Atletica leggera ai Giochi della XXII Olimpiade - Salto triplo

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Bandiera olimpica Athletics pictogram.svg
Salto triplo
Mosca 1980
Informazioni generali
Luogo Stadio Lenin di Mosca
Periodo 24 e 25 luglio 1980
Partecipanti 23
Podio
Medaglia d'oro Jaak Uudmäe URSS URSS
Medaglia d'argento Viktor Sanejev URSS URSS
Medaglia di bronzo João Carlos de Oliveira Brasile Brasile
Edizione precedente e successiva
Montréal 1976 Los Angeles 1984
Atletica leggera ai
Giochi di Mosca 1980
Athletics pictogram.svg
Corse piane
100 metri   uomini   donne
200 metri uomini donne
400 metri uomini donne
800 metri uomini donne
1500 metri uomini donne
5000 metri uomini
10000 metri uomini
3000 m siepi uomini
Corse ad ostacoli
110/100 m ostacoli uomini donne
400 m ostacoli uomini
Staffette
Staffetta 4×100 m uomini donne
Staffetta 4×400 m uomini donne
Prove su strada
Maratona uomini
Marcia 20 km uomini
Marcia 50 km uomini
Concorsi
Salto in alto uomini donne
Salto con l'asta uomini
Salto in lungo uomini donne
Salto triplo uomini
Getto del peso uomini donne
Lancio del disco uomini donne
Lancio del martello uomini
Lancio del giavellotto uomini donne
Prove multiple
Decathlon uomini
Pentathlon donne

Il Salto triplo ha fatto parte del programma maschile di atletica leggera ai Giochi della XXII Olimpiade. La competizione si è svolta nei giorni 24 e 25 luglio 1980 allo Stadio Lenin di Mosca.

Assenti per il boicottaggio[modifica | modifica wikitesto]

Nota: le prestazioni si riferiscono all'anno olimpico.

Secondo atleta della stagione 17,13 11 maggio Stati Uniti Willie Banks
Terzo atleta della stagione 17,11 29 aprile Stati Uniti Ron Livers
Quinto atleta della stagione 17,09 12 aprile Stati Uniti Mike Marlow

La gara[modifica | modifica wikitesto]

Al tricampione olimpico Viktor Sanejev manca un oro per eguagliare il record assoluto di vittorie in una disciplina, detenuto dal discobolo Alfred Oerter. Ma la sua carta d'identità denuncia ormai 35 anni. Sembra molto più accreditato il brasiliano De Oliveira, primatista mondiale dal 1975, che di anni ne ha 26 ed è nel pieno della forma.

In qualificazione la miglior prestazione appartiene all'australiano Ian Campbell con 17,02 m.

Dopo due turni interlocutori, la finale si accende al terzo turno: Sanejev sorride con 17,04, ma il connazionale Uudmäe lo gela con 17,35. Anche De Oliveira si esalta ed atterra a 17,22. Poi litiga con la pedana ed commette tre nulli, uno dietro l'altro. Sanejev invece riesce a rimanere freddo: è abituato a vincere all'ultimo tentativo, lo fece già nel 1968. Ritrova tutte le risorse che ha ed esegue un ottimo sesto salto, ma questa volta l'esito è diverso: la misura è 17,24, che gli consente solo di strappare a De Oliveira la medaglia d'argento.

Controversie[modifica | modifica wikitesto]

Forti sono i dubbi e i sospetti che la gara sia stata alterata dai giudici.[1] Il 24 luglio, giorno delle qualificazioni che precedeva la finale, la delegazione sovietica convinse il presidente della IAAF, Adriaan Paulen, ad inserire solo giudici sovietici per la gara del triplo, senza un controllo esterno. Secondo le accuse ciò avvenne per favorire gli atleti di casa.[2][3]

A De Oliveira e Campbell furono annullati salti che sembravano ben al di là dei 17,35 di Uudmäe, perché secondo i giudici i due atleti nei loro tentativi avrebbero sfiorato la pedana durante la fase di "step" (il secondo dei tre salti di cui si compone la specialità)[4]. Campbell protestò vivacemente senza tuttavia essere ascoltato. Uno dei suoi salti, il quarto, sarebbe poi stato stimato dalla BBC attorno a 17,60,[5] mentre tra i numerosi salti annullati a de Oliveira, sempre con la stessa motivazione, uno sarebbe stato addirittura oltre il suo stesso record del mondo di 17,89. Harry Seinberg, un estone che al tempo allenava i due sovietici, nel 1992 si sarebbe personalmente scusato con de Oliveira per l'ingiustizia di Mosca, senza tuttavia confermarlo ufficialmente al CIO.[6][7]

Risultati[modifica | modifica wikitesto]

Turno eliminatorio[modifica | modifica wikitesto]

Qualificazione
16,55 m

Sette atleti ottengono la misura richiesta. Ad essi vanno aggiunti i 5 migliori salti, fino a 16,42 m.

Finale[modifica | modifica wikitesto]

Record mondiale 17,89A João Carlos de Oliveira Brasile Brasile 1975
Record olimpico 17,39A Viktor Sanejev URSS URSS Città del Messico 1968
Pos Paese e Atleta 1º salto 2º salto 3º salto 4º salto 5º salto 6º salto Miglior
Misura
Note
Oro URSS Jaak Uudmäe X 16,83 17,35 X 17,08 17,28 17,35
Argento URSS Viktor Sanejev 16,85 16,53 17,04 X 17,07 17,24 17,24
Bronzo Brasile João Carlos de Oliveira 16,96 X 17,22 X X X 17,22
4 Regno Unito Keith Connor 16,32 16,64 16,51 16,87 14,54 16,48 16,87
5 Australia Ian Campbell X 16,72 X X X X 16,72
6 Bulgaria Atanas Chochev 16,12 16,55 X X - 16,56 16,56
7 Ungheria Béla Bakosi X 16,28 16,11 16,47 16,03 15,77 16,47
8 Australia Ken Lorraway 16,12 16,44 16,20 16,40 - 15,70 16,44
9 URSS Evgenij Anikin 16,12 15,75 X 16,12
10 Jugoslavia Milan Spasojević 16,09 16,08 15,93 16,09
11 Cuba Armando Herrera 15,90 X 16,03 16,03
N. C. Francia Christian Valétudie X X X N. M.

Uno dei tre salti di finale di De Oliveira è invalidato per un nullo millimetrico. Alcuni osservatori l'hanno valutato circa 17,50 metri.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Oliveira, Joao Carlos de, in Enciclopedia dello sport, Istituto dell'Enciclopedia Italiana, 2002-2005.
  2. ^ (EN) In 1980, the Soviets Turned the Olympics Into the Games of Shame, freerepublic.com, 20 luglio 2008.
  3. ^ Giuseppe Ottomano, Salto triplo Mosca '80, la grande rapina allo stadio, SportVintage.it. URL consultato il 2 novembre 2011.
  4. ^ Lane, Tim, Cheating the only conclusion you can jump to, The Sydney Morning Herald, 18 agosto 2013. URL consultato il 15 novembre 2014.
  5. ^ The forgotten story of ... Ian Campbell, The Guardian, 7 agosto 2013.
  6. ^ De Oliveira pretende l'oro. A Mosca triplo truccato dai giudici, La Repubblica, 17 settembre 1992. URL consultato il 2 novembre 2011.
  7. ^ (ES) Un entrenador confiesa que hubo fraude en el triple salto de Moscú 80, El País, 17 settembre 1992.