Attrito linguistico

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

L'erosione linguistica, detta anche attrito linguistico (dall'inglese linguistic attrition), è la perdita di una prima o seconda lingua o di una porzione di essa da parte di una comunità o di un individuo. L'attrito linguistico è correlato al multilinguismo e all'apprendimento di una lingua.

Molti fattori sono in gioco nell'imparare (apprendimento) e nel disimparare (perdita) la prima e la seconda lingua. La perdita di una lingua può essere semplicemente l'inverso dell'apprendimento. In altri casi, il tipo e la velocità dell'attrito linguistico dipende dal singolo individuo, o anche dalla sua età e dal suo livello di cultura. Per una stessa seconda lingua, l'attrito può avere effetti differenti a seconda di quale sia l'ambiente dominante della prima lingua.

Spesso, l'attrito linguistico può essere molto diverso da un caso ad un altro. Quelle persone che stanno imparando una lingua, e che sono motivate a mantenere la propria prima o seconda lingua, potranno conservarla molto bene, anche se per farlo sarà necessario probabilmente uno studio continuo.

Origini dello studio accademico[modifica | modifica wikitesto]

Solo negli ultimi decenni lo studio dell'attrito linguistico è diventato una branca della linguistica, a cominciare da una conferenza del 1980 all'Università della Pennsylvania intitolata Perdita delle abilità del linguaggio (Lambert e Freed, 1982).

Scopo di questa conferenza era di discutere le aree di attrito della seconda lingua (L2) e di ideare possibili campi di ricerca futura nella perdita della seconda lingua. La conferenza rivelò che l'attrito è un soggetto ampio, che copre vari tipi di perdita della lingua e che esistono vari motivi per tale perdita. Un fenomeno correlato è la perdita della lingua dovuta al contatto con altre lingue più dominanti, che può portare alla morte di una lingua.

Definizioni e aree della perdita[modifica | modifica wikitesto]

Limitatamente all'individuo, possono essere definite quattro aree di perdita della lingua; a seconda di cosa viene perso - prima lingua (L1) o seconda lingua (L2) - e di dove viene perso - in un ambiente L1 o L2.

La descrizione dell'attrito linguistico basata su questi criteri è nota come "tassonomia di van Els". [1]

Terminologia di van Els: attriti possibili
X Ambiente linguistico (L1) Ambiente linguistico (L2)
Perdita L1 L1 (ad esempio afasia) L1 (ad esempio immigranti o comunità minoritarie)
Perdita L2 L2 (ad esempio studenti di lingue) L2 (ad esempio vecchi immigranti che tornano alla loro L1)

La perdita di L1 in un ambiente L1 si può osservare in persone affette da demenza o da afasia. La perdita di L1 in un ambiente L2 è osservabile tra gli immigrati che perdono la loro prima lingua nel nuovo ambiente. La perdita di L2 in un ambiente L1 si osserva solitamente in individui che hanno perso la capacità di usare una L2 che è stata forse studiata a scuola nel loro ambiente L1. Infine, la perdita di L2 in un ambiente L2 è più comunemente osservata tra le comunità di immigranti senza un addestramento formale nella loro L2 che perdono tale L2 perché invecchiano e tornano alla loro L1.

Hansen (2001) modificò la tassonomia di van Els per collegarli al contesto della lingua giapponese. Definì otto aree di possibile attrito linguistico. Quattro di queste sono probabili perdita di tipo L1:

Quattro di questi sono probabili perdita di tipo L2:

  • 5. insegnanti L1 di lingue straniere giapponesi.
  • 6. non giapponesi L1 che studiano il giapponese fuori dal Giappone.
  • 7. giapponesi L1 che vivono all' estero e tornano in Giappone.
  • 8. giapponesi L1 con attrito all' estero.

Mentre la tassonomia di Hansen si riferisce al Giappone e al contesto giapponese, può essere facilmente adattato per altre nazioni e ad altri contesti linguistici.

Problemi nella ricerca dell'attrito[modifica | modifica wikitesto]

Quando si studia la perdita delle lingue (di tipo L1 o L2), nascono dei problemi. Sotto ci sono le aree di studio dell'attrito dove possono accadere tali problemi.

L1[modifica | modifica wikitesto]

Jaspaert, Kroon & van Hout (1986) identificano un certo numero di difficoltà e di problemi relativi all'attrito linguistico L1.

Generalità

  • 1. Per cercare di misurare ciò che è perso può essere sufficiente riattivare o iniziare l'apprendimento della lingua.
  • 2. Cambio di lingua e perdita della lingua non sono la stessa cosa.
  • a. Il prestito lessicale non indica perdita. Molte unità della lingua inglese, spesso relativi alle tecnologie scientifiche, o alla cultura pop, si trovano in molte altre lingue mondiali.

E molte di queste lingue hanno dato unità linguistiche all'inglese. Recenti prestiti lessicali all'inglese sono, per esempio, sushi e tsunami dal giapponese.

Comparazione di gruppi

  • 4. Gruppi di controllo possono essere sottoposti a cambiamenti diversi o inosservati dovuti a fattori politico-socio-economico.
  • 5. Gruppi studiati possono aver avuto un apprendimento incompleto.
  • 6. Comunità statiche di immigranti hanno diversi caratteristiche rispetto a coloro che hanno un costante influsso di nuovi membri.

Comparazione di individui

  • 7. Ogni singolo individuo L1 o L2 è unico con il suo proprio sistema di lingua, strutturato secondo le proprie esperienze negli ambienti L1 o L2.
  • 8. Definire una norma o uno standard è difficile.

Uso di grammatiche o di dizionari

  • 9. Queste sono forme idealizzate della lingua in cui la maggior parte delle persone L1 o L2 che la usano non si atterranno mai.

Uso di autovalutazioni/misure di posso-fare

  • 10. Soggetti possono sottostimare le loro attuali abilità linguistiche comparate con le passate abilità.
  • 11. Chiedere ai soggetti di pensare a cosa possono e non possono fare, può riattivare ciò che hanno imparato in precedenza. (Vedi punto 1 sopra).

L2[modifica | modifica wikitesto]

Lambert e Moore (1986) hanno cercato di definire numerosi ipotesi riguardo alla natura della perdita di una lingua, incrociato con vari aspetti del linguaggio. Hanno previsto un test per i dipendenti del Dipartimento dello stato statunitense che comprenderebbe quattro categorie linguistiche (la sintassi, la morfologia, il lessico e la fonologia) e tre ambiti di competenza (la lettura, l'ascolto e il parlato). Un componente di traduzione comparirebbe in una sottosezione di ogni ambito di competenza valutato. Il test avrebbe compreso tratti linguistici con cui, secondo gli insegnanti, gli studenti abbiano più difficoltà. Un tale test potrebbe confondere cosa non è stata acquisita a primo luogo con cosa è stata persa. Tramite comunicazioni personali con Kopke e Schmid (2004), Lambert ha descritto i risultati come "non abbastanza sostanziali ad essere molto utile nello sviluppo del nuovo ambito di attrito di competenze linguistiche". [2]

L'uso dei test di traduzione al fine di studiare la perdita linguistica è inadeguato per un certo numero di ragioni: la natura esatta di cosa valutano tali test è discutibile; c'è troppo variazione tra parlanti individui; la differenza tra coloro che perdono una lingua e i bilingue è difficile quantificare; l'attivare due lingue contemporaneamente potrebbe provocare l'interferenza.

Yoshitomi (1992) ha tentato di definire un modello del attrito linguistico collegato ad alcuni aspetti neurologici e psicologici del apprendimento e attrito del linguaggio. Ha trattato quattro ipotesi possibili e cinque aspetti chiavi connesso all'acquisizione e al attrito. Le ipotesi sono:

  • 1. Ordine Inverso: l'ultimo appreso, il primo dimenticato. Gli studi effettuati da Russell (1999) e Hayashi (1999) hanno entrambi trattato il sistema di negazione giapponese e hanno entrambi trovato che l'attrito era l'ordine inverso dell'acquisizione. Yoshitomi e altri, Yukawa (1998) compreso, sostengono che l'attrito può succedere così rapidamente che sia impossibile determinare l'ordine di perdita.
  • 2. Rapporto inverso: meglio appreso, meglio ritenuto. Le particelle linguistiche che si acquisiscono prima sono anche quelle che risultano più rinforzate. Come conseguenza, gli ipotesi 1 e 2 "colgono i tratti linguistici principali del attrito linguistico." (Yoshitomi, 1992, 297).
  • 3. Periodo critico: a o circa i nove anni. Man mano che il bambino cresce, diventa meno capace a padroneggiare abilità native. Inoltre, potrebbe essere che si padroneggia i vari tratti linguistici (per esempio la fonologia o il sintassi) a diverse età. Hyltenstam & Abrahamsson (2003) sostengono che in genere dopo l'infanzia diventa sempre più difficile acquisire "madrelingualmente" una lingua, ma non c'è un limite massimo particolare. Trattano anche un certo numero di casi in cui un soggetto ha acquisito una L2 vicina madrelingua nell'infanzia.
  • 4. Affetto: la motivazione e l'atteggiamento.

Secondo Yoshitomi, i cinque aspetti chiavi collegati all'attrito sono: la neuroplasticità, la consolidazione, la permastore/i risparmi, l'accessibilità ridotta, e le abilità ricettive vs. produttive.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

linguistica Portale Linguistica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di linguistica