Attilio Mordini

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Attilio Mordini

Attilio Mordini (Firenze, 22 giugno 1923Firenze, 4 ottobre 1966) è stato uno scrittore e teologo italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Attilio Mordini di Selva, di nobile famiglia fiorentina, educato dagli Scolopi e in seguito dai Salesiani, agli inizi della Seconda guerra mondiale si arruolò volontario nella Milizia Volontaria per la Sicurezza Nazionale e, dopo l'8 settembre 1943, prestò servizio nel reparto genieri della IV Panzer Division impegnata in Russia[1]. Tornato in Italia dopo essere rimasto ferito sul fronte ucraino, aderì alla Repubblica Sociale Italiana arruolandosi nella Guardia Nazionale Repubblicana dove gli fu assegnato il grado di capitano ma svolse solo il ruolo di addetto stampa e alla fine della guerra fu sottoposto a carcerazione: in questo periodo contrasse la tubercolosi[1]. Riprese gli studi universitari per laurearsi a pieni voti con una tesi in letteratura tedesca, sotto la guida del germanista Vittorio Santoli. Nello stesso periodo seguì i corsi della Pontificia Università Gregoriana.

Collaborò alla rivista L'Ultima, fondata da Giovanni Papini, e a varie pubblicazioni di indirizzo cattolico come L'Alfiere, Il Ghibellino, Carattere e Adveniat Regnum. Negli anni 1964-65 fu apprezzato lettore di italiano all'Università di Kiel e durante la sua permanenza in Germania collaborò alla rivista di teologia e scienza delle religioni Kairos, edita dai Benedettini di Salisburgo.

Fu in rapporto collaborativo ed epistolare con esponenti del mondo culturale, tra cui: Giovanni Cantoni (fondatore di Alleanza Cattolica), Giano Accame, Gianni Baget Bozzo, Fausto Belfiori, Titus Burckhardt, Alfredo Cattabiani, Adolfo Oxilia, Silvano Panunzio, René Pechère, Pietro Porcinai, Adriana Zarri e Sergio Quinzio. I carteggi sono conservati a Roma presso la Fondazione "Ugo Spirito e Renzo De Felice".

Autore della voce "Il lavoro in luce cristiana" della Moderna Enciclopedia del Cristianesimo edita dalle Edizioni Paoline (Torino 1963), terziario francescano col nome di Fra' Alighiero, nei suoi scritti ha analizzato, in una sintesi personalissima, l'iter della civiltà cristiana dall'Incarnazione ad oggi. Dopo una vita di sofferenze e di dolori, circondato da un cenacolo culturale e spirituale di giovani allievi tra cui Franco Cardini, morì a Firenze il 4 ottobre 1966, giorno di San Francesco[2].

Opere principali[modifica | modifica wikitesto]

  • Il segno della Carne, scritto con lo pseudonimo di Ermanno Landi, La fronda, Firenze 1956
  • Dal Mito al materialismo, Il Campo Editore, Firenze 1966
  • Giardini d'Oriente e d'Occidente, Fabbri, Milano, 1966 (con Pietro Porcinai)
  • Verità del linguaggio, Volpe, Roma 1974
  • Il Mito primordiale del Cristianesimo quale fonte perenne di metafisica, Scheiwiller, Milano 1976
  • Il mistero dello Yeti alla luce della tradizione biblica, Il Falco, Milano 1977
  • Il Tempio del Cristianesimo, Settecolori, Vibo Valentia 1979
  • Francesco e Maria, Cantagalli, Siena 1986
  • Il mito antico e la letteratura moderna, Solfanelli, Chieti 1989
  • Il cattolico ghibellino, Il Settimo Sigillo, Roma 1989
  • Verità della Cultura, Il Cerchio, Rimini 1995
  • Passi sull'acqua. Dai Quaderni d'appunti (1954-1961), Ed. Europa- Settimo Sigillo, Roma 2000
  • Povertà regale, Cantagalli, Siena 2001
  • Il Tempio del Cristianesimo (nuova edizione), Il Cerchio, Rimini 2006
  • Il segreto cristiano delle fiabe, Il Cerchio, Rimini 2007
  • Il mistero dello Yeti (nuova edizione), Cantagalli, Siena, 2012
  • L'ordine costantiniano di S. Giorgio. La regola di S. Basilio e altri scritti di simbologia e cavalleria (1960-1964), Thule, Palermo, 2017.
  • lIl Mito primordiale del Cristianesimo quale fonte perenne di metafisica (nuova edizione), Il Cerchio, Rimini 2019.
  • INRI. Il mistero del Regno, Cantagalli, Siena 2021.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b ariannaeditore.it
  2. ^ Una pagina al giorno: Ricordo di Attilio Mordini, su ariannaeditrice.it. URL consultato il 16 settembre 2012.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Tradizione e restaurazione: saggio introduttivo al pensiero di Attilio Mordini, Centro Studi Mordiniani, Roma 1973
  • Franco Cardini, Attilio Mordini, "Diorama letterario", n. 98, novembre 1986, pp. 18-22.
  • Mario Bernardi Guardi, Le opere e i giorni di Attilio Mordini, "Abstracta", n. 17, luglio-agosto 1987, pp. 58-64.
  • Alberto Castaldini, Lo spirito del francescanesimo nel pensiero di Attilio Mordini, “Vita Minorum”, 2, 2002, pp. 182-197.
  • M. Camici-G. Rodelli, Attilio Mordini, una vita come milizia, "Viàtor. Rassegna di prospettive tradizionali", VII, 2003, pp. 131-138.
  • Paolo Rizza, Attilio Mordini e il senso della tradizione, Controcorrente, Napoli 2004
  • Maria Caterina Camici - Franco Cardini, Attilio Mordini, il maestro dei segni, Il Cerchio, Rimini 2016

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN54175763 · ISNI (EN0000 0001 0902 1017 · SBN CFIV029811 · LCCN (ENnr91042246 · GND (DE130640808 · BNF (FRcb12094671f (data) · WorldCat Identities (ENlccn-nr91042246