Automotrice FS ALe 724

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
(Reindirizzamento da Automotrice ALe 724)
FS ALe 724
Automotrice
ALe724 005.jpg
ALe 724.005 in XMPR
Anni di ordinazione 1979
Anni di costruzione 1982-1984
Anni di esercizio dal 1982
Quantità prodotta 90 ALe 724
120 Le 884
30 Le 724
Costruttore ALe 724:
Breda C.F., Fiore (parte meccanica)
AMT, IMP (parte elettrica)
Le 884:
Breda C.F.
Le 724:
Stanga
ALe 724
Lunghezza 24.900 mm
Larghezza 2.950 mm
Altezza 3.716 mm
Capacità 72 posti a sedere
Scartamento 1.435 mm
Interperno 17.500 mm
Passo dei carrelli 2.560 mm
Massa a vuoto 55 t
Le 884
Lunghezza 26.640 mm
Larghezza 2.950 mm
Capacità 84 posti a sedere
Scartamento 1.435 mm
Interperno 17.500 mm
Passo dei carrelli 2.560 mm
Massa a vuoto 30 t
Le 724
Lunghezza 24.900 mm
Larghezza 2.950 mm
Capacità 72 posti a sedere
Scartamento 1.435 mm
Interperno 17.500 mm
Passo dei carrelli 2.560 mm
Massa a vuoto 31 t
Rodiggio ALe 724: Bo’Bo’
Le 884: 2’2’
Le 724: 2’2’
Diametro ruote motrici 860 mm
Diametro ruote portanti 860 mm
Potenza oraria ALe 724: 1.260 kW
Potenza continuativa ALe 724: 1.120 kW
Velocità massima omologata 140
Alimentazione elettrica da linea aerea
3 kV cc
Dati tratti da:
Mascherpa, op. cit., pp. 26, 30
Cornolò, op. cit., p. 284

La automotrice Ale 724 è un'automotrice elettrica italiana ad azionamento elettronico progettata alla fine degli anni settanta per uso suburbano, traffico pendolare e linee secondarie. È costruita con una sola cabina di guida per unità perché e prevista per l'uso in composizioni di due o più unità accoppiate permanentemente. I convogli di Ale 724 di regola sono composti da due motrici, oppure una motrice e una carrozza semipilota, inquadranti una o più rimorchiate; il sistema di trazione è a chopper.

18 elettromotrici sono state acquistate anche dalle FNM che le hanno immatricolate come EA 750-01 ÷ 18.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

ALe 724 e rimorchiate in sosta a Bardonecchia (TO) nel 1999

A partire dagli anni settanta le Ferrovie dello Stato iniziarono a porsi il problema, sempre più urgente, della modernizzazione del parco rotabili e soprattutto di quello delle elettromotrici. Una prima serie di elettromotrici di concezione moderna ad azionamento elettronico, i treni GAI, (così chiamati dall'acronimo ideato dal consorzio di costruttori) diede incoraggianti risultati così verso la fine del 1979 le FS ordinarono all'industria 60 treni composti di 4 elementi; di questi, 30 treni erano composti di 2 elettromotrici del tipo "ALe 724" e 2 rimorchiate intermedie "Le 884". Altri 30 treni con una sola ALe 724 e un rimorchiata pilota "Le 724" al posto della corrispondente elettromotrice.

La prima elettromotrice venne consegnata alle FS il 14 ottobre 1982[1]. Nel corso del 1983 i primi complessi entrarono in servizio sulla cosiddetta "metropolitana FS" di Napoli[2].

Dal 2016 sono state in gran parte sostituite dai nuovi treni Coradia Jazz. Questi ultimi sono recentemente utilizzati per le sole relazioni Napoli Campi Flegrei - Salerno e viceversa, mantenendo le Ale 724 come materiale rotabile dei servizi Pozzuoli - San Giovanni.

Caratteristiche[modifica | modifica wikitesto]

Le caratteristiche innovative salienti delle ALe 724 sono la cassa a struttura in lega leggera, il controllo di potenza elettronico della trazione, la frenatura elettrica a recupero d'energia e a dissipazione su reostato e le sospensioni pneumatiche.

La capacità di posti a sedere offerta da un convoglio di 4 elementi è di ben 320 posti; tuttavia in virtù della leggerezza delle casse riesce a raggiungere i 100 km/h in soli 40 secondi. Le porte di ingresso, a due elementi ad espulsione, a comando elettropneumatico permettono un rapido incarrozzamento dei viaggiatori pendolari.

Il controllo di potenza dei motori è ottenuto mediante un chopper in serie ad ogni gruppo motore con modulatori a frequenza fissa. Il freno è elettrico a recupero e a dissipazione su appositi reostati posti sul tetto dell'elettromotrice con controllo automatico. È inoltre attiva la tradizionale frenatura pneumatica che interviene automaticamente a bassa velocità.

L'aggancio è automatico, tipo Scharfenberg, e permette simultaneamente l'aggancio meccanico, elettrico e pneumatico.

Gli arredamenti interni adottati sono di tipo piuttosto semplificato dato l'uso precipuo del rotabile. Nella versione per la Metropolitana di Napoli è stato ridotto il numero di sedili per aumentarne la capacità di carico di passeggeri ed è stato adottato un sedile semplificato in preformato plastico per agevolarne la manutenzione.

La livrea originale dei treni di ALe 724 è stata quella FS per servizi vicinali in grigio chiaro e fasce orizzontali arancione e viola. Dalla fine degli anni novanta è stata applicata anche ad esse la livrea XMPR. Un certo numero di unità del trasporto regionale di alcune regioni è stato ristrutturato con l'installazione di condizionatori sull'imperiale e nuovi finestrini con chiusura a chiave (apribile in caso di necessità dal personale del treno); ciò allo scopo di assicurare una corretta climatizzazione degli ambienti.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Notizie flash, in "I Treni Oggi" n. 25 (dicembre 1982), p. 8.
  2. ^ Notizie flash, in "I Treni Oggi" n. 32 (settembre 1983), p. 5.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Erminio Mascherpa, Arrivano le elettromotrici ALe 724, in I Treni Oggi, anno 3, n. 23, ottobre 1982, pp. 26-.
  • Giovanni Cornolò, Automotrici elettriche dalle origini al 1983, Duegi Editrice, 2012 (ristampa del 1983), pp. 272–284.
  • Sergio Pautasso, Trent'anni fa, ALe 724 e rimorchi (I), in Tutto treno, anno 3, n. 267, ottobre 2012, pp. 16-23, ISSN 1124-4232 (WC · ACNP).
  • Sergio Pautasso, Trent'anni fa, ALe 724 e rimorchi (II), in Tutto treno, anno 3, n. 268, novembre 2012, pp. 20-27, ISSN 1124-4232 (WC · ACNP).

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Trasporti Portale Trasporti: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di trasporti