Audrey Fleurot

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Audrey Fleurot alla 27ª edizione del Festival du film de Cabourg nel 2013.

Audrey Fleurot (Mantes-la-Jolie, 6 luglio 1977[1]) è un'attrice francese.

Ha recitato nel film La regina e il cardinale e nella serie televisiva Spiral. Nel 2011, ha avuto un ruolo minore nel film Midnight in Paris di Woody Allen. È diventata celebre anche per la sua partecipazione in Quasi amici - Intouchables.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Audrey Fleurot è stata studentessa presso l'Università Paris 1 Panthéon-Sorbonne dal 1995 al 1997, e all'ENSATT di Lione tra il 1997 e il 2000.

Aspirando a lavorare principalmente in teatro, ha iniziato la carriera sul palco, divenendo poi nota attraverso la televisione e il cinema.[2]

Ha recitato nel film Midnight in Paris di Woody Allen, ma il suo ruolo è stato ampiamente modificato durante il montaggio. Più tardi, l'attrice delusa rivela la sua esperienza sul set a Télérama. Lo stesso anno, ha recitato nel film Quasi amici - Intouchables, un enorme successo al botteghino francese.

Nel 2012, ha presieduto il 17º Festival international des jeunes réalisateurs de Saint-Jean-de-Luz. Nel 2013, è stata membro della giuria del 1º Festival du film canadien de Dieppe, presieduto da Alexandra Stewart.

Filmografia[modifica | modifica wikitesto]

Lungometraggi[modifica | modifica wikitesto]

  • Les deux mondes, regia di Daniel Cohen (2007)
  • Leur morale... et la nôtre, regia di Florence Quentin (2008)
  • La Sainte Victoire, regia di François Favrat (2009)
  • Le donne del 6º piano (Les Femmes du 6e étage), regia di Philippe Le Guay (2011)
  • Midnight in Paris, regia di Woody Allen (2011)
  • Quasi amici - Intouchables (Intouchables), regia di Éric Toledano e Olivier Nakache (2011)
  • La delicatezza, regia di David e Stéphane Foenkinos (2011)
  • La fleur de l'âge, regia di Nick Quinn (2013)
  • F.B.I. - Due agenti impossibili (Mais qui a retué Pamela Rose?), regia di Olivier Baroux e Kad Merad (2012)
  • Pop Redemption, regia di Martin Le Gall (2013)
  • La vraie vie des profs, regia di Emmanuel Klotz e Albert Pereira-Lazaro (2013)
  • Les reines du ring, regia di Jean-Marc Rudnicki (2013)
  • Fonzy, regia di Isabelle Doval (2013)
  • La confrérie des larmes, regia di Jean-Baptiste Andrea (2013)
  • Les gazelles, regia di Mona Achache (2014)
  • Belle comme la femme d'un autre, regia di Catherine Castel (2014)
  • 11 donne a Parigi (Sous les jupes des filles), regia di Audrey Dana (2014)
  • Canterville - Un fantasma per antenato (Le fantôme de Canterville), regia di Yann Samuell (2016)
  • L'idéal, regia di Frédéric Beigbeder (2016)
  • La fête des mères, regia di Marie-Castille Mention-Schaar (2018)
  • À cause des filles...?, regia di Pascal Thomas (2019)
  • Il club dei divorziati (Divorce club), regia di Michaël Youn (2020)
  • Connectés, regia di Romuald Boulanger (2020)
  • Kaamelott: Premier volet, regia di Alexandre Astier (2021)

Cortometraggi[modifica | modifica wikitesto]

  • L'élan des sens, regia di Ludovic Jacques (2002)
  • Les seins de ma prof d'anglais, regia di Olivier Bardy (2004)
  • Une simple histoire d'amour, regia di Jean-Luc Mathieu (2006)
  • Bébé, regia di Clément Michel (2008)
  • Notre Fraust, regia di Chloé Larouchi e Elsa Blayau (2014)

Televisione[modifica | modifica wikitesto]

  • Froid comme l'été, regia di Jacques Maillot – film TV (2002)
  • Blague à part – serie TV, episodio 3x02 (2003)
  • Kaamelott – serie TV (2004-2009)
  • La bonne copine, regia di Nicolas Cuche – film TV (2005)
  • Spiral (Engrenages) – serie TV (2005-2020)
  • Il giudice e il commissario (Femmes de loi) – serie TV, episodio 6x03 (2006)
  • Diane, uno sbirro in famiglia (Diane, femme flic) – serie TV , episodio 4x03 (2006)
  • Fort comme un homme, regia di Stéphane Giusti – film TV (2007)
  • Confidences – miniserie TV (2007)
  • Greco – serie TV , episodio 1x05 (2007)
  • Il commissariato Saint Martin (P.J.) – serie TV, episodi 11x09-11x12 (2007)
  • Il commissario Cordier – serie TV, episodio 3x05 (2007)
  • Équipe médicale d'urgence – serie TV, 4 episodi (2007-2010)
  • Le nouveau monde, regia di Étienne Dhaene – film TV (2008)
  • Flics – serie TV, episodi 1x01-1x02-1x03 (2008)
  • L'amour aller-retour, regia di Éric Civanyan – film TV (2009)
  • La regina e il cardinale (La Reine et le Cardinal), regia di Marc Rivière – film TV (2009)
  • Éternelle – serie TV, episodi 1x04-1x05-1x06 (2009)
  • Le Bourgeois gentilhomme, regia di Christian de Chalonge – film TV (2009)
  • Un village français – serie TV (2009-2017)
  • Affaires étrangères – serie TV, episodi 1x01-1x02-1x03-1x04 (2010-2012)
  • Tango – serie TV, episodi 1x01-1x02-1x03 (2010-2013)
  • La vie en miettes, regia di Denis Malleval – film TV (2011)
  • Zak – serie TV (2011)
  • Collection rue des ravissantes: Boris Vian fait son cinéma – miniserie TV (2013)
  • Chiami il mio agente! (Dix pour cent) – serie TV, episodi 1x04-3x06 (2015-2018)
  • I testimoni (Les témoins) – serie TV, 8 episodi (2017)
  • Peur sur la Base, regia di Laurence Katrian – film TV (2017)
  • Safe – serie TV (2018)
  • L'Effondrement – miniserie TV (2019)
  • Destini in fiamme (Le Bazar de la Charité) – miniserie TV (2019)
  • Morgane - Detective geniale (HPI - Haut potentiel intellectuel) – serie TV (2021–in corso)
  • Mensonges – miniserie TV (2021)

Documentari[modifica | modifica wikitesto]

  • Alain Delon - Il lato oscuro di una star (Alain Delon, cet inconnu), regia di Philippe Kohly (2015) – Voce Narrante
  • La plus belle ville du monde, regia di Frédéric Fougea (2017) – Voce Narrante

Doppiaggio[modifica | modifica wikitesto]

Programmi TV[modifica | modifica wikitesto]

  • Le débarquement – varietà (2013)

Videoclip musicali[modifica | modifica wikitesto]

  • J'voulais di Sully Sefil (2000)
  • Le lac di Jil Caplan (2000)

Riconoscimenti[modifica | modifica wikitesto]

  • Association des Critiques de Séries
    • 2015 – Candidatura alla miglior attrice per Un village français[3]
    • 2016 – Candidatura alla miglior attrice per Un village français[4]
    • 2018 – Candidatura alla miglior attrice in Spiral[5]
  • Globe de Cristal Awards
    • 2020 – Candidatura alla miglior attrice in una serie o miniserie televisiva per Destini in fiamme[6]

Doppiatrici italiane[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (FR) Audrey Fleurot, su Gala. URL consultato il 12 settembre 2021.
  2. ^ (FR) Audrey Fleurot: «Je suis dans l'euphorie!» Intervista a Audrey Fleurot su Le Figaro, 24 aprile 2012.
  3. ^ (FR) Julia Baudin, L'«Association française des critiques de séries» est née, su TV Magazine - Le Figaro, 12 giugno 2015. URL consultato il 12 settembre 2021.
  4. ^ (FR) Service Actu, Prix de l’Association des critiques de séries : « Dix pour cent » grande gagnante, su Les Inrockuptibles, 8 giugno 2016. URL consultato il 12 settembre 2021.
  5. ^ (FR) L'Association des Critiques de Séries donne ses prix, su SmallThings, 7 giugno 2018. URL consultato il 12 settembre 2021.
  6. ^ (FR) Globes de Cristal 2020 : Nominations et palmarès, su evous.fr, 13 gennaio 2005. URL consultato il 12 settembre 2021.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN42103133 · ISNI (EN0000 0000 7143 1474 · LCCN (ENno2012051461 · GND (DE139522212 · BNF (FRcb146793126 (data) · BNE (ESXX5523854 (data) · WorldCat Identities (ENlccn-no2012051461