Aura Buzescu

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Aura Buzescu

Aura Buzescu, nata Aura Almăjan (Caransebeș, 26 agosto 1894Bucarest, 22 dicembre 1992), è stata un'attrice, regista teatrale e docente rumena.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Aura Buzescu nel 1929

Nacque a Cransebeş in una famiglia originaria del posto, ma passò la sua infanzia a Bucarest dove si trasferì all'età di quattro anni, dopo un viaggio in battello sul Danubio che la lasciò con la paura dell'acqua.

(RO)

«Familia mea îşi are obârşia la Caransebeş, ceea ce poate lămuri numele de Almăjan care a nedumerit cândva mulţi oameni. Chiar eu sunt născută în Banat, dar la patru ani - cu vaporul pe Dunăre – am venit în Bucureşti. Acesta ar fi primul turneu al vieţii mele. Era să cad în Dunăre şi de atunci am rămas cu o adevărată groază de apă. Nimic în familia mea de oameni aşezaţi nu era de natură să mă îndrepte spre artă, mai ales spre teatru. Părinţii mă pregăteau pentru îndeletnicirile obişnuite ale femeilor din lumea mea: gospodină, soţie şi mamă. Cred că acestei pregătiri îi datorez buna organizare a vieţii mele de dincolo de scândurile scenei.»

(IT)

«La mia famiglia ha le sue origini in Caransebes, che dà l'idea del nome Almăjan che ha lasciato perplesse molte persone. Anche se sono nata a Banat, a quattro anni – in barca sul Danubio – sono venuta a Bucarest. Questo è il primo tour della mia vita. Stavo per cadere nel Danubio, e da allora mi è rimasto un vero orrore dell'acqua. Nulla nella mia famiglia di persone tradizionali mi avrebbe probabilmente portata verso l'arte, specialmente verso il teatro. I genitori mi stavano preparando per i soliti doveri delle donne nel mio mondo: casalinga, moglie e madre. Penso di dovere a questa preparazione la buona organizzazione della mia vita al di là del palcoscenico»

(Aura Buzescu, intervista accordata alla rivista Ilustraţiunea Română nel 1931[1])

Fece i suoi primi passi verso il teatro cercando qualcuno che la potesse consigliare e guidare. Tra tutti scelse Tina Barbu, ma i primi tentativi di avvicinarla non ebbero successo. Dopo un periodo di preparazione con lei e con Ion Livescu, a partire dal 1912 seguì i corsi di teatro del Conservatorio di Bucarest, nella classe di Lucia Sturdza-Bulandra[1].

Fu sposata con Alexandru Buzescu, leader liberale, economista che gestì gli investimenti della famiglia Brătianu, famiglia di nobili della Valacchia, tra i quali Ion Bratianu e Ionel Bratianu. Costruì la casa del Giardino dell'icona, adiacente il Teatro Bulandra, dove l'artista visse. Fece il suo esordio artistico nel 1914 con la compagnia Bulandra[2] e dopo la prima guerra mondiale, presso la Compania Excelsior.

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Aura Buzescu mentre studia una parte nel 1931

Fece il suo debutto nel 1914 in Anna Karenina di Lev Tolstoj interpretando il ruolo di Serge al teatro "Regina Maria" di Bucarest fondato dai coniugi Bulandra[3]. Nel 1918 entrò a far parte della troupe del teatro Excelsior fondato da Elvira Popescu, dove recitò in opere teatrali di H. Bataille e Jean Richepin[4].

Nella sua carriera interpretò ruoli drammatici: Ofelia in Amleto di Shakespeare, Margaret nel Faust di Goethe, Elizabeth in Mary Stuart di Friedrich Schiller, Olga in Tre sorelle di Čechov, Mira in Meşterul Manole di Lucian Blaga, Hedda Gabler nella spettacolo con lo stesso nome di Henrik Ibsen, Cei din Dangaard di Anderson Nexo, Katty Keller in Tutti i miei figli al Teatro Nazionale di Bucarest[5]. Ebbe il ruolo della protagonista in Ifigenia în Aulida scritta da Mircea Eliade e collaborò con i registi Ion Şahighian e Ion Sava, con quest'ultimo in Îngerul a vestit pe Maria di Paul Claudel[4].

Recitò in opere teatrali originali di autori rumeni: Iarbă rea di A. Baranga, Arborele genealogic de Lucia Demetrius, Pentru fericirea poporului de N. Moraru e A. Baranga, Hanul de la răscruce di Horia Lovinescu e in generi che non aveva esplorato fino a quel momento: il ruolo dell'anziana signora nel drammaLa visita della vecchia signora di Friedrich Dürrenmatt[6].

Aura Buzescu fu anche regista teatrale di successo, nel 1955 mise in scena Citadela sfărâmată di Horia Lovinescu, Bălcescu di Camil Petrescu, Bărbierul din Sevilla di Pierre Beaumarchais, Tragedia optimistă di Vsevolod Visnevski (con la co-regia di Ion Cojar e Vlad Mugur), tutti spettacoli nei quali, interpretando ruoli diversi, recitò il suo allievo Victor Rebenciuc[7].

Dall 1950 fu docente presso l'Istituto di Teatro e Cinematografia "Ion Luca Caragiale" di Bucarest, dove ebbe come studenti, tra gli altri Mircea Albulescu[8], Gina Patrichi, Sanda Toma[9] e Victor Rebengiuc, che veniva dal teatro amatoriale[10] che disse di lei:

«[...] la mia insegnante, che era una delle più grandi attrici del teatro rumeno, Aura Buzescu[7]»

Dopo il 1965 apparve spesso nelle commedie dei scrittori rumeni tra cui Victor Eftimiu, Duilio Zamfirescu, D. Solomon.

In Rampa și ecranul del 2000, Ileana Berlogea scrisse "il suo potere di interiorizzazione, la sobrietà della comunicazione esterna e la convinzione quasi telepatica, inspiegabile ..." e Florin Zamfirescu affermò "Aura Buzescu ha avuto la stessa grandezza, la stessa inconfondibile grazia di produrre cambiamenti di essenza nell'arte drammatica interpretativa".

La sua interpretazione in Cei din Dangaard di Anderson Nexo le portò il riconoscimento di artista del popolo. Fu distinta con l'Ordine di lavoro Classe I (1953) "per meriti eccezionali, per risultati preziosi nell'arte e per lavori meritori"[11] e con l'Ordine del Merito culturale classe I (1967) "per la prolungata attività nel teatro e meriti eccezionali nel campo dell'arte drammatica" [12].

Morì a 98 anni a Bucarest, nel 1992.

Eredità[modifica | modifica wikitesto]

Una strada a Bucarest, Sector 2, è stata chiamata in suo nome.

Onorificenze[modifica | modifica wikitesto]

Ordine del Lavoro, Classe I - nastrino per uniforme ordinaria Ordine del Lavoro, Classe I
«per meriti eccezionali, per risultati preziosi nell'arte e per lavori meritori[11]»
Ordine del Merito Culturale, Classe I - nastrino per uniforme ordinaria Ordine del Merito Culturale, Classe I
«per la prolungata attività nel teatro e meriti eccezionali nel campo dell'arte drammatica[12]»

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b Actori aproape uitați: Aura Buzescu, su deieri-deazi.blogspot.it.
  2. ^ Vă mai amintiți de, su adevarul.ro. URL consultato il 20 maggio 2018 (archiviato dall'url originale il 6 maggio 2009).
  3. ^ (RO) Lucia Sturdza-Bulandra, su actualitateaprahoveana.ro.
  4. ^ a b (RO) Aura Buzescu, su Enciclopedia Romaniei.
  5. ^ (RO) Claviaturile timpului, între a fi şi a povesti, su cotidianul.ro.
  6. ^ (RO) Aura Buzescu şi puntea dintre generaţii, su ziarulmetropolis.ro.
  7. ^ a b (RO) Victor Rebengiuc, un talent artistic excepţional, împlineşte 85 de ani, su rador.ro. URL consultato il 22 maggio 2018 (archiviato dall'url originale il 10 luglio 2018).
  8. ^ (RO) O carieră de excepție: Mircea Albulescu - biografie, su romanialibera.ro.
  9. ^ (RO) 50 de ani = clipe, su jurnalul.ro. URL consultato il 22 maggio 2018 (archiviato dall'url originale l'11 marzo 2016).
  10. ^ (RO) Criza strînge rîndurile în teatru - Numarul 472 - Aprilie - 2009 - Arhiva - Observatorcultural.ro, su observatorcultural.ro.
  11. ^ a b Decretul nr. 43 din 23 ianuarie 1953 al Prezidiul Marii Adunări Naționale a Republicii Populare Romîne, publicat în Buletinul Oficial nr. 3 din 26 ianuarie 1953
  12. ^ a b Decretul nr. 1017 din 6 noiembrie 1967 al Consiliului de Stat al Republicii Socialiste România privind conferirea de ordine și medalii unor actori, regizori, pictori scenografi și tehnicieni de scenă, publicat în Buletinul Oficial nr. 96 din 7 noiembrie 1967

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Marcu, George (coord.), Dicţionarul personalităţilor feminine din România, Editura Meronia, Bucureşti, 2009

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]