Atletica leggera ai Giochi della XXV Olimpiade - 400 metri piani maschili

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Bandiera olimpica Athletics pictogram.svg
400 metri piani maschili
Barcellona 1992
Informazioni generali
Luogo Stadio del Montjuic di Barcellona
Periodo 1-5 agosto 1992
Partecipanti 69
Podio
Medaglia d'oro Quincy Watts Stati Uniti Stati Uniti
Medaglia d'argento Steve Lewis Stati Uniti Stati Uniti
Medaglia di bronzo Samson Kitur Kenya Kenya
Edizione precedente e successiva
Seul 1988 Atlanta 1996
Atletica leggera ai
Giochi di Barcellona 1992
Athletics pictogram.svg
Corse piane
100 metri   uomini   donne
200 metri uomini donne
400 metri uomini donne
800 metri uomini donne
1500 metri uomini donne
3000 metri donne
5000 metri uomini
10000 metri uomini donne
3000 m siepi uomini
Corse ad ostacoli
110/100 m ostacoli uomini donne
400 m ostacoli uomini donne
Staffette
Staffetta 4×100 m uomini donne
Staffetta 4×400 m uomini donne
Prove su strada
Maratona uomini donne
Marcia 10 km donne
Marcia 20 km uomini
Marcia 50 km uomini
Concorsi
Salto in alto uomini donne
Salto con l'asta uomini
Salto in lungo uomini donne
Salto triplo uomini
Getto del peso uomini donne
Lancio del disco uomini donne
Lancio del martello uomini
Lancio del giavellotto uomini donne
Prove multiple
Decathlon uomini
Eptathlon donne

I 400 metri piani hanno fatto parte del programma maschile di atletica leggera ai Giochi della XXV Olimpiade. La competizione si è svolta nei giorni 1-5 agosto 1992 allo Stadio del Montjuic di Barcellona.

L'eccellenza mondiale[modifica | modifica wikitesto]

Primatista mondiale 43"29 1988 Stati Uniti Harry Reynolds 5° ai Trials
Campione olimpico 1988 43"87 Stati Uniti Steve Lewis Presente
Campione mondiale 1991 44"57 Stati Uniti Antonio Pettigrew Assente
Primatista stagionale 43"81[E 1] Stati Uniti Danny Everett Presente
  1. ^ Stabilito il 26 giugno.

La gara[modifica | modifica wikitesto]

Nei Quarti il più veloce è Steve Lewis, il campione in carica, che ferma i cronometri su 44"54.
Nella prima semifinale vince con autorità. Nella seconda serie si scatena il connazionale Quincy Watts, che con 43"71 batte il record olimpico che durava dal lontano 1968. I tre atleti che corrono nella sua scia battono i rispettivi record nazionali: il keniota Samson Kitur con 44"18; il trinidegno Ian Morris con 44"21 ed il britannico David Grindley con 44"47 (che elimina il campione europeo Roger Black, quinto). Si infortuna il vincitore dei Trials, Danny Everett, che abbandona così i sogni di gloria.
In finale, la lotta per il primo posto è ristretta a Lewis (corsia 7) e Watts (corsia 4). Lewis parte fortissimo, ma Watts rinviene alla seconda curva e vince di ben sette metri con un fantastico 43"50, nuovo record olimpico. Approfittando dell'assenza del terzo americano, Kitur e Morris ingaggiano un duello per il terzo posto. Vince Kitur.

Oltre ad essere il nuovo record olimpico, tempo di Watts è anche il secondo più veloce di sempre dopo il record del mondo di Reynolds.

Risultati[modifica | modifica wikitesto]

Turni eliminatori[modifica | modifica wikitesto]

9 Batterie 1º agosto 69 partenti Si qualificano i primi 3
+ i 5 migliori tempi.
4 Quarti di finale 2 agosto 8 + 8 + 8 + 8 Si qualificano i primi 4.
2 Semifinali 3 agosto 8 + 8 Si qualificano i primi 4.
Finale 5 agosto 8 concorrenti

Finale[modifica | modifica wikitesto]

Pos Paese Atleta Tempo
Gold medal.svg Stati Uniti Stati Uniti Quincy Watts 43"50 Record olimpico
Silver medal.svg Stati Uniti Stati Uniti Steve Lewis 44"21
Bronze medal.svg Kenya Kenya Samson Kitur 44"24