nella guerra contro l'Impero Alvarez.

Il mago di maggior spicco della gilda è Baccus Groh (バッカス グロウ Bakkasu Gurō?), capace di colpire gli avversari con maggiore potenza quando è ubriaco e abilitato a svolgere missioni di classe S. Baccus è doppiato da Kenjirō Tsuda e Giuliano Bonetto. Altri membri della gilda sono: Rokker (ロッカー Rokkā?), capace di creare un vortice d'aria attorno alle parti del corpo aumentando la potenza d'attacco[135] ed è doppiato da Eiji Miyashita; War Cry (ウォークライ Wōkurai?), che attacca i propri avversari mediante l'uso delle proprie lacrime[136], le quali più sono numerose e più rendono l'attacco potente, ed è doppiato da Yoshimitsu Shimoyama; Jager (イエーガー Iēgā?), capace di utilizzare incantesimi per manipolare le piante[137] ed è doppiato da Eiji Sekiguchi; Nobari (ノバーリ Nobāri?), che prende parte al Gran Palio della Magia[138] ed è doppiato da Masaki Kawanabe; Sems (セムス Semusu?), utilizzante una magia che gli consente di roteare su sé stesso ad alta velocità, colpendo il nemico senza dargli possibilità di difendersi[139].

Lamia Scale[modifica | modifica wikitesto]

Lamia Scale (蛇姫の鱗, ラミアスケイル Ramia Sukeiru?) è una delle gilde legali di Fiore, guidata da un'irascibile vecchietta di nome Ōba Babasama (オーバ・バサーマ Ōba Babasāma?). È famosa nel regno per il suo membro di maggior rilievo, Jura Neekis (ジュラ・ネェキス Jura Neekisu?), componente del Sacro ordine dei dieci capace di trasformare il terreno in durissime colonne rocciose[140] e doppiato da Yutaka Aoyama e Alberto Angrisano. Un trio di disertori della gilda si scontra con i membri protagonisti di Fairy Tail sotto la guida di Leon Bastia per prendersi la vendetta nei confronti del demone Deliora per aver ucciso i loro familiari: Sherry Brendy (シェリー・ブレンディ Sherī Burendi?), una donna ossessionata dall'amore per Leon doppiata da Yuka Iguchi e Fabiola Bittarello/Lidia Perrone, che manipola oggetti ed esseri non umani e possiede un topo femmina gigante chiamato Angelica (アンジェリカ Anjerika?); Yuka Suzuki (ユウカ・スズキ Yūka Suzuki?, anche "Yûka"), un uomo dalle pronunciate sopracciglia che produce onde annullanti la magia dalle proprie mani ed è doppiato da Masaki Kawanabe e Gianluca Crisafi; Toby Horhorta (トビー・オルオルタ Tobī Oruoruta?, o anche "Orrolta"), un uomo piuttosto sciocco e ingenuo e vestito come un cane che può allungare i propri artigli paralizzanti ed è doppiato da Daisuke Kishio e Alessandro Quarta. La gilda si allea in seguito insieme a Fairy Tail per sgominare la gilda oscura Oracion Seis dopo il ritorno dei tre disertori e l'ingresso nella gilda di Leon, che insieme a Jura e Sherry viene inviato per la missione come rappresentanti della propria gilda. In seguito alla disfatta di Tartaros e allo scioglimento di Fairy Tail, entrano temporaneamente a far parte della gilda per un anno Wendy Marvel e Charle.[141]

Leon Bastia[modifica | modifica wikitesto]

Doppiato da Yūki Kaji (giapponese)[142], Leonardo Graziano (italiano)

Leon Bastia (リオン・バスティア Rion Basutia?), traslitterato come "Lyon Vastia" nel manga inglese e "Lyon Bastia" nel doppiaggio inglese dell'anime, è il rivale di Gray Fullbuster e discepolo più anziano di Ur. Controlla la magia della creazione Ice Make come Gray, ma ne usa una variante con la quale produce golem di ghiaccio "viventi" che può comandare a suo piacimento.[143] Inizialmente recita gli incantesimi con una sola mano, permettendogli di generare ghiaccio più rapidamente,[143] ma meno resistente e bilanciato.[144] Leon prova del risentimento nei confronti di Gray, in quanto lo ritiene il responsabile del sacrificio di Ur attuato per sconfiggere il demone Deliora, rovinando così il sogno d'infanzia di riuscire a superare in termini di capacità e potenza la propria maestra.[145] Operando sotto il nome "Reitei" (零帝? "Imperatore sottozero"), Leon porta Deliora sull'isola di Galuna per poterlo rilasciare dai ghiacci in cui è imprigionato, in modo da poterlo sfidare e sconfiggere, così da provare la propria superiorità su Ur.[146] Dopo aver scoperto che della morte di Deliora con la sua liberazione dal ghiaccio[147] e sconfitto da Gray, Leon decide di unirsi a Lamia Scale,[148] divenendone in seguito un membro importante.[149] Inizia a gestire gli incantesimi con due mani usata anche da Ur e Gray, oltre alla loro abitudine di togliersi gli abiti.[126] Sette anni dopo, per ironia della sorte Leon s'innamora a prima vista di Lluvia Lockser, formando così un triangolo amoroso insieme alla maga e al rivale Gray;[150] in seguito accetta i sentimenti della maga dell'acqua per Gray dopo che quest'ultimo viene ucciso nella battaglia contro i draghi usciti dal portale Eclissi e resuscitato da Urrutia Milkovich.[151][152] Riguardo al ruolo iniziale del personaggio, Mashima ha commentato esprimendo la sua gioia nel disegnare Leon di nuovo dopo la sua assenza nella serie.[70]

Sheria Brendy[modifica | modifica wikitesto]

Doppiata da Yuka Iguchi

Sheria Brendy (シェリア・ブレンディ Sheria Burendi?), nome traslitterato come "Sherria Blendy" nella versione inglese del manga e in "Shelia Blendi" nel doppiaggio inglese delll'anime, è la cugina di Sherry che condivide la sua ossessione nei confronti dell'amore e in sentimenti non corrisposti per Leon. È una maga prodigio "god slayer" (滅神魔導士, ゴッドスレイヤー goddo sureiyā?) con abilità che sono superiori a quelle dei dragon slayer; similmente a Wendy Marvell, con la quale stringe amicizia durante il Gran Palio della Magia dopo averla sfidata e della quale diventa compagna di squadra mentre è membro di Lamia Scale, la magia di God Slayer del cielo (天空の滅神魔法 Tenkū no metsujin mahō?) di Sheria produce masse d'aria nere per combattere i nemici e di curare le ferite, incluse le proprie. Un anno dopo la sconfitta di Tartaros, Sheria sacrifica le proprie abilità magiche per sottoporsi all'incantesimo Third Origin di Urrutia Milkovich e sbloccare così temporaneamente il suo pieno potenziale per poter distruggere la forma "anima divina" di DiMaria Yesta. Subito dopo si ritira come maga e inizia gradualmente a riottenere i propri poteri magici, come mostrato nell'epilogo della serie.[17]

Cat Shelter[modifica | modifica wikitesto]

Cat Shelter (化貓の宿(ット・シェルター) Ketto Sherutā?) è una gilda di cui hanno fatto parte la maga Wendy Marvell e l'exceed Charle prima di entrare a Fairy Tail. Al termine della battaglia contro la gilda oscura Oracion Sèis si scopre che in realtà Cat Shelter non è mai esistita, ma è stata soltanto un'illusione creata dal fantasma del creatore del Nirvana per mantenere fede alla parola data a Mist Gun tempo prima, ovvero di accudire Wendy. I membri della gilda scomparvero tutti poco dopo aver rivelato la verità ai membri di Fairy Tail, Lamia Scale e Blue Pegasus. Oltre a Wendy e Charle, l'unico membro conosciuto della gilda è il master Roubaul (ローバウル Rōbauru?), appartenuto 400 anni prima dell'inizio della storia alla tribù Nirvit, il quale ha creato la potente magia Nirvana. Tale magia con il trascorrere del tempo ha reso i Nirvit crudeli, spingendoli a combattere tra di loro e causandone l'estinzione. Roubaul non è riuscito a sopravvivere a tale guerra, ma è rimasto nel mondo dei vivi per far da guardia a Nirvana, attendendo la venuta di un altro individuo capace di distruggerla. Nell'anno X777, Mist Gun giunse casualmente da lui in cerca di aiuto, chiedendogli di curare una piccola bambina di nome Wendy che era in difficoltà. Roubaul si occupò delle cure di Wendy, ma quest'ultima si sentiva triste dato che Mist Gun gli aveva promesso che l'avrebbe portata ad una gilda e non vi era riuscito. Commosso dalla bambina, Roubaul fece credere alla futura maga che fosse giunta seriamente in una gilda e creò attraverso la propria magia illusoria la gilda Cat Shelter. Nell'anno X784, la gilda e Roubaul prendono parte all'alleanza stretta per annientare Oracion Seis, il cui master è intenzionato ad impossessarsi di Nirvana. Wendy e Charle prendono parte alla vittoriosa battaglia, al termine della quale scoprono da Roubaul la verità riguardo alla gilda.

Sabertooth[modifica | modifica wikitesto]

Sabertooth (剣咬の虎, セイバートゥース Seibā Tūsu?, il testo in giapponese si traduce come "Tigri dai denti a sciabola") è una gilda che sostituisce Fairy Tail nella qualifica di più potente attiva nel Regno di Fiore durante i sette anni di assenza dei principali maghi dell'organizzazione protagonista bloccati sull'isola Tenro.[153] Il master della gilda è Jiemma (ジエンマ Jienma?), un grosso uomo che crede ciecamente nella supremazia assoluta, senza ammettere fallimenti che possano ledere il nome di Sabertooth.[154] Jiemma recluta cinque potenti maghi che portano a qualificare la gilda come la più forte di Fiore. I maghi in questione sono: sua figlia Minerva Orland; la squadra dei draghi gemelli (双竜 Sōryū?) formata da Sting Eucliffe e Rogue Cheney, dragon slayer di terza generazione che sono stati cresciuti da draghi e hanno impiantata una lacrima magica dentro di loro;[155] Orga Nanagear (オルガ・ナナギア Oruga Nanagia?),[156] un god slayer che produce scariche elettriche nere simili a quelle di Luxus Dreyar ed è doppiato da Masafumi Kimura; Rufus Lore (ルーファス・ロア Rūfasu Roa?), un uomo che fa uso della magia Memory Make (記憶造形, メモリーメイク Memorī Meiku?, lett. "plasma-memoria") per creare nuovi incantesimi basati sui propri ricordi[157] ed è doppiato da Tsubasa Yonaga. In seguito, durante il Gran Palio della Magia, Sting ha una discussione con il master riguardo ai suoi metodi di mantenimento della gilda, che si conclude con uno scontro tra i due e la dipartita di Jiemma. Dopo la conclusione della competizione, Sting diventa il nuovo master della gilda. In seguito, anche la ex maga di Oracion Seis, Sorano Aguria, entra a far parte di Sabertooth.

Sting Eucliffe[modifica | modifica wikitesto]

Doppiato da Takahiro Sakurai

Sting Eucliffe (スティング・ユークリフ Sutingu Yūkurifu?), chiamato anche Sting "drago bianco" (白竜のスティング Hakuryū no Sutingu?), è un dragon slayer diciannovenne di Sabertooth e parte del duo di draghi gemelli con Rogue Cheney.[153] Utilizza la magia dragon slayer del drago bianco (白の滅竜魔法 Haku no metsuryū mahō?), che gli dona la capacità di produrre attacchi basati sull'uso della luce sacra e di sparare raggi laser bianchi dalla sua bocca. Può utilizzare a proprio piacimento la Dragon Force.[158][159] Ha usato questa magia per uccidere il proprio drago guardiano Weisslogia (バイスロギア Baisurogia?) — doppiato da Hiroki Yasumoto — su suo ordine, per provare a sé stesso di essere un "vero" dragon slayer.[155] Weisslogia appare in seguito con gli altri guardiani dei dragon slayer, spiegando di aver dato falsi ricordi a Sting per potergli fornire esperienza.[160] Per adempiere ad una promessa fatta al suo amico Exceed Lector (レクター Rekutā?), Sting mira a sconfiggere Natsu Dragonil e a provare così a tutti di aver ucciso un vero drago.[159] In qualità di rappresentante della propria gilda al Gran Palio della Magia, provoca Natsu nella speranza di vedere la sua vera forza.[155] Durante il loro combattimento due contro due insieme a Rogue e Gajil Redfox, Sting viene battuto da Natsu e comincia a portare nuovo rispetto verso Fairy Tail,[161] finendo con lo scontrarsi e sconfiggere il master Jiemma e a sostituirlo in seguito in qualità di master di Sabertooth per migliorare l'immagine della gilda.

Rogue Cheney[modifica | modifica wikitesto]

Doppiato da Kenichi Suzumura

Rogue Cheney (ローグ・チェーニ Rōgu Chēni?), conosciuto anche come Rogue "Drago dell'ombra" (影竜のローグ Eiryū no Rōgu?), è un dragon slayer diciannovenne e compagno di squadra di Sting Eucliffe.[153] Le sua magia dragon slayer dell'ombra (影の滅竜魔法 Kage no metsuryū mahō?) gli ha fatto acquistare l'abilità di trasformarsi in una vera e propria ombra intangibile e di sparare ombre dalla propria bocca.[158][161] Come Sting, Rogue è in grado di attivare a proprio piacimento la Dragon Force e possiede anch'egli dei ricordi fasulli riguardo l'uccisione del proprio drago guardiano Skiadram (スキアドラム Sukiadoramu?) — doppiato da Kazuya Ichijo — da parte sua per diventare un "vero" dragon slayer. È sempre accompagnato da Frosch (フロッシュ Furosshu?), un verde Exceed indossante un costume rosa da rana.[153] Prima di entrare a far parte di Sabertooth, Rogue è stato un seguace di Gajil Redfox sotto il nome di Lios (ライオス Raiosu?) durante la precedente appartenenza a Phantom Lord. Rogue decide di combattere contro Gajil per scoprire la ragione per cui il suo mentore è entrato a far parte di Fairy Tail. Nel momento in cui perde contro Gajil al Gran Palio sette anni dopo, riesce a capire ciò che a Sabertooth manca rispetto a Fairy Tail e assiste quindi Sting nel migliorare l'immagine della propria gilda.

Mentre si svolge il torneo, una versione alternativa di Rogue che ha viaggiato attraverso il portale Eclipse da un futuro alternativo giunge nel presente, corrotto dalle proprie ombre dopo che nella sua linea temporale Frosch è stato ucciso da Gray Fullbuster. Il Rogue "del futuro" è capace di combinare la propria magia dell'ombra con quella della luce di Sting, dopo averlo ucciso ed essersi appropriato dei suoi poteri nel futuro.[162] Con l'inganno, consiglia alla principessa Giada E. Fiore di attivare il portale Eclissi per salvare il regno da un'imminente invasione di draghi, sfruttandolo come arma di distruzione,[163] con il vero intento di richiamare quanti più draghi possibile da 400 anni indietro nel tempo per poter combattere e sconfiggere Acnologia, il quale porterà alla rovina il mondo nel futuro. Mentre il Rogue del presente combatte per salvaguardare il Regno della minaccia dei draghi, il Rogue del futuro si scontra con Natsu Dragonil e la battaglia termina con la distruzione del portale Eclissi, dopo che Rogue e i sette draghi riusciti ad accedere al presente fanno ritorno nella propria epoca; prima di svanire e tornare nel futuro, Rogue aiuta Natsu avvertendolo del destino che attende Frosch nel futuro.

Yukino Aguria[modifica | modifica wikitesto]

Doppiata da Fuyuka Ono

Yukino Aguria (ユキノ・アグリア Yukino Aguria?) è una maga degli spiriti stellari di 18 anni. Dopo che sua sorella maggiore Sorano è stata catturata e resa schiava, Yukino decide di migliorare le proprie capacità e di entrare poi a far parte di Sabertooth.[164] Delle cinque chiavi dei portali in suo possesso, Yukino ne ha due d'oro, una delle quali è la tredicesima chiave richiamante Ophiuchus. In seguito ad una sconfitta in duello durante il Gran Palio, viene espulsa dalla propria gilda e costretta a cancellarsi il proprio simbolo magico. Dopo aver stretto amicizia con Lucy e Fairy Tail, decide di entrare a far parte del Sacro ordine di cavalleria dei fiori di ciliegio del Regno di Fiore come partecipante al progetto Eclissi. Dopo la conclusione del Gran Palio della Magia, si ritira dal servizio e viene invitata da Sting a rientrare a far parte di Sabertooth.

Minerva Orland[modifica | modifica wikitesto]

Doppiata da Kikuko Inoue

Figlia di Jiemma, Minerva Orland (ミネルバ・オーランド Mineruba Ōrando?) è il membro più forte di Sabertooth, utilizzante la magia Territory (絶対領土, テリトリー Teritorī?, il nome giapponese si traduce lett. come "Territorio assoluto") che le dona l'abilità di teletrasportare gli oggetti e di attaccare qualunque cosa presente nel suo campo visivo usando la manipolazione dello spazio.[165] È anche in grado di usare le magie Yakuma dei diciotto dei della guerra (ヤクマ十八闘神魔法 Yakuma jūhachi tōjin mahō?), un insieme di incantesimi molto distruttivi.[166] Sin da bambina, Minerva ha sopportato duri allenamenti cui il padre l'ha sottoposta, ereditando così il suo stesso complesso di superiorità.[167] Anni dopo, trova in Elsa Scarlett una temibile rivale al Gran Palio della Magia e perde contro di lei durante l'ultima giornata della competizione. Giurando vendetta nei confronti di Elsa, Minerva lascia Sabertooth e si unisce a Succubus Eye (夢魔の眼, サキュバス・アイ Sakyubasu Ai?), una gilda oscura controllata da Tartaros.[168] La sua forza viene rapidamente riconosciuta da Tartaros, che la recluta e la trasforma in un demone artificiale insieme al padre Jiemma, venendo rinominata Neo-Minerva (ネオミネルバ Neo Mineruba?).[169][170][171] Dopo che Tartaros cade sconfitta per mano di Fairy Tail, Minerva cessa di rimanere sotto la tirannia del padre e di perseguire la rivalità con Elsa. Senza un posto dove tornare, Sting e Rogue la invitano a ritornare a Sabertooth, alla quale la maga fa ritorno nuovamente umana.[167][172]

Crime Sorcière[modifica | modifica wikitesto]

Crime Sorcière (魔女の罪, クリムソルシエール Kurimu Sorushiēru?, dal francese, "Crimine della strega") è una gilda indipendente formatasi durante i sette anni di assenza dei membri principali di Fairy Tail, bloccati sull'isola Tenro. Ha come obiettivi principali l'eliminazione di Zeref, sradicare la sua influenza malvagia e fermare chiunque cerchi di usare il suo potere per scopi malvagi. In un primo momento viene costituita illegalmente, dati i crimini commessi dai suoi membri e dall'evasione del suo fondatore Gerard di prigione, salvo essere accettata ufficiosamente dal Concilio della magia. Inizialmente è composta dai soli tre membri fondatori — Gerard Fernandez, Urrutia Milkovich e Meredy — spinti dalla loro volontà di espiare i loro misfatti passati[173]. Dopo la partenza di Urrutia, la gilda recluta sotto le sue fila i passati seguaci di Brain da Oracion Seis come nuovi membri.[174][172] Nell'epilogo della serie, tutti i membri della gilda ricevono la grazia dalla principessa Giada per il loro contributo apportato nella difesa del Regno dall'invasione dell'impero Alvarez.[17]

Gerard Fernandez[modifica | modifica wikitesto]

Doppiato da: Daisuke Namikawa (giapponese), Emiliano Coltorti (italiano), Davide Perino (italiano, da bambino)

Forzato a lavorare nella Torre del Paradiso come schiavo da un culto di adoratori di Zeref che ambisce a far rivivere il mago oscuro, Gerard Fernandez (ジェラール・フェルナンデス Jerāru Ferunandesu?) stringe amicizia con l'undicenne Elsa Scarlett. Quando Urrutia Milkovich lo manipola rendendolo servitore di Zeref fingendo di essere lo spirito di questi,[46] Gerard cambia atteggiamento con Elsa e prende in mano la costruzione della torre dopo la ribellione e la fuga dei prigionieri.[48] A un certo punto, viene nominato membro del Concilio della magia e diventa anche uno del Sacro ordine dei dieci sotto le spoglie di Sieglein (ジークレイン Jīkurein?), una proiezione psichica di sé stesso.[175][39][176] Usando le tecniche della magia celeste (天体魔法 Tentai Mahō?), Gerard è capace di potenziare la propria velocità a livelli impercettibili e di produrre potenti attacchi energetici simili a vere e proprie meteore.[177] Mascherato da gemello buono di Gerard, "Sieglein" inganna gli altri membri del Concilio e li convince a votare per l'utilizzo del cannone magico Eterion contro la torre, puntando in realtà all'assorbimento dell'enorme potere magico dell'arma per rendere operativa la costruzione.[44] Cerca di sacrificare la vita di Elsa per far reincarnare Zeref, ma uccide il loro amico Shimon schieratosi per difendere la maga e ingaggia un duello contro Natsu Dragonil. Viene sconfitto in seguito dal dragon slayer, dopo che questi mangia parte dell'energia residua dell'Eterion e attiva involontariamente la modalità Dragon Force, e ritenuto morto ucciso dalla distruzione della torre, che collassa per l'enorme potere magico sul punto di esplodere.[178] Viene poi ritrovato vivo da Oracion Seis e fatto risvegliare per servire la gilda oscura, ma soffre di amnesia e rimane sconvolto nel venire a conoscenza di ciò che ha commesso in passato da Elsa.[179] [180] Nonostante combatta insieme a Fairy Tail contro Seis per espiare le proprie colpe, Gerard viene arrestato dal Concilio della magia e imprigionato.[181] Alla fine, riottiene i suoi ricordi e viene poi liberato da Urrutia e Meredy, che lo assistono nella creazione della gilda Crime Sorcière.[173] Riconciliatosi con Elsa in seguito, la maga esprime i propri sentimenti anche se Gerard cerca di sviare l'argomento mentendo, ma mantiene viva la propria volontà di sostenerla. Hiro Mashima ha creato Gerard come un'"auto-parodia" della sua precedente serie Rave Master, modellando l'aspetto del personaggio su quello di Sieg Hart.[182] Dopo aver fatto risvegliare Gerard, Mashima ha rivelato di non sapere quale direzione far prendere al personaggio, esprimendo di aver ipotizzato tre differenti soluzioni per il suo sviluppo.[183]

Urrutia Milkovich[modifica | modifica wikitesto]

Doppiata da: Miyuki Sawashiro (giapponese), Seiro Ogino (giapponese, come Zalty), Ryoko Ono (giapponese, come Zeref), Valeria Vidali (italiano), Davide Marzi (italiano, come Zalty), Emanuela Damasio (italiano, come Zeref), Vittoria Bartolomei (italiano, da bambina)

Durante la sua infanzia, Urrutia Milkovich (ウルティア・ミルコビッチ Urutia Mirukobitchi?, il nome sta per "lacrime di Ur") è stata affidata ad un gruppo di ricercatori magici da sua madre Ur per curarla da una malattia. È stata sottoposta a esperimenti non etici e ha creduto di esser stata abbandonata dalla madre, quando in realtà i ricercatori hanno mentito a Ur dicendole che la figlia era morta per potersela tenere come cavia.[148][184] Portata via da Hades, Urrutia entra in seguito a far parte di Grimoire Heart per modificare la propria magia con il potere di Zeref per viaggiare nel passato e vendicarsi della madre.[185] Successivamente, Urrutia guadagna infamia come capo dei sette fratelli del Purgatorio e adotta Meredy. Come parte del piano di Grimoire Heart, manipola la mente di Gerard Fernandez e lo rende un servo del mago oscuro, fingendo lealtà nei suoi confronti in qualità di membro del Concilio della magia.[148] Sull'isola di Galuna aiuta Leon Bastia sotto le mentite spoglie di Zalty (ザルティ Zaruti?) a compiere il rituale delle lacrime di luna per risvegliare Deliora.

Più tardi, Urrutia e Meredy catturano Zeref sull'isola Tenro e le due cercano si scappare con il mago oscuro.[186] Alla fine, Urrutia realizza la verità riguardo sua madre mentre duella contro Gray Fullbuster, spingendola ad aiutare Fairy Tail a sconfiggere il master Hades e a lasciare Grimoire Heart con Meredy.[184][187][11] Sette anni dopo, quando il Rogue Cheney del futuro usa il portale Eclissi per orchestrare un attacco da parte dei draghi del passato, Urrutia medita di uccidere il Rogue del presente per far scomparire quello del futuro. Tuttavia, decide poi di recitare l'incantesimo del tempo proibito Last Ages (ラストエイジス Rasuto Eijisu?), con il quale riesce a far tornare indietro il tempo di un solo minuto, ma permette ai diversi maghi alleati di prevedere le mosse dei draghi nemici e di evitare la morte certa in un momento critico della battaglia.[188][151] L'incantesimo comporta però una riduzione della vita del suo utilizzatore e Urrutia si ritrova quindi trasformata rapidamente in una donna anziana; lascia quindi la gilda, facendo credere loro di esser stata uccisa nell'attacco dei draghi.[174] Un anno dopo, aiuta i maghi di Mermaid Heel e Lamia Scale nella battaglia contro l'impero Alvarez, generando una proiezione di sé stessa da giovane; aiuta Wendy e Sheria ad affrontare la spriggan DiMaria, sbloccando il potenziale completo della god slayer mediante la tecnica della Third Origin.

Meredy[modifica | modifica wikitesto]

Doppiata da: Saori Gotō[189] (giapponese), Veronica Puccio (italiano)

Adottata e cresciuta da Urrutia Milkovich come sopravvissuta alla distruzione della sua città natale, Meredy (メルディ Merudi?), il cui nome è stato traslitterato come "Meldy" nel doppiaggio inglese dell'anime, diventa una dei sette fratelli del Purgatorio di Grimoire Heart.[190] Utilizza la Lost Magic Magilty Sense (マギルティ=センス Magiruti-Sensu?) per sincronizzare i sensi fisici e le emozioni di due o più persone tra loro,[191][190] e l'incantesimo Magilty Sodom (マギルティ=ソドム Magiruti-Sodomu?) per produrre lame di luce che vanno ad agire direttamente sulla sensazione di dolore dell'obiettivo.[192] Partecipa alla caccia della sua gilda in cerca dei membri di Fairy Tail sull'isola Tenro, rendendo Gray Fullbuster suo obiettivo principale, incolpandolo di aver ferito Urrutia con la morte di Ur.[193] Dopo aver duellato con Lluvia Loxar sino a giungere ad una situazione di stallo, Meredy cerca di suicidarsi per uccidere Gray mediante il suo collegamento sensoriale, ma Lluvia riesce a convincerla a non farlo per il bene di Urrutia.[190] Meredy viene a sapere in seguito del ruolo di Urrutia nella distruzione della sua casa natale dal suo compagno di gilda Zancrow.[194] Dopo aver salvato Urrutia dal tentativo di suicidio, Meredy lascia Grimoire Heart insieme a lei.[11] Sempre insieme a Urrutia, fa evadere di prigione di Gerard e lo segue nelle operazioni di Crime Sorcière. Mashima ha progettato il personaggio di Meredy per essere il più debole dei sette fratelli ed è rimasto sorpreso di come sia diventato "estremamente popolare" tra i lettori più giovani della serie.[85] Ha affermato in seguito che il nome del personaggio "lo ha pensato d'istinto", salvo realizzare a posteriori che è lo stesso nome di un personaggio di un vecchio RPG cui era solito giocare.[84]

Mermaid Heel[modifica | modifica wikitesto]

Mermaid Heel (人魚の踵(マーメイドヒール) Māmeido Hiru?) è una gilda del regno di Fiore composta esclusivamente da maghe. I suoi membri principali prendono parte al Gran Palio della Magia sette anni dopo l'inizio della narrazione, giungendo tra le prime otto finaliste. Terminata la competizione, collabora con le altre gilde del regno nella difesa dall'attacco dei sette draghi giunti dal passato attraverso il portale Eclipse e l'anno seguente assiste Fairy Tail nella difesa del continente di Ishgar dall'invasione dell'Impero Alvarez. Le uniche maghe apparse sono state le partecipanti al Gran Palio: Kagura Mikazuchi, spadaccina e maga più forte della gilda; Miriana, maga dalle sembianze feline amica di Elsa; Beth Vanderwood (ベス·バンダーウッド Besu Bandāuddo?), utilizzante la magia delle verdure con la quale attacca mediante l'uso degli ortaggi ed è doppiata da Rie Murukawa; Arania Web (アラーニャ·ウェブ Aranya Webu?), capace di generare fili di ragnatela da scagliare contro i nemici ed è doppiata da Harumi Sakurai; Risley Law (リズリー·ロー Rizurī Ro?), che fa uso della magia di alterazione gravitazionale, appresa dalla compagna di gilda Kagura, con la quale può anche manipolare il proprio aspetto e rendersi più o meno corpulenta, ed è doppiata da Miki Narahashi.

Kagura Mikazuchi[modifica | modifica wikitesto]

Kagura Mikazuchi (カグラ·ミカヅチ Kagura Mikazuchi?) è la maga più forte della gilda ed è una spadaccina dal carattere serio e calmo, che nutre un odio profondo nei confronti di Gerard Fernandes per aver ucciso suo fratello Shimon, in occasione dell'incidente della Torre del Paradiso. Conosciuta la verità su di lui da Elsa Scarlett in occasione del Gran Palio della Magia, comincia gradualmente a cambiare atteggiamento nei suoi confronti. Kagura è capace di utilizzare la magia di alterazione gravitazionale, che le consente di aumentare o diminuire la forza di gravità in un'area circoscritta, e combatte utilizzando una katana chiamata Archenemy, che sguaina solo contro gli avversari più temibili. Nell'edizione giapponese è doppiata da Saori Hayami.

Miriana[modifica | modifica wikitesto]

Miriana (ミリアーナ Miriana?) è un'amica d'infanzia di Elsa dalle sembianze piuttosto feline. Dal carattere molto allegro, adora i gatti al punto da comportarsi come loro talvolta. Rimasta prigioniera e schiava presso la Torre del Paradiso, in seguito alla sconfitta di Fernandes decide di partire alla scoperta del mondo, finendo poi per unirsi alla gilda Mermaid Heel per poter cercare di soddisfare la propria vendetta nei confronti di Gerard. Al Gran Palio della Magia, viene a conoscenza da Urrutia ed Elsa della verità riguardante Gerard, ovvero che sia stato in realtà manipolato, mettendo così fine al proprio rancore nei suoi confronti. Miriana utilizza la magia delle corde, attraverso la quale è in grado di generare delle corde da scagliare contro i nemici per attaccare oppure per immobilizzarli. È inoltre molto abile nei combattimenti corpo a corpo, durante i quali sfodera le proprie unghie lunghe come arma per ferire l'avversario. È doppiata da Fujii Yukiyo (giapponese), Emanuela Ionica (italiano) e da Daniela Calò (italiano, da bambina).

Miscellanea[modifica | modifica wikitesto]

Concilio della magia[modifica | modifica wikitesto]

Il simbolo del Consiglio della magia

Il Concilio della magia (魔法評議院 Mahō Hyōgiin?), chiamato anche "Consiglio della magia" nell'edizione italiana del manga, è un'organizzazione che amministra le gilde legalmente riconosciute presenti nel continente di Ishgar.[195] Inizialmente capeggiato da Crawford Seam (クロフォード・シーム Kurofōdo Shīmu?), i membri del concilio nutrono poca tolleranza nei confronti delle tattiche tendenti a causare danni di Fairy Tail, nonostante il loro ruolo attivo nel neutralizzare criminali e mostri che minacciano la pace di Ishgar.[175] Tra i membri del concilio figurano Gerard Fernandez e Urrutia Milkovich, due dei più giovani presenti.[175] Altro membro è Yajima (ヤジマ?), amico di lunga data di Makarov Dreyar che cerca di intervenire per difendere Fairy Tail nelle discussioni con gli altri consiglieri.[43] Tra i vari altri partecipanti al consiglio vi sono: Org (オーグ Ōgu?), Michelo (ミケロ Mikero?), Leiji (レイジ Reiji?) e Belno (ベルノ Beruno?). Dopo che Gerard e Urrutia portano alla disgregazione del concilio sfruttandoli per poter utilizzaare il supercannone Eterion per attivare la Torre del Paradiso,[196] il consiglio viene riformato sotto la guida di Gran Doma (グラン・ドマ Guran Doma?) e si adotta un atteggiamento più duro nei confronti delle gilde.[4] Tra i membri del consiglio riformato vi sono Lahar (ラハール Rahāru?),[197] un ufficiale alla guida di una delle unità di custodia dei Cavalieri della Runa,[181] e Mest Gryder, che agisce sotto il ruolo di copertura Doranbalt.[197] Sette anni dopo l'inizio della narrazione, Crawford tradisce il concilio e informa Tartaros dell'esistenza di Face, una rete intercontinentale di bombe sviluppate per cancellare la magia da Fiore in caso di estrema necessità.[198] Tartaros assassina la maggior parte dei membri attuali e passati del consiglio, tre dei quali servono come "chiavi" inconsapevoli per l'attivazione di Face; Crawford viene in seguito ucciso dopo aver sostituito Gerard come ultima chiave necessaria. I seggi vaganti del consiglio vengono in seguito occupati dal Sacro Ordine dei Dieci, dei quali ne fanno parte oltre a Makarov Dreyar, God Serena e Jura Neekis: il mago vampiresco Draculos Hyberion (ドラキュロス・ハイベリオン Dorakyurosu Haiberion?); Wolfheim (ウルフヘイム Urufuheimu?), un uomo di bassa statura capace di trasformarsi in un mostro di grandi dimensioni; Warrod Sequen, ex membro di Fairy Tail capace di manipolare la vegetazione. Durante l'anno in cui Fairy Tail rimane sciolta, Gajil Redfox, Panther Lily e Levy Mac Garden fanno parte del consiglio come ufficiali di custodia.

Spiriti stellari[modifica | modifica wikitesto]

Gli spiriti stellari (星霊 seirei?) sono esseri che hanno siglato un contratto con i maghi degli spiriti stellari per essere richiamati mediante delle chiavi magiche, note come "chiavi dei portali", e combattere per loro o eseguire altri compiti. Sono governati dallo spirito più potente chiamato Re degli spiriti stellari (星霊王 Seireiō?) — doppiato da Norio Wakamoto e Riccardo Niseem Onorato — e ciascuno ha un nome basato su una delle 88 costellazioni moderne. Sono immortali e possiedono vari poteri magici e abilità, ma perdono la propria energia vitale rimanendo troppo a lungo fuori da loro regno d'origine: maggiore è la quantità di tempo, maggiore è il rischio che la permanenza diventi fatale per loro.[199][200]

Numerosi spiriti sono richiamabili utilizzando delle chiavi d'argento acquistabili,[201] tra cui Nicola (ニコラ Nikora?), una razza di spirito "cane" tenuto dai maghi degli spiriti stellari come animaletto domestico;[201] Lucy tiene un Nicola che chiama Plue (プルー Purū?), di aspetto identico all'omonimo personaggio del precedente fumetto di Hiro Mashima, Rave Master, e doppiato da Saori Gotō e Paola Majano. Altri spiriti legati alle chiavi d'argento sono: Horologium (ホロロギウム Hororogiumu?)[195], uno spirito a forma di pendolo che può ospitare temporaneamente al suo interno due persone al massimo per proteggerle o curarle ed è doppiato Masaki Kawanabe e Vladimiro Conti; Lyra (リラ Rira?), una ragazza spirito suonante una lira magica in grado di allietare l'animo delle persone[202] e doppiata da Megumi Nakajima e Georgia Lepore; Crux (クルックス Kurukkusu?), uno spirito anziano con la testa e i baffi a forma di croce, capace di eseguire approfondite ricerche d'informazioni sul mondo magico dando la falsa impressione di essere addormentato mentre la esegue[199] e doppiato da Masafumi Kimura e Corrado Conforti; Caelum (カエルム Kaerumu?), uno spirito rappresentante la costellazione del Bulino, composto da svariate armi da cui può emettere raggi laser e con cui può alterare il proprio aspetto offensivo[203]; Pyxis (ピクシス Pikushisu?), uno spirito a forma di bussola, capace d'indicare la direzione ricercata da colui che lo richiama[204]; Polaris (ポラリス Porarisu?), uno spirito esclusivo della serie animata ricoperto completamente di acciaio lucido rosa capace d'incrementare la propria forza bevendo un liquido particolare[205]; Deneb (デ ネ ブ Denebu?), uno spirito esclusivo dell'anime rappresentante la costellazione del Cigno, capace di scagliare fulmini[205] e doppiato da Taishi Murata.

Ci sono anche dodici chiavi d'oro che richiamano gli spiriti più forti basati sulle costellazioni dello Zodiaco,[201] tra i quali vi è Leo, la vera forma di Loki. Aquarius (アクエリアス Akueriasu?) è una sirena dai modi schietti e alquanto irascibile che utilizza un'urna per rilasciare un'enorme massa d'acqua sul proprio obiettivo[175] ed è doppiata da Eri Kitamura e da Anna Cesareni. Taurus (タウロス Taurosu?) è un minotauro pervertito dotato di una forza incredibile, che maneggia un'enorme ascia a doppia lama da battaglia[201] ed è doppiato da Eiji Sekiguchi e Lucio Saccone. Cancer (キャンサー Kyansā?) è un parrucchiere umanoide con sei chele di granchio fuoriuscenti dalla sua schiena[206], che termina tutte le sue frasi con "gamberetti" (エビ Ebi?) ed è doppiato da Yoshimitsu Shimoyama e Guido Di Naccio. Virgo (バルゴ Barugo?) è una donna masochista vestita da maid che scava rapidamente dei passaggi sottoterra[207] ed è doppiata da Miyuki Sawashiro e Barbara Pitotti. Sagittarius (サジタリウス Sajitariusu?) è un uomo alto indossante un costume da cavallo e possedente superbe abilità da arciere[208], doppiato da Masaki Kawanabe e Gerolamo Alchieri. Aries (アリエス Ariesu?) è una timida e giovane donna con corna da pecora che evoca nuvole di lana da lanciare ai propri avversari[209] ed è doppiata da Sayaka Narita e Giulia Tarquini. Gemini (ジェミニ Jemini?) sono due piccoli spiriti gemelli doppiati da Yukiyo Fujii (Gemi, giapponese) e Kanami Sato (Mini, giapponese) e da Beatrice Margiotti (Gemi, italiano) e Ilaria Giorgino (Mini, italiano) che copiano le sembianze e le abilità degli altri[210] e riescono anche a leggere le loro menti.[132] Scorpio (スコーピオン Sukōpion?) è un uomo dotato di una coda da scorpione a forma di cannone e producente raffiche di sabbia[209], doppiato da Daisuke Kishio e Massimo Aresu. Capricorn (カプリコーン Kapurikōn?) è una capra antropomorfa e combattente di arti marziali vestito come un maggiordomo[187] e doppiato da Takaya Kuroda e Stefano Alessandroni. Pisces (ピスケス Pisukesu?) è una coppia di pesci madre-figlio doppiati rispettivamente da Kanami Sato e Shohei Kajikawa che attacca i propri avversari insieme[211] e ciascuno dei due può assumere una forma umanoide.[212] Libra (ライブラ Raibura?) è una danzatrice del ventre che manipola la gravità usando un paio di bilance[211] ed è doppiata da Saori Gotō. Esiste un altro spirito chiamato Ophiuchus (オフィウクス Ofiukusu?), che assume la forma di un gigantesco serpente meccanico; considerato il "tredicesimo" spirito zodiacale, sorpassa gli altri dodici in potenza[211].

Nell'anime, l'attivazione del portale Eclissi ha influenzato il mondo degli spiriti stellari, modificando l'aspetto e/o il carattere dei suoi abitanti e generandone così delle versioni "eclissate". Al contrario della sua controparte, il re degli spiriti stellari eclissato è assetato di potere, al punto da sconfiggere e voler assimilare gli spiriti stellari dello zodiaco per incrementare la propria potenza.[213] È l'arrivo di alcuni membri di Fairy Tail, di Yukino Aguria e di alcuni membri dell'esercito del Regno di Fiore a risolvere la situazione, riportando gli spiriti al loro stato originale.

Edolas[modifica | modifica wikitesto]

Edolas (エドラス Edorasu?) è un mondo parallelo che esiste in una dimensione differente da quella di Earthland, il mondo in cui è ambientato Fairy Tail. È abitato dalle controparti dei residenti di Earthland, ognuno con una personalità opposta o caratteristiche differenti come l'età o la specie.[214][215] È anche il luogo natale di diversi personaggi della serie, tra cui la controparte di Gerard Fernandez Mystogan e gli exceed, come Happy e Charle. Al contrario di Earthland, la magia è una risorsa limitata a Edolas e non può essere usata come abilità naturale dagli umani, che hanno sviluppato degli strumenti magici funzionanti mediante dei cristalli lacrima;[209] i maghi di Earthland sono similmente capaci di usare la magia su Edolas soltanto dopo aver assunto una pillola speciale creata da Mist Gun per aggirare il problema.[216]

Il regno è governato dal sovrano Faust (ファウスト Fausuto?), padre di Mystogan[217] doppiato da Shinpachi Tsuji e Pierluigi Astore, che rifornisce di magia il proprio mondo usando il portale inter-dimensionale "anima" (アニマ anima?), il quale assorbe il potere magico di Earthland e lo cristallizza in forma di lacrima.[218] Una versione di Fairy Tail esiste anche su Edolas come gilda oscura a causa dell'abolizione delle organizzazioni di maghi per volere di Faust. Tra i vari membri che la compongono vi sono: Natsu Dragion (ナツ・ドラギオン Natsu Doragion?), controparte timida di Natsu Dragonil ed esperto di veicoli della gilda[219], doppiato da Tetsuya Kakihara e Manuel Meli; Lucy Ashley (ルーシィ・アシュレイ Rūshii Ashurei?), versione più "maschile" e aggressiva di Lucy Heartphilia, doppiata da Aya Hirano e Chiara Oliviero; Gray Surge (グレイ・ソルージュ Gurei Sorūju?), una versione più vestita di Gray Fullbuster che nutre sentimenti non corrisposti nei confronti della controparte di Lluvia Lockser; infine, vi è una versione adolescente di Wendy Marvel.[214] Sono cacciati dalla guardia reale di Edolas, che vede tra le sue fila Panther Lily, comandante della prima divisione; a capo della seconda divisione vi è Elsa Nightwalker (エルザ・ナイトウォーカー Eruza Naitowōkā?), controparte spietata di Elsa Scarlett doppiata da Sayaka Ōhara e Eleonora Reti che maneggia una lancia capace di cambiare aspetto e ispirata alla spada Ten Commandments tenuta da Haru Glory in Rave - The Groove Adventure;[216] nella terza divisione vi è Hughes (ヒューズ Hyūzu?), che controlla le attrazioni del luna park al chiuso di Faust con un bastone[220] ed è doppiato da Eji Miyashita e Alex Polidori; a capo della quarta divisione vi è infine Sugar Boy (シュガーボーイ Shugā Bōi?), doppiato da Yoshimitsu Shimoyama e Fabrizio De Flaviis e maneggiante una spada che può trasformare ogni cosa in un liquido.[220] A capo della guardia reale vi è Byro (バイロ Bairo?), doppiato da Takashi Matsuyama e Ambrogio Colombo, che combatte utilizzando diverse pozioni magiche[221] ed è affiancato Coco (ココ Koko?), messaggera del regno e vice di Byro[222] doppiata da Rie Murakawa e Monica Volpe. Dopo che i maghi di Earthland impediscono a Faust di sterminare gli Exceed usando una lacrima gigante formata dall'energia degli abitanti di Magnolia e si scontrano contro il mecha a forma di drago Dorma Anim (ドロマ・アニム Doroma Animu?) guidato dal re,[217] Mist Gun ripristina la città invertendo l'effetto di Anima e restituendo ad Earthland la magia rubata, rimuovendola invece del tutto e in maniera definitiva da Edolas.[223]

Exceed[modifica | modifica wikitesto]

Gli Exceed (エクシード Ekushīdo?) sono una razza di gatti antropomorfi originari di Edolas e guidati dalla chiaroveggente regina Shagotte (シャゴット Shagotto?), doppiata da Yui Horie e Giò Giò Rapattoni. Risiedenti su un'isola volante chiamata Extalia (エクスタリア Ekusutaria?), sono i soli abitanti di Edolas a possedere la magia come abilità naturale, che usano per crearsi delle ali e quindi volare mediante l'uso dell'incantesimo Aera. Per questa ragione, sono visti come degli angeli da parte degli umani di Edolas, con Shagotte considerata una dea che giudica gli umani.[215] La maggior parte della popolazione degli Exceed prova sdegno nei confronti degli umani, cacciando via qualunque abitante che simpatizza per loro o ignora gli ordini della regina.[224] Nonostante questo, in realtà sono una razza debole con una storia fatta di abusi da parte degli umani alle spalle e la "divinità" che li governa è uno stratagemma pensato dalla corte di Shagotte per proteggere gli abitanti di Extalia.[225] Prima di nascere, le uova di Happy and Charle sono state inviate su Earthland insieme ad altre 98 con l'obiettivo di cacciare e uccidere i dragon slayer,[215] salvo poi rivelarsi una finta missione di copertura per permettere l'evacuazione da Extalia dei più piccoli avendo la regina previsto la fine dell'isola con la scomparsa della magia da Edolas.[223] L'intera razza degli Exceed viene trasportata su Earthland dopo che Mist Gun inverte il potere di anima e, compresi i propri errori nel giudicare gli umani, decidono di vivere in armonia con loro mettendosi alla ricerca dei piccoli Exceed inviati in passato.[226][223]

A elaborare il piano di mantenere viva la percezione di Shagotte come dea è stato il gruppo dei quattro anziani di Extalia, composto da Muganto (ムガント?), Misdroy (ミスデロイ Misuderoi?), Mejeer (メジール Mejīru?) e Martam (マルタム Marutamu?). Al di sotto della regina vi stanno poi il capo della guardia reale Nichiya e il ministro di stato Nadi (ナディ?), un Exceed nero con l'abitudine di continuare a muovere il proprio braccio destro senza mai fermarsi e doppiato da Kazuma Horie e Valerio Sacco. Tra i vari abitanti di Extalia figurano anche i genitori di Happy, Lucky (ラッキー Rakki?) e Marl (マール Maru?), doppiati rispettivamente da Tomokazu Seki e Stefano Santerini e da Ayako Kawasumi e Sabrina Duranti, i quali hanno deciso di vivere in un'isoletta sottostante Extalia dopo che viene sottratto loro l'uovo del figlio, iniziando così a dubitare delle azioni della regina.

Zentopia[modifica | modifica wikitesto]

Zentopia è un'organizzazione religiosa attiva nel Regno di Fiore e presente esclusivamente della serie anime. Alla sua guida vi sta l'Arcivescovo (大司教 Daishikyō?), un uomo gentile ben disposto a far del bene per il prossimo, doppiato da Masafumi Kimura e Maurizio Reti. In passato un cardinale di Zentopia, Will Neville (ウィル·ネビル Uiru Nebiru?), condusse ricerche sull'orologio infinito e scrisse il libro "La chiave del cielo stellato", tramandando ai propri seguaci la magia degli spiriti stellari e a loro insaputa lanciò ad essi una magia basata sul collegamento organico, con la quale avrebbero potuto controllare l'orologio. Attratto dal potere dell'orologio infinito, nel presente il cardinale Lapointe (ラポワント Rapowanto?) — doppiato da Tetsu Inada e da Massimo De Ambrosis — coopera in segreto con la gilda oscura Oracion Seis, facendo liberare tutti i membri ad eccezione del master Brain dalla prigione. Sfruttando la propria carica, fa recuperare con l'inganno alla Legion i pezzi dell'orologio infinito e catturare Lucy Heartphilia, rivelandosi poi in seguito essere una bambola manovrata da Midnight. Mediante la telecinesi, controlla inoltre l'arcivescovo per avere pieno potere sull'organizzazione. Sconfitti gli Oracion Seis e distrutto l'orologio infinito salvando Lucy, l'arcivescovo di Zentopia dichiara che l'organizzazione intraprenderà un cammino per rimediare agli errori e rendersi migliore di quanto non lo sia stata.

La Legion[modifica | modifica wikitesto]

La Legion è un gruppo di maghi-guerrieri al servizio della chiesa di Zentopia, esclusiva della serie animata. Il loro scopo è quello di proteggere l'orologio infinito e di sconfiggere tutti coloro che vengono considerati dei peccatori. La missione si rivela in seguito tuttavia essere un inganno ordito dal cardinale Lapointe e dagli Oracion Seis per impossessarsi dell'orologio infinito e sfruttarne le capacità. Scoperta la verità, la Legion coopera con Fairy Tail per sconfiggere i nemici e distruggere l'orologio infinito. Alcuni membri di questa organizzazione sono la controparte di un abitante del mondo parallelo di Edolas apparso nel fumetto originale e nella serie animata durante l'arco narrativo dedicato.

A capo di tale organizzazione vi è Byro Cracy (バイロ·クラシー Bairo Kurashi?), un uomo alquanto impassibile capace di annullare le magie dei propri avversari, doppiato da Takashi Matsuyama e Ambrogio Colombo. Altri membri sono: Sugarboy (シュガ-ボ-イ Shugābōi?), controparte del Sugarboy di Edolas, nonché uomo portante un ciuffo lungo alla Elvis Presley e abiti dallo stile tipico degli anni settanta che fa uso di una magia che gli consente di manipolare il muco rilasciato dal proprio corpo ed è doppiato da Yoshimitsu Shimoyama e Fabrizio De Flaviis; Mary Hughes (マリーヒューズ Mari Hyūzu?), una donna rappresentante la versione di Earthland di Hughes che utilizza una bacchetta per esercitare una magia che controlla i suoi avversari, manipolandone i movimenti, ed è doppiata da Shiori Izawa e Mattea Serpelloni; Coco (ココ Koko?), ragazza dal carattere deciso e grintoso, controparte della Coco di Edolas, che è in grado correre molto velocemente al punto da poter scalare senza problemi le pareti ed è doppiata da Rie Murakawa e Monica Volpe; Dan Straight (ダン·ストレイト Dan Sutoreito?), giovane indossante un'armatura capace di assorbire gli attacchi avversari e utilizzante una lancia con cui può modificare la dimensione delle cose, doppiato da Yasuyuki Kase e Gabriele Patriarca; Samuel (サミュエル Samyueru?), Exceed azzurro chiaro che porta sempre con sé un libro per effettuare i calcoli, dotato di ottima forza fisica come Phanter Lily e di grandi capacità strategiche e intellettive, riuscendo anche a prevedere i movimenti degli avversari, e doppiato da Yūya Uchida e Stefano Onofri; Guttman Kubrick (ガットマン·キューブリック Gattoman Kyūburikku?), strana creatura verde che sostituisce temporaneamente Coco su ordine di Lapointe, soprannominato Guttman il pulitore (掃除人のガットマン Sōjinin no Gattoman?) e doppiato da Takashi Matsuyama e Graziano Galoforo.

Regno di Fiore[modifica | modifica wikitesto]

Il Regno di Fiore (フィオーレ王国 Fiōre Ōkoku?) è una nazione situata nel continente di Ishgar che funge da ambientazione principale delle vicende di Fairy Tail. Il suo sovrano è Toma E. Fiore (トーマ・E・フィオーレ Tōma Ī Fiōre?), doppiato da Keiji Fujiwara e che in incognito veste i panni di "Mato" (マトーくん Matō-kun?), la zucca mascotte del Gran Palio della Magia[162], torneo che si svolge ogni anno nella capitale del regno, Crocus. La principessa Giada E. Fiore (ヒスイ・E・フィオーレ Hisui Ī Fiōre?, hisui (翡翠) significa giada), figlia di Toma e doppiata da Suzuko Mimori, organizza il riservato "Piano Eclissi" per viaggiare indietro nel tempo mediante l'utilizzo del portale Eclissi creato da Zeref e ucciderlo nel passato quando non era ancora immortale.[227] A partecipare al piano di Giada sono Arcadios (アルカディオス Arukadiosu?), capitano del Sacro ordine di cavalleria dei fiori di ciliegio che pubblicamente finge di essere la vera mente del piano per proteggere la principessa, e il ministro della difesa Darton (ダートン Dāton?), il quale si oppone al piano in un primo momento per le ramificazioni che si sarebbero potute generare sulla linea del tempo. Arcadios è doppiato da Takaya Kuroda, mentre Darton da Yoshihisa Kawahara.

Al servizio del regno vi è inoltre l'Ordine dei lupi affamati (餓狼騎士団 Garō Kishidan?), un'unità indipendente incaricata di giustiziare i prigionieri nel labirinto sotterraneo del palazzo reale Mercurius, situato a Crocus. Sono capitanati da Kama (カマ?), un uomo dal volto coperto da una maschera di ferro che combatte maneggiando due falci[212] ed è doppiato da Yūya Uchida. Gli altri membri dell'ordine sono: Cosmos (コスモス Kosumosu?), ragazza attratta dalle cose "bellissime" e padroneggiante una magia che le permette di creare piante carnivore micidiali e in grado di emanare spore per soffocare gli avversari[228], doppiata da Nao Tamura; Kamika (カミカ?), una donna vestita con un kimono violaceo e compagna di squadra di Cosmos, che combatte manipolando la carta e rendendola speciale legandola ad un potere elementare come il fuoco o il ghiaccio ed è doppiata da Eriko Matsui; Uosuke (ウオスケ?), uomo dall'aspetto buffo portante sempre con sé due bandiere, capace di manipolare il terreno attorno a sé attribuendogli proprietà di vario genere, come l'aumento della gravità o la trasformazione in lava e ghiaccio, doppiato da Ayumu Murase; Neppa (ネッパー Neppā?), uomo di grande stazza dall'aspetto tipico di un motociclista e capace di generare dell'acido magico che scioglie qualsiasi cosa, doppiato da Kenta Matsumoto. L'aspetto per Giada e dei membri dell'Ordine dei lupi affamati, capo escluso, sono stati mandati dai lettori come parte di un concorso di character design nel libro Chotto Moorimashita, con l'aspetto di Giada dichiarato vincitore.[229]

Draghi del portale Eclissi[modifica | modifica wikitesto]

In occasione del Gran Palio della Magia tenutosi al termine dei sette anni di assenza dei principali membri di Fairy Tail bloccati sull'isola Tenro, una controparte futura di Rogue Cheney giunge nel presente con l'intento di richiamare quanti più draghi possibili dal passato attraverso l'utilizzo del portale magico temporale Eclissi e comandarli per poter uccidere Acnologia e cambiare il destino del suo futuro. Soltanto sette draghi riescono a passare il cancello, prima che le maghe degli spiriti stellari Lucy Heartphilia e Yukino Aguria riescano a richiuderlo rapidamente una volta scoperti i piani di Rogue, il quale ha ingannato la principessa Giada per convincere le due maghe ad aprirlo con l'intento di sfruttare il portale come arma per sconfiggere un'ondata di draghi che avrebbero attaccato la capitale. I sette draghi fanno ritorno nella loro epoca nel momento in cui il portale Eclissi viene distrutto nel combattimento tra Natsu e Rogue, rendendo quindi impossibile la partenza di Rogue nel futuro e i suoi piani.

Uno dei sette draghi è Atlas Flame (アトラスフレイム Atorasu Fureimu?), conosciuto anche come "Il drago fiammeggiante" (炎竜 Enryū?) e "La fiamma eterna" (永遠の炎 Eien no hono?), il cui corpo è completamente avvolto dalle fiamme. Atlas nutre grande rispetto nei confronti di Igneel e decide di aiutare Natsu nel combattimento con Rogue dopo aver scoperto che il giovane è stato allevato proprio dal Re dei draghi di fuoco. Nel corso dei decenni, è divenuto la principale fonte di vita per il villaggio del sole e in seguito alla sua morte rimane come spirito a proteggere tale luogo. Dopo il Gran Palio, viene congelato da Silver Fullbuster che lo scambia per un demone, salvo poi essere salvato dall'intervento di Natsu che lo scongela. È doppiato da Takashi Matsuyama. Ad assistere Rogue è invece Motherglare (マザーグレア Mazāgurea?), un drago dalle scaglie durissime di adamantine capace di generare uova magiche dalle quali fuoriescono altri draghi metallici più piccoli capaci di sparare raggi laser e doppiato da Yoshimitsu Shimoyama.

Altri draghi che fuoriescono dal portale sono: Scissor Runner (シザーランナー Shiza Ranna?), un drago violaceo con due enormi spine sul muso doppiato da Shūhei Sakaguchi; Zirconis (ジルコニス Jirukonisu?), un drago di color giada che ritiene inferiori gli umani e gli piace gustarsi gli umani — in particolare delle donne — privandoli dei propri abiti per umiliarli, doppiato da Takaya Kuroda; Levia (リヴァイア Rivaia?), drago possedente delle squame di pesce su alcune parti del suo corpo e padroneggiante l'acqua, doppiato da Yoshihisa Kawahara.

Sylph Labyrinth[modifica | modifica wikitesto]

Sylph Labyrinth (風精の迷宮, シルフラビリンス Shirufu Rabirinsu?) è una gilda di cacciatori di tesori, della quale ne hanno fatto parte in passato Warrod Sequen, Yuri Dreyar e Purehito Gaebolg prima di lasciarla per fondare Fairy Tail insieme a Mavis Vermillion. Nel presente, tre membri giungono nel Villaggio del Sole con l'intento di ottenere la fiamma eterna ivi custodita, ma vengono sconfitti dai membri di Fairy Tail. Tali membri, unici conosciuti della gilda, sono: Hiroshi (ヒロシ Hiroshi?), capo del gruppo e abile spadaccino[168], doppiato da Kenta Sasa; Drake (ドレイク Doreiku?), un abile cecchino capace di sparare con il suo fucile in maniera da intercettare i colpi dello spirito stellare Sagittarius[168], doppiato da Taishi Murata; Lala (ララ Rara?), uomo molto imponente che combatte usando un grande martello con grande destrezza[168], doppiato da Shinnosuke Ogami. Nell'anime vengono mostrati tre ulteriori membri della gilda, che ne hanno fatto parte in passato: Hammer (ハンマー Hanma?), combattente con un grande martello e portante una capigliatura afro, doppiato da Shinnosuke Ogami; Sword (ソード Sodo?), abile spadaccino doppiato da Kenta Sasa; Sniper (スナイパー Sunaipā?), notevole cecchino combattente con un fucile doppiato da Taishi Murata.

Altri personaggi[modifica | modifica wikitesto]

Igneel[modifica | modifica wikitesto]

Doppiato da Hidekatsu Shibata (giapponese), Massimiliano Plinio (italiano).

Igneel (イグニール Igunīru?), il re drago di fuoco (炎竜王 Enryūō?), è il drago padre adottivo di Natsu Dragonil. Ha cresciuto Natsu sin dall'infanzia, insegnandogli le proprie lingua e cultura, nonché l'abilità di utilizzare la magia dragon slayer del fuoco.[195] Quando Natsu assiste alla scomparsa di Igneel il 7 luglio X777, inizia a cercare il drago tra una missione e l'altra.[175][42] La sua ricerca gli permette di incontrare altri dragon slayer che hanno subito una perdita analoga del proprio drago guardiano nello stesso giorno. Quattordici anni dopo la sparizione, quando Acnologia giunge sul campo della battaglia tra Fairy Tail e Tartaros, Igneel interviene nello scontro rivelando di esser stato racchiuso mediante una magia dentro il corpo di Natsu per tutto quel tempo,[230] fatto avvenuto anche per gli altri draghi con i rispettivi bambini cresciuti, per il triplice intento di prevenire la loro trasformazioni in draghi come effetto collaterale della magia dei dragon slayer, aspettare il momento giusto per eliminare personalmente Acnologia dopo che i dragon slayer sarebbero divenuti pienamente "vaccinati" dalla "dragonificazione",[89] e prolungare ulteriormente la vita di questi data la perdita delle proprie anime per Acnologia.[160] Tuttavia, Igneel viene brutalmente ucciso da Acnologia e ascende ad un piano superiore dell'esistenza con i suoi compagni draghi per vegliare sull'umanità. Dopo la sua morte, cede inoltre a Natsu Dragonil la modalità speciale "Re del drago di fuoco" della magia dragon slayer.[89][160]

Barone Ebaloo[modifica | modifica wikitesto]

Il Barone Ebaloo (エバルー Ebarū?) è un politico corrotto e signore assoluto della città di Shirotsume, al quale manca completamente il senso della bellezza ed è capace di usare sia la magia della terra che quella per maneggiare le chiavi degli spiriti stellari. Doppiato da Katsui Taira e Roberto Draghetti, in passato chiese allo scrittore Zekua Melon (ゼクア·メロン Zekua Meron?) — doppiato da Shirō Go e Saverio Indrio — di scrivere una biografia su di lui e al suo rifiuto lo rinchiuse per tre anni costringendolo ugualmente a scriverla. Tale manoscritto fu tuttavia realizzato con la magia e può cambiare aspetto diventando un romanzo dedicato al figlio.

Inconsapevole di tutto ciò, nel presente il figlio Kaby Melon (カービィ·メロン Kabi Meron?) — doppiato da Shirō Go e Vittorio De Angelis — dirama una missione poi accettata da Natsu e Lucy per recuperare il libro e distruggerlo. Per proteggere il libro dai maghi di Fairy Tail, Ebaloo ingaggia i Vanish Brothers (バニッシュブラザーズ Banisshu Burazāzu?) una coppia di maghi mercenari della gilda Lupi del Sud (南の狼 Minami no okami?) possedenti un'arma capace di assorbire il fuoco e doppiati da Jun Konno (fratello maggiore) e Daisuke Endō (fratello minore) nell'edizione giapponese e da Davide Marzi (fratello maggiore) e Stefano Billi (fratello minore) in quella italiana. Sconfitto da Lucy, il barone viene arrestato dopo aver cercato senza successo il segreto del libro.

Isola di Galuna[modifica | modifica wikitesto]

L'isola di Galuna (ガルナ島 Garuna tō?) è un luogo al largo delle coste del Regno di Fiore nel quale è situato un villaggio popolato da demoni capaci di assumere a proprio piacimento le sembianze di esseri umani per poter essere più amichevoli con loro dato il loro aspetto estremamente diverso. Il villaggio è governato da Moka (モカ?)[231], doppiato da Yoshimitsu Shimoyama e Franco Mannella. A causa del piano di Leon Bastia per risvegliare Deliora, i demoni iniziano a soffrire gli effetti collaterali dell'incantesimo delle lacrime di luna, portandoli a trasformarsi in esseri umani di giorno e a dimenticarsi del loro reale aspetto, assunto durante la notte e da loro creduto un maleficio della luna. L'arrivo di Natsu, Lucy e Gray sull'isola permette di interrompere i piani di Leon, ma è soltanto l'arrivo di Elsa Scarlett — giunta per recuperare i compagni di gilda giunti sull'isola per risolvere la maledizione senza permesso — a risolvere la situazione, che simula la distruzione della luna con l'intento di distruggere un alone magico che circonda l'isola e "maledice" i demoni. Altri abitanti dell'isola sono: Bobo (ボボ?), figlio dal capo villaggio e primo a recuperare la propria memoria allontanandosi dall'isola, doppiato da Daisuke Endo e Andrea Lavagnino; Lulu (ルル Ruru?) è una giovane dell'isola che stringe per prima amicizia con i maghi di Fairy Tail[231], doppiata da Kanami Sato e Monica Vulcano.

Ur[modifica | modifica wikitesto]

Doppiata da: Miyuki Sawashiro (giapponese), Giulia Franceschetti (italiano).

Ur (ウル Uru?) è la madre di Urrutia Milkovich e la maestra di Gray Fullbuster e Leon Bastia. È una rinomata maga capace di modellare il ghiaccio mediante la magia di creazione Ice Make, i cui poteri sono tali da renderla degna di far parte dei Dieci Maghi Sacri.[148] Prima d'incontrare Gray e Leon, Ur porta la propria figlia malata ancora bambina da un gruppo di ricercatori magici, nella speranza di poterle salvare la vita. Tali ricercatori le comunicano della morte della piccola, quando in realtà è ancora viva e hanno mentito per compiere esperimenti segreti non etici su di lei.[184] Ur prende con sé Leon e Gray come suoi pupilli nel tentativo di andare avanti senza la propria figlia. Quando Gray cerca di uccidere l'Eterias Deliora, Ur sacrifica la propria vita per salvarlo eseguendo l'incantesimo proibito Iced Shell (絶対氷結, アイスドシェル Aisudo Sheru?, i kanji si traducono letteralmente come "Congelamento assoluto"), trasformando così il proprio corpo in un blocco di ghiaccio per intrappolarvici per sempre il demone. Rimane viva in questa forma, finché Leon scioglie il ghiaccio con la magia delle lacrime di luna nel tentativo di risvegliare Deliora per poterlo sconfiggere e dimostrare di essere migliore della propria maestra, finendo con l'ucciderla sciogliendola nel mare come acqua. In seguito, quando Urrutia cade in mare mentre duella contro Gray, il fatto imprime nella mente della maga i ricordi della madre. Realizza quindi la verità riguardo alle menzogne raccontatele dai ricercatori riguardo al fatto che Ur l'abbia abbandonata quand'era ancora bambina.[184]

Jude Heartphilia[modifica | modifica wikitesto]

Doppiato da Banjō Ginga (giapponese), Roberto Draghetti (italiano)

Ricco uomo d'affari e presidente dello stimato gruppo industriale Heartphilia, Jude Heartphilia (ジュード・ハートフィリア Jūdo Hātofiria?) è il padre di Lucy Heartphilia. Come Lucy, il suo nome è basato su una canzone del complesso Beatles — in questo caso "Hey Jude".[232] Dopo la morte della moglie Layla, la relazione di Jude con Lucy inizia a disgregarsi, che s'interrompe poi con la fuga di Lucy da casa.[40] In seguito alla fuga della figlia, recluta la gilda Phantom Lord per farla riportare a casa in modo da poter portare a termine un affare importante. Tuttavia, le sue azioni coinvolgono inavvertitamente Fairy Tail in una guerra tra gilde per proteggerla, portando così Lucy a troncare i rapporti con il padre.[233] Non molto tempo dopo, Jude dichiara bancarotta e perde tutti i propri averi, iniziando quindi a lavorare per una gilda di mercanti e cercando di ricucire i rapporti con Lucy.[234] Muore in seguito nell'ultimo dei sette anni di assenza della figlia bloccata sull'isola Tenro con i propri compagni di gilda, ma dimostra di amare e avere ancora a cuore la salute della propria figlia mandandole ogni anno per il suo compleanno qualche somma di denaro per l'affitto e dei regali.[153]

Layla Heartphilia[modifica | modifica wikitesto]

Doppiata da: Aya Hirano (giapponese), Domitilla D'Amico (italiano).

Layla Heartphilia (レイラ・ハートフィリア Reira Hātofiria?) era la madre di Lucy Heartphilia e moglie di Jude Heartphilia. Di aspetto molto somigliante a quello della figlia e dal carattere gentile e premuroso, era una maga degli spiriti stellari, ai quali teneva molto. Nell'anno X764, a causa della propria salute debole, donò le sue tre chiavi d'oro dello zodiaco a tre dei suoi servi: Aquarius a Grammy, Cancer a Spetto e Capricorn a Zoldeo. Prima di consegnare la chiave di Capricorn, stipulò un ultimo patto con quest'ultimo con il quale sarebbe stato tenuto a proteggere la famiglia Heartphilia. Tempo dopo, una volta appreso il compito tramandatole per decenni dalla propria famiglia e voluto dalla sua antenata Anna Heartphilia e consistente nell'aprire il portale Eclissi, Layla decise di richiamare tutti i maghi degli spiriti stellari in possesso delle chiavi dello zodiaco per poterci riuscire. Tuttavia, non riuscì a contattare Grammy e decise di sostituite il potere di Aquarius con la propria energia vitale. A causa di tale sforzo, le sue condizioni si aggravarono ulteriormente e morì qualche tempo dopo.

Metallicana[modifica | modifica wikitesto]

Doppiato da: Atsushi Imaruoka.

Metallicana (メタリカーナ Metarikāna?), detto anche Il drago di ferro (鉄竜 Tetsuryū?), è il padre adottivo di Gajil Redfox. Dal corpo di un grigio lucente e fatto di ferro e dal carattere alquanto egoista, insegna la magia del dragon slayer del ferro al suo figlio adottivo e decide di inserirsi nel suo corpo per impedire il processo di dragonificazione e consentirgli di uscire allo scoperto insieme a Igneel e agli draghi protettori nel momento più opportuno per proteggere i giovani maghi. In occasione della battaglia contro Tartaros, insieme agli altri draghi esce allo scoperto per distruggere i Face, salvo poi scomparire rivelando che lui e gli altri draghi sono già morti da tempo e sono lì soltanto in forma di anima.

Grandine[modifica | modifica wikitesto]

Doppiata da: Shōko Tsuda (giapponese), Daniela Calò (italiano).

Grandine (グランディーネ Gurandīne?), soprannominata anche "Il drago celeste" (天竜 Tenryu?), è l'unico drago femmina apparso ed è stata la madre adottiva di Wendy Marvel. Dal corpo bianco con alcune piume e dal carattere alquanto schietto, ha insegnato alla piccola maga la magia da dragon slayer dell'aria e si è inserita poi nel suo corpo per impedire il processo di dragonificazione e consentirgli di uscire allo scoperto insieme a Igneel e agli draghi protettori nel momento più opportuno per proteggere i giovani maghi. In occasione della battaglia contro Tartaros, insieme agli altri draghi esce allo scoperto per distruggere i Face, salvo poi scomparire rivelando che leie gli altri draghi sono già morti da tempo e sono lì soltanto in forma di anima.

Zera[modifica | modifica wikitesto]

Zera (ゼーラ Zera?) era la figlia di Jeself, master della gilda Red Lizard. Da bambina Zera indossava una divisa rossa e possedeva dei capelli castani corti che teneva legati con due ciocche dietro e gli pendevano due ciuffi in avanti. Dopo aver vissuto con Mavis sull'isola, la sua illusione cambia mostrando come sarebbe diventata all'età di 13 anni, ovvero, indossava un vestito arancione che terminava con una gonna e degli stivali marroni, e aveva i capelli più lunghi. Ad un certo punto, la madre di Zera morì. Da bambina Zera era molto cattiva con Mavis e si divertiva facendola deridere dagli altri e non sopporta se Mavis la faceva imbarazzare di fronte alle sue amiche. Dopo aver vissuto con Mavis diventa amica di quest'ultima e sviluppa una personalità timida e paurosa del mondo perché stringe una forte amicizia con Mavis al punto da considerarla una sorella. Nell'anno X686 Zera muore sull'Isola Tenrou uccisa dalla gilda Blue Skull a soli 6 anni, tuttavia Mavis inconsciamente crea un'illusione di Zera credendo che ella fosse sopravvissuta. Per sette anni vive sull'isola Tenrou con Mavis. Quando Yuri, Warrod e Purehito giungono sull'isola alla ricerca della Giada di Tenrou, Mavis dopo aver trattenuto Yuri, scopre che la giada è sparita. Mavis convince Zera ad andare con Yuri, Warrod e Purehito alla ricerca della gilda Blue Skull che è in possesso della giada di Tenrou. Dopo aver scoperto la base di Blue Skull vengono attaccati da questi venendo sconfitti. Senza saperlo, incontrano il mago oscuro Zeref che insegna a loro la magia. Zera impara la Magia del Fuoco. Zera insieme a Mavis intrappola il master di Blue Skull Geoffrey e dopo che questi rivela che la giada è pericolosa le due si dirigono da Yuri e Purehito per avvertirli, ma purtroppo Yuri ha toccato la giada e si trasforma nello scheletro del drago blu di Blue Skull. Mavis tenta di fermare Yuri e Zera tenta di convincerla a mollare, ma invano. Dopo aver salvato Yuri, questi si reca da Mavis per rivelargli che Zera è un'illusione e alla fine anche Zera rivela la verità a Mavis e le dice che sarà sempre con lei e chiede a Yuri di proteggerla. Nell'Anno X792 l'illusione di Zera riprende vita, perché Mavis è uscita dalla lachrima che la teneva in vita. Compare di fronte a Gajil e gli chiede aiuto per salvare l'amica. Zera impara la Magia del Fuoco grazie agli insegnamenti di Zeref. Quando la sua illusione riprende vita quando Mavis si libera dalla Lachrima dimostra di saper utilizzare la telepatia riuscendo a parlare con tutti i maghi di Fairy Tail sparsi per Fiore. È doppiata da Kana Hanazawa.

Belserion[modifica | modifica wikitesto]

Belserion (ベルせリオン Beruserion?) soprannominato Il drago saggio (賢竜 Kenryu?) era un possente drago molto famoso vissuto 400 anni prima dell'inizio della narrazione ed era uno dei draghi che accettò di convivere con gli esseri umani. Era un enorme drago dall'aspetto magnifico, possedeva diverse corna sulla testa e due enormi denti che fuoriuscivano dalla bocca che curvavano verso l'alto. Era un drago molto saggio, come suggerisce il soprannome, e amava gli esseri umani e avrebbe fatto di tutto pur di proteggerli. Era fedele alla regina Eileen. Un giorno venne salvato da un antenato di Eileen e giurò di servire la sua famiglia in eterno. Anni dopo Belserion divenne il servitore di Eileen, la regina del Regno di Dragnof. Quando scoppiò la guerra tra i draghi che detestavano gli umani e tra coloro che invece li amavano, Belserion guidò le truppe umane contro i suoi simili tuttavia la guerra volgeva a favore del nemico. Eileen pur di sconfiggere il nemico propose a Belserion di trasferire dentro di lei la magia dei draghi, così facendo nacquero i dragon slayer. Belserion morì in battaglia durante la guerra e Eileen prese il suo nome facendosi chiamare in futuro "Eileen Belserion" per onorarlo.

Anna Heartphilia[modifica | modifica wikitesto]

Anna Heartphilia (アンナ·ハートフィリア Anna Hātofiria?) era una maga degli spiriti stellari vissuta 400 anni prima dell'inizio della narrazione. Era un'antenata di Lucy e di sua madre Layla. Possedeva degli abiti molto simile a quello delle sacerdotesse lasciando scoperto una parte del petto. Possedeva un fisico snello e molto formoso. Portava i capelli con una ciocca legata all'indietro. Di viso assomigliava molto alle sue discendente Lucy e Layla. 400 anni prima Anna progettò un piano con Zeref per mandare nel futuro cinque dragon slayer con all'interno i loro draghi per sconfigge Acnologia. Anna utilizzò il Portale Eclipse per far andare nel futuro i cinque bambini, tuttavia, a sua volta il portale doveva essere aperto da un altro mago degli spiriti stellari nel futuro, così Anna scrisse un diario con sopra inciso il suo piano, che trasmise di generazione in generazione, permettendo così che una sua discendente nel futuro aprisse il portale. Il diario fu letto da Layla, madre di Lucy, così ella aprì il portale permettendo ai bambini di viaggiare nel futuro. Come ha rivelato Acquarius, anche Anna Heartphilia era una Maga degli Spiriti Stellari e stando a quanto rivela Acquarius, è stata la maga degli spiriti stellari più potente che sia mai esistita.

Vari[modifica | modifica wikitesto]

  • Bora (ボラ Bora?) è un mago espulso dalla gilda Titan Nose (タイタンノーズ Taitan Nōzu?) per cattiva condotta, per poi dedicarsi all'attività di trafficante di schiavi, posizionando la propria base strategica nel Paese di Bosco.[175] Presso la città di Harujion cerca di adescare Lucy Heartphilia spacciandosi per lo stregone Salamander di Fairy Tail, ma viene tuttavia sconfitto facilmente da Natsu.[175] È capace di utilizzare la magia del fuoco e di ipnotizzare le donne con lo Charm.[175] Nell'edizione originale è doppiato da Yoshimitsu Shimoyama, mentre in quella italiana da Raffaele Palmieri.
  • Jason (ジェイソン Jeison?) è un reporter della rivista Sorcerer, sempre euforico e in cerca di nuovi scoop sui migliori maghi delle gilde di Fiore. In occasione del Gran Palio della Magia è invitato come ospite e cronista degli scontri magici. Un anno dopo la sconfitta di Tartaros, assume Lucy Heartphilia come assistente reporter. È doppiato da Yūki Ono e da Gabriele Lopez.
  • Daphne (ダフネ Dafune?) è un'antagonista esclusiva dell'anime, dalla personalità eccentrica e indossante un abito bianco da cowboy, capace di occultare luoghi limitati con la magia. In cerca di vendetta contro tutti coloro che ritengono che lei da piccola non abbia visto alcun drago, crea un drago artificiale Dragonoid e stringe un patto con Gray Fullbuster per attirare in trappola Natsu e Wendy e sfruttarli per alimentare la sua creazione, con la quale avrebbe poi cercato di distruggere Magnolia. Viene però tuttavia sconfitta dai maghi di Fairy Tail, riuniti per sconfiggere anche tutti i suoi Dragonoid minori. È doppiata da Yū Kobayashi e da Antonella Baldini.
  • Asuka Connell (アスカ·コネル Asuka Koneru?) è la figlia di Alzack Connell e di Bisca Moulin. È una bambina di 7 anni molto allegra che ama molto stare con i maghi di Fairy Tail ed essi amano giocare con lei. Natsu si diverte molto a giocare con lei. Appare la prima volta sette anni dopo, quando i maghi più forti di Fairy Tail tornano alla gilda dall'Isola Tenrou. È doppiata da Satomi Arai e da Alessia Corona.
  • Twilight Ogre (黄昏の鬼(トワイライトオウガ) Towairaito Ouga?): è una gilda fondata a Magnolia durante i sette anni trascorsi dopo l'incidente avvenuto sull'isola Tenrō. In seguito alla scomparsa dei principali membri di Fairy Tail, è divenuta l'organizzazione magica principale della città e i suoi membri approfittano della debolezza dei membri rimasti di Fairy Tail per estorcere loro dei soldi. In seguito, vengono sconfitti dai membri più forti di Fairy Tail ritornati dall'isola Tenrō. I membri della gilda partecipano successivamente al Gran Palio della Magia, ma senza superare le eliminatorie. Il master della gilda, Banaboster (バナボスタ Banabosuta?) è doppiato da Stefano Santerini (italiano), mentre l'altro membro più importante nella gilda, Thibault (ティーボ Tībo?), è doppiato da Jun Konno (giapponese) e Loris Loddi (italiano).
  • Chapati Lola (チャパティ·ローラ Chapati Rora?) è il presentatore del Gran Palio della magia ed è un uomo dalla testa grande, quadrata e calva, sulla quale indossa un parrucchino sempre diverso ogni giorno. È doppiato da Anri Katsu.
  • Dwarf Gear (土精霊の輪(ドワーフギア) Dowāfu Gia?): è una gilda apparsa durante il Gran Palio della Magia tenutosi nell'anno X792. La squadra rappresentante ha raggiunto i quarti di finale affrontando la gilda Dullahan Head perdendo. Secondo Jason, tale gilda è riuscita ad arrivare ai quarti di finale perché non hanno partecipato gilde potenti come Lamia Scale, Blue Pegasus, Quattro Cerberus, Marmeid Heel e Sabertooth perché Fairy Tail è stata sciolta. L'unico membro apparso è Berrick (ベリック Berikku?), capace di utilizzare la magia del fulmine.
  • Dullahan Head (首無騎士の頭(デュラハンヘッド) Durahan Heddo?): è una gilda apparsa durante il Gran Palio della Magia nell'Anno X792. La squadra rappresentante affronta in semifinale la gilda Dwarf Gear vincendo e in seguito si scontra con la squadra della gilda Skull Million in finale, perdendo la sfida. Secondo Jason, tale gilda è riuscita ad arrivare ai quarti di finale perché non hanno partecipato gilde potenti come Lamia Scale, Blue Pegasus, Quattro Cerberus, Marmeid Heel e Sabertooth perché Fairy Tail è stata sciolta. L'unico membro apparso è il mago Chrisack (クリサーク Kurisāku?), capace di utilizzare la magia del vento.
  • Scarmiglione (毒鬼の牙(スカルミリオーネ) Sukarumiriōne?): è una gilda apparsa durante il Gran Palio della Magia nell'Anno X792. Raggiunse la finale scontrandosi contro la gilda Dullahan Head vincendo i giochi. Secondo Jason, tale gilda è riuscita vincere perché non hanno partecipato gilde potenti come Lamia Scale, Blue Pegasus, Quattro Cerberus, Marmeid Heel e Sabertooth perché Fairy Tail è stata sciolta. Tuttavia tale gilda non è molto forte perché è stata sconfitta con facilità da Natsu.
  • Red Lizard (赤い蜥蜴(レッドリザード) Reddo Rizado?): era una gilda con base sull'Isola Tenro nell'anno X679. La gilda venne attaccata dalla gilda oscura Blue Skull venendo sconfitta e tutti i membri uccisi dalla gilda oscura. L'unico membro conosciuto della gilda è il suo master, Jeself (ジーゼルフ Jīzerufu?), un uomo dalla personalità crudele, nonché padre di Zera, alla quale teneva più di ogni altra cosa al mondo, nonostante il proprio carattere difficile. Per un debito contratto dai genitori di Mavis con lui, la giovane futura fondatrice di Fairy Tail viene assunta da Jeself come sguattera della gilda, dimostrando con lei la sua vera personalità spietata. Morì durante un attacco portato avanti da Blue Skull; proprio durante tale battaglia, dimostra di saper utilizzare la magia del fuoco. Nell'edizione giapponese è doppiato da Makoto Tamura.
  • Grammy (グラミー Gurami?) è la madre di Brandish e una delle servitrici di Layla Heartphilia, la quale le donò la chiave di Acquarius quando decise di smettere di essere una maga degli spiriti stellari. In seguito, decise di viaggiare verso occidente e si trasferì con la figlia in Alakitasia. Tuttavia, la sua assenza e l'impossibilità di poterla contattare, portarono Layla a decidere di usare la prorpia energia vitale per attuare il piano che avrebbe consentito l'apertura del portale Eclissi per far giungere nel presente i cinque dragon slayer provenienti dal passato. Quando venne a sapere che Layla stava per morire, Grammy decide di far ritorno a Ishgar per venirla a trovare. Viene però uccisa da Zoldeo, ritenendola unica responsabile delle condizioni di Layla dovute alla sua assenza.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c d e (EN) Fairy Tail Anime's Voice Cast Listed in Shonen Magazine, Anime News Network, 1º agosto 2009. URL consultato il 14 settembre 2017.
  2. ^ a b c d e Da Rai 4 i doppiatori di Fairy Tail, AnimeClick.it, 2 ottobre 2015. URL consultato il 22 luglio 2017.
  3. ^ (JA) Hiro Mashima (testi e disegni); Fairy Tail, vol. 3, capitolo 21, Kōdansha, 16 marzo 2007, ISBN 978-4-06-363810-3.
  4. ^ a b (JA) Hiro Mashima (testi e disegni); Fairy Tail, vol. 24, capitolo 200, Kōdansha, 17 dicembre 2010, ISBN 978-4-06-384416-0.
  5. ^ a b (JA) Hiro Mashima (testi e disegni); Fairy Tail, vol. 25, capitolo 210, Kōdansha, 17 febbraio 2011, ISBN 978-4-06-384442-9.
  6. ^ a b (JA) Hiro Mashima (testi e disegni); Fairy Tail, vol. 51, capitolo 436, Kōdansha, 17 settembre 2015, ISBN 978-4-06-395489-0.
  7. ^ a b c (JA) Hiro Mashima (testi e disegni); Fairy Tail, vol. 55, capitolo 465, Kōdansha, 17 maggio 2016, ISBN 978-4-06395675-7.
  8. ^ (JA) Hiro Mashima (testi e disegni); Fairy Tail Zero, vol. 1, Kōdansha, 17 novembre 2015, ISBN 978-4-06-395540-8.
  9. ^ a b (JA) Hiro Mashima (testi e disegni); Fairy Tail, vol. 53, capitolo 450, Kōdansha, 15 gennaio 2016, ISBN 978-4-06-395577-4.
  10. ^ (JA) Hiro Mashima (testi e disegni); Fairy Tail, vol. 25, capitolo 209, Kōdansha, 17 febbraio 2011, ISBN 978-4-06-384442-9.
  11. ^ a b c d (JA) Hiro Mashima (testi e disegni); Fairy Tail, vol. 30, capitolo 250, Kōdansha, 16 dicembre 2011, ISBN 978-4-06-384597-6.
  12. ^ (JA) Hiro Mashima (testi e disegni); Fairy Tail, vol. 40, capitolo 340, Kōdansha, 17 ottobre 2013, ISBN 978-4-06-394941-4.
  13. ^ a b (JA) Hiro Mashima (testi e disegni); Fairy Tail, vol. 62, capitolo 530, Kōdansha, 15 settembre 2017, ISBN 978-4-06-510034-9.
  14. ^ (JA) Hiro Mashima (testi e disegni); Fairy Tail, vol. 62, capitolo 532, Kōdansha, 15 settembre 2017, ISBN 978-4-06-510034-9.
  15. ^ (JA) Hiro Mashima (testi e disegni); Fairy Tail, vol. 62, capitolo 536, Kōdansha, 15 settembre 2017, ISBN 978-4-06-510034-9.
  16. ^ (JA) Hiro Mashima (testi e disegni); Fairy Tail, vol. 63, capitolo 537, Kōdansha, 17 novembre 2017, ISBN 978-4-06-510390-6.
  17. ^ a b c (JA) Hiro Mashima (testi e disegni); Fairy Tail, vol. 63, capitolo 545, Kōdansha, 17 novembre 2017, ISBN 978-4-06-510390-6.
  18. ^ (JA) Hiro Mashima (testi e disegni); Fairy Tail, vol. 24, Kōdansha, 17 dicembre 2010, p. 172, ISBN 978-4-06-384416-0.
  19. ^ (JA) Hiro Mashima (testi e disegni); Fairy Tail, vol. 24, Kōdansha, 17 dicembre 2010, p. 167, ISBN 978-4-06-384416-0.
  20. ^ a b c (EN) Rai Kelly, Interview: Hiro Mashima, Anime News Network, 25 ottobre 2017. URL consultato il 3 agosto 2018.
  21. ^ Hiro Mashima (testi e disegni); Fairy Tail, vol. 26, Star Comics, 3 luglio 2012, p. 187, ISBN 978-88-6420-338-6; traduzione in italiano di Gill George De Gregorio.
  22. ^ Filmato audio (JA) Fairy Tail 24, Pony Canyon, 2012.
  23. ^ Antonio Genna, La pagina di EMANUELE RUZZA, su Il mondo del doppiaggio. URL consultato il 5 dicembre 2018.
  24. ^ (JA) Hiro Mashima (testi e disegni); Fairy Tail, vol. 3, capitolo 20, Kōdansha, 16 marzo 2007, ISBN 978-4-06-363810-3.
  25. ^ Manga di Fairy Tail, capitoli 38
  26. ^ Manga di Fairy Tail, volume 2, capitolo 10, pagina 19
  27. ^ Manga di Fairy Tail, capitolo 10
  28. ^ Manga di Fairy Tail, capitolo 12
  29. ^ Anime di Fairy Tail, episodio 140
  30. ^ Anime di Fairy Tail, episodio 144
  31. ^ a b c (JA) Hiro Mashima (testi e disegni); Fairy Tail, vol. 6, capitolo 47, Kōdansha, 14 settembre 2007, ISBN 978-4-06-363890-5.
  32. ^ a b (JA) Hiro Mashima (testi e disegni); Fairy Tail, vol. 7, capitolo 52, Kōdansha, 16 novembre 2007, ISBN 978-4-06-363914-8.
  33. ^ (JA) Hiro Mashima (testi e disegni); Fairy Tail, vol. 7, capitolo 54, Kōdansha, 16 novembre 2007, ISBN 978-4-06-363914-8.
  34. ^ (JA) Hiro Mashima (testi e disegni); Fairy Tail, vol. 8, capitolo 57, Kōdansha, 17 gennaio 2008, ISBN 978-4-06-363940-7.
  35. ^ (JA) Hiro Mashima (testi e disegni); Fairy Tail, vol. 7, capitolo 49, Kōdansha, 16 novembre 2007, ISBN 978-4-06-363914-8.
  36. ^ (JA) Hiro Mashima (testi e disegni); Fairy Tail, vol. 8, capitolo 58, Kōdansha, 17 gennaio 2008, ISBN 978-4-06-363940-7.
  37. ^ (JA) Hiro Mashima (testi e disegni); Fairy Tail, vol. 7, capitolo 55, Kōdansha, 16 novembre 2007, ISBN 978-4-06-363914-8.
  38. ^ (JA) Hiro Mashima (testi e disegni); Fairy Tail, vol. 7, capitolo 53, Kōdansha, 16 novembre 2007, ISBN 978-4-06-363914-8.
  39. ^ a b (JA) Hiro Mashima (testi e disegni); Fairy Tail, vol. 6, capitolo 48, Kōdansha, 14 settembre 2007, ISBN 978-4-06-363890-5.
  40. ^ a b (JA) Hiro Mashima (testi e disegni); Fairy Tail, vol. 7, capitolo 50, Kōdansha, 16 novembre 2007, ISBN 978-4-06-363914-8.
  41. ^ (JA) Hiro Mashima (testi e disegni); Fairy Tail, vol. 8, capitolo 64, Kōdansha, 17 gennaio 2008, ISBN 978-4-06-363940-7.
  42. ^ a b (JA) Hiro Mashima (testi e disegni); Fairy Tail, vol. 9, capitolo 66, Kōdansha, 17 marzo 2008, ISBN 978-4-06-363782-3.
  43. ^ a b (JA) Hiro Mashima (testi e disegni); Fairy Tail, vol. 9, capitolo 69, Kōdansha, 17 marzo 2008, ISBN 978-4-06-363782-3.
  44. ^ a b (JA) Hiro Mashima (testi e disegni); Fairy Tail, vol. 12, capitolo 94, Kōdansha, 17 ottobre 2008, ISBN 978-4-06-384050-6.
  45. ^ (JA) Hiro Mashima (testi e disegni); Fairy Tail, vol. 10, capitolo 81, Kōdansha, 16 maggio 2008, ISBN 978-4-06-363986-5.
  46. ^ a b c d (JA) Hiro Mashima (testi e disegni); Fairy Tail, vol. 13, capitolo 102, Kōdansha, 17 dicembre 2008, ISBN 978-4-06-384075-9.
  47. ^ a b c d (JA) Hiro Mashima (testi e disegni); Fairy Tail, vol. 10, capitolo 76, Kōdansha, 16 maggio 2008, ISBN 978-4-06-363986-5.
  48. ^ a b c (JA) Hiro Mashima (testi e disegni); Fairy Tail, vol. 11, capitolo 83, Kōdansha, 12 agosto 2008, ISBN 978-4-06-384023-0.
  49. ^ (JA) Hiro Mashima (testi e disegni); Fairy Tail, vol. 12, capitolo 97, Kōdansha, 17 ottobre 2008, ISBN 978-4-06-384050-6.
  50. ^ (JA) Hiro Mashima (testi e disegni); Fairy Tail, vol. 33, capitolo 282, Kōdansha, 15 giugno 2012, ISBN 978-4-06-384686-7.
  51. ^ (JA) Hiro Mashima (testi e disegni); Fairy Tail, vol. 11, capitolo 84, Kōdansha, 12 agosto 2008, ISBN 978-4-06-384023-0.
  52. ^ (JA) Hiro Mashima (testi e disegni); Fairy Tail, vol. 11, capitolo 85, Kōdansha, 12 agosto 2008, ISBN 978-4-06-384023-0.
  53. ^ (JA) Hiro Mashima (testi e disegni); Fairy Tail, vol. 11, Kōdansha, 12 agosto 2008, p. 188, ISBN 978-4-06-384023-0.
  54. ^ (EN) Hiro Mashima (testi e disegni); Fairy Tail, vol. 10, capitolo note alla traduzione, Del Rey Manga, marzo 2010, ISBN 978-0-345-51457-8.
  55. ^ (JA) Hiro Mashima (testi e disegni); Fairy Tail, vol. 11, capitolo 91, Kōdansha, 12 agosto 2008, ISBN 978-4-06-384023-0.
  56. ^ (JA) Hiro Mashima (testi e disegni); Fairy Tail, vol. 11, capitolo 86, Kōdansha, 12 agosto 2008, ISBN 978-4-06-384023-0.
  57. ^ (JA) Hiro Mashima (testi e disegni); Fairy Tail, vol. 11, capitolo 88, Kōdansha, 12 agosto 2008, ISBN 978-4-06-384023-0.
  58. ^ a b c (JA) Hiro Mashima (testi e disegni); Fairy Tail, vol. 16, capitolo 131, Kōdansha, 17 luglio 2009, ISBN 978-4-06-384158-9.
  59. ^ (JA) Hiro Mashima (testi e disegni); Fairy Tail, vol. 32, capitolo 267, Kōdansha, 17 aprile 2012, ISBN 978-4-06-384654-6.
  60. ^ a b (JA) Hiro Mashima (testi e disegni); Fairy Tail, vol. 34, capitolo 286, Kōdansha, 17 agosto 2012, ISBN 978-4-06-384719-2.
  61. ^ (JA) Hiro Mashima (testi e disegni); Fairy Tail, vol. 15, capitolo 119, Kōdansha, 15 maggio 2009, ISBN 978-4-06-384075-9.
  62. ^ (JA) Hiro Mashima (testi e disegni); Fairy Tail, vol. 32, capitolo 272, Kōdansha, 17 aprile 2012, ISBN 978-4-06-384654-6.
  63. ^ (JA) Hiro Mashima (testi e disegni); Fairy Tail, vol. 32, capitolo 271, Kōdansha, 17 aprile 2012, ISBN 978-4-06-384654-6.
  64. ^ (JA) Hiro Mashima (testi e disegni); Fairy Tail, vol. 33, capitolo 277, Kōdansha, 15 giugno 2012, ISBN 978-4-06-384686-7.
  65. ^ (JA) Hiro Mashima (testi e disegni); Fairy Tail, vol. 32, capitolo 269, Kōdansha, 17 aprile 2012, ISBN 978-4-06-384654-6.
  66. ^ (JA) Hiro Mashima (testi e disegni); Fairy Tail, vol. 41, capitolo 347, Kōdansha, 17 dicembre 2013, ISBN 978-4-06-394982-7.
  67. ^ (JA) Hiro Mashima (testi e disegni); Fairy Tail, vol. 19, capitolo 154, Kōdansha, 15 gennaio 2010, ISBN 978-4-06-384233-3.
  68. ^ (JA) Hiro Mashima (testi e disegni); Fairy Tail, vol. 43, capitolo 365, Kōdansha, 16 maggio 2014, ISBN 978-4-06-395077-9.
  69. ^ (JA) Hiro Mashima (testi e disegni); Fairy Tail, vol. 43, capitolo 364, Kōdansha, 16 maggio 2014, ISBN 978-4-06-395077-9.
  70. ^ a b (JA) Hiro Mashima (testi e disegni); Fairy Tail, vol. 16, Kōdansha, 17 luglio 2009, p. 185, ISBN 978-4-06-384158-9.
  71. ^ (JA) Hiro Mashima (testi e disegni); Fairy Tail, vol. 19, Kōdansha, 15 gennaio 2010, p. 186, ISBN 978-4-06-384233-3.
  72. ^ (JA) Hiro Mashima (testi e disegni); Fairy Tail, vol. 32, Kōdansha, 17 aprile 2012, p. 191, ISBN 978-4-06-384654-6.
  73. ^ (JA) Hiro Mashima (testi e disegni); Fairy Tail, vol. 26, capitolo 215, Kōdansha, 15 aprile 2011, ISBN 978-4-06-384473-3.
  74. ^ (JA) Hiro Mashima (testi e disegni); Fairy Tail, vol. 26, capitolo 221, Kōdansha, 15 aprile 2011, ISBN 978-4-06-384473-3.
  75. ^ (JA) Hiro Mashima (testi e disegni); Fairy Tail, vol. 25, capitolo 207, Kōdansha, 17 febbraio 2011, ISBN 978-4-06-384442-9.
  76. ^ (JA) Hiro Mashima (testi e disegni); Fairy Tail, vol. 26, capitolo 217, Kōdansha, 15 aprile 2011, ISBN 978-4-06-384473-3.
  77. ^ (JA) Hiro Mashima (testi e disegni); Fairy Tail, vol. 6, capitolo 40, Kōdansha, 14 settembre 2007, ISBN 978-4-06-363890-5.
  78. ^ (JA) Hiro Mashima (testi e disegni); Fairy Tail, vol. 26, capitolo 218, Kōdansha, 15 aprile 2011, ISBN 978-4-06-384473-3.
  79. ^ (JA) Hiro Mashima (testi e disegni); Fairy Tail, vol. 27, capitolo 224, Kōdansha, 17 giugno 2011, ISBN 978-4-06-384473-3.
  80. ^ (JA) Hiro Mashima (testi e disegni); Fairy Tail, vol. 26, capitolo 222, Kōdansha, 15 aprile 2011, ISBN 978-4-06-384473-3.
  81. ^ (JA) Hiro Mashima (testi e disegni); Fairy Tail, vol. 27, capitolo 226, Kōdansha, 17 giugno 2011, ISBN 978-4-06-384473-3.
  82. ^ (JA) Hiro Mashima (testi e disegni); Fairy Tail, vol. 28, capitolo 235, Kōdansha, 17 agosto 2011, ISBN 978-4-06-384533-4.
  83. ^ (JA) Hiro Mashima (testi e disegni); Fairy Tail, vol. 25, capitolo 211, Kōdansha, 17 febbraio 2011, ISBN 978-4-06-384442-9.
  84. ^ a b (JA) Hiro Mashima (testi e disegni); Fairy Tail, vol. 27, Kōdansha, 17 giugno 2011, p. 184, ISBN 978-4-06-384473-3.
  85. ^ a b (JA) Hiro Mashima (testi e disegni); Fairy Tail, vol. 26, Kōdansha, 15 aprile 2011, p. 187, ISBN 978-4-06-384473-3.
  86. ^ (JA) Hiro Mashima (testi e disegni); Fairy Tail, vol. 45, capitolo 385, Kōdansha, 2014.
  87. ^ (JA) Hiro Mashima (testi e disegni); Fairy Tail, vol. 45, capitolo 382, Kōdansha, 2014.
  88. ^ (JA) Hiro Mashima (testi e disegni); Fairy Tail, vol. 48, capitolo 410, Kōdansha, 2015.
  89. ^ a b c d (JA) Hiro Mashima (testi e disegni); Fairy Tail, vol. 49, capitolo 414, Kōdansha, 2015.
  90. ^ (JA) Hiro Mashima (testi e disegni); Fairy Tail, vol. 42, capitolo 360, Kōdansha, 2014.
  91. ^ (JA) Hiro Mashima (testi e disegni); Fairy Tail, vol. 47, capitolo 396, Kōdansha, 2015.
  92. ^ (JA) Hiro Mashima (testi e disegni); Fairy Tail, vol. 47, capitolo 397, Kōdansha, 2015.
  93. ^ (JA) Hiro Mashima (testi e disegni); Fairy Tail, vol. 41, capitolo 348, Kōdansha, 17 dicembre 2013, ISBN 978-4-06-394982-7.
  94. ^ (JA) Hiro Mashima (testi e disegni); Fairy Tail, vol. 42, Kōdansha, 2014, p. 184, ISBN 978-4-06-395009-0.
  95. ^ (JA) Hiro Mashima (testi e disegni); Fairy Tail, vol. 45, Kōdansha, 2014, p. 189, ISBN 978-4-06-395186-8.
  96. ^ (JA) Hiro Mashima (testi e disegni); Fairy Tail, vol. 46, Kōdansha, 2014, p. 177, ISBN 978-4-06-395241-4.
  97. ^ Manga di Fairy Tail, capitolo 433
  98. ^ a b (JA) Hiro Mashima (testi e disegni); Fairy Tail, vol. 36, capitolo 301, Kōdansha, 15 febbraio 2013, ISBN 978-4-06-384810-6.
  99. ^ (JA) Hiro Mashima (testi e disegni); Fairy Tail, vol. 63, capitolo 543, Kōdansha, 17 novembre 2017, ISBN 978-4-06-510390-6.
  100. ^ (JA) Hiro Mashima (testi e disegni); Fairy Tail, vol. 62, capitolo 528, Kōdansha, 15 settembre 2017, ISBN 978-4-06-510034-9.
  101. ^ (JA) Hiro Mashima (testi e disegni); Fairy Tail, vol. 30, capitolo 252, Kōdansha, 16 dicembre 2011, ISBN 978-4-06-384597-6.
  102. ^ (JA) Hiro Mashima (testi e disegni); Fairy Tail, vol. 48, capitolo 405, Kōdansha, 17 marzo 2015, ISBN 978-4-06-395343-5.
  103. ^ (JA) Hiro Mashima (testi e disegni); Fairy Tail, vol. 30, capitolo 253, Kōdansha, 16 dicembre 2011, ISBN 978-4-06-384597-6.
  104. ^ (JA) Hiro Mashima (testi e disegni); Fairy Tail, vol. 55, capitolo 470, Kōdansha, 17 maggio 2016, ISBN 978-4-06-395675-7.
  105. ^ (JA) Hiro Mashima (testi e disegni); Fairy Tail, vol. 63, capitolo 540, Kōdansha, 17 novembre 2017, ISBN 978-4-06-510390-6.
  106. ^ (JA) Hiro Mashima (testi e disegni); Fairy Tail, vol. 63, capitolo 544, Kōdansha, 17 novembre 2017, ISBN 978-4-06-510390-6.
  107. ^ (JA) Hiro Mashima (testi e disegni); Fairy Tail, vol. 52, capitolo 444, Kōdansha, 17 novembre 2015, ISBN 978-4-06-395538-5.
  108. ^ (JA) Hiro Mashima (testi e disegni); Fairy Tail, vol. 52, capitolo 439, Kōdansha, 17 novembre 2015, ISBN 978-4-06-395538-5.
  109. ^ (JA) Hiro Mashima (testi e disegni); Fairy Tail, vol. 52, capitolo 445, Kōdansha, 17 novembre 2015, ISBN 978-4-06-395538-5.
  110. ^ (JA) Hiro Mashima (testi e disegni); Fairy Tail, vol. 52, capitolo 440, Kōdansha, 17 novembre 2015, ISBN 978-4-06-395538-5.
  111. ^ (JA) Hiro Mashima (testi e disegni); Fairy Tail, vol. 53, capitolo 451, Kōdansha, 15 gennaio 2016, ISBN 978-4-06-395577-4.
  112. ^ (JA) Hiro Mashima (testi e disegni); Fairy Tail, vol. 58, capitolo 493, Kōdansha, 17 novembre 2016, ISBN 978-4-06-395804-1.
  113. ^ a b (JA) Hiro Mashima (testi e disegni); Fairy Tail, vol. 61, capitolo 526, Kōdansha, 17 maggio 2017, ISBN 978-4-06-395945-1.
  114. ^ (JA) Hiro Mashima (testi e disegni); Fairy Tail, vol. 60, capitolo 513, Kōdansha, 17 marzo 2017, ISBN 978-4-06-395897-3.
  115. ^ (JA) Hiro Mashima (testi e disegni); Fairy Tail, vol. 60, capitolo 514, Kōdansha, 17 marzo 2017, ISBN 978-4-06-395897-3.
  116. ^ (JA) Hiro Mashima (testi e disegni); Fairy Tail, vol. 57, capitolo 489, Kōdansha, 16 settembre 2016, ISBN 978-4-06-395761-7.
  117. ^ (JA) Hiro Mashima (testi e disegni); Fairy Tail, vol. 59, capitolo 508, Kōdansha, 16 dicembre 2016, ISBN 978-4-06-395831-7.
  118. ^ (JA) Hiro Mashima (testi e disegni); Fairy Tail, vol. 60, capitolo 512, Kōdansha, 17 marzo 2017, ISBN 978-4-06-395897-3.
  119. ^ (JA) Hiro Mashima (testi e disegni); Fairy Tail, vol. 52, capitolo 443, Kōdansha, 17 novembre 2015, ISBN 978-4-06-395538-5.
  120. ^ (JA) Hiro Mashima (testi e disegni); Fairy Tail, vol. 58, capitolo 494, Kōdansha, 17 novembre 2016, ISBN 978-4-06-395804-1.
  121. ^ (JA) Hiro Mashima (testi e disegni); Fairy Tail, vol. 56, capitolo 474, Kōdansha, 15 luglio 2016, ISBN 978-4-06-395675-7.
  122. ^ a b (JA) Hiro Mashima (testi e disegni); Fairy Tail, vol. 52, Kōdansha, 17 novembre 2015, p. 185, ISBN 978-4-06-395538-5.
  123. ^ a b (JA) Hiro Mashima (testi e disegni); Fairy Tail, vol. 56, Kōdansha, 15 luglio 2016, p. 189, ISBN 978-4-06-395675-7.
  124. ^ (JA) Hiro Mashima (testi e disegni); Fairy Tail, vol. 60, Kōdansha, 17 marzo 2017, p. 185, ISBN 978-4-06-395897-3.
  125. ^ (JA) Hiro Mashima (testi e disegni); Fairy Tail, vol. 60, Kōdansha, 17 marzo 2017, p. 188, ISBN 978-4-06-395897-3.
  126. ^ a b c d (JA) Hiro Mashima (testi e disegni); Fairy Tail, vol. 17, capitolo 139, Kōdansha, 17 settembre 2009, ISBN 978-4-06-384185-5.
  127. ^ a b (JA) Hiro Mashima (testi e disegni); Fairy Tail, vol. 3, capitolo 15, Kōdansha, 16 marzo 2007, ISBN 978-4-06-363810-3.
  128. ^ (JA) Hiro Mashima (testi e disegni); Fairy Tail, vol. 9, capitolo 73, Kōdansha, 17 marzo 2008, ISBN 978-4-06-363782-3.
  129. ^ (JA) Hiro Mashima (testi e disegni); Fairy Tail, vol. 20, capitolo 161, Kōdansha, 17 marzo 2010, ISBN 978-4-06-384266-1.
  130. ^ (JA) Hiro Mashima (testi e disegni); Fairy Tail, vol. 33, capitolo 276, Kōdansha, 15 giugno 2012, ISBN 978-4-06-384686-7.
  131. ^ (JA) Hiro Mashima (testi e disegni); Fairy Tail, vol. 17, capitolo 140, Kōdansha, 17 settembre 2009, ISBN 978-4-06-384185-5.
  132. ^ a b (JA) Hiro Mashima (testi e disegni); Fairy Tail, vol. 17, capitolo 143, Kōdansha, 17 settembre 2009, ISBN 978-4-06-384185-5.
  133. ^ (JA) Hiro Mashima (testi e disegni); Fairy Tail, vol. 17, capitolo 142, Kōdansha, 17 settembre 2009, ISBN 978-4-06-384185-5.
  134. ^ (JA) Hiro Mashima (testi e disegni); Fairy Tail, vol. 33, capitolo 279, Kōdansha, 15 giugno 2012, ISBN 978-4-06-384686-7.
  135. ^ a b Manga di Fairy Tail, volume 34, capitolo 293
  136. ^ Manga di Fairy Tail, volume 32, capitolo 273
  137. ^ Manga di Fairy Tail, volume 32, capitolo 270
  138. ^ Manga di Fairy Tail, volume 34, capitolo 284
  139. ^ Manga di Fairy Tail, volume 34, capitolo 286
  140. ^ (JA) Hiro Mashima (testi e disegni); Fairy Tail, vol. 17, capitolo 137, Kōdansha, 17 settembre 2009, ISBN 978-4-06-384185-5.
  141. ^ (JA) Hiro Mashima (testi e disegni); Fairy Tail, vol. 49, capitolo 420, Kōdansha, 15 maggio 2015, ISBN 978-4-06-395406-7.
  142. ^ Filmato audio (JA) Fairy Tail 3 [DVD], Pony Canyon, 2010.
  143. ^ a b (JA) Hiro Mashima (testi e disegni); Fairy Tail, vol. 4, capitolo 30, Kōdansha, 17 maggio 2007, ISBN 978-4-06-363832-5.
  144. ^ (JA) Hiro Mashima (testi e disegni); Fairy Tail, vol. 6, capitolo 41, Kōdansha, 14 settembre 2007, ISBN 978-4-06-363890-5.
  145. ^ (JA) Hiro Mashima (testi e disegni); Fairy Tail, vol. 5, capitolo 38, Kōdansha, 17 luglio 2007, ISBN 978-4-06-363857-8.
  146. ^ (JA) Hiro Mashima (testi e disegni); Fairy Tail, vol. 4, capitolo 29, Kōdansha, 17 maggio 2007, ISBN 978-4-06-363832-5.
  147. ^ (JA) Hiro Mashima (testi e disegni); Fairy Tail, vol. 6, capitolo 43, Kōdansha, 14 settembre 2007, ISBN 978-4-06-363890-5.
  148. ^ a b c d (JA) Hiro Mashima (testi e disegni); Fairy Tail, vol. 6, capitolo 46, Kōdansha, 14 settembre 2007, ISBN 978-4-06-363890-5.
  149. ^ (JA) Hiro Mashima (testi e disegni); Fairy Tail, vol. 16, capitolo 132, Kōdansha, 17 luglio 2009, ISBN 978-4-06-384158-9.
  150. ^ (JA) Hiro Mashima (testi e disegni); Fairy Tail, vol. 30, capitolo 256, Kōdansha, 16 dicembre 2011, ISBN 978-4-06-384597-6.
  151. ^ a b (JA) Hiro Mashima (testi e disegni); Fairy Tail, vol. 39, capitolo 335, Kōdansha, 16 agosto 2013, ISBN 978-4-06-394908-7.
  152. ^ (JA) Hiro Mashima (testi e disegni); Fairy Tail, vol. 40, capitolo 338, Kōdansha, 17 ottobre 2013, ISBN 978-4-06-394941-4.
  153. ^ a b c d e (JA) Hiro Mashima (testi e disegni); Fairy Tail, vol. 31, capitolo 258, Kōdansha, 2012, ISBN 978-4-06-384628-7.
  154. ^ (JA) Hiro Mashima (testi e disegni); Fairy Tail, vol. 33, capitolo 281, Kōdansha, 2012, ISBN 978-4-06-384686-7.
  155. ^ a b c (JA) Hiro Mashima (testi e disegni); Fairy Tail, vol. 31, capitolo 265, Kōdansha, 2012, ISBN 978-4-06-384628-7.
  156. ^ (JA) Hiro Mashima (testi e disegni); Fairy Tail, vol. 32, capitolo 273, Kōdansha, 2012, ISBN 978-4-06-384654-6.
  157. ^ (JA) Hiro Mashima (testi e disegni); Fairy Tail, vol. 32, capitolo 270, Kōdansha, 2012, ISBN 978-4-06-384654-6.
  158. ^ a b (JA) Hiro Mashima (testi e disegni); Fairy Tail, vol. 35, capitolo 294, Kōdansha, 2012, ISBN 978-4-06-384765-9.
  159. ^ a b (JA) Hiro Mashima (testi e disegni); Fairy Tail, vol. 35, capitolo 295, Kōdansha, 2012, ISBN 978-4-06-384765-9.
  160. ^ a b c (JA) Hiro Mashima (testi e disegni); Fairy Tail, vol. 49, capitolo 415, Kōdansha, 2015, ISBN 978-4-06-395406-7.
  161. ^ a b (JA) Hiro Mashima (testi e disegni); Fairy Tail, vol. 35, capitolo 296, Kōdansha, 2012, ISBN 978-4-06-384765-9.
  162. ^ a b (JA) Hiro Mashima (testi e disegni); Fairy Tail, vol. 38, capitolo 325, Kōdansha, 2013, ISBN 978-4-06-384876-2.
  163. ^ (JA) Hiro Mashima (testi e disegni); Fairy Tail, vol. 38, capitolo 323, Kōdansha, 2013, ISBN 978-4-06-384876-2.
  164. ^ (JA) Hiro Mashima (testi e disegni); Fairy Tail, vol. 32, capitolo 268, Kōdansha, 2012, ISBN 978-4-06-384654-6.
  165. ^ (JA) Hiro Mashima (testi e disegni); Fairy Tail, vol. 38, capitolo 321, Kōdansha, 2013, ISBN 978-4-06-384876-2.
  166. ^ (JA) Hiro Mashima (testi e disegni); Fairy Tail, vol. 37, capitolo 312, Kōdansha, 2013, ISBN 978-4-06-384845-8.
  167. ^ a b (JA) Hiro Mashima (testi e disegni); Fairy Tail, vol. 46, capitolo 388, Kōdansha, 2014, ISBN 978-4-06-395241-4.
  168. ^ a b c d (JA) Hiro Mashima (testi e disegni); Fairy Tail, vol. 40, capitolo 343, Kōdansha, 2013, ISBN 978-4-06-394941-4.
  169. ^ (JA) Hiro Mashima (testi e disegni); Fairy Tail, vol. 42, capitolo 354, Kōdansha, 2014, ISBN 978-4-06-395009-0.
  170. ^ (JA) Hiro Mashima (testi e disegni); Fairy Tail, vol. 44, capitolo 370, Kōdansha, 2014, ISBN 978-4-06-395124-0.
  171. ^ (JA) Hiro Mashima (testi e disegni); Fairy Tail, vol. 45, capitolo 379, Kōdansha, 2014, ISBN 978-4-06-395186-8.
  172. ^ a b (JA) Hiro Mashima (testi e disegni); Fairy Tail, vol. 49, capitolo 416, Kōdansha, 2015, ISBN 978-4-06-395406-7.
  173. ^ a b (JA) Hiro Mashima (testi e disegni); Fairy Tail, vol. 31, capitolo 263, Kōdansha, 17 febbraio 2012, ISBN 978-4-06-384628-7.
  174. ^ a b (JA) Hiro Mashima (testi e disegni); Fairy Tail, vol. 40, capitolo 339, Kōdansha, 17 ottobre 2013, ISBN 978-4-06-394941-4.
  175. ^ a b c d e f g h (JA) Hiro Mashima (testi e disegni); Fairy Tail, vol. 1, capitolo 1, Kōdansha, 15 dicembre 2006, ISBN 978-4-06-363771-7.
  176. ^ (JA) Hiro Mashima (testi e disegni); Fairy Tail, vol. 12, capitolo 95, Kōdansha, 17 ottobre 2008, ISBN 978-4-06-384050-6.
  177. ^ (JA) Hiro Mashima (testi e disegni); Fairy Tail, vol. 12, capitolo 96, Kōdansha, 17 ottobre 2008, ISBN 978-4-06-384050-6.
  178. ^ (JA) Hiro Mashima (testi e disegni); Fairy Tail, voll. 12-13, capitoli 97-101, Kōdansha, 2008.
  179. ^ (JA) Hiro Mashima (testi e disegni); Fairy Tail, vol. 17, capitolo 136, Kōdansha, 17 settembre 2009, ISBN 978-4-06-384185-5.
  180. ^ (JA) Hiro Mashima (testi e disegni); Fairy Tail, vol. 18, capitolo 145, Kōdansha, 17 novembre 2009, ISBN 978-4-06-384211-1.
  181. ^ a b (JA) Hiro Mashima (testi e disegni); Fairy Tail, vol. 20, capitolo 162, Kōdansha, 17 marzo 2010, ISBN 978-4-06-384266-1.
  182. ^ Hiro Mashima (testi e disegni); Fairy Tail, vol. 3, Star Comics, maggio 2008, p. 184.
  183. ^ Hiro Mashima (testi e disegni); Fairy Tail, vol. 17, Star Comics, ottobre 2010, p. 187.
  184. ^ a b c d (JA) Hiro Mashima (testi e disegni); Fairy Tail, vol. 29, capitolo 241, Kōdansha, 17 ottobre 2011, ISBN 978-4-06-384563-1.
  185. ^ (JA) Hiro Mashima (testi e disegni); Fairy Tail, vol. 29, capitolo 240, Kōdansha, 17 ottobre 2011, ISBN 978-4-06-384563-1.
  186. ^ (JA) Hiro Mashima (testi e disegni); Fairy Tail, vol. 28, capitolo 239, Kōdansha, 17 agosto 2011, ISBN 978-4-06-384533-4.
  187. ^ a b (JA) Hiro Mashima (testi e disegni); Fairy Tail, vol. 29, capitolo 248, Kōdansha, 17 ottobre 2011, ISBN 978-4-06-384563-1.
  188. ^ (JA) Hiro Mashima (testi e disegni); Fairy Tail, vol. 39, capitolo 333, Kōdansha, 16 agosto 2013, ISBN 978-4-06-394908-7.
  189. ^ Filmato audio (JA) Fairy Tail 26 [DVD], Pony Canyon, 2012.
  190. ^ a b c (JA) Hiro Mashima (testi e disegni); Fairy Tail, vol. 27, capitolo 230, Kōdansha, 17 giugno 2011, ISBN 978-4-06-384502-0.
  191. ^ (JA) Hiro Mashima (testi e disegni); Fairy Tail, vol. 27, capitolo 229, Kōdansha, 17 giugno 2011, ISBN 978-4-06-384502-0.
  192. ^ (JA) Hiro Mashima (testi e disegni); Fairy Tail, vol. 27, capitolo 225, Kōdansha, 17 giugno 2011, ISBN 978-4-06-384502-0.
  193. ^ (JA) Hiro Mashima (testi e disegni); Fairy Tail, vol. 27, capitolo 228, Kōdansha, 17 giugno 2011, ISBN 978-4-06-384502-0.
  194. ^ (JA) Hiro Mashima (testi e disegni); Fairy Tail, vol. 29, capitolo 242, Kōdansha, 17 ottobre 2011, ISBN 978-4-06-384563-1.
  195. ^ a b c (JA) Hiro Mashima (testi e disegni); Fairy Tail, vol. 1, capitolo 2, Kōdansha, 15 dicembre 2006, ISBN 978-4-06-363771-7.
  196. ^ (JA) Hiro Mashima (testi e disegni); Fairy Tail, vol. 10, capitolo 79, Kōdansha, 16 maggio 2008, ISBN 978-4-06-363986-5.
  197. ^ a b (JA) Hiro Mashima (testi e disegni); Fairy Tail, vol. 27, capitolo 223, Kōdansha, 17 giugno 2011, ISBN 978-4-06-384502-0.
  198. ^ (JA) Hiro Mashima (testi e disegni); Fairy Tail, vol. 43, capitolo 363, Kōdansha, 16 maggio 2014, ISBN 978-4-06-395077-9.
  199. ^ a b (JA) Hiro Mashima (testi e disegni); Fairy Tail, vol. 9, capitolo 72, Kōdansha, 17 marzo 2008, ISBN 978-4-06-363782-3.
  200. ^ (JA) Hiro Mashima (testi e disegni); Fairy Tail, vol. 9, capitolo 74, Kōdansha, 17 marzo 2008, ISBN 978-4-06-363782-3.
  201. ^ a b c d (JA) Hiro Mashima (testi e disegni); Fairy Tail, vol. 1, capitolo 4, Kōdansha, 15 dicembre 2006, ISBN 978-4-06-363771-7.
  202. ^ (JA) Hiro Mashima (testi e disegni); Fairy Tail, vol. 4, capitolo 28, Kōdansha, 17 maggio 2007, ISBN 978-4-06-363832-5.
  203. ^ (JA) Hiro Mashima (testi e disegni); Fairy Tail, vol. 18, capitolo 144, Kōdansha, 17 novembre 2009, ISBN 978-4-06-384211-1.
  204. ^ (JA) Hiro Mashima (testi e disegni); Fairy Tail, vol. 31, capitolo 266, Kōdansha, 17 febbraio 2012, ISBN 978-4-06-384628-7.
  205. ^ a b (JA) A-1 Pictures e Bridge, Fairy Tail, episodio 207, TV Tokyo, 2014.
  206. ^ (JA) Hiro Mashima (testi e disegni); Fairy Tail, vol. 2, capitolo 8, Kōdansha, 13 gennaio 2007, ISBN 978-4-06-363782-3.
  207. ^ (JA) Hiro Mashima (testi e disegni); Fairy Tail, vol. 3, capitolo 17, Kōdansha, 16 marzo 2007, ISBN 978-4-06-363810-3.
  208. ^ (JA) Hiro Mashima (testi e disegni); Fairy Tail, vol. 8, capitolo 62, Kōdansha, 17 gennaio 2008, ISBN 978-4-06-363940-7.
  209. ^ a b c (JA) Hiro Mashima (testi e disegni); Fairy Tail, vol. 21, capitolo 172, Kōdansha, 17 maggio 2010, ISBN 978-4-06-384296-8.
  210. ^ (JA) Hiro Mashima (testi e disegni); Fairy Tail, vol. 16, capitolo 133, Kōdansha, 17 luglio 2009, ISBN 978-4-06-384158-9.
  211. ^ a b c (JA) Hiro Mashima (testi e disegni); Fairy Tail, vol. 33, capitolo 280, Kōdansha, 15 giugno 2012, ISBN 978-4-06-384686-7.
  212. ^ a b (JA) Hiro Mashima (testi e disegni); Fairy Tail, vol. 37, capitolo 310, Kōdansha, 17 aprile 2013, ISBN 978-4-06-384845-8.
  213. ^ (JA) A-1 Pictures e Bridge, Fairy Tail, episodio 217, TV Tokyo, 2014.
  214. ^ a b (JA) Hiro Mashima (testi e disegni); Fairy Tail, vol. 21, capitolo 170, Kōdansha, 17 maggio 2010, ISBN 978-4-06-384296-8.
  215. ^ a b c (JA) Hiro Mashima (testi e disegni); Fairy Tail, vol. 21, capitolo 176, Kōdansha, 17 maggio 2010, ISBN 978-4-06-384296-8.
  216. ^ a b (JA) Hiro Mashima (testi e disegni); Fairy Tail, vol. 22, capitolo 180, Kōdansha, 17 agosto 2010, ISBN 978-4-06-384346-0.
  217. ^ a b (JA) Hiro Mashima (testi e disegni); Fairy Tail, vol. 23, capitolo 190, Kōdansha, 15 ottobre 2010, ISBN 978-4-06-384379-8.
  218. ^ (JA) Hiro Mashima (testi e disegni); Fairy Tail, vol. 20, capitolo 169, Kōdansha, 17 marzo 2010, ISBN 978-4-06-384266-1.
  219. ^ (JA) Hiro Mashima (testi e disegni); Fairy Tail, vol. 21, capitolo 174, Kōdansha, 17 maggio 2010, ISBN 978-4-06-384296-8.
  220. ^ a b (JA) Hiro Mashima (testi e disegni); Fairy Tail, vol. 22, capitolo 182, Kōdansha, 17 agosto 2010, ISBN 978-4-06-384346-0.
  221. ^ (JA) Hiro Mashima (testi e disegni); Fairy Tail, vol. 22, capitolo 184, Kōdansha, 17 agosto 2010, ISBN 978-4-06-384346-0.
  222. ^ (JA) Hiro Mashima (testi e disegni); Fairy Tail, vol. 21, capitolo 171, Kōdansha, 17 maggio 2010, ISBN 978-4-06-384296-8.
  223. ^ a b c (JA) Hiro Mashima (testi e disegni); Fairy Tail, vol. 24, capitolo 198, Kōdansha, 17 dicembre 2010, ISBN 978-4-06-384416-0.
  224. ^ (JA) Hiro Mashima (testi e disegni); Fairy Tail, vol. 22, capitolo 185, Kōdansha, 17 agosto 2010, ISBN 978-4-06-384346-0.
  225. ^ (JA) Hiro Mashima (testi e disegni); Fairy Tail, vol. 23, capitolo 188, Kōdansha, 15 ottobre 2010, ISBN 978-4-06-384379-8.
  226. ^ (JA) Hiro Mashima (testi e disegni); Fairy Tail, vol. 24, capitolo 197, Kōdansha, 17 dicembre 2010, ISBN 978-4-06-384416-0.
  227. ^ (JA) Hiro Mashima (testi e disegni); Fairy Tail, vol. 36, capitolo 302, Kōdansha, 15 febbraio 2013, ISBN 978-4-06-384810-6.
  228. ^ (JA) Hiro Mashima (testi e disegni); Fairy Tail, vol. 36, capitolo 308, Kōdansha, 15 febbraio 2013, ISBN 978-4-06-384810-6.
  229. ^ (JA) Hiro Mashima (testi e disegni); Fairy Tail, vol. 37, Kōdansha, 17 aprile 2013, p. 197, ISBN 978-4-06-384845-8.
  230. ^ (JA) Hiro Mashima (testi e disegni); Fairy Tail, vol. 47, capitolo 400, Kōdansha, 16 gennaio 2015, ISBN 978-4-06-395287-2.
  231. ^ a b (JA) Hiro Mashima (testi e disegni); Fairy Tail, vol. 4, capitolo 26, Kōdansha, 17 maggio 2007, ISBN 978-4-06-363832-5.
  232. ^ (JA) Hiro Mashima, 真島ヒロ on Twitter, su twitter.com, 22 febbraio 2015. URL consultato il 22 febbraio 2015.
  233. ^ (JA) Hiro Mashima (testi e disegni); Fairy Tail, vol. 9, capitolo 67, Kōdansha, 17 marzo 2008, ISBN 978-4-06-363782-3.
  234. ^ (JA) Hiro Mashima (testi e disegni); Fairy Tail, vol. 16, capitolo 130, Kōdansha, 17 luglio 2009, ISBN 978-4-06-384158-9.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Hiro Mashima, tradotto e adattato da AA.VV. Fairy Tail. 63 vols. Star Comics, 2008–2019.
  • (JA) Hiro Mashima. フェアリーテイル Fairy Tail?. 63 vols. Tokyo: Kōdansha, 2006–2017.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Anime e manga Portale Anime e manga: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di anime e manga