Avane

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Nota disambigua.svg Disambiguazione – Se stai cercando la frazione di Empoli in provincia di Firenze, vedi Avane (Empoli).
Avane
frazione
Avane – Veduta
Villa Gentili
Localizzazione
StatoItalia Italia
RegioneCoat of arms of Tuscany.svg Toscana
ProvinciaProvincia di Pisa-Stemma.svg Pisa
ComuneVecchiano-Stemma.png Vecchiano
Territorio
Coordinate43°47′22.37″N 10°24′31.82″E / 43.789548°N 10.408838°E43.789548; 10.408838 (Avane)
Altitudinem s.l.m.
Abitanti1 020[2] (2001)
Altre informazioni
Cod. postale56019
Prefisso050
Fuso orarioUTC+1
Nome abitantiavanese, avanesi[1]
Patronosanta Cristina di Bolsena
Giorno festivo10 maggio
Cartografia
Mappa di localizzazione: Italia
Avane
Avane

«Bel castello è Avane, e corte
fu dei re d'Italia un giorno.
Vi si sente a mezza notte
pe' querceti un suon di corno.»

(Giosuè Carducci, Rima LXXIX "Faida di Comune", da Rime nuove, Libro VI)

Avane è una frazione del comune italiano di Vecchiano, nella provincia di Pisa, in Toscana.

Geografia fisica[modifica | modifica wikitesto]

Avane si trova situato in un'area pianeggiante sulla sponda destra del fiume Serchio, che girando intorno al paese lo chiude all'interno della propria ansa.[3][4] Avane è delimitato a ovest dall'altura di Monte Spazzavento (156 m s.l.m.) e da una serie di colline, estreme propaggini del complesso del Monte Pisano, le cui pareti sono particolarmente note come palestre naturali per l'arrampicata.[4] Nell'area in piano sono frequenti piantagioni (soprattutto spinaci e rapi, ma anche granturco) e frutteti, mentre sulle colline si produce olio extravergine grazie alla presenza di uliveti.[4]

Avane dista 3 km da Vecchiano e poco più di 9 km da Pisa.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

La torre del castello Rosaiolo

Il toponimo è riconducibile al latino ad vanendum, cioè "per la caccia", e sta ad indicare la presenza di un territorio, composto da foreste o bandite, i cui proprietari erano soliti utilizzare per praticare attività venatorie: a conferma di questa ipotesi vi sono altri toponimi riconducibili a queste attività, come Falconaja e Cafaggioreggio, oggi due vie del paese con i nomi di "Falcata" e "Cafaggio".[3][5] Il territorio di Avane risulta abitato già in epoca preistorica sino al periodo romano, e in epoca alto-medievale è proprietà della Corona d'Italia.[5] Il paese è citato per la prima volta in un documento del 952.[3][5] Altri documenti che ricordano Avane sono i diplomi di Corrado II (1138) e Federico I (1178) indirizzati all'arcivescovo di Pisa, per ottenere l'investitura dalla corte e distretto di Avana.[3] In epoca medievale è ricordata anche la presenza, oltre che della pieve di Santa Cristina ancora oggi esistente, di altre due chiese scomparse: la chiesa di Santo Stefano, nota dal 1128, e quella di San Salvatore, attestata al 1212 e dipendente dal diruto castello di Rosaiolo.[5]

Monumenti e luoghi d'interesse[modifica | modifica wikitesto]

  • Chiesa di Santa Cristina, chiesa parrocchiale della frazione, è ricordata come pieve nel 1137.
  • Casa Gentili, villa situata nel paese, è documentata fin dal 1622.
  • Castello di Rosaiolo, se ne conservano i ruderi alle pendici di Monte Spazzavento. Ricordato per la prima volta nel 1026 come castellum de Avane, il complesso fortificato è noto anche come castello di Ponte a Serchio, in quanto comprendeva dal 1168 un ponte che attraversava il Serchio e di cui rimane oggi solamente una palizzata sull'acqua del fiume. Del castello rimangono oggi la torre e parte delle strutture murarie.[5]

Sport[modifica | modifica wikitesto]

Le alture che compongono il Monte Spazzavento, parte del complesso del Monte Pisano, sono note per la presenza di pareti di roccia molto frequentate dai praticanti di arrampicata. I due principali settori che compongono la parete sono quello della Baccanella e quello della Valle dei Porci.[6]

In passato esisteva una squadra di calcio, denominata Avane F.C. e fondata nei primi anni del Novecento, fallita per motivi economici intorno al 1960, che ha raggiunto la prima categoria. I colori sociali erano verde, nero e arancione. [senza fonte]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Teresa Cappello, Carlo Tagliavini, Dizionario degli etnici e dei toponimi italiani, Bologna, Pàtron Editore, 1981, p. 32.
  2. ^ Dati censimento Istat 2001
  3. ^ a b c d Emanuele Repetti, «Avane Archiviato il 23 settembre 2015 in Internet Archive.», Dizionario Geografico Fisico Storico della Toscana, 1833-1846.
  4. ^ a b c https://www.avanedivecchiano.it/il-paese/, Avane di Vecchiano
  5. ^ a b c d e Avane - La storia, Avane di Vecchiano.
  6. ^ Falesie e palestre di roccia, Falesia online.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Giuseppe Caciagli, Pisa e la sua provincia, vol. 3, tomo II, Pisa, Colombo Cursi Editore, 1972, pp. 830–831.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Provincia di Pisa Portale Provincia di Pisa: accedi alle voci di Wikipedia che parlano della Provincia di Pisa