Atrofia ottica

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Avvertenza
Le informazioni riportate non sono consigli medici e potrebbero non essere accurate. I contenuti hanno solo fine illustrativo e non sostituiscono il parere medico: leggi le avvertenze.

Per atrofia ottica in campo medico, si intende una diminuzione anormale delle dimensioni della papilla ottica.

Tipologia[modifica | modifica wikitesto]

Si distingue la forma primaria da quella secondaria:

  • Atrofia ottica primaria, la papilla, bianca mostra una depressione anormalmente ingrandita;
  • Atrofia ottica secondaria, dove la papilla diventa grigia e i margini non sono più netti come in quella primaria. La depressione è completamente riempita.

Eziologia[modifica | modifica wikitesto]

Le cause possono essere di diversa natura, occorre sia una natura infiammatoria, dovuta a una stenosi (una grave occlusione) della retina, ad un avvelenamento (come nel caso dell'arsenico) o ad un eccessivo consumo di alcool, ma la causa scatenante può essere anche di natura congenita.

Diagnosi correlate[modifica | modifica wikitesto]

La progressiva degenerazione delle fibre può essere a sua volta sintomo di una qualche patologia associata, come nel caso di diabete, glaucoma, anemia perniciosa e l'arteriosclerosi.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Douglas M. Anderson, A. Elliot Michelle, Mosby’s medical, nursing, & Allied Health Dictionary sesta edizione, New York, Piccin, 2004, ISBN 88-299-1716-8.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Medicina Portale Medicina: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di medicina