Augusto Albini

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Augusto Albini

Senatore del Regno d'Italia
Durata mandato 20 novembre 1891 –
3 giugno 1909
Legislature XVII

Dati generali
Professione Ammiraglio
Augusto Albini
NascitaGenova, 30 luglio 1830
MorteRoma, 3 giugno 1909
Dati militari
Paese servitoRegno di Sardegna
Italia Italia
Forza armataMarina del Regno di Sardegna
Regia Marina
ArmaMarina
Anni di servizio1842 - 1886
GradoContrammiraglio
GuerrePrima guerra di indipendenza italiana
Guerra di Crimea
Seconda guerra di indipendenza italiana
Terza guerra di indipendenza italiana
Studi militariScuola di marina di Genova
voci di militari presenti su Wikipedia

Augusto Albini (Genova, 30 luglio 1830Roma, 3 giugno 1909) è stato un ammiraglio e politico italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Augusto Albini fu ufficiale di carriera nella Marina del Regno di Sardegna e poi nella Regia Marina italiana. Partecipò all'assedio di Ancona (settembre 1860) come luogotenente di vascello di 1a Classe imbarcato sulla fregata Maria Adelaide e all'assedio di Gaeta (12 novembre 1860 – 13 febbraio 1861) ove si guadagnò la Medaglia d'argento al Valor militare. Nominato addetto navale presso l'ambasciata italiana a Londra (1866), rimase alcuni anni in Inghilterra per poi venire eletto deputato al parlamento italiano (1880). Nel frattempo (1868) aveva perfezionato la carabina inglese Enfield, creando l'arma portatile che fu adottata dalla marina e che è nota come Carabina Albini mod. 1868. Ideò pure un cannone navale che fu adottato da varie marine militari. Collocato a riposo nel 1886, nello stesso anno diviene presidente della Società "Ansaldo - Armstrong"[1].

Nel 1891 venne nominato senatore del Regno[1]. Augusto Albini era fratello minore dell'ammiraglio Giovan Battista Albini.

Onorificenze[modifica | modifica wikitesto]

Onorificenze italiane[modifica | modifica wikitesto]

Grand'Ufficiale dell'Ordine dei Santi Maurizio e Lazzaro - nastrino per uniforme ordinaria Grand'Ufficiale dell'Ordine dei Santi Maurizio e Lazzaro
Cavaliere dell'Ordine Civile di Savoia - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere dell'Ordine Civile di Savoia
Grand'Ufficiale dell'Ordine della Corona d'Italia - nastrino per uniforme ordinaria Grand'Ufficiale dell'Ordine della Corona d'Italia
Cavaliere dell'Ordine militare di Savoia - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere dell'Ordine militare di Savoia
«Per il valore dimostrato nell'Assedio di Gaeta»
Medaglia d'argento al valor militare - nastrino per uniforme ordinaria Medaglia d'argento al valor militare
Medaglia commemorativa delle campagne delle Guerre d'Indipendenza (5 barrette) - nastrino per uniforme ordinaria Medaglia commemorativa delle campagne delle Guerre d'Indipendenza (5 barrette)
Medaglia a ricordo dell'Unità d'Italia - nastrino per uniforme ordinaria Medaglia a ricordo dell'Unità d'Italia

Onorificenze straniere[modifica | modifica wikitesto]

Cavaliere dell'Ordine della Legion d'Onore (Francia) - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere dell'Ordine della Legion d'Onore (Francia)
Medaglia inglese della Guerra di Crimea (Regno Unito) - nastrino per uniforme ordinaria Medaglia inglese della Guerra di Crimea (Regno Unito)

Note[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN90211882 · SBN IT\ICCU\CUBV\168783 · WorldCat Identities (EN90211882