Attentati di Bruxelles del 22 marzo 2016

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
(Reindirizzamento da Attentati di Bruxelles del 2016)
Jump to navigation Jump to search
Attentati di Bruxelles del 22 marzo 2016
attentato
Atentados de Bruselas de marzo de 2016.jpg
La mappa di Bruxelles con i luoghi colpiti dagli attentati
Tipo
Data22 marzo 2016
7:58 – 9:11 (UTC+1)
LuogoArea metropolitana di Bruxelles
StatoBelgio Belgio
Coordinate50°53′51.99″N 4°29′00.02″E / 50.897775°N 4.483339°E50.897775; 4.483339Coordinate: 50°53′51.99″N 4°29′00.02″E / 50.897775°N 4.483339°E50.897775; 4.483339
Obiettivo
ResponsabiliStato Islamico
MotivazioneTerrorismo
Conseguenze
Morti35 (inclusi 3 terroristi)[1]
Feriti340[1]

Gli attentati di Bruxelles del 22 marzo 2016 furono una serie di tre attacchi terroristici coordinati, avvenuti nell'area metropolitana di Bruxelles, nel Belgio, la mattina del 22 marzo 2016. Due attacchi avvennero presso l'aeroporto di Bruxelles-National, nel comune di Zaventem, e uno alla stazione della metropolitana di Maelbeek/Maalbeek, nel comune di Bruxelles.

Gli attentati vennero rivendicati il giorno stesso dall'autoproclamato Stato Islamico (ISIS) attraverso l'agenzia di stampa Amaq[2]. Assieme agli attentati di Parigi del novembre precedente, fu tra gli attacchi terroristici più gravi avvenuti nei Paesi europei negli anni 2010[3].

Contesto storico[modifica | modifica wikitesto]

Il Belgio fu tra i membri fondatori della coalizione internazionale anti-ISIS, che venne costituita nel 2014 per contrastare l'avanzata dell'autoproclamato Stato Islamico, che aveva dato inizio alla guerra civile in Iraq[4]. Il Belgio mise a disposizione della coalizione anche sei F-16[5], che all'inizio di ottobre 2014 portarono a termine il loro primo bombardamento su obiettivi dell'ISIS in Iraq[6]. Come per gli altri Paesi facenti parte della coalizione internazionale impegnata in Iraq e Siria, anche sul Belgio ricadeva la minaccia di attentati lanciata da Abu Bakr al-Baghdadi, leader dell'ISIS, il giorno prima degli attentati di Parigi[7]. Inoltre, il Belgio era anche il Paese col rapporto pro capite più alto in Europa di cittadini che erano andati in Siria a combattere tra le fila dell'ISIS, nonché problemi d'integrazione degli immigrati, molti dei quali musulmani, che avevano portato alla radicalizzazione di molti giovani musulmani[8].

Il 24 maggio 2014 un attentato al museo ebraico di Bruxelles aveva causato 4 vittime civili ed era stato compiuto da un cittadino francese sospettato di essersi arruolato volontario tra i jihadisti in Siria[9]. Nel gennaio 2015, nei giorni successivi all'attentato alla sede di Charlie Hebdo a Parigi, una serie di operazioni anti-terrorismo erano state condotte dalle forze di polizia belghe nella zona di Verviers alla ricerca di legami con l'attentato, operazioni che portarono a un arresto e alla morte di due sospetti terroristi[10]. Il 21 agosto 2015 ci fu un tentativo di attentato terroristico di matrice islamista sul treno Thalys che collegava Amsterdam a Parigi, sventato grazie all'intervento di tre passeggeri che fermarono in tempo l'attentatore[11]. I terroristi che il 13 novembre 2015 perpetrarono gli attentati a Parigi, che causarono 137 vittime, erano partiti da Molenbeek-Saint-Jean, una delle municipalità di Bruxelles[12]. E proprio a Bruxelles si concentrarono le ricerche degli attentatori nei giorni successivi[13], che portarono anche a 5 giorni di lockdown per la città di Bruxelles per motivi di sicurezza dal 21 al 25 novembre, sia per prevenire attentati ritenuti molto probabili sia per consentire operazioni di polizia alla ricerca di sospetti terroristi[14]. Il 18 marzo 2016, quattro giorni prima degli attentati, venne arrestato in un'operazione di polizia a Molenbeek Salah Abdeslam, il principale sospettato degli attentati di Parigi[15]. Questo arresto venne poi considerato come l'evento che accelerò le tempistiche per gli attentati del 22 marzo[16].

Attentati[modifica | modifica wikitesto]

Cronologia degli eventi
  • 7:55 – i tre sospetti terroristi arrivano in taxi all'aeroporto di Bruxelles[17].
  • 7:58 – due esplosioni, pochi secondi una dall'altra, si verificano nella zona delle partenze ai banchi del check-in[17].
  • 8:20 – le autorità belga interrompono il traffico ferroviario all'aeroporto e chiudono le strade[17].
  • 9:04 – le autorità belga innalzano al massimo livello l'allerta terrorismo e ordinano l'evacuazione e la chiusura delle stazioni ferroviarie e della metropolitana di Bruxelles[18].
  • 9:10 – un'esplosione si verifica alla stazione della metropolitana di Maalbeek[17].
  • 9:27 – l'intero sistema di trasporti di Bruxelles viene fermato[17].
  • 15:20 – l'ISIS rivendica gli attentati[17].

La mattina del 22 marzo 2016 alle 7:58 si verificarono due esplosioni, entrambe con attacco suicida, distanziate di pochi secondi l'una dall'altra, all'aeroporto di Bruxelles-National[19]. La prima esplosione si verificò presso la zona delle partenze del Terminal A, vicino ai banchi della fila 11 dei check-in, mentre la seconda esplosione nove secondi dopo vicino ai banchi della fila 2 dei check-in[20]. Le due esplosioni causarono la morte di 16 persone più i due attentatori suicidi Ibrahim el-Bakraoui e Najim Laachraoui[19], così come danni significativi all'interno e mandando in frantumi le vetrate dell'esterno in prossimità della seconda esplosione[20]. Una terza bomba non esplose perché l'attentatore venne sbalzato via dalla seconda esplosione e scappò dall'aeroporto assieme alla folla in preda al panico[21]. Questa bomba, considerata dalla polizia belga la più potente delle tre, venne in seguito fatta esplodere in sicurezza dagli artificieri della polizia[21].

Marciapiede della stazione della metropolitana di Maalbeek.

Verso le 8:20, mentre procedevano le operazioni di soccorso, le autorità belga interruppero il traffico ferroviario da e per l'aeroporto e chiusero le strade circostanti[17]. L'aeroporto venne chiuso, i voli cancellati e quelli attesi in arrivo vennero dirottati negli aeroporti vicini[22]. Alle 9:04 le autorità belga innalzarono al massimo livello l'allerta terrorismo e ordinarono l'evacuazione e la chiusura delle stazioni ferroviarie e della metropolitana di Bruxelles[18]. Alle 9:11 si verificò una terza esplosione, anche questa con attacco suicida, sul secondo vagone di un convoglio della metropolitana nella stazione di Maelbeek/Maalbeek[20], appena ripartito verso la successiva stazione di Arts-Loi Kunst-Wet[23]. Quest'esplosione causò la morte di altre 16 persone più l'attentatore suicida Khalid el-Bakraoui, fratello di uno dei due attentatori dell'aeroporto[19]. Alle 9:27 tutte le corse della metropolitana vennero fermate e qualche minuto dopo l'intero sistema di trasporti pubblici della città di Bruxelles venne fermato[17]. Nella mattinata vennero poi sospesi e cancellati i collegamenti ferroviari da e per Bruxelles, incluse le corse dell'Eurostar tra Londra e la capitale belga e le corse del Thalys[24]. Venne anche innalzato il livello d'allerta in tutta Europa[24].

Alle 15:20 arrivò la rivendicazione degli attentati da parte dell'ISIS tramite l'agenzia di stampa Amaq[17], motivandoli con la partecipazione del Belgio alla coalizione internazionale contro l'ISIS in Iraq e Siria[22]. Nel pomeriggio un tassista contattò la polizia, ritenendo di essere stato lui a portare i sospetti terroristi in aeroporto, e indicando in un'abitazione a Schaerbeek il posto da dove erano partiti[25]. La polizia belga vi fece irruzione e trovò tutto l'occorrente per creare una bomba, inclusi 15 kg di perossido di acetone (TATP), circa 151 l di acetone, circa 30 l di perossido di idrogeno, più chiodi e viti per rendere più letali le bombe[25]. L'appartamento venne ricondotto a Ibrahim el Bakraoui, uno degli attentatori, e l'uso del TATP venne collegato anche agli attentati di Parigi del 13 novembre 2015, dove venne impiegato un analogo esplosivo[26].

Complessivamente, gli attentati causarono 340 feriti e 32 morti, 16 all'aeroporto di Bruxelles-National e 16 alla stazione della metropolitana di Maelbeek/Maalbeek, più i tre attentatori[1].

Vittime[modifica | modifica wikitesto]

Gli attentati del 22 marzo 2016 causarono la morte di 32 persone, più i 3 attentatori suicidi, e 340 feriti[1], risultando essere per il Belgio gli attentati col maggior numero di vittime dalla fine della seconda guerra mondiale[27]. Tra le vittime, la maggior parte delle quali di nazionalità belga, vi fu anche André Adam, un diplomatico belga che era stato ambasciatore negli Stati Uniti e rappresentante permanente presso le Nazioni Unite[28].

Vittime per nazionalità
Nazionalità Morti Note
Belgio Belgio 13 [29]
Stati Uniti Stati Uniti 4 [29]
Paesi Bassi Paesi Bassi 3 [29]
Svezia Svezia 2 [29]
Italia Italia* 1 [29]
Francia Francia* 1 [29]
Marocco Marocco* 1 [29]
Regno Unito Regno Unito 1 [29]
RD del Congo RD del Congo 1 [30]
Polonia Polonia 1 [29]
Germania Germania 1 [29]
Cina Cina 1 [29]
Perù Perù 1 [29]
India India 1 [29]
Totale 32 [29]
* Alcune vittime hanno doppia nazionalità.

Reazioni[modifica | modifica wikitesto]

In un discorso televisivo rivolto al paese, re Filippo ha espresso il suo dolore per gli attacchi compiuti e ha offerto il suo pieno sostegno ai membri dei servizi d'emergenza e di sicurezza[31].

A seguito degli attentati, molti edifici simbolo delle altre nazioni sono stati illuminati con i colori della bandiera belga, tra cui la Porta di Brandeburgo a Berlino, la torre Eiffel a Parigi, la Fontana di Trevi a Roma, la National Gallery a Londra e il Burj Khalifa a Dubai[32].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c d Attentati Bruxelles, ancora 66 ricoverati. Medici: "Ferite da guerra, molti perderanno le gambe", su ilfattoquotidiano.it, 7 aprile 2016. URL consultato il 13 ottobre 2021.
  2. ^ Attacchi Bruxelles, il testo della rivendicazione dell'Isis, su rainews.it, 22 marzo 2016. URL consultato il 13 ottobre 2021.
  3. ^ Gli attentati terroristici di Bruxelles di cinque anni fa, su ilpost.it, 22 marzo 2021. URL consultato il 13 ottobre 2021.
  4. ^ (EN) Belgio come parte della coalizione internazionale, su theglobalcoalition.org. URL consultato il 14 ottobre 2021.
  5. ^ (FR) F16 belges dans la coalition: entre deux règnes, une équipe de trop, su rtbf.be, 24 settembre 2014. URL consultato il 14 ottobre 2021.
  6. ^ (EN) Belgian F-16 launches first strike in Iraq, su smh.com.au, 7 ottobre 2014. URL consultato il 14 ottobre 2021.
  7. ^ Attentati Parigi, "Al Baghdadi aveva dato l'ordine: l'Iraq avvisò Francia il giorno prima della strage", su ilfattoquotidiano.it, 15 novembre 2015. URL consultato il 14 ottobre 2021.
  8. ^ Michael Birnbaum, Il problema del Belgio con il jihad, su ilpost.it, 22 gennaio 2015. URL consultato il 14 ottobre 2021.
  9. ^ Bruxelles, attentato museo ebraico: arrestato sospetto, in Siria era arruolato da jihadisti, su repubblica.it, 1º giugno 2014. URL consultato il 14 ottobre 2021.
  10. ^ (EN) Belgian anti-terror raid in Verviers leaves two dead, su bbc.com, 16 gennaio 2015. URL consultato il 14 ottobre 2021.
  11. ^ La sparatoria sul treno in Francia, su ilpost.it, 22 agosto 2015. URL consultato il 14 ottobre 2021.
  12. ^ Célian Macé e Luc Peillon, La rete che ha organizzato gli attentati di Bruxelles e Parigi, su internazionale.it, 23 marzo 2016. URL consultato il 14 ottobre 2021.
  13. ^ Attentati Parigi, un arresto a Bruxelles. La mente sarebbe un belga di origini marocchine, su rainews.it, 16 novembre 2015. URL consultato il 14 ottobre 2021.
  14. ^ (EN) Ian Traynor, Brussels in lockdown after terror threat level is raised to maximum, su theguardian.com, 21 novembre 2015. URL consultato il 14 ottobre 2021.
  15. ^ Valeria Pini, Salah Abdeslam ferito e arrestato a Bruxelles: ricercato per 4 mesi per gli attentati di Parigi, su repubblica.it, 18 marzo 2016. URL consultato il 14 ottobre 2021.
  16. ^ (EN) Benjamin Siegel e Alexander Mallin, Terror Arrest In Belgium Likely Accelerated Timetable for Brussels Bombings, US Lawmakers Say, su abcnews.go.com, 22 marzo 2016. URL consultato il 14 ottobre 2021.
  17. ^ a b c d e f g h i (EN) Henry Austin, Brussels Attacks: Timeline of the Events in the Belgian Capital, su nbcnews.com, 23 marzo 2016. URL consultato il 16 ottobre 2021.
  18. ^ a b (NL) Beslissing om metro te sluiten viel 21 minuten voor explosie in station Maalbeek, su demorgen.be, 25 marzo 2016. URL consultato il 16 ottobre 2021.
  19. ^ a b c (EN) Brussels explosions: What we know about airport and metro attacks, su bbc.com, 9 aprile 2016. URL consultato il 16 ottobre 2021.
  20. ^ a b c (EN) What Happened at Each Location in the Brussels Attacks, su nytimes.com, 22 marzo 2016. URL consultato il 16 ottobre 2021.
  21. ^ a b (EN) Nick Miller, Brussels attacks: man in the white coat 'blown away' by other bombs, su smh.com.au, 26 marzo 2016. URL consultato il 16 ottobre 2021.
  22. ^ a b L'ISIS ha rivendicato gli attentati a Bruxelles, su ilpost.it, 22 marzo 2016. URL consultato il 16 ottobre 2021.
  23. ^ (EN) Vrees voor doden bij explosie in metrostation Maalbeek, su standaard.be, 22 marzo 2016. URL consultato il 16 ottobre 2021.
  24. ^ a b (EN) Brussels attacks: Zaventem and Maelbeek bombs kill many, su bbc.com, 22 marzo 2016. URL consultato il 16 ottobre 2021.
  25. ^ a b (EN) Alissa J. Rubin, Kimiko de Freytas-Tamura e Aurelien Breeden, Brothers Among 3 Brussels Suicide Attackers; Another Assailant Is Sought, su nytimes.com, 23 marzo 2016. URL consultato il 16 ottobre 2021.
  26. ^ L'esplosivo dell'ISIS, su ilpost.it, 24 marzo 206. URL consultato il 15 ottobre 2021.
  27. ^ (EN) Griff Witte, Anthony Faiola e Souad Mekhennet, Three lives that changed on the day that terror came home to Belgium, su washingtonpost.com, 26 marzo 2016. URL consultato il 19 ottobre 2021.
  28. ^ (EN) Gillian Mohney, Former Belgian Ambassador to US Among Dead in Terror Attacks, su abcnews.go.com, 29 marzo 2016. URL consultato il 19 ottobre 2021.
  29. ^ a b c d e f g h i j k l m n (EN) Umberto Bacchi, Brussels attack: All the victims of Isis bombings identified, su ibtimes.co.uk, 30 marzo 2016. URL consultato il 13 ottobre 2021.
  30. ^ (EN) Dan Bilefsky e Katie Rogers, Yves Cibuabua, ‘Husband and a Father First,’ Dies in Brussels Attacks, su nytimes.com, 29 marzo 2016. URL consultato il 19 ottobre 2021.
  31. ^ King Philippe of Belgium's Brussels Attack Address, su gertsroyals.blogspot.com, Gert's Royals, 22 marzo 2016. URL consultato il 25 marzo 2016.
  32. ^ Julie Vitkovskaya, Eiffel Tower lights up in Belgian flag colors after Brussels attacks, in The Washington Post, 22 marzo 2016. URL consultato il 22 marzo 2016.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]