Atlasov (isola)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui.
Atlasov
russo Остров Атласова, giapponese 阿頼度島, (Araido-tō)
Atlasov island.jpg
Geografia fisica
Localizzazione Mare di Ochotsk
Coordinate 50°51′29″N 155°33′00″E / 50.858056°N 155.55°E50.858056; 155.55Coordinate: 50°51′29″N 155°33′00″E / 50.858056°N 155.55°E50.858056; 155.55
Arcipelago Curili
Superficie 119 km²
Altitudine massima 2.339 m s.l.m.
Geografia politica
Stato Russia Russia
Distretto federale Distretto Federale dell'Estremo Oriente
Oblast' Sachalin Sachalin
Demografia
Abitanti 0
Cartografia
Mappa di localizzazione: Distretto Federale dell'Estremo Oriente
Atlasov

[senza fonte]

voci di isole della Russia presenti su Wikipedia

L'isola di Atlasov (russo Остров Атласова; giapponese 阿頼度島, Araido-tō), è un'isola formata da un vulcano. È la più settentrionale dell'arcipelago delle isole Curili, e il vulcano è anche il più alto dell'arcipelago. Fa parte della regione russa dell'Oblast' di Sachalin. Viene anche conosciuta con i nomi di: Ouïakhoujatch, Oyakoba e Alaid, il nome del vulcano. L'isola è disabitata.

L'isola porta il nome dell'esploratore russo del XVII secolo Vladimir Vasil’evič Atlasov, primo esploratore della vicina penisola di Kamtchatka.

Geografia[modifica | modifica sorgente]

Atlasov, dalla forma circolare e composta da rocce vulcaniche, è costituita essenzialmente dal cono del vulcano Alaid (вулкан Алаид), alto 2.339 m[1][2], la cui ultima eruzione risale al 1981[2]. L'isola si trova 20 km a nord-ovest di Paramušir, da cui è divisa dallo stretto di Alaid (пролив Алаид).

Leggende[modifica | modifica sorgente]

La sua forma quasi perfetta di cono è all'origine di molte leggende dei popoli della regione, Itelmeni e Ainu. Lo scienziato e esploratore russo Stepan Petrovič Krašeninnikov (Степан Петрович Крашенинников, 1711–1756) raccolse la leggenda che vuole che il vulcano in precedenza fosse collocato nella vicina penisola della Kamtchatka; le montagne vicine, però, gelose della sua bellezza, la sradicarono dalla penisola e la gettarono in mare, lasciando al suo posto il lago Kurile (Курильское озеро), tuttora presente nella parte meridionale della penisola. Geologicamente la leggenda ha un suo fondamento nel fatto che i bassi fondali che separano l'isola dalla Kamtchatka erano, in era glaciale, probabilmente emersi e quindi il vulcano si trovava unito alla penisola. Con lo scioglimento delle calotte il mare si innalzò formando un'isola.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Global Volcanism Program [1]
  2. ^ a b (RU) Вулкан Алаид Alaid

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]