Aurelio Menegazzi

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Aurelio Menegazzi
Nazionalità Italia Italia
Ciclismo Cycling (road) pictogram.svg
Specialità Strada, pista
Ritirato 1934
Carriera
Squadre di club
1925 Individuale
1926 Olympia-Dunlop
1927 Aliprandi-Pirelli
1928-1929 Diamant
1930 Dei-Pirelli
1931 Individuale
1932 Atala
Bestetti
1933-1934 Individuale
Nazionale
1924 Italia Italia
Palmarès
Olympic flag.svg Giochi olimpici
Oro Parigi 1924 Ins. sq.
 

Aurelio Menegazzi, detto Aleardo (Buttapietra, 15 novembre 1900Milano, 23 novembre 1979) è stato un pistard e ciclista su strada italiano.

Il 27 luglio 1924 fu medaglia d'oro olimpica a Parigi 1924 nell'inseguimento a squadre[1]. L'anno dopo, il 1925, passò al professionismo e divenne ciclista su strada, con risultati assai più modesti. Partecipò a sei Giri d'Italia e a varie classiche, fino al ritiro nel 1934[2].

Morì a Milano settantanovenne[3] e venne sepolto al locale Cimitero di Lambrate; dopo l'esumazione per fine concessione tomba, i suoi resti riposano al Riparto 110, tumulati nella celletta 1553[4].

Palmarès[modifica | modifica wikitesto]

Pista[modifica | modifica wikitesto]

Giochi olimpici, Inseguimento a squadre (con Angelo De Martini, Alfredo Dinale e Francesco Zucchetti)

Strada[modifica | modifica wikitesto]

Coppa Caldirola
Astico-Brenta
Coppa d'Inverno
Coppa Appennino
Coppa d'Inverno
2ª tappa Giro del Piemonte (Biella > Alessandria)

Piazzamenti[modifica | modifica wikitesto]

Classiche[modifica | modifica wikitesto]

1925: 10º
1932: 24º
1933: 53º

Competizioni mondiali[modifica | modifica wikitesto]

Parigi 1924 - Inseguimento a squadre: vincitore

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Ciclismo su pista - Aurelio Menegazzi (Italia), su www.gli-sport.info. URL consultato il 18 giugno 2017.
  2. ^ Storia di Aleardo Menegazzi, su www.museociclismo.it. URL consultato il 18 giugno 2017.
  3. ^ Scheda Atleta, su www.coni.it. URL consultato il 18 giugno 2017.
  4. ^ Comune di Milano, App di ricerca defunti Not 2 4get.